Ancora dubbi su mascherina e distanza sociale? Il più grande studio mai realizzato te ne spiega l’importanza

Gli autori hanno revisionato 216 ricerche già condotte in 15 diversi Paesi del mondo ed effettuate sia all’interno degli ospedali che in altri luoghi. Il risultato è che la mascherina riduce fino all’80% il rischio di contagio, mentre il metro di distanza fa in modo che tu abbia solo il 2,6% di possibilità di entrare in contatto con il virus.
Giulia Dallagiovanna 3 giugno 2020
* ultima modifica il 12/06/2020

Un pezzo di stoffa che ha creato un dibattito probabilmente inaspettato. Sto parlando delle mascherine, rese obbligatorie in tutti i luoghi chiusi e in alcuni casi anche quando si resta in strada o nei parchi per ridurre il rischio di contagio da Covid-19. Un gesto non poi così complicato, eppure ha sollevato diverse polemiche. C'è chi sostiene che non servano a nulla e chi si spinge a dire che siano dannose o che possano addirittura provocare il cancro. Come ti avevamo già spiegato su Ohga, questo timore non è assolutamente fondato e ne è una prova il fatto che nessun chirurgo o dentista è mai morto per colpa di un cancro provocato dal dispositivo. Ora arriva anche il più grande studio mai realizzato sull'efficacia della distanza sociale e della mascherina per contenere la diffusione del virus.

Prima di tutto, è bene sottolineare l'importanza di questo lavoro. Si tratta di una revisione effettuata su 172 studi osservativi realizzati in 16 diversi Paesi del mondo e 44 studi comparativi effettuati sia all'interno degli ospedali che in altri luoghi chiusi. Sono stati coinvolti pazienti affetti da Covid-19, ma anche da SARS e da MERS, i parenti più prossimi del virus che ha provocato la pandemia che stai vivendo.

Raccogliendo ed elaborando tutte queste informazioni, i ricercatori hanno dimostrato come indossare la mascherina possa ridurre fino all'80% le probabilità di entrare in contatto con il SARS-Cov-2. Naturalmente, le più efficienti sono quelle filtranti ed è per questa ragione che se ne consiglia l'uso soprattutto negli ospedali e a chi si deve prendere cura di una persona risultata positiva al tampone. Se invece devi semplicemente fare spesa, una passeggiata con un amico o recarti sul posto di lavoro, quella chirurgica è sufficiente a proteggerti. Non solo, ma possono essere utili anche quelle lavabili e senza il marchio europeo. L'idea di base infatti è che se tutti la indossano, viene a crearsi una protezione collettiva di cui anche tu puoi beneficiare.

Indossare la mascherina e mantenere la distanza contribuisce a creare una protezione collettiva

Ma ancora più importante della mascherina è la distanza sociale da mantenere. Lo stesso studio ha concluso che il metro adottato comunemente faccia in modo che il tuo rischio di ammalarti sia del solo 2,6%. Mentre se riesci a osservarne addirittura due, si può arrivare ad appena 1,3% di probabilità.

Ti ricordo che mascherine è distanza hanno uno scopo comune: evitare che i droplets, cioè le goccioline di saliva potenzialmente infette, raggiungano la persona che ti è più vicina. Questo significa che ciascuno di noi ha il compito importantissimo di proteggere l'altro. Di conseguenza non indossare la mascherina come forma di protesta, togliersela quando si parla o non prestare attenzione al distanziamento sociale sono soprattutto esempi di egoismo e noncuranza.

Fonte| "Physical distancing, face masks, and eye protection to prevent person-to-person transmission of SARS-CoV-2 and COVID-19: a systematic review and meta-analysis", pubblicato su The Lancet il 1 giugno 2020

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.