Coronavirus in Italia, il punto della Protezione Civile: 37 persone guarite in Lombardia, 40 in totale in Italia

Il punto della Protezione Civile alle 12.30 del 27 febbraio 2020 in merito alla situazione della diffusione del Coronavirus in Italia.
Sara Del Dot 27 febbraio 2020
* ultima modifica il 09/06/2020

“Oggi vorrei cominciare con una buona notizia. Dalla Regione Lombardia è arrivata comunicazione di 37 persone guarite. Questo dato verrà poi validato dall'Istituto superiore di Sanità”. Queste le parole di Angelo Borrelli, Capo della Protezione Civile, nel corso dell’aggiornamento quotidiano delle 12.30 sulla situazione della diffusione del Coronavirus in Italia presso la sede della Protezione Civile.

“I numeri della Regione Lombardia sono quindi complessivamente 305 persone contagiate e 37 guarite, che a livello nazionale si aggiungono ai 3 già dichiarati guariti a Roma. Ci auguriamo che le guarigioni siano sempre più tempestive e repentine.

In totale in Italia abbiamo 528 persone positive. Di queste 474 sono in assistenza. 278 persone si trovano in isolamento domiciliare e quindi non hanno bisogno di cure e ricoveri in strutture ospedaliere. 159 sono ricoverati con sintomi e 37 si trovano in terapia intensiva.”

Poi è passato ai dati dei contagi in riferimento alle singole regioni italiane:

“305 positivi in Lombardia, 98 in Veneto, 97 in Emilia.Romagna, 11 in Liguria, 3 in Lazio, 3 in Sicilia dove due risultano guariti, 2 in Toscana, 2 in Campania, 2 in Piemonte, 1 in Provincia di Bolzano e 1 in Abruzzo.”

Infine, Borrelli ha fatto il punto sulle risorse messe in campo per arginare l’emergenza:

“Abbiamo in campo un totale complessivo delle strutture operative per oltre 774 uomini e donne e oltre 180 mezzi. Per quanto riguarda il volontariato impiegato nei porti e altre attività abbiamo 800 volontari e volontarie impiegati nelle attività. Siamo arrivati quasi ai 3milioni di passeggeri controllati negli aeroporti e nei porti più di 110mila passeggeri.”

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.