Coronavirus in Italia, infermieri fatevi avanti: dopo i medici volontari, ecco il bando per 500 professionisti

La Protezione Civile ha pubblicato il bando per 500 nuovi infermieri che aiuteranno il sistema sanitario italiano nell’emergenza Coronavirus.
Alessandro Artuso 28 marzo 2020
* ultima modifica il 09/06/2020

Era di una settimana fa la notizia del bando per 300 medici indetto dalla Protezione civile per aiutare i malati affetti da Covid-19. La risposta dei medici era stata generosissima ed erano arrivate ben 7900 domande. Adesso è la volta degli infermieri. La Protezione Civile ha infatti pubblicato un bando per 500 professionisti che dovranno aiutare il sistema sanitario italiano durante l'emergenza Coronavirus. Il Dipartimento valuterà la candidature sulla base delle esperienze professionali.

Chi può partecipare

Saranno presi in considerazione coloro che sono dipendenti del Servizio sanitario nazionale, i dipendenti di strutture sanitarie anche non accreditate con il Servizio e gli infermieri liberi professionisti "anche con rapporto di somministrazione di lavoro". La partecipazione è volontaria e quindi chiunque voglia potrà fare domanda per offrire il suo contributo nelle corsie degli ospedali.

Dove saranno assegnati

Ci sono dei luoghi in tutta Italia dove i contagi sono molto più alti rispetto ad altri, ed è così che gli infermieri saranno assegnati alle zone più in difficoltà, a seguire quelle più vicine oppure alla stessa dalla quale si proviene. Le Regioni provvederanno all'alloggio del personale e al rimborso delle spese, ovviamente documentate da regolare prova, per il viaggio tra il domicilio e la sede assegnata.

Premio di solidarietà

Ogni infermiere scelto riceverà per ogni giorno di lavoro un premio di solidarietà forfettario di 200 euro che, però, non rientra nel reddito percepito e sarà donato direttamente dal Dipartimento della Protezione Civile. Per chi non dovesse essere coperto da assicurazione professionale per l'attività prestata si potrà stipulare una polizza.

Fonte| Protezione Civile

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.