Allenarsi al parco: tre esercizi da fare all’aria aperta

I tuoi polmoni respirano un’aria migliore, la tua vista si rafforza, il tuo corpo produce più vitamina D e l’umore migliora. Il parco è il luogo migliore dove puoi praticare attività sportiva e dimenticarti per un po’ dell’ufficio. Ecco qualche consiglio utile.
Giulia Dallagiovanna 15 Novembre 2018

È sera, è finita un'altra giornata di lavoro e tu hai appena realizzato che anche per quel giorno, lo sport è rimandato al successivo. Avevi pure pensato che saresti andato in palestra appena uscito dall'ufficio, ma in fondo chi te lo fa fare di chiuderti di nuovo fra quattro mura affollate una volta che hai già salutato tutti i colleghi?

Per non rinunciare a un po' di attività sportiva, fondamentale se passi la giornata seduto a una scrivania, perché non provi a farla al parco? In estate è un'ottima soluzione anche dopo l'orario di lavoro, mentre in inverno può diventare il primo appuntamento del mattino o una breve fuga dall'ufficio in pausa pranzo.

Fare sport in un parco significa prendersi cura di sé a 360 gradi. I tuoi polmoni respireranno un'aria meno rarefatta e condizionata rispetto un ambiente chiuso, la tua vista verrà stimolata da spazi più aperti e si rafforzerà, il tuo corpo produrrà più vitamina D e le ossa si rafforzeranno e infine con lo stesso esercizio, bruci più calorie rispetto alla palestra. Non solo, ma quanto è più rilassante allenarsi guardando un prato, gli alberi o dei bambini che giocano, invece di un muro o un maxi schermo?

Se non sei abituato a compiere attività fisica, le prime volte ti basterà fare una passeggiata veloce per circa mezz'ora. Sono i minuti consigliati dai medici per rafforzare il cuore, migliorare la circolazione ed evitare il rischio obesità. Ma una volta ingranato, ci sono alzuni esercizi dai quali puoi partire per risvegliare i muscoli. Vediamo quali:

Jogging

Non serve che ti spieghi come correre, ma è il riscaldamento migliore che tu possa fare e su Ohga avevamo già parlato dei suoi benefici. All'inizio puoi alternare la corsa a una camminata veloce, ma poco per volta cerca di mantenere lo stesso ritmo più a lungo possibile. Non serve vincere i centro metri, anzi è meglio se non esageri con la velocità in modo da non stancarti subito e non rischiare fitte ai muscoli.

Step su una panchina

Aiutandoti con una panchina alta circa mezzo metro rispetto al terreno, metti il piede destro sopra la seduta e poi, facendo lavorare glutei e cosce, sali anche con quello sinistro. Ripeti l'esercizio per 10 volte, poi inverti i piedi e rifai gli stessi movimenti per altre 10. A questo punto puoi fare una pausa di qualche minuto e poi ricominciare con gli step. Puoi fare anche tre ripetizioni da 10 salite per gamba.

Addominali e plank

Per questi due esercizi, forse è meglio se porti con te un tappetino. Ma in estate puoi anche provare a stenderti direttamente sull'erba.

Per gli addominali, coricati in posizione supina. Gambe piegate e ginocchia in alto. Le mani, invece, devono essere dietro la testa. Assicurati di avere la schiena dritta e poi, utilizzando i muscoli dell'addome, immaginati di dover raggiungere con il viso la nuvola che sta passando sopra di te. Fai attenzione a non piegare né il collo, né la schiena. Di nuovo, puoi ripetere i movimenti per dieci volte, riposarti per qualche minuto, e poi ricominciare.

Per il plank, invece, coricati a pancia in giù. Poi piega i gomiti a 90 gradi, mantenendoli in linea con le spalle. Il tuo corpo deve formare una linea retta e il peso è sostenuto dagli avambracci e dalle punte dei piedi. Contrai i glutei e gli addominali e trattieni il respiro per 30 secondi. Poi riposa per qualche secondo. A mano a mano che ripeterai l'esercizio, ti accorgerai che riuscirai a resistere anche per qualche secondo in più.