Contro il tumore dell’esofago ecco il nivolumab: è la prima immunoterapia approvata nell’Unione Europea

Rispetto alla sola chemioterapia, il trattamento con il nivolumab per il tumore dell’esofago sarebbe in grado di ridurre il rischio di morte del 23% aumentando anche la sopravvivenza senza malattia da 8,4 a 10,9 mesi. E la terapia, che ha ricevuto l’approvazione della Commissione Europea, ridurrebbe drasticamente anche gli effetti collaterali per i pazienti in cura.
Kevin Ben Alì Zinati 17 Dicembre 2020
* ultima modifica il 24/12/2020

È la Commissione Europea ad indicare la direzione verso una possibile nuova terapia contro il tumore dell’esofago. E la strada da percorrere si chiama nivolumab. Si tratta di un inibitore del checkpoint immunitario PD-1 progettato per potenziare la risposta anti-tumorale del nostro sistema immunitario: rispetto alla chemioterapia, il trattamento offrirebbe un importante miglioramento della sopravvivenza nei pazienti affetti dal carcinoma esofageo a cellule squamose avanzato e non resecabile, recidivo o metastatico. La decisione della Commissione arriva dopo i promettenti risultati ottenuti dallo studio Attraction-3 annunciati dalla Bristol Myers Squibb: si tratta, dunque, della prima immunoterapia ad essere approvata nell’Unione Europea per il tumore all'esofago.

Il tumore 

Il tumore all’esofago è al settimo posto tra le neoplasie più diffuse e, purtroppo, è anche la sesta causa di morte per cancro nel mondo. È una patologia aggressiva che concede un tasso di sopravvivenza di cinque anni al 10% dei pazienti che ricevono la diagnosi: anche meno per chi, invece, dovesse presentare metastasi. Pensa che solo in Europa, ogni anno, vengono diagnosticati oltre 50mila casi.

Tra le forme più diffuse di tumore all’esofago ci sono l’adenocarcinoma e il carcinoma a cellule squamose (rappresenta il 60% dei casi) e nella maggior parte delle volte, la diagnosi arriva quando la malattia è già in fase avanzata.

Uno studio internazionale 

Solo in Europa, vengono diagnosticati oltre 50mila casi di tumore dell'esofago ogni anno
Attraction-3, lo studio che ha portato alla decisione della Commissione Europea, ha arruolato pazienti in Asia, Europa e Stati Uniti e ha valutato l’efficacia del trattamento con il nivolumab rispetto alla chemioterapia in pazienti colpiti dal tumore dell’esofago refrattari o intolleranti alla terapia di combinazione di prima linea con farmaci a base di fluoropirimidina e platino.

Risultati

I risultati dello studio di fase 3 sono stati importanti. Rispetto alla chemioterapia da sola, il nivolumab avrebbe infatti ridotto il rischio di morte del 23% mentre la sopravvivenza media libera dalla malattia sarebbe stata di 10,9 mesi contro gli 8,4 mesi con la sola chemioterapia: un miglioramento, quindi, di 2,5 mesi.

In sostanza, dunque, il nivolumab sarebbe in grado di offrire un miglioramento globale della qualità di vita dei pazienti rispetto alla chemioterapia, causando anche meno effetti collaterali.

Fonte | Bristol Myers Squibb

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.