Cifosi, quando stare troppo chini in avanti fa male alla schiena

La cifosi non è una malattia, ma una curva fisiologica della colonna vertebrale. Quando questa curva diventa eccessiva si parla di ipercifosi, una condizione che può essere facilmente risolvibile, se di carattere posturale (come stare chini in avanti quando si cammina), mentre è più complicata da affrontare se ha una base patologica.
Valentina Rorato 7 febbraio 2020
* ultima modifica il 07/02/2020

Stare sempre chini in avanti, magari per scorrere le immagini sul proprio smartphone, favorisce l’insorgere della cifosi, una curvatura patologica della colonna vertebrale nella zona toracica. Questo difetto se dipende da un atteggiamento si può correggere con la fisioterapia e lo sport, soprattutto il nuoto, altrimenti è necessario intervenire chirurgicamente.

Che cos’è la cifosi

La colonna vertebrale, vista lateralmente, non è una linea retta. A livello toracico, tutti noi abbaiamo una curva con concavità anteriore che prende il nome di cifosi e che fisiologicamente presenta un valore tra 20° e 45°. Questa curva si trova tra altre due curve opposte a livello cervicale e lombare. Quando la cifosi supera i valori fisiologici, ovvero l’angolo di curvatura è maggiore di 45° gradi diventa una condizione patologica, nota come ipercifosi.

Insomma, il termine cifosi è diventato nel tempo sinonimo di una malattia, in realtà è solo una curva della colonna vertebrale. Detto ciò, è importante stare molto attenti ad avere un atteggiamento curvo in avanti, tipico di chi sta tanto al computer o usa digital device.

Differenza tra cifosi e lordosi

Qual è la differenza tra cifosi e lordosi? Come per la cifosi, anche il termine lordosi indica una curva fisiologica della colonna vertebrale. Si tratta della curvatura che si forma nella zona lombare e cervicale. Anche in questo caso quando i valori fisiologici superano il 50° si entra un campo patologico noto come iperlordosi, condizione più frequente tra le donne, soprattutto perché hanno conformazione ossea differente e la pessima abitudine di usare i tacchi per periodi molto prolungati nel tempo.

I sintomi

I sintomi delle cifosi sono spesso silenti o si manifestano quando la condizione è abbastanza grave. Potresti dunque avvertire:

  • dolore alla schiena
  • rigidità di movimento
  • indolenzimento alla colonna
  • affaticamento
  • imbarazzo estetico, perché si tende a sviluppare una sorta di gobba

Nei casi più gravi la cifosi può coinvolgere i polmoni, i nervi e altri tessuti e organi, causando dolore e altre problematiche di vario tipo.

Le cause

Le cause della cifosi sono di diversi tipi e la più comune è proprio quella posturale, quindi scaturita dallo stare sempre chini in avanti. Questo atteggiamento provoca un allungamento eccessivo dei legamenti e dei muscoli, deputati al supporto delle vertebre toraciche. Questo allungamento modifica l’assetto delle vertebre toraciche e accentua la concavità. Ovviamente l’ipercifosi può essere anche congenita, dovuta a un’anomalia morfologica, a un incidente, o all’età che avanza. Si dice spesso che gli anziani diventano fisicamente più piccoli ed è così infatti, perché spesso l’invecchiamento altera il tono muscolare e dei legamenti, favorendo una cattiva postura. Ci sono anche delle patologie alla base di questo problema come per esempio:

  • osteoporosi
  • spina bifida
  • malattia di Paget
  • spondilosi
  • neurofibromatosi
  • distrofia muscolare
  • tubercolosi
  • neoplasia della colonna vertebrale

Nei bambini

La cifosi nei bambini e negli adolescenti è molto comune, ma c’è di buono che in fase di crescita non è una condizione rigida. Si può infatti “raddrizzare”. Il motivo? La curvatura eccessiva non è causata da una patologia ma da un atteggiamento. Ovviamente il problema si deve affrontare con la fisioterapia, ma anche praticando sport "anticifosanti". Non esiste solo il nuoto, possono essere utili la pallacanestro come la pallavolo.

È tipico dell’età giovanile (tra i 10 e i 15 anni) il Morbo di Scheuermann, una ipercifosi causata da un difetto di crescita della parte anteriore delle vertebre toraciche. In che cosa consiste? Le vertebre toraciche hanno normalmente forma cilindrica, se però tuo figlio dovesse essere colpito da questa malattia, potrebbero assumere una forma simile a un cuneo.

La diagnosi

La diagnosi di cifosi deve essere formulata da un ortopedico, prima con un esame obiettivo, che comprende una serie di esercizi per verificare le curvature della colonna vertebrale, poi con esami diagnostici: raggi X, TAC e/o risonanza magnetica nucleare.

Come si cura

La cura della cifosi dipende dalla causa e dall’età del paziente. Come accennato, se è una condizione lieve non è richiesto nessun trattamento particolare. In caso di situazione più grave potrebbe essere consigliato un percorso di fisioterapia, al fine di migliorare la postura ma anche di rinforzare la muscolatura. In alcuni casi, la fisioterapia potrebbe risultare utile anche nel migliorare l'aspetto esteriore della sezione toracica. L’intervento chirurgico è l’ultima piaggia e serve per correggere le curve troppo accentuale e a ridurre ovviamente le complicazioni.

Gli esercizi

Gli esercizi per curare l’ipercifosi o il dorso curvo sono molto semplici. Prova a casa a ripetere questi movimenti. Magari ritagliati 30 minuti tutte le sere, prima di andare a letto. Non sono faticosi.

  • Supino a terra, con le ginocchia piegate, cerca di far aderire al pavimento la zona lombare della schiena. Ripeti 10 volte.
  • Supino a terra, ginocchia flesse e piedi appoggiati al tappeto, solleva i piedi mantenendo le ginocchia e le anche con un angolo di 90°. Ripeti 10 volte.
  • Sdraiato a terra prono, metti un piccolo cuscino sotto l’addome e lascia le braccia lungo i fianchi. Solleva la testa e il busto da terra. Ripeti 10 volte.
  • Seduto a terra, schiena al muro e ginocchia leggermente flesse: estendi il tronco affinché aderisca al muro con le braccia tese verso l’alto

Come si previene

La cifosi si previene facendo attenzione alla postura, evitando quindi posizioni cadenti (per esempio in piedi con braccia a penzoloni), facendo attenzione a sedersi correttamente e praticando attività fisica, che favorisca l’allungamento dei muscoli della schiena. Sono indicati il nuoto, la corsa, ma anche lo yoga, il pilates e le lunghe camminate. Se utilizzi la borsetta, la borsa del computer o uno zaino pesante devi fare attenzione a non caricarlo troppo e a come lo porti (ma fletterti troppo in avanti per sopportarne il peso).

Per quanto riguarda invece la cifosi patologica, ovvero quella che nasce da una patologia, puoi lavorare sulla prevenzione dell’osteoporosi e sulla degenerazione dei dischi intervertebrali, evitando traumi alla colonna vertebrale e mantenendo un buon tono muscolare della schiena e dell'addome.

Fonti| Ospedale Bambino Gesù; Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.