bradipnea-cover

Bradipnea: quali sono le cause e cosa fare in caso di rallentamento della respirazione

Si definisce bradipnea la frequenza respiratoria ridotta: potrebbe trattarsi di una normale condizione ma può anche essere dovuta a problemi medici sottostanti; esaminiamo insieme quali cause potrebbero indurre il rallentamento della respirazione e come trattarla.
27 Febbraio 2022 * ultima modifica il 27/02/2022

Per valutare la possibile presenza di bradipnea si terrà conto del numero di atti respiratori prodotti dal paziente a completo riposo.

Significato

Il termine bradipnea deriva dal significato delle parole greche bradỳs, lento, e pnèa, respiro, e sta ad indicare una diminuzione della frequenza degli atti respiratori rispetto alla norma. La frequenza respiratoria in condizioni normali nell’adulto rientra tra i 12 e i 20 atti al minuto: si parla quindi di bradipnea quando ci si ritrova sotto i 12 atti; nei bambini la situazione è differente, in quanto la frequenza respiratoria è generalmente più elevata. In situazioni normali nei neonati la troviamo tra i 30 e i 60 atti, per poi diminuire tra il primo e i tre anni a 24-40 atti, e così diminuendo con la crescita.

La bradipnea può verificarsi anche durante il sonno, ma è diversa dalle apnee notturne: l’apnea indica un’interruzione temporanea della respirazione, mentre la bradipnea è un significativo rallentamento.

Un rallentamento della respirazione potrebbe causare un abbassamento del livello di ossigeno nel sangue, in quanto è con la respirazione che il sangue si ossigena, e questo potrebbe anche portare ad uno squilibrio che può causare svenimenti o problemi cardiaci e, nei casi più gravi di sistema respiratorio compromesso associato a bradipnea, anche danni agli organi e addirittura la morte.

bradipnea-significato

Cause

I motivi che possono causare bradipnea sono svariati, e tra questi possiamo elencare:

  • Utilizzo di droghe, soprattutto oppioidi, o eccesso di farmaci, come sedativi e anestetici;
  • Abuso di alcol;
  • Squilibri ormonali: soprattutto ipotiroidismo, dove la carenza di alcuni ormoni potrebbe rallentare alcuni processi corporei, inclusa la respirazione;
  • Esposizione a sostanze chimiche o tossine;
  • Lesioni alla testa;
  • Disturbi polmonari come asma grave, polmoniti, bronchiti, apnee notturne;
  • Problemi cardiaci;
  • Problemi al tronco encefalico come coaguli di sangue, tumori o lesioni;
  • Stati di ansia o stress prolungati;
  • Sindrome di Guillain-Barré o sclerosi laterale amiotrofica (SLA), ossia patologie che hanno un impatto su muscoli e nervi coinvolti nella respirazione.

Sintomi

Una respirazione più lenta della norma può causare livelli più bassi di ossigeno nel corpo, quindi tra i sintomi della bradipnea possiamo includere:

  • Vertigini;
  • Affaticamento;
  • Svenimenti;
  • Debolezza;
  • Mal di testa;
  • Dolori al petto;
  • Stati confusionali e problemi di memoria.

In base poi alla natura del problema sottostante che causa bradipnea potrebbero associarsi altri sintomi, come ad esempio:

  • Sonnolenza, stati euforici, problemi gastrointestinali in caso di assunzione di oppioidi;
  • Stanchezza e debolezza, secchezza delle pelle, in caso di ipotiroidismo;
  • Sintomatologia da avvelenamento da sostanze tossiche come mal di testa, vertigini, nausea, vomito, insufficienze respiratorie.
bradipnea-cosa-fare

Cura

Se ci si rende conto del rallentamento della respirazione la cosa migliore da fare è consultare un medico che, dopo un’attenta anamnesi e un controllo dei principali segni vitali, valuterà se sarà necessario procedere con ulteriori test diagnostici.

Il trattamento dipenderà ovviamente dalla causa scatenante la bradipnea:

  • Nelle condizioni di ipotiroidismo si andrà a trattare direttamente il problema con ormoni per ripristinare il corretto bilanciamento degli stessi;
  • Nei casi più complessi come problemi cardiaci innanzitutto si cercherà di capire quale patologia ne è la causa, e successivamente si tratterà di conseguenza;
  • In caso di utilizzo di droghe o alcol la prima cosa da fare è chiaramente interromperne la somministrazione e procedere con un programma di recupero;
  • In caso di intossicazione può essere utile una somministrazione di ossigeno e monitoraggio, e un trattamento specifico per la tipologia di avvelenamento;
  • In caso di trauma cranici l’intervento sarà di monitoraggio e in alcuni casi anche chirurgico;
  • Quando la bradipnea è associata ad ansia o stress alcune persone potrebbero trarre giovamento dalla pratica di meditazione o rilassamento.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia, ha svolto periodi di formazione in ospedali universitari della Comunidad altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.