Che cos’è l’esofagite e quando si manifesta

L’esofago è il tubo muscolare che trasporta il cibo dalla bocca allo stomaco. Normalmente non ne hai percezione, se non quando stai deglutendo. Tuttavia, se il rivestimento interno dell’esofago si infiamma, potresti provare dolore o problemi con la deglutizione. Questa condizione è nota come esofagite.
Valentina Rorato 28 Ottobre 2021
* ultima modifica il 03/01/2022

L'esofagite è un'infiammazione dell'esofago, il tubo che collega la gola allo stomaco. I sintomi includono bruciore di stomaco e dolore durante la deglutizione. Quali sono le cause e come si cura?

Che cos’è

L'esofagite è un'infiammazione che può danneggiare i tessuti dell'esofago, il tubo muscolare che trasporta il cibo dalla bocca allo stomaco. Può causare molto dolore, anche nel momento della deglutizione. Le cause dell'esofagite includono acidi dello stomaco che risalgono nell'esofago, infezioni, farmaci orali e allergie.

Il trattamento dipende dalla causa sottostante e dalla gravità del danno tissutale. Se non trattata, può interferire con la sua normale funzione, che è quella di spostare cibo e liquidi dalla bocca allo stomaco. Può anche portare a complicazioni come cicatrici o restringimento dell'esofago e difficoltà a deglutire.

Sintomi

I sintomi dell’esofagite sono facili da identificare e includono:

  • Deglutizione difficile e/o dolorosa
  • Dolore al petto, in particolare dietro lo sterno, che si verifica mangiando
  • Il cibo ingerito rimane bloccato nell'esofago (compressione alimentare)
  • Bruciore di stomaco
  • Rigurgito acido
  • Difficoltà di alimentazione

Cause

Le cause dell’esofagite sono numerose e sono quelle che, tra l’altro, determinano la cura.

  • Reflusso esofageo: quando lo sfintere esofageo si apre quando non dovrebbe o non si chiude correttamente, il contenuto dello stomaco può risalire nell'esofago (reflusso gastroesofageo).
  • Esofagite eosinofila: gli eosinofili sono globuli bianchi che svolgono un ruolo chiave nelle reazioni allergiche. L'esofagite eosinofila si verifica con un'alta concentrazione di questi globuli bianchi nell'esofago, molto probabilmente in risposta a un agente che provoca allergia (allergene) o reflusso acido o entrambi. In molti casi, gli alimenti scatenanti sono latte, uova, grano, soia, arachidi, fagioli, segale e manzo. Tuttavia, i test allergologici convenzionali non identificano in modo affidabile questi alimenti colpevoli.
  • Esofagite linfocitaria: è una condizione esofagea rara in cui vi è un aumento del numero di linfociti nel rivestimento dell'esofago.
  • Esofagite indotta da farmaci: diversi farmaci orali possono causare danni ai tessuti se rimangono a contatto con il rivestimento dell'esofago per troppo tempo. Ad esempio, se ingerisci una pillola con poca o nessuna acqua, la pillola stessa o i residui della pillola potrebbero rimanere nell'esofago. I farmaci che sono stati collegati all'esofagite includono gli antidolorifici, alcuni antibiotici, come tetraciclina e doxiciclina, il cloruro di potassio, usato per trattare la carenza di potassio, i bifosfonati e la chinidina, che è usata per trattare problemi cardiaci.
  • Esofagite infettiva: un'infezione batterica, virale o fungina nei tessuti dell'esofago può causare esofagite. È rara e si verifica più spesso nelle persone con una scarsa funzionalità del sistema immunitario.

Rischi

I rischi dell’esofagite, se non viene curata, sono numerosi e alcuni possono essere pericolosi, tra cui:

  • Cicatrici o restringimento (stenosi) dell'esofago
  • Esofago di Barrett, caratterizzato da cambiamenti nelle cellule che rivestono l'esofago, aumentando il rischio di cancro esofageo

Diagnosi

Per formulare una diagnosi sono necessari degli esami. Il medico potrebbe richiederti una radiografia al bario, un’endoscopia con, probabilmente, biopsia, per analizzare il tessuto, soprattutto se c’è il sospetto di  un'infezione batterica, virale o fungina o di un’altra concentrazione di globuli bianchi correlati all'allergia (eosinofili).

Cura

La cura per l'esofagite ha lo scopo di ridurre i sintomi, gestire le complicanze e trattare le cause alla base del disturbo.  Nel caso di esofagite da reflusso l’approccio, prima di tutto, è farmacologico, con l’assunzione di antiacidi, i bloccanti del recettore H-2 e gli inibitori della pompa protonica. Si può poi valutare anche la chirurgia. La fundoplicazione può essere utilizzata per migliorare le condizioni dell'esofago se altri interventi non funzionano. Una porzione dello stomaco è avvolta attorno alla valvola che separa l'esofago dallo stomaco (sfintere esofageo inferiore). Questo rafforza lo sfintere e impedisce all'acido di risalire nell'esofago.

Nel caso di esofagite eosinofila oltre ai farmaci già elencati, potrebbero essere raccomandati gli steroidi, quelli che vengono inalati in caso di asma. Se invece il disturbo è provocato dai farmaci, il medico può raccomandare un’ assunzione alternativa che ha meno probabilità di causare esofagite farmaco-indotta, magari se esiste una versione liquida del farmaco o aumentando l’assunzione di liquidi quando si prendono alcune pillole.

Come prevenire

Come prevenire? A seconda del tipo di esofagite che hai, puoi ridurre i sintomi o evitare problemi ricorrenti seguendo alcuni semplici consigli:

  • Evita i cibi che possono aumentare il reflusso, come alcol, caffeina, cioccolato e cibi al gusto di menta.
  • Usa buone abitudini di assunzione di pillole. Prendi sempre una pillola con molta acqua. Non sdraiarsi per almeno 30 minuti dopo aver preso una pillola.
  • Perdere peso se hai chili di troppo
  • Smetti di fumare
  • Evita alcuni farmaci. Evita alcuni antidolorifici e antibiotici, così come alcuni altri farmaci, se hai una camera cardiaca superiore sinistra ingrandita (atrio) o dopo un intervento chirurgico al cuore.
  • Evita di chinarti o piegarti, soprattutto subito dopo aver mangiato.
  • Evita di sdraiarti dopo aver mangiato. Aspetta almeno tre ore.
  • Usa un cuscino per tenere sollevata la testa mentre dormi

Fonte | Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.