Che cos’è la Chikungunya e come si trasmette

Sono numerose le malattie diffuse dalla zanzare e la Chikungunya è una febbre, che si è diffusa anche in Italia da circa 15 anni, che causa dolori muscolari e articolari fortissimi. Nella maggior parte delle persone si risolve in circa 15 giorni, ma molti sviluppano artrite cronica.
Valentina Rorato 2 Agosto 2022
* ultima modifica il 03/08/2022

La Chikungunya è una malattia causata da un virus diffuso dalla puntura delle zanzare infette, che provoca febbre molto alta.  La prima epidemia nota è del 1952 in Tanzania, anche se le prime tracce di questo agente virale risalgono al 1779 in Indonesia. In Italia è arrivato per la prima volta a metà del 2000. Quali sono i sintomi e come si cura?

 Che cos’è

La chikungunya è un’infezione virale trasmessa dalle zanzare. È un virus a RNA che appartiene al genere alphaviru della famiglia Togaviridae . Il nome “chikungunya” deriva da una parola in lingua Kimakonde, che significa “diventare contorto” o "camminare incurvato" perché l'infezione provoca forti dolori articolari e muscolari (artralgia), che tendono a farti prendere un’andatura ricurva.

Come si trasmette

Il virus Chikungunya viene trasmesso tra gli esseri umani tramite le zanzare. Quando una zanzara ingenua (si definisce così quella non infetta) si nutre di una persona viremica (qualcuno che ha il virus che circola nel sangue), la zanzara può captare il virus mentre ingerisce il sangue. Il virus subisce quindi un periodo di replicazione nella zanzara. Cosa comporta? Può essere successivamente ritrasmesso a un nuovo ospite ingenuo, quando la zanzara si nutre. Il virus, una volta che una persona viene poi punta, inizia a replicarsi fino a raggiungere concentrazioni elevate, scatenando la malattia, dopo un periodo di incubazione di 2-12 giorni.  Quindi il Chikungunya non si diffonde da persona a persona. Ma le zanzare raccolgono il virus quando pungono una persona infetta. Se hai contratto l'infezione, cerca di stare al chiuso, dove non ci sono altre zanzare per evitare di diffondere il virus facendoti nuovamente pungere. Ed evita anche i viaggi.

Sintomi

I sintomi della febbre chikungunya compaiono spesso entro 2-7 giorni dopo il morso di una zanzara infetta e includono:

  • febbre alta improvvisa,
  • mal di testa,
  • affaticamento,
  • eruzioni cutanee,
  • nausea
  • dolori articolari e muscolari,
  • occhi rossi.

Vaccino

Non esiste ancora un vaccino. E non è disponibile alcun trattamento per l'infezione. Ma la chikungunya raramente causa seri problemi o la morte. Molte persone migliorano in un paio di settimane, mentre altri sviluppano dolori articolari e muscolari che possono durare mesi o anni. In questo caso si parla di artrite chikungunya cronica. E colpisce almeno il 40% di coloro che vengono infettati dal virus.

Diagnosi

Esistono diversi metodi per la diagnosi dell'infezione da virus chikungunya. I test sierologici, come i test di immunoassorbimento enzimatico (ELISA), possono confermare la presenza di anticorpi IgM e IgG anti-chikungunya. I livelli di anticorpi IgM sono più alti da 3 a 5 settimane dopo l'inizio della malattia e persistono per circa 2 mesi.

Il virus può essere rilevato direttamente nel sangue anche durante i primi giorni di infezione. Pertanto, i campioni raccolti durante la prima settimana di malattia devono essere testati con metodi sia sierologici sia virologici (in particolare la reazione a catena della trascrittasi inversa-polimerasi (RT-PCR)). Sono disponibili vari metodi RT-PCR ma con sensibilità variabile.

Cura

Come si cura? Non esiste una terapia specifica. Il trattamento prevede riposo, liquidi e farmaci, come il paracetamolo. Per il dolore articolare e muscolare in corso, i farmaci che alleviano l'artrite reumatoide possono aiutare. Ovviamente, devono essere prescritti  dal tuo medico.

Prevenzione

L’infezione si può ovviamente prevenire, per esempio evitando i luoghi con focolai noti.  Poiché la chikungunya non si diffonde da uomo a uomo ma dalle zanzare, prevenire le punture è la tua migliore protezione.

  • Usa un repellente per insetti
  • Indossa maniche lunghe e pantaloni.
  • Rimuovi l'acqua stagnante quando possibile.
  • Proteggiti con zanzariere, aria condizionata e zanzariere.
  • Se sei incinta, soprattutto alla fine della gravidanza, non viaggiare. Il virus può essere trasmesso al tuo bambino e causare gravi complicazioni.

Fonte | Epicentro

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.