Che cosa sono le allucinazioni e quando si verificano

Le allucinazioni sono false percezioni, che purtroppo sembrano vere, di oggetti o eventi che coinvolgono i sensi. E, purtroppo, possono manifestarsi ogni volta che si verifica un cambiamento nell’attività cerebrale.
Valentina Rorato 29 Dicembre 2021
* ultima modifica il 27/02/2022

Quando percepisci cose come visioni, suoni o odori che sembrano reali ma non lo sono si parla di allucinazioni. Sono tutte sensazioni create dalla mente. Possono essere causate da fattori diversi: come l'assunzione di droghe o farmaci, lo stress, ma anche condizioni psichiatriche gravi. Conosciamo meglio questo disturbo e come si può diagnosticare.

Che cos'è

Si parla di allucinazione quando una persona vede, sente, percepisce odori o sapori che non esistono al di fuori della sua mente. La parola deriva dal latino e significa "vagare mentalmente".

Si verificano frequentemente nelle persone con condizioni psichiatriche, tra cui la schizofrenia e il disturbo bipolare, tuttavia, non è necessario avere una malattia mentale per sperimentarle.

Causa

Le allucinazioni possono essere spaventose, ma di solito c'è una causa identificabile. Ad esempio, possono verificarsi a seguito di:

  • assunzione di droghe illegali o alcol
  • una malattia mentale, come la schizofrenia
  • una condizione neurologica progressiva, come il morbo di Alzheimer o il morbo di Parkinson
  • perdita della vista causata da una condizione come la degenerazione maculare, nota come  sindrome di Charles Bonnet

Tipi di allucinazione

Esistono cinque tipi di allucinazioni, esattamente come i cinque sensi:

  • Uditiva. Sentire voci o suoni che nessun altro può è il tipo più comune di allucinazione. Le voci possono essere critiche, complementari o neutre e possono dare comandi potenzialmente dannosi o coinvolgere la persona in una conversazione.  L'esperienza è solitamente molto angosciante, ma non è sempre negativa. Alcune persone che sentono le voci sono in grado di conviverci e di abituarsi ad esse, o possono considerarle parte della loro vita. È un sintomo di schizofrenia.
  • Visiva. Il secondo tipo più comune di allucinazione è quella visiva, ovvero vedere persone, colori, forme o oggetti che non sono reali.
  • Tattile. Le tattili sono la sensazione di essere toccato, come per esempio sentire degli insetti che strisciano sotto la tua pelle.
  • Olfattive. Il profumo potrebbe non essere reale e non avere un’origine fisica. E’ un’allucinazione meno comune rispetto a quelle visive e udite.
  • Gustative.  Avere un sapore in bocca che non ha origine: è il tipo più raro di allucinazione.

Allucinazioni indotte da stupefacenti

Le persone possono provare allucinazioni quando sono sottoposte a droghe come anfetamine, cocaina, LSD o ecstasy. Possono anche verificarsi durante l'astinenza da alcol o droghe se smetti improvvisamente di prenderli. In questo caso, sono generalmente visive, ma possono influenzare altri sensi. Possono includere lampi di luce o forme astratte, oppure possono assumere la forma di un animale o di una persona. Più spesso si verificano distorsioni visive che alterano la percezione, da parte della persona, del mondo che la circonda.

Allucinazioni da farmaci

Sono numerosi i farmaci che possono causare le allucinazioni. Questo disturbo può essere correlato a un uso improprio del medicinale (magari l’assunzione di alti dose) e di solito si fermano quando si interrompe la terapia. Tuttavia, non smettere mai di prendere un medicinale senza prima aver parlato con il medico e, se necessario, dopo essere stato valutato da uno psichiatra.

Sonno

Alcune persone sperimentano allucinazioni proprio durante il sonno (ipnagogiche) o quando iniziano a svegliarsi (ipnopompici). Possono assumere la forma di suoni o la persona può vedere cose che non esistono, come oggetti in movimento o un'immagine formata, come una persona (alcuni credono di vedere un fantasma). Sono particolarmente comuni nelle persone con narcolessia.

Febbre

A volte possono verificarsi allucinazioni nei bambini che hanno la febbre. Chiama il tuo medico di famiglia se tuo figlio non sta bene con una temperatura corporea di 38°C o superiore e pensi che abbia le allucinazioni.

Sindrome di Charles Bonnet

La disabilità visiva, nota come sindrome di Charles Bonnet, può provocare allucinazioni visive temporanee. Tende a colpire le persone anziane che hanno iniziato a perdere la vista, sebbene possa colpire persone di qualsiasi età.

Allucinazioni nelle persone anziane con delirio

A volte possono verificarsi allucinazioni in persone anziane fragili che sono malate. Possono iniziare prima di altri segni che indicano che la persona non sta bene.

Diagnosi

La diagnosi deve essere ovviamente formulata da un medico, che raccoglierà i sintomi, la tua storia medica e le tue abitudini di vita. Poi ti farà fare una serie di esami, per cercare di escludere cause mediche o neurologiche. I test diagnostici possono includere: esami del sangue per verificare cause metaboliche o tossiche, elettroencefalogramma (EEG) per controllare l'attività elettrica anormale nel cervello e per controllare le convulsioni e risonanza magnetica (MRI) per cercare problemi strutturali del cervello come un tumore al cervello o un ictus.

Cura

La cura dipende molto dalla causa e dal tipo di allucinazione. Il medico probabilmente consiglierà un approccio multidisciplinare che includa farmaci, terapia e supporto sociale. I farmaci antipsicotici sono spesso efficaci nel trattamento delle allucinazioni, eliminando o riducendo la frequenza con cui si verificano o avendo un effetto calmante che le rende meno angoscianti. Potrebbe anche esserti prescritta la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva, una procedura relativamente non invasiva che prevede il posizionamento di un piccolo dispositivo magnetico direttamente sul cranio.

Fonte | Ospedale Maria Luigia

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.