Anatomia della colonna vertebrale: scopri come è fatta la tua schiena

La colonna vertebrale è una struttura delicata e complessa che ti permette prima di tutto di camminare in posizione eretta e poi di portare in giro agilmente il peso del tuo corpo e della tua testa. Ma com’è strutturata e quali sono le curvature che le permettono di svolgere questo compito così importante?
Valentina Rorato 29 aprile 2020
* ultima modifica il 29/04/2020

La colonna vertebrale è la struttura che sostiene il nostro intero corpo. Consiste in una sequenza di vertebre, ciascuna delle quali è separata e unita da un disco intervertebrale. È molto flessibile, ma al tempo stesso è anche estremamente resistente, perché supporta prima di tutto il peso della testa, poi quello del tuo fisico  e ovviamente ti permette di muoverti, fletterti o semplicemente di girarti. E cosa più importante, è proprio grazie a lei, che sei in grado di camminare in posizione eretta, caratteristica che differenzia l'uomo dagli altri animali. Puoi già così immaginare che gran lavoro compie quotidianamente la tua spina dorsale, ma vediamo insieme com'è articolata e quali sono le sue curvature.

Che cos’è la colonna vertebrale

Se ti muovi, se sei in grado di stare in posizione eretta o semplicemente di girare la testa a destra e a sinistra, è merito della colonna vertebrale, quella lunga sequenza di vertebre che parte dalla testa e arriva al coccige. Nota anche come spina dorsale o rachide, è il principale sostegno del corpo umano e di tutti quegli animali chiamati vertebrati, termine deriva proprio dalle vertebre, che possiamo immaginarle come l’unità di misura della nostra colonna. Funzionano un po' come i mattoncini dei Lego con cui i bambini possono costruire altissime torri. Questa struttura, così complessa è articolata, è  una delle prime a formarsi a livello embrionale. Ma ti sei mai chiesto che cosa siano le vertebre.

Cosa sono le vertebre

Le vertebre sono i principali elementi che costituiscono la colonna e a seconda della loro posizione non cono tutte uguali e della stessi dimensione. Hanno, però, una struttura comune di base, ovvero un corpo vertebrale anteriore e un arco vertebrale posteriore, che insieme delimitano il foro vertebrale.

Corpo vertebrale

Il corpo vertebrale costituisce la parte anteriore di ciascuna vertebra ed è il componente portante. Le vertebre nella parte inferiore della colonna hanno corpi più grandi di quelli nella parte superiore per supportare meglio l'aumento di peso.

Arco vertebrale

L'arco vertebrale costituisce la zona laterale e posteriore di ciascuna vertebra. In combinazione con il corpo vertebrale, delimita il foro vertebrale. I forami di tutte le vertebre si allineano per formare il canale vertebrale, che racchiude il midollo spinale. Gli archi hanno diverse prominenze ossee, che servono ai muscoli e ai legamenti per ancorarsi.

Dischi intervertebrali

I dischi intervertebrali si trovano tra una vertebra e l’altra e puoi immaginarli come gli ammortizzatori della macchina. Sono giunzioni fibrocartilaginee e hanno lo scopo di ridurre le pressioni che si creano durante i movimenti. Non è l’unica funzione dei dischi perché servono anche a dare mobilità alla colonna vertebrale, che altrimenti sarebbe una sorta di bastone rigido. Non è presente il disco solo tra atlante ed epistrofeo, le prime due vertebre della colonna.

Composizione della colonna vertebrale

La colonna vertebrale è composta da 33 vertebre (talvolta 34) ed è divisa in 5 regioni:

  • Regione cervicale: si trova alla base del collo ed è il principale sostegno della testa. È la parte più mobile della colonna vertebrale ed è costituita da 7 vertebre (vertebre cervicali, da C1 a C7) divise in una regione superiore (C1 e C2) e in una regione inferiore (da C3 a C7).
  • Regione dorsale: è la zona più estesa della colonna e conta ben 12 vertebre dorsali o toraciche (da T1 a T12). Diventano più grandi scendendo dall’alto verso il basso e sono articolate con le coste.
  • Regione lombare: ci sono 5 vertebre per questa zona della colonna (da L1 a L5) e sono le più voluminose. Il motivo? Questa regione è quella di maggior sostegno, dove si scarica tutto il peso del corpo (ecco perché si concentra qui il più comune dei mal di schiena, la lombalgia).
  • Regione sacrale: sono 5 anche le vertebre in questa zona (da S1 a S5) e costituiscono l’osso sacro, la cui base superiore si articola con la quinta vertebra lombare formando un angolo sporgente, chiamato anche promontorio sacrale.
  • Regione coccigea. L’ultima parte della colonna è composta da 4-5 vertebre (da Co1 a Co4/5) che costituiscono il coccige, che si articola con il sacro.

Le curvature

La colonna vertebrale non è un asse rigido e dritto, perché deve sostenere il corpo ma anche permettergli di muoversi. Puoi dunque notare delle curvature, che cambiano se osservi la colonna lateralmente o frontalmente. Se guardi la colonna da davanti noterai una linea retta che divide il corpo in due parti simmetriche. Se invece la osservi lateralmente noterai due cuvature che si ripetono: le lordosi e le cifosi; avrai in alto la lordosi cervicale, poi la cifosi toracica, la lordosi lombare e per terminare con cifosi sacro-coccigea.

I muscoli

La colonna vertebrale, come abbiamo detto, è costituita vertebre ma anche da muscoli. Puoi trovare suddivisi in ben tre gruppo:

  • Muscoli superficiali: questa categoria è composta dal muscolo splenio della testa, che ti permette di estendere e ruotare il capo, il muscolo splenio del collo, che invece ti serve per estende la colonna vertebrale (è quello che ti aiuta a piegarti in avanti, per esempio) e il muscolo sacrospinale (chiamato anche muscolo lunghissimo del dorso).
  • Muscoli intermedi: in realtà è un muscolo solo, ovvero il muscolo trasverso spinale, che serve a estendere e ruotare sia la testa sia la colonna dal lato opposto.
  • Muscoli profondi: sono gli interspinosi, che servono per estendere la colonna, gli intertrasversari, che permettono alla colonna di inclinarsi lateralmente, e i suboccipitali, che invece permettono alla testa di inclinarsi lateralmente e di inclinarsi.

Legamenti della colonna vertebrale

La colonna vertebrale è caratterizzata anche dalla presenza di legamenti, che servono per collegare le ossa tra loro. I principali della spina dorsale sono:

  • Legamento Longitudinale Posteriore (LLP), si trova anteriormente al midollo spinale, dove è attaccato ai lati posteriori dei corpi vertebrali.
  • Legamento Longitudinale Anteriore (LLA), che corre lungo il lato anteriore dell'intera colonna vertebrale.
  • Legamento Flavo o Legamento Giallo, consiste in una serie di legamenti corti e accoppiati.
  • Legamento Intertrasversario, serve a connettere i processi trasversi di vertebre vicine.
  • Legamento Interspinoso, unisce il margine inferiore di un processo spinoso a quello superiore del processo sottostante.
  • Legamento Sovraspinoso, che si trova sul lato posteriore della colonna vertebrale, dove collega i processi spinosi delle vertebre toraciche e lombari.

Fonte | Teach Me Anatomy;

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.