Che cos’è il basalioma, il tumore cutaneo più diffuso

Il basalioma è il tipo più comune di cancro della pelle e si presenta come una piaga o foruncolino che sembra non guarire mai, anzi talvolta può lacerarsi e iniziare a sanguinare. Si verifica spesso sul viso e sul collo, dove la pelle è esposta alla luce solare. Questi tumori sono localmente invasivi e tendono a scavare ma non a metastatizzare.
Valentina Rorato 17 Novembre 2021
* ultima modifica il 17/11/2021

Il basalioma è il tumore cutaneo più comune e per fortuna è anche quello meno aggressivo. La maggior parte delle persone che sviluppano questo cancro ha una pelle chiara che raramente viene protetta correttamente dal sole. Come si cura e come si previene?

Che cos’è

Il carcinoma basocellulare o basalioma è un tipo di cancro della pelle, che inizia nelle cellule basali, che si occupano di produrre nuove cellule quando quelle vecchie muoiono. Appare spesso come una protuberanza leggermente trasparente, sebbene possa assumere altre forme. E si verifica più soprattutto nelle aree della pelle esposte al sole, come la testa e il collo. Tende a crescere lentamente. Raramente si diffonde in un'altra parte del corpo.

Si ritiene che la maggior parte dei carcinomi a cellule basali sia causata dall'esposizione a lungo termine alle radiazioni ultraviolette (UV) della luce solare. Evitare il sole e usare la protezione può aiutare a prevenire questa neoplasia.

Come per tutte le neoplasie, la diagnosi e il trattamento precoce è fondamentale. Se si dà al basalioma il tempo di crescere, questo cancro andare in profondità, ferendo nervi, vasi sanguigni e qualsiasi altra cosa sul suo cammino. Quando le cellule tumorali si accumulano e formano un grande tumore, il cancro può raggiungere l'osso sottostante. Ciò può cambiare il tuo aspetto, e per alcune persone il cambiamento potrebbe essere deturpante.

I sintomi

Il sintomo principale del carcinoma basocellulare è un cambiamento nella pelle, come una crescita o una piaga che non riesce a guarire. Queste lesioni di solito hanno una delle seguenti caratteristiche:

  • Una protuberanza color pelle traslucida, il che significa che puoi vedere un po' attraverso la superficie. Potrebbero essere visibili piccoli vasi sanguigni e può sanguinare e produrre croste.
  • Una lesione marrone, nera o blu – o una lesione con macchie scure – con un bordo traslucido leggermente rialzato.
  • Un neo piatto e squamoso con un bordo rialzato. Nel tempo, queste patch possono diventare piuttosto grandi.
  • Una lesione bianca, cerosa, simile a una cicatrice senza un bordo chiaramente definito.

La causa

La causa del carcinoma basocellulare è una mutazione nel DNA. Le cellule basali si trovano nella parte inferiore dell'epidermide, lo strato più esterno della pelle. Quando vengono prodotte nuove cellule della pelle, spingono le cellule più vecchie verso la superficie della pelle, dove le vecchie cellule muoiono e vengono eliminate. Il processo di creazione di nuove cellule della pelle è controllato dal DNA di una cellula basale. Un’eventuale mutazione può indurre la cellula basale a moltiplicarsi rapidamente e a continuare a crescere quando normalmente morirebbe. Alla fine l'accumulo di cellule anormali può formare un tumore canceroso.

Si pensa che gran parte del danno al DNA derivi dalle radiazioni ultraviolette (UV) presenti nella luce solare e nelle lampade abbronzanti commerciali e nei lettini abbronzanti. Ma l'esposizione al sole non spiega i tumori della pelle che si sviluppano sulla pelle non normalmente esposta alla luce solare.

I fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di carcinoma basocellulare includono:

  • Esposizione cronica al sole.
  • Radioterapia per trattare l'acne o altre condizioni della pelle.
  • Pelle chiara. Il rischio di carcinoma basocellulare è maggiore tra le persone che presentano lentiggini o si bruciano facilmente o che hanno la pelle molto chiara, i capelli rossi o biondi o gli occhi chiari.
  • Età. È più frequente tra glio anziani, ma può colpire anche gli adulti più giovani e sta diventando più comune nelle persone tra i 20 ei 30 anni.
  • Una storia personale o familiare di cancro della pelle.
  • Esposizione all'arsenico. L'arsenico, un metallo tossico che si trova ampiamente nell'ambiente, aumenta il rischio di carcinoma a cellule basali e altri tumori.
  • Sindromi ereditarie che causano il cancro della pelle. Alcune malattie genetiche rare possono aumentare il rischio di carcinoma basocellulare, compresa la sindrome del carcinoma basocellulare nevoide (sindrome di Gorlin-Goltz) e lo xeroderma pigmentoso.

La diagnosi

La diagnosi è abbastanza semplice. Il dermatologo dopo aver osservato la lesione e ascoltato la storia del paziente, farà richiesta di una biopsia cutanea, che comporta la rimozione della protuberanza e l’invio un piccolo campione per il test in laboratorio. Questo rivelerà se hai il cancro della pelle e, in caso affermativo, quale tipo di cancro della pelle e soprattutto quale cura dovrai affrontare.

La cura

Esistono diverse opzioni di cura e dipendono dalla posizione del basilioma, dalle dimensioni e dalla gravità.  Il carcinoma basocellulare viene spesso trattato con un intervento chirurgico per rimuovere tutto il cancro e parte del tessuto sano circostante.

L‘escissione potrebbe essere raccomandata per i carcinomi a cellule basali che hanno meno probabilità di recidivare, come quelli che si formano sul petto, sulla schiena, sulle mani e sui piedi.

Un’alternativa potrebbe essere la chirurgia micrografica di Mohs. Durante l'intervento di Mohs, il medico rimuove il cancro strato per strato, esaminando ogni strato al microscopio fino a quando non rimangono cellule anormali. Ciò consente al chirurgo di essere certo che l'intera crescita venga rimossa ed evitare di assumere una quantità eccessiva di pelle sana circostante.

La chirurgia di Mohs potrebbe essere raccomandata se il carcinoma a cellule basali ha un rischio maggiore di recidiva, ad esempio se è più grande, si estende più in profondità nella pelle o si trova sul viso.

Il trattamento C ed E (Curettage ed elettrodessicazione). comporta la rimozione della superficie del cancro della pelle con uno strumento raschiante (curetta) e quindi la bruciatura della base del cancro con un ago elettrico. Potrebbero essere un'opzione per il trattamento dei piccoli carcinomi basocellulari che hanno meno probabilità di recidiva.

La radioterapia, invece, viene utilizzata dopo l'intervento chirurgico quando vi è un aumentato rischio di recidiva o quando la chirurgia non è un'opzione. Potrebbe esserti proposta anche la criochirurgia, ovvero il congelamento delle cellule tumorali con azoto liquido (criochirurgia). Può essere un'opzione per il trattamento delle lesioni cutanee superficiali.

La terapia fotodinamica, invece, combina farmaci fotosensibilizzanti e luce per trattare i tumori superficiali della pelle. Durante la terapia fotodinamica, sulla pelle viene applicato un farmaco liquido che rende le cellule tumorali sensibili alla luce. Successivamente, una luce che distrugge le cellule cancerose della pelle viene irradiata sull'area.

Il carcinoma basocellulare non è un tumore cutaneo molto aggressivo, ma in rari casi può diffondersi (metastatizzare) ai linfonodi vicini e ad altre aree del corpo. Ulteriori opzioni di trattamento in questa situazione includono: trattamenti farmacologici mirati che si concentrano su specifiche debolezze presenti all'interno delle cellule tumorali o chemioterapia.

La prognosi

La prognosi in caso di carcinoma a cellule basali è buona, perché la rimozione chirurgica è quasi sempre successo e il cancro è raramente fatale. Tuttavia, quasi il 25% delle persone con una storia di carcinoma basocellulare sviluppa un nuovo carcinoma basocellulare entro 5 anni dal primo. Pertanto, chiunque abbia un carcinoma a cellule basali dovrebbe sottoporsi a un esame cutaneo annuale.

La prevenzione

La prevenzione è molto importante soprattutto nei tumori cutanei. Cosa puoi fare per ridurre il rischio di carcinoma basocellulare?

  • Evita il sole durante le ore centrali della giornata.
  • Indossa la protezione solare tutto l'anno.
  • Indossare indumenti protettivi. Copri la pelle con indumenti scuri a trama fitta che copra braccia e gambe e un cappello a tesa larga.
  • Evita i lettini abbronzanti.
  • Controlla regolarmente la tua pelle e riferisci i cambiamenti al tuo medico.

Fonte | MsdManuals; Airc

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.