Arixtra: il foglietto illustrativo

Arixtra è un medicinale somministrato per prevenire l’insorgere di trombi dovuti a una scorretta coagulazione del sangue. Deve essere assunto sotto stretto controllo medico. Di seguito trovate le informazioni sui dosaggi consigliati e sui possibili effetti collaterali.
24 Novembre 2020
* ultima modifica il 24/11/2020

Arixtra è un farmaco che aiuta a prevenire la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni (agente antitrombotico).

Che cos'è Arixtra e a che cosa serve

Arixtra contiene una sostanza chiamata fondaparinux sodico. Essa agisce inibendo l’attività del fattore della coagulazione Xa (“dieci-A”) nel sangue, prevenendo in tal modo la formazione di coaguli di sangue (trombosi) nei vasi sanguigni.

Arixtra è usato per:

  • prevenire la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni delle gambe o dei polmoni dopo chirurgia ortopedica (come ad esempio interventi all’anca o al ginocchio) o dopo chirurgia addominale;
  • prevenire la formazione di coaguli di sangue durante e subito dopo un periodo di mobilità limitata a causa di una malattia acuta;
  • il trattamento dei coaguli di sangue nei vasi sanguigni superficiali delle gambe (trombosi venosa superficiale).

Cosa deve sapere prima di usare Arixtra

Non usi Arixtra:

  • se è allergico al fondaparinux sodico o a uno qualsiasi degli eccipienti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6);
  • se ha abbondanti perdite di sangue;
  • se ha un’infezione batterica al cuore;
  • se ha una malattia renale molto grave.

Faccia particolare attenzione con Arixtra. Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Arixtra:

  • se ha precedentemente sofferto di complicanze durante il trattamento con eparina o con medicinali simili all’eparina che hanno portato alla diminuzione delle piastrine (trombocitopenia indotta da eparina)
  • se è a rischio di sanguinamenti incontrollati (emorragie) che includano:
    – ulcera gastrica
    – malattie emorragiche
    – emorragie cerebrali recenti (sanguinamenti intracranici)
    – interventi chirurgici recenti al cervello, alla colonna vertebrale oppure agli occhi
  • se ha una grave malattia al fegato
  • se ha una malattia ai reni
  • se ha 75 anni o più
  • se pesa meno di 50 kg.

Informi il medico se ritiene che una di queste situazioni la riguarda.

Bambini e adolescenti

L’uso di Arixtra non è stato sperimentato nei bambini e negli adolescenti al di sotto di 17 anni.

Altri medicinali e Arixtra

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. Ciò include anche quelli acquistati senza una prescrizione. Alcuni altri medicinali possono influenzare il meccanismo d’azione di Arixtra oppure possono essere influenzati da Arixtra.

Gravidanza e allattamento

Arixtra non deve essere prescritto a donne in stato di gravidanza se non espressamente necessario.

Durante l’assunzione di Arixtra non è raccomandabile l’allattamento al seno. Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno, chieda consiglio al medico o al farmacista prima di usare questo medicinale.

Arixtra contiene sodio

Ciascuna dose di questo medicinale contiene meno di 23 mg di sodio e, di conseguenza, esso è essenzialmente privo di sodio.

La siringa di Arixtra contiene lattice

Il copri-ago della siringa contiene lattice che ha il potenziale per provocare reazioni allergiche negli individui sensibili al lattice.

Informi il medico in caso di allergia al lattice prima di essere trattato con Arixtra.

Come usare Arixtra

Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

La dose raccomandata è 2,5 mg una volta al giorno, da iniettarsi ogni giorno circa alla stessa ora.

Se ha una malattia renale, la dose può essere ridotta a 1,5 mg una volta al giorno.

Come viene somministrato Arixtra

Arixtra è somministrato con una iniezione sotto la pelle (sottocutanea) in una plica cutanea nell’area addominale inferiore. Le siringhe sono preriempite con l’esatta dose necessaria. Le siringhe per il dosaggio da 2,5 mg e da 1,5 mg sono diverse. Per le “Istruzioni per l’uso” punto per punto vedere retro del foglio.

Non inietti Arixtra nel muscolo.

Per quanto tempo deve essere assunto Arixtra

Deve continuare il trattamento con Arixtra per tutto il tempo prescritto dal medico, poiché Arixtra previene lo sviluppo di malattie gravi.

Se inietta una dose eccessiva di Arixtra

Contatti il medico o il farmacista al più presto per avere un parere, in quanto ciò comporta un aumento del rischio di emorragie.

Se dimentica di prendere Arixtra

Si somministri la dose non appena se ne ricorda. Non inietti una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose.

Se non è sicuro di cosa deve fare, consulti il medico o farmacista.

Non smetta di usare Arixtra senza parere medico

Se interrompe il trattamento prima di quando prescritto dal medico, lei è a rischio di sviluppare un coagulo di sangue in una vena delle gambe o nei polmoni. Contatti il medico o il farmacista prima di interrompere il trattamento.

Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

Possibili effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino.

Condizioni per le quali è necessario chiedere soccorso

Gravi reazioni allergiche (anafilassi): sono molto rare nelle persone che assumono Arixtra (fino ad 1 persona su 10.000). I sintomi includono:

  • gonfiore, talvolta del volto o della bocca (angioedema), che causa difficoltà nella deglutizione o nella respirazione
  • collasso.

Contatti immediatamente il medico nel caso avverta tali sintomi. Smetta di prendere Arixtra.

Effetti indesiderati comuni (possono interessare più di una persona su 100 trattate con Arixtra):

sanguinamento (per esempio nel sito dell’operazione, di una preesistente ulcera dello stomaco, dal naso, dalle gengive),

anemia (una riduzione del numero dei globuli rossi).

Effetti indesiderati non comuni (possono interessare fino ad una persona su 100 trattate con Arixtra):

  • lividi o gonfiore (edema)
  • sentirsi male o stare male (nausea o vomito)
  • dolore al torace
  • mancanza di respiro
  • arrossamenti o prurito
  • trasudamento di liquidi dalla ferita di un intervento chirurgico
  • febbre
  • riduzione o aumento del numero delle piastrine (cellule del sangue necessarie per la coagulazione)
  • aumento di alcune sostanze (enzimi) prodotte dal fegato.

Effetti indesiderati rari (possono interessare fino a una persona su 1.000 trattate con Arixtra):

  • reazioni allergiche (inclusi prurito, gonfiore, eruzione cutanea)
  • sanguinamento interno cerebrale o addominale
  • ansia o confusione
  • cefalea
  • svenimenti o capogiri, pressione sanguigna bassa
  • sonnolenza o stanchezza
  • vampate di calore
  • tosse
  • dolore alle gambe o dolore allo stomaco
  • diarrea o stipsi
  • cattiva digestione
  • infezione delle ferite
  • aumento della bilirubina (sostanza prodotta dal fegato) nel sangue
  • riduzione del potassio nel sangue.

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione riportato nell’Allegato V. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

Come conservare Arixtra

Tenere questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Conservare a temperatura inferiore a 25°C. Non congelare.

Arixtra non deve essere conservato in frigorifero.

Non usi questo medicinale:

  • dopo la data di scadenza che è riportata sull’etichetta e sull’astuccio
  • se nota la presenza nella soluzione di particelle, o se la soluzione ha un colore anomalo
  • se nota che la siringa è danneggiata
  • se ha aperto una siringa e non la usa immediatamente.

Smaltimento delle siringhe

Non getti alcun medicinale o siringa nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

Contenuto della confezione e altre informazioni

Cosa contiene Arixtra

Il principio attivo è 1,5 mg di fondaparinux sodico in 0,3 ml di soluzione iniettabile.

Gli eccipienti sono sodio cloruro, acqua per preparazioni iniettabili, e acido cloridrico e/o sodio idrossido per l’aggiustamento del pH (vedere paragrafo 2).

Arixtra non contiene alcun prodotto di origine animale.

Descrizione dell’aspetto di Arixtra e contenuto della confezione

Arixtra è una soluzione iniettabile chiara ed incolore. E’ fornito di una siringa pre-riempita, monouso, completa di un sistema di protezione che è stato disegnato per proteggere dalle punture accidentali da ago dopo l’uso. E’ disponibile in confezioni da 2, 7, 10 e 20 siringhe pre-riempite (è possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate).

Fonte| Foglietto illustrativo Aifa aggiornato al 12-09-2018

DISCLAIMER: Le informazioni contenute in questo articolo possono non corrispondere all'ultimo aggiornamento del foglietto illustrativo. Per consultare l'ultima versione puoi visitare il sito dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Per capire meglio come si legge il foglietto illustrativo di un farmaco, qui puoi trovare la guida della farmacista.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.