Che cos’è la cellulite e da cosa è causata

La cellulite non è una malattia, ma ha origine patologica, dunque non è un semplice inestetismo. E’ infatti un’infiammazione (innocua, perché non ha conseguenze sulla salute generale) che causa un complesso di alterazioni della crescita del tessuto adiposo. Queste alterazioni si manifestano con la pelle a buccia d’arancia.
Valentina Rorato 11 Maggio 2022
* ultima modifica il 13/05/2022

La cellulite è un’infiammazione del tessuto connettivo che non ha nulla a che vedere con il grasso. La buona notizia è che si tratta di un disturbo estetico innocuo, la cattiva è che è difficile risolverlo ma anche contrastarlo.

Che cos’è

La cellulite, il cui nome scientifico è adiposità localizzata, è una condizione della pelle molto comune, soprattutto tra le donne ma può riguardare anche gli uomini. È innocua e provoca pelle grumosa e increspata su cosce, fianchi, glutei e addome. Molte persone cercano, con successo variabile, di migliorare l'aspetto della propria pelle attraverso la perdita di peso, esercizio fisico, massaggi, trattamenti cosmetici e creme, ma non è così semplice. Spesso ci sono risultati, ma sono temporanei, perché tende a riformarsi.

Ma come si forma? Sotto la pelle, indipendentemente dal peso, dalla percentuale di grasso corporeo e dal livello di forma fisica, ci sono cellule adipose che immagazzinano energia. Nel tempo, crescono a causa di diversi fattori, inclusi gli ormoni, la dieta e lo stile di vita.

Le cellule adipose si trovano all'interno di compartimenti costituiti da robusti cordoni fibrosi che collegano la pelle ai muscoli. Queste corde sono chiamate setti. Quando le cellule adipose sono piccole, generalmente, si adattano bene all'interno di questi compartimenti. Tuttavia, man mano che crescono, gli scomparti si affollano.I setti si abbassano mentre le cellule adipose in espansione spingono verso l'alto. Questo è ciò che crea la superficie irregolare della cellulite.

La cellulite non è un problema medico e averla non significa che sei malato. Tuttavia, può causare angoscia emotiva e insicurezza, a causa degli standard di bellezza non realistici della società.

Sintomi

La cellulite si presenta con pelle irregolare, caratterizzata da avvallamenti. A volte è descritta come avente una consistenza di ricotta o buccia d'arancia. Se non è evidente ad occhio nudo, puoi pizzicare la tua cute per fare una prova grumi. La cellulite più grave fa apparire la pelle rugosa e irregolare con aree di picchi e valli, anche senza schiacciarla. Le zone in cui si manifesta maggiormente sono le cosce e i glutei, ma anche sul seno, sul basso addome e sulla parte superiore delle braccia.

Stadi della cellulite

Gli stadi della cellulite sono quattro e sono classificati in base alla gravità del problema:

  • Grado I: nessuna cellulite è visibile ma sono iniziati i primi cambiamenti.
  • Grado II: la cellulite non è visibile quando la pelle è a riposo, ma diventa evidente quando la pelle è compressa o i muscoli sono contratti.
  • Grado III: la cellulite è visibile quando la pelle è a riposo.
  • Grado IV: la cellulite più grave.

Cause

Le cause della cellulite sono numerose. Abbiamo spiegato come si forma, ma è importante anche comprendere quali sono i fattori scatenanti. Se è vero che non dipende dal peso, è anche vero che i chili di troppo la possono favorire. Fai poi attenzione a:

  • Ormoni. L' estrogeno, il principale ormone femminile, svolge un ruolo nella regolazione del grasso. Fa sì che il grasso si accumuli naturalmente nel seno, nelle cosce e nei glutei (proprio dove la cellulite è più comune), specialmente durante gli anni riproduttivi.
  • Genetica. Si ritiene che la cellulite abbia una componente genetica sia familiare. In effetti, uno dei principali fattori di rischio per la cellulite è avere membri della famiglia che ce l'hanno.
  • Età. Quando sei giovane, il tuo tessuto connettivo è elastico, si allunga e cede con la pelle in modo che tutto rimanga liscio. Poi arriva la pubertà e gli ormoni devastano il tessuto connettivo. Diventa più rigido e meno elastico, il che fa sì che i cordoni fibrosi si abbassino ancora di più sulla pelle. Allo stesso tempo, le cellule adipose tendono ad espandersi in alcune aree (soprattutto se sei una donna), spingendo contro la pelle. Durante l'età adulta, lo strato esterno della pelle si indebolisce, si assottiglia e perde elasticità. Insomma, è un circolo vizioso.

Fattori di rischio

Diversi fattori possono aumentare il rischio ed esacerbare la cellulite e, a differenza delle cause, potresti essere in grado di controllarne alcuni o tutti.

  • Cambiamento di peso
  • Cattiva alimentazione
  • Mancanza di tono muscolare
  • Fumo
  • Scarsa salute della pelle

Cura

Non esiste una cura definitiva per la cellulite, ma ci sono alcuni trattamenti che possono aiutare. Inoltre, devi fare molta attenzione allo stile di vita. È molto importante conservare un peso normale, evitando di oscillare, e ciò lo puoi fare seguendo una dieta sana, varia, consumando molta frutta, verdura, cereali integrali e bevendo molta acqua. Fai poi sport, senza esagerare: devi preferire la ginnastica in acqua, il nuoto, la bicicletta e le camminate alla corsa, che può essere controproducente. E non fumare. Il fumo è dannoso per il tessuto connettivo. Poi puoi aiutarti con soluzioni estetiche, che però non sono durature nel tempo, sono costose e non sempre danno i risultati sperati:

  • Trattamenti laser e radiofrequenze. 
  • Criolipolisi. Con la criolipolisi (CoolSculpting), il grasso sottocutaneo viene ridotto con un dispositivo che utilizza l'aspirazione del vuoto per sollevare il tessuto a contatto con le piastre di raffreddamento.
  • Terapia con onde acustiche. Con questa tecnica, un tecnico applica il gel sulla pelle interessata e fa scorrere un piccolo dispositivo portatile (trasduttore) sull'area. Il trasduttore invia onde sonore nel tuo corpo, rompendo la cellulite.
  • Chirurgia. L’obiettivo è separare le fasce fibrose sotto la pelle (subcisione) nel tentativo di levigare la pelle. Questo metodo utilizza anche l'innesto di grasso per migliorare l'aspetto della pelle. I risultati di queste tecniche possono durare da due a tre anni. E le complicazioni sono elevate.

Fonte |Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.