Cancro al seno triplo A negativo: in fase di test il primo vaccino

Un vaccino contro il cancro al seno, il primissimo nel suo genere, è appena entrato negli studi clinici. La sperimentazione di fase I è studiata per determinare la dose del farmaco tollerata in pazienti con carcinoma mammario triplo negativo in stadio iniziale, nonché a caratterizzare la risposta immunitaria dell’organismo.
Valentina Rorato 18 Novembre 2021
* ultima modifica il 18/11/2021

Ogni giorno la scienza compie piccoli enormi passi verso la cura di malattie, che un tempo erano sicuramente fatali. E contro il cancro sono ottenuti risultati incredibili. Dalla chemioterapia alla radioterapia, dall'immunoterapia alla terapia ormonale, i malati di tumore oggi hanno più opzioni di cura. Non sempre sono efficaci, spesso potrebbero essere migliori, ma il ventaglio si fa sempre più ampio. E ora, potrebbe esserci qualcosa di sorprendente per la prevenzione: un vaccino contro il cancro al seno.

I ricercatori della Cleveland Clinic hanno recentemente aperto uno studio per un primo vaccino volto a prevenire il cancro al seno triplo negativo, la forma più aggressiva di tumore alla mammella. In questo studio di fase I, i ricercatori sperano di determinare la dose massima tollerata in pazienti con carcinoma mammario triplo negativo in fase iniziale nella speranza di ottimizzare la risposta immunitaria dell'organismo. Poiché le persone con carcinoma mammario triplo negativo in genere non rispondono agli ormoni o ad altri trattamenti mirati, un vaccino cambierebbe completamente la natura della malattia.

"Questo approccio rappresenta un potenziale nuovo modo per controllare il cancro al seno", ha spiegato in un comunicato stampa il dottor Vincent Tuohy, autore principale di questa sperimentazione e immunologo presso il Lerner Research Institute della Cleveland Clinic.

"L'obiettivo a lungo termine di questa ricerca è determinare se questo vaccino può prevenire il cancro al seno prima che si manifesti, in particolare le forme più aggressive di questa malattia che predominano nelle donne ad alto rischio".

Quanto tempo ci vorrà prima che venga approvato? A partire da ora, non esiste una tempistica per l'approvazione, poiché le prove sono appena iniziate e probabilmente c'è una lunga strada da percorrere.

Come funziona il vaccino

Il vaccino sperimentale prende di mira una proteina dell'allattamento specifica per il seno, l'α-lattoalbumina, che non si trova più dopo l'allattamento nei tessuti normali e invecchiati, ma è presente nella maggior parte dei tumori triplo-negativi. L'attivazione del sistema immunitario contro questa proteina "ritirata" fornisce una protezione immunitaria preventiva contro i tumori al seno emergenti che esprimono α-lattoalbumina. Il vaccino contiene anche un adiuvante che attiva una risposta immunitaria innata che consente al sistema immunitario di attivare una risposta contro i tumori emergenti per impedirne la crescita.

Se si scopre che il vaccino ha un profilo di sicurezza accettabile, l'efficacia del vaccino sarà determinata in più ampi studi clinici di Fase II/III che coinvolgono centinaia di soggetti di studio ad alto rischio di sviluppare un carcinoma mammario triplo negativo a causa di anamnesi familiare o mutazioni nei loro geni BRCA1. "Quindi, abbiamo molta strada da fare prima che diventi disponibile per la popolazione generale", spiega il dott. Tuohy. Lo studio dovrebbe essere completato nel settembre 2022.

Le speranze, però, sono ancora più ampie. "Questa strategia vaccinale ha il potenziale per essere applicata ad altri tipi di tumore", ha aggiunto il dott. Tuohy. “Il nostro programma di ricerca traslazionale si concentra sullo sviluppo di vaccini che prevengono le malattie che affrontiamo con l'età, come il cancro al seno, alle ovaie e all'endometrio. In caso di successo, questi vaccini hanno il potenziale per trasformare il modo in cui controlliamo i tumori ad insorgenza nell'età adulta e aumentare l'aspettativa di vita in un modo simile all'impatto che ha avuto il programma di vaccinazione infantile”.

Fonte | “Cleveland Clinic Launches First-of-its-Kind Preventive Breast Cancer Vaccine Study” pubblicato il 26 ottobre su Newsroom

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.