coliche-addominali

Colica addominale: le possibili cause di fastidio comune che può essere passeggero o nascondere un problema più grave

La colica addominale è un dolore forte e localizzato, che appare in maniera improvvisa ed è causato da una contrazione nella zona intestinale, scatenata da motivi diversi e di differente gravità. Più spesso è associato a malattie infiammatorie intestinali, ma potrebbe avere altra natura. Approfondiamo insieme alcune delle cause e capiamo quando potrebbe diventare motivo di preoccupazione.
24 Aprile 2021 * ultima modifica il 24/04/2021

La colica addominale è un evento più spesso associato ai neonati a causa dello sviluppo non ancora completo del loro sistema digestivo, ma può verificarsi anche negli adulti. Oltre a processi infiammatori dell’intestino, le coliche addominali potrebbero presentarsi anche a causa di ostacoli al transito del contenuto dell’organo stesso.

Definizione

Per definizione, la colica è un dolore acuto e localizzato, solitamente di natura gastrointestinale o urinaria, che si presenta sporadicamente, si intensifica e si attenua in modo progressivo. Negli adulti può trattarsi di un evento occasionale o può ripresentarsi periodicamente dopo settimane, mesi o anche anni dall’episodio iniziale.

Il dolore causato dalle coliche si presenta spesso negli organi cavi dell’addome, come intestino tenue e crasso, nel retto o nella cistifellea, e nel tratto urinario, quindi nei reni o nell’uretere; la sua origine sembrerebbe causata dalla contrazione o spasmo muscolare a seguito di un blocco completo o parziale di questi organi.

Esistono diverse tipologie di coliche negli adulti, tra cui possiamo menzionare:

  • coliche intestinali: hanno origine solitamente nell’intestino tenue o crasso, e sono quelle che vengono genericamente chiamate coliche addominali;
  • coliche biliari: sono spesso causate dalla presenza di calcoli biliari, che bloccano i condotti che fluiscono dalla cistifellea al pancreas o al fegato;
  • coliche renali: anch’esse associate spesso alla presenza di calcoli renali o urinari.
dolore-addominale-sintomi

Sintomi

Il sintomo principale e che rappresenta le coliche addominali è il dolore addominale, acuto e localizzato.

Tra gli altri sintomi che potrebbero presentarsi elenchiamo:

  • incapacità di avere movimenti intestinali;
  • vomito;
  • perdita di appetito;
  • gonfiore e fastidio;
  • indurimento della parete addominale;
  • febbre e diarrea nel caso di infezioni;
  • distensione addominale.

Cause

Esistono svariate cause che possono provocare coliche addominali, più o meno gravi, tra cui possiamo elencare:

  • formazione di tessuto cicatriziale dovuto a precedenti interventi chirurgici addominali o pelvici;
  • disturbi intestinali infiammatori come ad esempio il morbo di Crohn o la colite ulcerosa;
  • ostruzioni intestinali o torsioni intestinali;
  • diverticoli infiammati;
  • infezioni intestinali;
  • sindrome del colon irritabile;
  • colite spastica;
  • restringimenti (stenosi) di natura infiammatoria o neoplastica;
  • ernie;
  • stress;
  • intolleranze alimentari;
  • abitudini alimentari sbagliate o disturbi alimentari.

Quando preoccuparsi

Il dolore addominale ha molte potenziali cause, alcune non gravi come accumulo di gas, indigestioni o stiramenti muscolari, e altre che potrebbero rivelarsi il principio di condizioni mediche più urgenti.

La posizione e il tipo di dolore addominale forniscono indizi importanti, così come il suo andamento temporale: il dolore acuto si sviluppa e risolve solitamente in poche ore o giorni, mentre quello di tipo cronico potrebbe durare, andando e venendo, anche settimane, mesi o addirittura anni. Alcune condizioni causano anche un dolore progressivo, che peggiora costantemente nel tempo.

Quando il disturbo è occasionale, il più delle volte potrebbe essere associato ad uno stress più elevato o a delle abitudini alimentari che nel periodo in cui avviene non sono delle migliori: in questi casi comunemente è sufficiente modificare la dieta e ridurre i fattori stressanti per risolvere il presentarsi delle coliche.

coliche-addominali-quando-preoccuparsi

Le situazioni in cui è necessario recarsi dal medico sono quelle in cui i dolori si presentano spesso, rimangono nel tempo e peggiorano, e soprattutto nei casi in cui si presentino associate a febbre, segni di shock (tachicardia, ipotensione, diaforesi, condusione), perdita di peso, segni di peritonite, tracce ematiche nelle feci. Anche nelle condizioni di “addome acuto”, ossia in presenza di altri segni importanti come la contrattura della parete addominale, eccessivo dolore alla palpazione intestinale o all’esame del segno di Blumberg (un esame di palpazione addominale).

Rimedi

Il dolore può essere limitato con l’assunzione di antidolorifici, antinfiammatori e antispastici. In casi più complicati di ostruzione intestinale potrebbe essere necessario ricorrere alla chirurgia.

In linea generale si possono adottare alcune misure per garantire la salute del tratto gastrointestinale e urinario, comportamenti che possono prevenire la comparsa di coliche, tra cui possiamo elencare:

  • assumere una dieta ricca di fibre, quindi molta frutta, verdura e cereali integrali;
  • mantenersi bene idratati preferendo acqua con pochi minerali al suo interno;
  • evitare o assumere pochi cibi ricchi di grassi, soprattutto la carne, e cibi irritanti, come ad esempio la caffeina;
  • svolgere attività fisica regolare;
  • valutare una perdita di peso se necessario.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia, ha svolto periodi di formazione in ospedali universitari della Comunidad altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.