Brufoli sottopelle: non toccarli! Vediamo cosa è meglio fare

Peggio dei foruncoli dalla testa bianca, ci sono i brufoli sottopelle, che non vedi ma possono molto dolorosi. L’istinto di schiacciarli è comunque lo stesso ed è sicuramente la scelta più sbagliata. Che cosa sono e soprattutto perché si formano? Ecco alcune cose che dovresti sapere sui brufoli ciechi.
Valentina Rorato 3 Maggio 2021
* ultima modifica il 09/05/2021

I brufoli sottopelle possono essere dolorosi proprio come quelli in superficie. Potresti accorgertene semplicemente accarezzandoti il viso o talvolta perché avverti in dolore pungente in una zona precisa, come ai lati del naso o dove passa la bretellina del reggiseno. Non vedi nulla, eppure nascosto sta crescendo un foruncolo. Ma cosa sono e perché si formano?

Cosa sono

I brufoli nascono dai comedoni, che sono i classici punti bianchi o punti neri, ovvero i pori della cute ostruiti da cellule morte, sebo o residui di trucco. Un comedone chiuso che rimane sotto la pelle è un punto bianco e un comedone aperto che raggiunge la superficie della pelle è un punto nero.

Un comedone chiuso che si sviluppa in profondità nella pelle è chiamato brufolo cieco o brufolo sottopelle. In realtà, il nome specifico è ciste acneica. Può essere doloroso se è particolarmente profondo negli strati della pelle. Può “crescere” e diventare un punto bianco, raggiungendo la superficie, può manifestarsi “maturando” come un classico foruncolo o può semplicemente scomparire come avviene nella maggior parte dei casi.

Quanto impiega a guarire un brufolo sottopelle? Può richiedere mesi per scomparire. Se inizia a infiammarsi, potrebbe affiorare in superficie e guarire più velocemente.

Le cause

Le cause dei brufoli sottopelle sono:

  • cambiamenti ormonali legati al ciclo mestruale, gravidanza, uso della terapia ormonale e stress
  • cosmetici, detergenti, lozioni e indumenti unti
  • alti livelli di umidità e sudorazione
  • genetica, poiché alcune persone sono naturalmente più suscettibili
  • alcuni farmaci e sostanze chimiche, ad esempio corticosteroidi, litio, fenitoina e isoniazide, che possono peggiorare o causare eruzioni simili all'acne
  • consumo di cioccolato, noci o cibi grassi
  • scarsa igiene o lavaggio del viso inadeguato

I sintomi

I brufoli sottopelle possono essere completamente asintomatici. In alcuni casi potresti avvertire:

  • dolore o pizzicore
  • percezione al tatto della formazione
  • calore
  • arrossamento

La cura

Non esiste una terapia per i brufoli sottopelle. Quello che puoi fare, però, è cercare di prevenirli mantenendo la pelle sempre bella pulita. Questa forma di acne si verifica a causa dell'accumulo di batteri e sebo. Se hai i pori dilatati e la pelle grassa, i brufoli ciechi possono essere frequenti e per questo motivo devi fare una pulizia professionale periodica, dopo ovviamente una visita di controllo dermatologica.

Il medico, nel caso le cisti siano numerose, potrebbe proporti delle iniezioni di cortisone (considerate una terapia d’urto). In alternativa, potrebbe consigliarti l’applicazione di creme antibiotiche o, per le ragazze, l’assunzione di una pillola anticoncezionale.

Inoltre, quando senti arrivare una ciste, devi applicare subito del ghiaccio, che costringerà i piccoli vasi sanguigni che alimentano la cisti e ridurrà immediatamente il rossore e le dimensioni.

Vietato spremere

Potrebbe venirti spontaneo spremere il brufolo, anche se non lo vedi. È vietato. Inoltre, devi sapere che questo foruncolo è impossibile da schiacciare e la spremitura potrebbe causare più dolore, aumentare l'infiammazione e potresti anche causarti delle cicatrici. Il modo migliore per trattarli è visitare un dermatologo. E poi puoi aiutarti con alcune maschere naturali.

Fonte | Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.