Come si esegue il patch test e a che cosa serve

Il patch test è uno strumento diagnostico che serve per verificare se le dermatiti da contatto sono di origine allergica. Non è un esame doloroso, ma può essere impegnativo e, soprattutto, può scatenare delle reazioni allergiche in caso di ipersensibilità all’allergene.
Valentina Rorato 28 Febbraio 2022
* ultima modifica il 04/03/2022

Il patch test è uno dei test allergologici più noti e può aiutare il medico a distingue tra dermatite allergica da contatto e dermatite irritativa. E ovviamente a stabilire il trattamento più adeguato, che include la prevenzione degli allergeni, i farmaci o, eventualmente, l'immunoterapia. Come si esegue e chi lo deve fare?

Che cos’è

Il patch test è un test cutaneo utilizzato per trovare la causa di una possibile reazione allergica sulla pelle. Questa reazione è chiamata dermatite allergica da contatto. Di solito viene eseguito in ospedale o in ambulatorio, da un medico allergologo o da un pediatra allergologo. Durante il patch test, diverse sostanze vengono applicate sulla pelle e fissate con un nastro adesivo. I cerotti sono in genere posizionati sul dorso, lasciati in posa per 2 giorni e quindi rimossi. L'area della pelle che è stata testata sarà successivamente valutata dal medico.

Normalmente non dovresti rimuovere le patch da solo. Nel caso, dovessero staccarsi, devi avvisare il medico.  Le reazioni positive producono una chiazza di dermatite nel sito di applicazione dell'allergene incriminato, che apparirà come un'area rossa e possibilmente in rilievo e con vesciche.

Come prepararsi al test

Preparare la pelle per il patch test è importante per ottenere risultati sicuri e affidabili. Devi:

  • Evitare l'esposizione al sole per 1 o 2 settimane prima del patch test.
  • Non utilizzare medicinali topici (creme e unguenti) sulla schiena e su qualsiasi altra area in cui possono essere applicati i cerotti per almeno 1 settimana prima dell’esame. Puoi, però, continuare a usare questi medicinali sulle aree del corpo in cui non verranno applicati i cerotti.
  • Puoi usare creme idratanti sulla pelle fino al giorno prima del patch test.
  • Si può continuare a prendere gli antistaminici prescritti come al solito prima e durante il test.

Come si esegue

Il test è molto semplice: una serie di allergeni vengono applicati, solitamente sulla schiena, su appositi nastri muniti di dischetti di alluminio che trattengono i singoli allergeni. Il test può verificare tra 30 e più 100 sostanze alla volta.

Idealmente i patch test vengono applicati quando la dermatite è inattiva, ma se la pelle della schiena è infiammata, è possibile utilizzare la pelle delle braccia o dell‘addome per l'applicazione. Dopo aver contrassegnato attentamente la posizione dei pannelli del patch test, vengono rimossi a 48 ore e la pelle ispezionata  viene ispezionata dopo altri 2 giorni.

Durante il patch test, è meglio:

  • Assumere meno di 10 mg di prednisolone orale al giorno
  • Non assumere un agente immunosoppressore che ridurrà la reazione
  • Evitare potenti steroidi topici nel sito di applicazione, a partire da tre giorni prima dell'inizio del patch test
  • Evitare di fare il bagno o la doccia bagnando l'area del test perché potresti lavare via i pannelli o il contrassegno di identificazione
  • Evitare l'esercizio eccessivo che potrebbe rimuovere i nastri allergeni.
  • Gli antistaminici possono essere assunti normalmente in quanto non interferiscono con la reazione di ipersensibilità di tipo IV.

Come si selezionano gli allergeni

Le allergie sono davvero tantissime, ma alcune sono più comuni di altre. Di  solito viene applicata almeno una serie standard di allergeni. La composizione delle serie varia nel tempo e da paese a paese, poiché diversi allergeni possono diventare più o meno importanti. Poi può esserci un personalizzazione dell’esame in base a:

  • Tipo di lavoro che si svolge, per esempio parrucchieri, fornai o dentisti
  • Sede della dermatite (viso, parte inferiore della gamba, vulvare, perianale, piedi)
  • Sospetta esposizione ad allergeni (acrilati, resine epossidiche, plastica e colle coloranti e resine tessili, medicamenti, steroidi topici).
  • Prodotti cosmetici usati (ombretti, rossetti, creme idratanti, smalti per unghie, medicamenti topici, guanti)

È utile portare con sé schede le tecniche di salute e sicurezza e imballaggi del prodotto (che possono elencare i singoli ingredienti allergeni). Se c'è un prodotto sospetto che potrebbe essere la causa della dermatite, è importante che questo venga segnalato all'appuntamento con il medico.

Risultati

Le reazioni sono classificate per ciascun allergene su uno spettro come:

  • negativo
  • irritante
  • +/- dubbio
  • + debole positivo
  • ++ reazione moderata
  • +++ forte reazione.

Alcuni allergeni sono colorati e macchiano temporaneamente la pelle: il PPD è nero, il blu disperso è blu, le resine tessili sono di una varietà di colori. Il colore può essere rimosso con un tampone imbevuto di alcol e queste non devono essere confuse con reazioni vere positive.

Le reazioni irritanti possono verificarsi nelle persone con con eczema atopico, in particolare ai metalli (nichel , cromato e cobalto), profumi e alcuni acceleratori di gomma, e non sono rilevanti. I risultati negativi possono significare che la dermatite è endogena o irritante, o forse l'allergene potrebbe essere stato mancato.

Le reazioni positive possono essere interpretate con:

  • Rilevanza attuale: la reazione può spiegare la dermatite attualmente oggetto di studio
  • Rilevanza passata: la storia rivela una passata dermatite allergica ma non spiega l'episodio in corso
  • Rilevanza futura: è probabile che l'allergene si incontri in futuro
  • Rilevanza incerta: ciò può cambiare quando il paziente trova l'allergene identificato dopo aver esaminato attentamente i propri prodotti per la cura personale o professionali
  • Potenziale reazione crociata: ad esempio, una reazione positiva all'allergene delle tinture per capelli PPD  può provocare una reazione ai parabeni (nei cosmetici e nelle creme solari) o alle tinture per tessuti.

Rischi

Le reazioni positive, come anticipato, possono provocare macchie pruriginose. Altri rischi sono:

  • Gravi reazioni locali con formazione di vesciche locali: la più famigerate è quella con l'allergene per tinture per capelli PPD; se questo è sospettato, può essere utilizzato un patch test iniziale con una bassa intensità di PPD
  • Pigmentazione post- infiammatoria
  • Riacutizzazione dell'eczema iniziale in siti distanti dalla reazione del patch test
  • Reazioni del nastro: viene utilizzato un nastro ipoallergenico, ma raramente le persone reagiscono a questo
  • Sensibilizzazione: raramente l'applicazione dell'allergene può provocare sensibilizzazione durante il patch test; questo può produrre una reazione positiva in circa 10-14 giorni dopo l'applicazione dei patch test
  • Una reazione di "schiena arrabbiata": se la dermatite è molto attiva al momento del patch test, possono insorgere più patch test positivi; questi sono difficili da interpretare e di solito è richiesto un nuovo patch test quando l'eczema è più quiescente.

Chi non può fare il patch test

Come anticipato ci sono delle situazioni in cui i rischi sono eccessivamente pericolosi. Esistono almeno tre condizioni che non ti permettono di sottoporti a un patch test. Quali sono?

  • Hai mai avuto una grave reazione allergica importante. Potresti essere così sensibile a determinate sostanze che anche le piccole quantità utilizzate nei test cutanei potrebbero innescare una reazione pericolosa per la vita (anafilassi).
  • Assumi farmaci che potrebbero interferire con i risultati del test. Questi includono antistaminici, molti antidepressivi e alcuni farmaci per il bruciore di stomaco. Il medico potrebbe stabilire che è meglio per te continuare a prendere questi farmaci piuttosto che interromperli temporaneamente in preparazione per un test cutaneo.
  • Soffri di determinate condizioni della pelle. Se un grave eczema o psoriasi colpisce vaste aree della pelle sulle braccia e sulla schiena, i soliti siti di test, potrebbe non esserci abbastanza pelle chiara e non coinvolta per eseguire un test efficace. Altre condizioni della pelle, come il dermatografismo, possono causare risultati dei test inaffidabili.

In questi casi l’alternativa è l’esami del sangue (test in vitro degli anticorpi dell'immunoglobulina E).

Foto | Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.