Come fare compere nei negozi in sicurezza: le regole per un Natale a basso rischio contagio

Rispettare sempre le distanze, indossare una mascherina che copra il naso e la bocca, igienizzarsi le mani ogni volta che si può. Ci sono poi anche altri accorgimenti che puoi adottare per ridurre il rischio contagio, come scegliere con cura l’orario migliore nel quale fare shopping.
Giulia Dallagiovanna 4 Dicembre 2020
* ultima modifica il 04/12/2020

Mentre ci avviciniamo alle feste di Natale, sembra che in tutte le regioni i negozi saranno aperti e sarà quindi possibile lanciarsi nelle classiche compere prefeste, tra regali, decorazioni e tanti dolci. Tutto questo, senza dimenticarci che siamo nel bel mezzo della pandemia e che purtroppo siamo anche nel pieno della stagione invernale, la preferita dai virus respiratori come il SARS-Cov-2. Quindi la cautela è d'obbligo, mentre lanciarsi in mezzo alla folla alla ricerca dell'ultima offerta è umanamente comprensibile, ma davvero irresponsabile.

Per fare compere in tutta sicurezza forse l'ideale sarebbe affidarsi totalmente all'e-commerce. Ma anche se può sembrare la soluzione più pratica, è invece importante sostenere i negozi di quartiere per aiutarli a ripartire e soprattutto cercare di adottare i comportamenti meno inquinanti. Ormai lo sappiamo: tra pandemia e cambiamento climatico c'è un legame molto stretto ed è bene iniziare modificare subito le tue abitudini, se non vuoi riprecipitare in una crisi sanitaria tra qualche anno.

Proviamo allora a capire come si possa frequentare i negozi in sicurezza e riducendo al minimo il rischio contagio.

Gli orari

Prima di tutto, è importante cercare di non creare degli assembramenti. È inutile chiudere le scuole e lavorare da casa, se poi ci accalchiamo tutti insieme nei centri commerciali, non trovi? Quindi, compatibilmente con i tuoi orari di lavoro o i tuoi impegni, cerca di organizzarti per andare nei negozi durante le ore centrali della giornata o al mattino. In questo modo incontrerai meno clienti e sarà già più difficile creare ingorghi tra uno scaffale e l'altro. Peraltro, è pure più piacevole fare compere così!

Le prossime misure del governo potrebbero prevedere una dilatazione degli orari di apertura e chiusura, proprio per consentire alle persone di approfittare di tutte le fasce della giornata a loro disposizione ed evitare che si crei l'effetto "orario di punta".

Le entrate contingentate

In teoria, tutti i negozi dovrebbero prevedere delle entrate contingentate e un numero massimo di clienti che possono accedere al locale nello stesso momento, che viene calcolato in base ai metri quadri disponibili. In una stanza di 40 metri quadri, ad esempio, non dovrebbe essere presente più di una persona, oltre ai commessi. Perciò il primo invito è quello di rispettare le disposizioni con pazienza.

Se ti accorgi che un negozio è già molto pieno, ripassa in un secondo momento

Capita però, soprattutto nei negozi più grandi, che si tenda a chiudere un occhio sulla quantità di individui che entrano, finendo per dar vita comunque a piccoli assembramenti. Se ti accorgi che un locale è già molto pieno, anche se nessuno ti impedisce di varcare la porta di ingresso, ripassa in un secondo momento. Oppure, aspetta che esca qualcuno e che l'ambiente diventi un po' meno affollato.

Il metro di distanza

La distanza di sicurezza non vale solo mentre sei in fila alla cassa. È sempre importante mantenere almeno un metro tra te e la persona che ti è accanto, a meno che non sia un tuo convivente. Anche mentre passeggi guardando gli articoli esposti, dunque, cerca di non avvicinarti troppo agli altri clienti oppure allontanati se uno di loro non ti sta riservando la stessa gentilezza. Ormai dovremmo tutti viverlo come un atto di buona educazione.

Meglio soli, che accompagnati

Evitare gli assembramenti non significa solo stare lontano dagli sconosciuti. Anche entrare in un negozio con qualche amico o con il proprio partner significa gettare le premesse per un possibile eccessivo affollamento. Dal momento che prima di natale gli esercizi commerciali sono presi d'assalto, è meglio farlo da soli, almeno per quest'anno. Il tuo accompagnatore ti può aspettare fuori, oppure potreste dividervi le commissioni ed evitare, per una volta, il classico stress da regali.

Preferisci i negozi di quartiere

I negozi di quartiere, o di paese, quest'anno dovrebbero essere messi al centro delle tue attenzioni. E le ragioni sono diverse. Prima di tutto, sostieni realtà che stanno rischiando di scomparire e che soffrirebbero molto di più le conseguenze di una crisi economica rispetto alle grandi catene. Inoltre, è più facile trovare prodotti del territorio e optare quindi per una spesa più sostenibile. Infine, eviterai di spostarti troppo, prendendo magari anche i mezzi pubblici. Porre un limite ai proprio movimenti, anche quando le misure governative non lo prevedono, è un atto di responsabilità nel periodo difficile che stiamo vivendo.

Prova i vestiti a casa

Lo permettono diversi negozi e catene del fashion: acquisti un capo che ti piace, ma non lo provi in negozio. Aspetti di arrivare a casa e, in caso scoprissi che non è la tua taglia o non ti sta bene, lo puoi restituire con tutta calma. Spesso si hanno fino a 60 giorni di tempo per il reso. In questo modo renderai la tua permanenza nel locale più veloce, eviterai gli assembramenti e le code ai camerini e il negozio dovrà sanificare solo i vestiti che ridarai indietro.

Usa il gel

Quando entri e davanti alla cassa dovresti trovare un flaconcino di gel idroalcolico per igienizzarti le mani. È obbligatorio, perciò se non lo trovi puoi anche farne richiesta a chi gestisce quell'esercizio commerciale. Usalo sempre sia al momento dell'ingresso che prima di pagare, soprattutto se scegli bancomat o carta di credito. In ogni caso, cerca di portarne anche una boccetta sempre con te, per sanificare le mani anche una volta uscito dal negozio.

La mascherina

Sembra incredibile doverlo ribadire dopo quasi un anno intero vissuto in pandemia, ma la mascherina è sempre obbligatoria nei luoghi chiusi e all'aperto, quando sei circondato da tante persone. Se vivi in città questo significa "sempre". Assicurati che copra per bene naso e bocca e soprattutto che anche gli altri clienti e i commessi la indossino in modo corretto. Altrimenti allontanati oppure esci direttamente dal locale.

Fonte| Ministero della Salute

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.