Cosa succede se bevi acqua di mare: il tuo organismo può subire danni?

Bere acqua di mare è molto pericoloso, anche in piccole quantità. Se quindi ti trovi in una situazione di sopravvivenza, non farti tentare dall’acqua salata perché potrebbe causarti disidratazione e danni renali. Scopriamo insieme quali sono gli effetti di questa sostanza sul corpo.
Valentina Rorato 26 giugno 2020
* ultima modifica il 26/06/2020

Ti sarà capitato di bere almeno una volta acqua di mare. Un tuffo riuscito male, un’onda un po’ troppo forte o un amico che ti ha ficcato sotto la testa, per farti uno scherzo. Che cosa è successo? Per fortuna nulla, perché si tratta di una piccola quantità. Una cosa è sicura: ti sarai reso conto che l’acqua non ha per nulla un buon sapore perché contiene una quantità eccessiva di sale, potenzialmente pericolosa per il corpo umano.

Cos'è l'acqua salata?

L’acqua di mare è chiamata anche acqua salata. Come mai? È salina perché contiene quantità significative (denominate "concentrazioni") di sali disciolti, il più comune è il sale che tutti conosciamo: il cloruro di sodio. In questo caso, la concentrazione è la quantità (in peso) di sale nell'acqua, espressa in "parti per milione" (ppm). Se l'acqua ha una concentrazione di 10.000 ppm di sali disciolti, allora l'uno percento (10.000 diviso per 1.000.000) del peso dell'acqua proviene da sali disciolti. Mediamente la salinità del mare è del 35‰ (ovvero 35 grammi per 1 kg d'acqua) ma esistono mari ad elevata salinità, come il Mar Mediterraneo (38-39 ‰) e il Mar Rosso (43 ‰), caratterizzati da scarsa comunicazione con gli oceani adiacenti oltre che da un elevato tasso di evaporazione. Puoi quindi capire che la concentrazione del sale non è tutta uguale. Per esempio, vicino alla superficie, soprattutto nei mari tropicali, dove si verificare una forte evaporazione, l’acqua è più salata. Lo è meno in prossimità di un estuario, dove acqua dolce e acqua salata si mescolano.

Effetti dell'acqua di mare sul corpo

Per comprendere quali sono gli effetti dell’acqua di mare sul tuo corpo devi ricordare come funziona il principio di osmosi, secondo il quale l'acqua si sposta da una soluzione meno concentrata a una soluzione più concentrata, attraverso una membrana semipermeabile. La membrana cellulare permette all'acqua di passare, ma non alle particelle disciolte nell'acqua, come il sale.

In una situazione normale, la concentrazione di sale all'interno delle tue cellule è uguale alla concentrazione esterna. Esiste dunque un perfetto equilibrio osmotico. Quando bevi acqua, si verifica una differenza di concentrazione. L'acqua dall'esterno della tua cellula si sposta all'interno per mantenere l'equilibrio. Questa situazione è chiamata stato isotonico. Se però ingerisci troppa acqua di mare, questo prezioso equilibrio sarà alterato. E le tue cellule dovranno lavorare per ristabilirlo e purtroppo si manifesteranno degli effetti collaterali, come la disidratazione e danni ai reni. Ma vediamo cosa succede?

Disidratazione

Una volta ingerita acqua di mare, il tuo corpo si metterà al lavoro per sbarazzarsi del sale. In che modo? Ovviamente aumentando la produzione di urina. Ti ritroverai a espellere più acqua di quella che tu hai realmente bevuto e ciò causerà disidratazione. Avvertirai i caratteristici sintomi: sete, bocca molto asciutta e crampi, mentre il tuo sangue sarà meno liquido.

Pensa che alcuni animali hanno sviluppato dei modi per aggirare il problema di tutto quel sale in più nell'acqua di mare. Gli albatros, per esempio, hanno delle ghiandole saline speciali proprio dietro le orbite che raccolgono il sale presente nell’acqua e poi lo secerne in una soluzione salina che fuoriesce attraverso la punta del becco.

Danni ai reni

Se la disidratazione non fosse sufficiente, potresti incorrere in quelli che sono danni renali, sempre causati dall'osmosi. Mentre il sangue passa attraverso il rene per la purificazione, l'acqua in eccesso passa attraverso una membrana semipermeabile in un canale di raccolta all'interno del rene. La concentrazione di soluto nella camera è normalmente superiore a quella presente nel sangue. Se il sangue ha un'alta concentrazione di sale, tuttavia, l'acqua non passerà attraverso la barriera e il sangue non verrà purificato. Questo situazione metterà sotto pressione i reni e creerà un livello troppo elevato di proteine ​​nel sangue. Ne consegue che potresti subire danni ai reni, ma anche ad altri organi, come il cuore o il fegato.

Fonte | Unife; Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.