archivio-dati-dicembre

Covid in Italia: i numeri dei contagi e l’archivio dei dati dei mesi di novembre e dicembre 2021

Qui puoi trovare tutte le informazioni sulla quarta ondata di contagi da Covid-19 in Italia nei mesi di novembre e dicembre 2021, consultando i bollettini pubblicati ogni giorno dal Ministero della Salute: i nuovi casi giornalieri, i tamponi eseguiti, i numeri relativi alle prime, seconde e terze dosi di vaccino somministrate, i ricoveri in terapia intensiva e le ultime notizie relative alla situazione epidemiologica ed alla diffusione della variante Omicron.
Alessandro Bai 3 Gennaio 2022
* ultima modifica il 03/01/2022

I dati di Venerdì 31 dicembre 2021

Ecco qui i dati di Venerdì 31 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 144.243 nuovi contagi nelle ultime 24 ore
  • 155 nuovi decessi da ieri
  • 1.224.025 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • Tasso di positività: 11,8%
  • 110.866.397 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 48.046.743 persone con almeno una dose di vaccino: è l'88,96% della popolazione over12
  • 46.363.603 persone con due dosi di vaccino e che hanno dunque completato il ciclo vaccinale: è l'85,84% della popolazione over12
  • 19.300.039 persone con la terza dose di vaccino: è il 62,26% della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • 300.692 bambini tra 5 e 11 anni con almeno una dose (299 hanno invece completato il ciclo vaccinale: si tratta dello 0,01 % della popolazione 5-11)
  • +34 persone ricoverate in terapia intensiva (119 nuovi ingressi giornalieri, 1.260 in totale)
  • +284 persone ricoverate con sintomi (11.150 in totale)
  • +121.203 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 888.574)
  • +121.521 persone attualmente positive (il totale è di 900.984)
  • 22.579 nuovi guariti da ieri (5.087.297 in totale)
  • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (41.458), la Toscana (16.886), la Campania (14.587) e il Piemonte (11.501).

Nelle ultime 24 ore i 1.150.352 tamponi effettuati hanno fatto registrare ben 128.888 nuovi positivi, con un tasso di positività schizzato all'11,03%. Un'altra impennata, insomma, che a breve rischia di far cambiare colore a più di una Regione d'Italia, su tutte il Lazio e la Lombardia, che da giorni guida la classifica dei territori con il più alto numero di contagi.

La campagna di vaccinazione contribuisce in parte a tenere la situazione un po' più in equilibrio. In questo senso i numeri un po' confortano visto che l'88,91% della popolazione over 12 ha ricevuto almeno una dose, l'85,79% ha completato il ciclo vaccinale e 18.796.118 persone che hanno ricevuto anche il richiamo.

Eppure non basta. Gli ospedali infatti continuano a riempirsi: ieri sono stati 41 i nuovi ricoveri in terapia intensiva, per un totale di 1.226 persone, e 10.866 (ieri +288) quelli negli altri reparti ospedalieri. Guardando bene, però, si nota che il 70% dei pazienti ricoverati non ha ricevuto neanche una dose di vaccino.

Per tappezzare questa falla, arginare i contagi e il dilagare della variante Omicron il Governo ha così inasprito ancora di più le misure introducendo l'obbligo di Super Green anche per salire sui mezzi di trasporto e per accedere a moltissime altre attività per le quali prima bastava anche solo un tampone. Di fatto, insomma, ha autorizzato il lockdown per i non vaccinati.

Ma dall'altra parte, si è visto costretto ad alleggerire le misure di isolamento e di quarantena per i vaccinati venuti a contatto con un positivo. Sarebbe stato un paradosso se il Paese fosse rimasto ancora una volta bloccato per i contagi nonostante la vaccinazione così, da oggi, se una persona che ha completato il ciclo vaccinale o ha fatto il richiamo entra in contatto con un infetto non dovrà restare isolato: gli basterà andare in giro con una mascherina FFP2 e ottenere un tampone negativo dopo 5 giorni.

I dati di giovedì 30 dicembre 2021

Vediamo insieme i dati di giovedì 30 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 126.888 nuovi contagi
  • 156 decessi nelle ultime 24 ore
  • 1.150.352 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 48.022.144 persone con almeno una dose di vaccino (88,91 % della popolazione over 12)
  • 46.335.020 persone che hanno completato il ciclo di due dosi (85,79 % della popolazione over 12)
  • 18.796.118 persone che hanno ricevuto il booster (60,63 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • +41 ricoveri in terapia intensiva (1.226 in totale con 134 nuovi ingressi)
  • +288 ricoverati con sintomi (10.866 in totale)
  • +104.269 persone in isolamento domiciliare (767. 371 in totale)
  • +104.598 persone attualmente positive (779.463)
  • 22.246 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+39.152), Toscana (+15.830), Piemonte (+11.515) e Campania (+11.492)
  • 11,03% è il tasso di posività

La curva dei contagi continua a crescere a un ritmo esponenziale, tanto che ieri abbiamo superato i 98mila nuovi casi in un solo giorno. Dai dati di oggi dovremmo ragionevolmente attenderci di raggiungere le sei cifre. Nonostante da due giorni a ritmo record per i tamponi (ci manteniamo sempre al di sopra del milione, una quota mai vista prima) il tasso di positività è comunque aumentato e ora tocca il 9,5%.

Ma è sui ricoveri che dobbiamo concentrarci. Non è un buon segno, ad esempio, un +40 posti letto occupati nelle terapie intensive con ben 126 ingressi in un solo giorno. È già stata superata la prima soglia critica del 10% di occupazione e le regioni si stanno attrezzando. In Lombardia è pronta a riaprire la TI di emergenza alla Fiera di Milano, mentre Marche, Liguria e Veneto iniziano a parlare di zona arancione. Di sicuro a partire da lunedì 3 gennaio vedremo diverse regioni colorarsi di giallo, come Lazio e, appunto, la Lombardia. Tra i pazienti ricoverati, circa il 70% appartiene alla schiera dei no vax. I più anziani, invece, risultano spesso privi di booster, mentre sono in aumento le ospedalizzazioni tra la popolazione pediatrica che ancora non ha potuto vaccinarsi.

Ci sono però altre novità importanti sul fronte della lotta e della convivenza con il virus. La prima riguarda la quarantena: chi è vaccinato con terza dose e ha avuto un contatto stretto con un positivo non dovrà più rimanere isolato per 7 giorni, ma semplicemente indossare una mascherina Ffp2 per una settimana a patto che non presenti alcun sintomo. Si estende inoltre l'obbligo di green pass rafforzato che a partire dal 10 gennaio sarà in vigore anche sui mezzi di trasporto pubblici, ristoranti all'aperto, comprensori sciistici e così via. Una forma di obbligo vaccinale indiretto e di lockdown per i non vaccinati simili a quelli già in vigore in Germania e Austria.

I dati di mercoledì 29 dicembre 2021

Ecco qui i dati di mercoledì 29 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 98.030 nuovi contagi da ieri
  • 148 nuovi decessi
  • 1.029.429 tamponi effettuati da ieri (antigenici e molecolari)
  • Tasso di positività: 9,5%
  • 109.646.086 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.996.475 persone con almeno una dose: si tratta dell'88,87 % della popolazione over 12
  • 46.305.667 persone con almeno due dosi e con il ciclo vaccinale completo: si tratta dell'85,74 % della popolazione over 12
  • 18.253.942 persone con la terza dose di vaccino: si tratta del 58,88 % della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • +40 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornaleiri sono stati 126, il totale èp di 1.185)
  • +489 persone ricoverate con sintomi: il totale è di 10.578
  • +75.468 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 663.102)
  • +75.997 persone attualmente positive (il totale è di 674.865)
  • +21.871 nuovi guariti da ieri (il totale è di 5.042.472)
  • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (32.696), la Campania (9.802), il Piemonte (9.671) e il Veneto (8.666).

I dati di ieri confermano che la situazione epidemiologica in Italia sta purtroppo peggiorando rapidamente. Nella giornata di martedì è stato registrato il più alto numero di contagi da inizio pandemia: ben 78.313. Il tasso di positività è salito a 7,5%, raggiunto con 1.034.677 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici), mentre i decessi hanno sfondato quota 200 (ben 202).

Se a questo aggiungi i +366 ricoverati con sintomi (in totale sono 10.089), le +19 persone in terapia intensiva (per un totale di 1.145) e le +60.967 persone in isolamento domiciliare (oggi salite a 506.530) capisci che le ulteriori misure restrittive cui sta lavorando il Governo per respingere la variante Omicron sono assolutamente necessarie.

Sul tavolo del Cts e quindi poi del Consiglio dei Ministri ci sono varie ipotesi: l'estensione dell'obbligatorietà Green Pass rafforzato anche per accedere ai luoghi di lavoro, il lockdown per i non vaccinati, l'obbligo vaccinale.

I dati di martedì 28 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di oggi martedì 28 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 78.313 nuovi contagiati
  • 202 decessi da ieri
  • 1.034.677 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 7,5%
  • 47.969.495 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta dell'88,82% della popolazione over 12
  • 46.263.212 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta dell'85,66% della popolazione over 12
  • 17.662.472 persone che hanno effettuato anche la terza dose di richiamo: si tratta del 56,97% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • +366 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.089)
  • +19 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 1.145, con 119 ingressi giornalieri)
  • +60.967 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 506.530)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+28.795), Piemonte (+7.933), Veneto (+7.403), Campania (+7.181), Lazio (+4.288), Toscana (+4.453)
dati-covid-28-dic

Negli ultimi due giorni abbiamo assistito ad un calo dei nuovi casi dovuto però alla riduzione dei tamponi effettuati nei giorni festivi del 25 e 26 dicembre. Ovviamente, al di là di questi numeri provvisori, è sempre alta la soglia di attenzione verso questa nuova ondata di contagi, guidata dalla diffusione della variante Omicron (quali sono i sintomi?).

Nel frattempo, con due milioni e mezzo di italiani costretti in quarantena o in isolamento a causa di un contatto con un positivo, è stato convocato il Cts che domani dovrà fornire il proprio parere sull'ipotesi di accorciare a 3-5 giorni il periodo di separazione dalla collettività dei contatti dei casi Covid-19 che abbiano già ricevuto la terza dose di vaccino, una misura pensata per evitare la paralisi di gran parte del Paese.

I dati di lunedì 27 dicembre 2021

Ecco i dati di lunedì 27 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 47.947.263 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta dell'88,77% della popolazione over 12
  • 46.217.395 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta dell'85,57% della popolazione over 12
  • 17.193.238 persone che hanno effettuato anche la terza dose di richiamo: si tratta del 55,46% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • 30.810 nuovi contagiati
  • 142 decessi da ieri
  • +20.665 casi positivi (in totale 537.504)
  • +9.992 dimessi/guariti
  • 343.968 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 8,9%
  • +503 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 9.723)
  • +41 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 1.126, con 100 ingressi giornalieri)
  • +20.125 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 526.655)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+5.065), Piemonte (+4.611), Emilia-Romagna (+3.482)

I dati di domenica 26 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di domenica 26 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 24.833 nuovi contagiati
  • 81 decessi da ieri
  • 217.052 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 11,44%
  • 47.943.017 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta dell'88,77% della popolazione over 12
  • 46.210.620 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta dell'85,56% della popolazione over 12
  • 17.053.754 persone che hanno effettuato anche la terza dose di richiamo: si tratta del 55,01% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • +328 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 9.220)
  • +18 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 1.089, con 85 ingressi giornalieri)
  • +16.027 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 506.530)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+4.581), Lazio (+3.665), Toscana (+3.075), Emilia-Romagna (+2.921), Veneto (+2.093)
dati-covid-26-dic

I dati di sabato 25 dicembre 2021

Non appena disponibili, pubblicheremo qui i dati di sabato 25 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 54.762 nuovi contagi oggi (nuovo record per il terzo giorno di fila)
  • 144 morti ieri
  • Tasso di positività: 5,65%
  • 14.851 guariti da ieri
  • 969.752 tamponi totali effettuati ieri
  • 1.071 ricoverati in terapia intensiva (+33 rispetto di ieri)
  • 106 ingressi del giorno in terapia intensiva (+4 rispetto a ieri)
  • 8.892 ricoverati con sintomi (+80 rispetto a ieri)
  • 136.530 morti accertati da inizio pandemia in Italia
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Lombardia (17.332), Veneto (5.402), Campania (4.837), Lazio (4.171), Piemonte (3.756) e Toscana (3.438)
  • 108.216.862 dosi di vaccino somministrate finora
  • 47.942.752 persone hanno ricevuto una somministrazione (ovvero l'88,77 % della popolazione over 12)
  • 46.210.582 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'85,56 % della popolazione over 12)
  • 17.044.568 persone hanno ricevuto la dose addizionale/booster (ovvero il 54,98 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • 158.748 bambini della fascia 5-11 hanno ricevuto almeno una dose (ovvero il 4,34 % della popolazione 5-11)

I dati di venerdì 24 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di venerdì 24 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 50.599 nuovi contagiati
  • 929.775 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici, esclusi i fai da te)
  • 141 decessi in 24 ore
  • +90 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 8.812)
  • +15 ricoverati in terapia intensiva (oggi sono in totale 1.038, con 102 ingressi del giorno)
  • +30.140 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 450.824)
  • 47.932.221 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta dell'88,75% della popolazione over 12
  • 46.199.050 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta dell'85,54% della popolazione over 12
  • 16.791.194 persone che hanno effettuato anche la terza dose di richiamo: si tratta del 54,16 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • Tasso di positività: 5,44%
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+16.044), Veneto (+5.074), Piemonte (+4.609), Campania (+4.541), Lazio (+3.475)
dati-covid-24-dicembre

Come puoi vedere, i dati ormai parlano da sé: i nuovi contagi da Covid-19 stanno aumentando rapidamente, con una crescita di circa 15mila casi giornalieri nel giro di due giorni, accompagnata da un incremento delle ospedalizzazioni e dei ricoveri in terapia intensiva.

È proprio per arginare questa nuova ondata di contagi che il Governo ha approvato il decreto festività, che prevede misure più restrittive come l'obbligo di indossare le mascherine all'aperto e le Ffp2 in alcuni luoghi specifici, dai cinema agli stadi, la riduzione della durata del Green pass a 6 mesi e l'anticipo della somministrazione della terza dose a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario.

I dati di giovedì 23 dicembre 2021

Ecco i dati di giovedì 23 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 44.595 nuovi contagiati da ieri
  • 168 nuovi decessi da ieri
  • +27.300 persone attualmente positive (il totale è di 430.029)
  • +17.117 nuovi guariti (il totale è di 4.950.780)
  • Le regioni più colpite sono: la Lombardia (12.913), il Veneto (5.023), il Piemonte (4.304) e la Campania (3.599)
  • 107.437.951 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.910.241 persone con almeno una dose: si tratta dell'88,71% della popolazione over 12
  • 46.173.182 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta dell'85,49% della popolazione over 12
  • 16.363.488 persone che hanno effettuato anche la terza dose di richiamo: si tratta del 52,78 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • 901.450 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
  • Tasso di positività: 4,9%
  • +178 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 8.722)
  • +13 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 93, il totale è di 1.023)
  • +27.109 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 429.284)

Altro record (negativo) di contagi ieri, con le 36.293 persone risultate positive in sole 24 ore. A fronte di 779.303 tamponi effettuati, il tasso di positività è salito al 4,7%, i decessi invece sono stati 146. È chiaro dunque che la curva continua a salire e anche in fretta, per questo è convocata per oggi una cabina di regia per valutare l'introduzione di nuove misure ad hoc per le Feste.

Tra i numeri in aumento ci sono anche quelli dei ricoveri con sintomi, che con il +163 di ieri arrivano a un totale di 8.544 persone ospedalizzate, e soprattutto quelli delle terapie intensive: sebbene il piccolissimo calo (-2) di ieri, siamo comunque oltre la soglia di 1000 persone ricoverate (siamo a 1010).

Il vaccino, lo scudo più forte che abbiamo contro il virus, intanto procede a buoni ritmi. Ieri erano 47.886.817 le persone con almeno una dose (l'88,66% della popolazione over 12), 46.145.430 quelle che con due dosi hanno quindi completato il ciclo primario (buon dato visto che siamo all'85,44% della popolazione over 12) e 15.866.554 le persone invece che hanno effettuato anche la terza dose di richiamo (oltre il 50%della popolazione potenzialmente oggetto).

Per quanto riguarda la fascia di bambini tra i 5 e gli 11 anni, la più colpito in questa quarta ondata, sono oltre 122mila le somministrazioni. In più, dopo l'ok di Ema, anche Aifa ha dato il via libera al vaccino Novavax, il quinto ora disponibile nel nostro Paese.

Lo scudo, però, sembra non bastare quindi via a nuove restrizioni. Sul tavolo del Governo ci sarebbe l'introduzione dell'obbligo di mascherine all'aperto, la riduzione del tempo tra la seconda e la terza dose da 5 a 4 mesi, se non addirittura a 3 come succede già nel Regno Unito e quindi il taglio della validità del Green pass rafforzato a soli 6 mesi. Si valuta anche la necessità di un tampone negativo nelle 24 ore precedenti per chi con solo due dosi vuole partecipare a feste o andare in discoteca e anche l'obbligo vaccinale.

I dati di mercoledì 22 dicembre 2021

Ecco qui i dati di mercoledì 22 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 36.293 nuovi contagiati da ieri
  • 146 nuovi decessi da ieri
  • 779.303 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
  • Tasso di positività: 4,7%
  • 106.870.004 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.886.817 persone con almeno una dose: si tratta dell'88,66% della popolazione over 12
  • 46.145.430 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta dell'85,44% della popolazione over 12
  • 15.866.554 persone che hanno effettuato anche la terza dose di richiamo: si tratta del 51,18 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • -2 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 92, il totale è di 1010)
  • +163 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 8.544)
  • +18.424 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 393.175)
  • +18.585 persone attualmente positive (il totale è di 402.729)
  • +17.595 nuovi guariti (il totale è di 4.933.663)
  • Le regioni più colpite sono: la Lombardia (10.569), il Veneto (4.522), il Piemonte (3.290) e la Campania (2.650).

Continua a crescere la curva epidemiologica nel nostro Paese. Ieri, infatti, sono stati 30.798 i nuovi contagi (il dato più alto dall'inizio dell'anno) e ben 153 decessi, con un tasso di positività salito al 3,6% a fronte di 851.865 tamponi effettuati tra antigenici e molecolari. Abbiamo inoltre superato la soglia dei mille ricoverati in terapia intensiva (ora siamo a quota 1.012) e siamo a ridosso delle 9mila persone ricoverate con sintomi (8.831).

In questo contesto di contagio aumentato, tuttavia, i numeri della campagna di vaccinazione sono buoni: l'88,62% della popolazione over 12  con almeno una dose, l'85,39% con un ciclo primario completato, il 75,18% con anche la terza dose di richiamo e ben 91.394 bambini tra i 5 a 11 anni con almeno una somministrazione. È merito del successo della campagna se potremo trascorrere un Natale senza restrizioni troppo severe, a differenza di molti paesi europei.

Niente lockdown o ristoranti chiusi, insomma. Anche se per domani sono attese novità da parte del premier Draghi a proposito di misure ad hoc per questi giorni festivi. Il Governo sta infatti riflettendo sul ritorno dell'obbligo di mascherina all'aperto, la riduzione della validità del Green pass a 6 mesi (contro i 9) e alla possibilità di accedere alla terza dose necessariamente dopo 4 mesi e non più gli attuali 5.

I dati di martedì 21 dicembre 2021

Vediamo insieme i dati di martedì 21 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 30.798 nuovi contagi
  • 153 decessi
  • 851.865 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 3,6% è il tasso di positività
  • 47.862.253 persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (88,62 % della popolazione over 12)
  • 46.118.032 persone che hanno completato il ciclo vaccinale di due dosi (85,39 % della popolazione over 12)
  • 15.372.514 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (75,18 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 91.394 totale persone tra i 5 a 11 anni con almeno una dose (2,50 % della popolazione 5-11)
  • 83 totale persone tra i 5 a 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale
  • +25 persone in terapia intensiva (1.012 in totale con 96 nuovi ingressi)
  • +730 ricoverati con sintomi (8.831 in totale)
  • +14.136 in isolamento domiciliare (374.751 in totale)
  • +14.441 persone attualmente positive (384.144 in totale)
  • 16.189 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Lombardia (+8.292), Veneto (+4.716), Campania (+2.297) e Lazio (2.285)

Tasso di positività ormai costantemente superiore al 4% e ricoveri in aumento (seppure più contenuti rispetto alle precedenti ondate). Per fortuna a crescere sono anche le vaccinazioni: oltre l'88% della popolazione over12 ha ricevuto la prima dose, mentre abbiamo già raggiunto il 72% di over 18 che si sono sottoposti a quella addizionale, o booster. E sono proprio i vaccini a permetterci di vivere un Natale senza eccessive restrizioni e sicuramente con meno di quelle che dovevamo rispettare lo scorso anno.

A proposito di vaccini, ieri Ema, l'Agenzia europea per i medicinali, ha approvato Nuvaxovid, prodotto da Novavax. Si tratta di un vaccino proteico, quindi che si basa su una tecnologia precedente a quella a mRNA. In ogni caso, le percentuali di efficacia e sicurezza sono significative: dagli studi è emersa una protezione del 90% contro la malattia in forma sintomatica ed effetti collaterali simili a quelli dei vaccini che già utilizziamo. In Italia il suo arrivo è atteso per il 2022, anche se non è ancora chiara la sua capacità di copertura contro la variante Omicron.

Giovedì si riunirà il Cts per discutere di eventuali misure restrittive pensate ad hoc per il periodo delle Feste. Sembra probabile il ritorno dell'obbligo di mascherina all'aperto e la riduzione del green pass a 5, 6 o 7 mesi dopo la seconda dose, rendendo quindi necessaria la terza. Trattative aperte invece per l'obbligo vaccinale esteso a tutti i lavoratori e per l'obbligo di tampone anche ai vaccinati che vogliono partecipare a feste o eventi, oppure andare al cinema.

I dati di lunedì 20 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di lunedì 20 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 16.213 nuovi contagiati
  • 337.222 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • 137 decessi da ieri
  • Tasso di positività: 4,8%
  • +375 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 8.101)
  • +21 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 987, con 73 nuovi ingressi giornalieri)
  • +7.120 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 360.615)
  • 47.834.551 persone con almeno una dose di vaccino (88,57% della popolazione over 12)
  • 46.085.894 persone che hanno completato il ciclo di due dosi (85,33% della popolazione over 12)
  • 14.884.647 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (72,79% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+2.576), Emilia-Romagna (+2.369), Veneto (+2.304), Lazio (+1.638) e Piemonte (+1.581)
  • 8.640 guariti / dimessi da ieri
  • +7.428 attuali positivi (oggi sono in totale 369.703)
dati-covid-21-dic

In linea con i giorni precedenti, anche nel fine settimana il tasso di positività si è mantenuto stabilmente oltre il 4%, con 123 e 97 decessi giornalieri registrati rispettivamente sabato e domenica. All'inizio della settimana che porterà al Natale, tre Regioni (Marche, Liguria, Veneto) e la provincia autonoma di Trento passano in zona gialla, ma il Governo sta studiando ulteriori misure per arginare la diffusione del Covid-19, in particolare della variante Omicron.

C'è infatti il rischio che tutto il Paese possa entrare in zona arancione per via dell'aumento dei dati relativi all'occupazione dei posti in area medica e terapia intensiva. In ogni caso, eventuali decisioni definitive verranno prese soltanto nella cabina di regia convocata per il 23 dicembre, convocata dal presidente del consiglio Mario Draghi.

Per questo motivo, sarà particolarmente importante nelle prossime settimane il ritmo delle somministrazioni della terza dose di vaccino, che secondo il consulente del Ministero della Salute Walter Ricciardi dovrebbe diventare una condizione imprescindibile per poter ottenere il Green pass, considerato il calo della protezione nei vaccinati da oltre 5 mesi.

I dati di domenica 19 dicembre 2021

Vediamo insieme i dati di domenica 19 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 24.259 nuovi contagi
  • 97 decessi nelle ultime 24 ore
  • 566.300 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 4,2% è il tasso di positività
  • 47.828.351 persone con almeno una dose di vaccino (88,55 % della popolazione over 12)
  • 46.083.188 persone che hanno completato il ciclo di due dosi (85,32 % della popolazione over 12)
  • 14.766.437 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (72,22 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • +13 ricoverati in terapia intensiva (966 in totale con 78 nuovi ingressi)
  • +150 ricoverati con sintomi (7.726 in totale)
  • 353.583 persone in isolamento domiciliare
  • +14.803 attualmente positivi (362.275 in totale)
  • 9.403 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+5.397), Veneto (+3.442), Emilia-Romagna (+2.500), Lazio (+2.404)

I dati di sabato 18 dicembre 2021

Ecco i dati di sabato 18 dicembre 2021 pubblicati dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 28.064 nuovi contagi oggi
  • 697.740 tamponi effettuati
  • 123 morti da ieri
  • Tasso di positività: 4,02%
  • 7.576 ricoverati con sintomi (+56 rispetto a ieri)
  • 953 ricoverati in terapia intensiva (+30 rispetto a ieri)
  • 95 ingressi del giorno in terapia intensiva (+25 rispetto a ieri)
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Lombardia (6.119), Veneto (4.016), Emilia-Romagna (2.451), Lazio (2.409), Piemonte (2.326), Campania (2.256)
  • 104.858.805 dosi di vaccino somministrate finora
  • 47.792.071 persone vaccinate con almeno una dose (cioè l'88,49 % della popolazione over 12)
  • 46.052.152 persone hanno completato il ciclo vaccinale (cioè l'85,27 % della popolazione over 12)
  • 14.119.633 persone hanno ricevuto la dose addizionale o il richiamo
  • 28.909 bambini 5-11 anni hanno ricevuto la prima dose (cioè lo 0,79 % della popolazione 5-11)

I dati di venerdì 17 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di venerdì 17 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 28.632 nuovi contagiati
  • 120 morti da ieri
  • 669.160 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 4,27%
  • 47.759.183 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (ovvero l'88,43% della popolazione over 12)
  • 46.024.585 persone hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero l'85,22% della popolazione over 12)
  • 13.603.779 persone hanno ricevuto il richiamo o la dose addizionale (ovvero il 66,53% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • 15.063 bambini nella fascia di età 5-11 anni hanno ricevuto almeno una dose di vaccino
  • +182 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 7.520)
  • +6 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 923, con 70 ingressi giornalieri)
  • +13.850 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 323.525)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+5.590), Veneto (+5.577), Piemonte (+2.510), Emilia-Romagna (+2.507) e Lazio (+2.121)
  • 14.457 dimessi / guariti da ieri
  • +14.038 attuali positivi
dati-covid-17-dic

Parallelamente al numero dei nuovi contagi, ieri saliti a oltre 26mila, cresce in modo importante anche l'incidenza, passata in 7 giorni da 176 a 241 casi di Covid-19 ogni 100mila abitanti, come segnalato dai dati settimanali della Cabina di regia. L'indice Rt, invece, è in leggero calo e scende da 1,18 a 1,13, ma a partire da lunedì 20 dicembre Liguria, Marche, provincia di Trento e Veneto si aggiungeranno alla lista delle Regioni in zona gialla.

Rimane alta l'attenzione verso la soglia di occupazione delle aree mediche a livello nazionale, salita al 12,1%, e delle terapie intensive, che si è spinta fino al 9,6%, avvicinandosi pericolosamente alla soglia di allerta del 10%. Da ieri, inoltre, sono iniziate le somministrazioni del vaccino anti Covid per la fascia 5-11 anni, con gli under 12 che hanno ricevuto circa 115mila inoculazioni in un solo giorno. Rimane alta l'attenzione verso la soglia di occupazione

I dati di giovedì 16 dicembre 2021

Ecco i dati di giovedì 16 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 26.109 nuovi contagi da ieri
  • 123 nuovi decessi da ieri
  • Tasso di positività: 3,6%
  • 103.681.440 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.728.593 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (ovvero l'88,37% della popolazione over 12)
  • 46.002.239 persone hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero l'85,17% della popolazione over 12)
  • 13.082.103 persone hanno ricevuto il richiamo o la dose addizionale (ovvero il 63,98% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • 382 bambini nella fascia di età 5-11 anni hanno ricevuto almeno una dose di vaccino
  • +47 persone in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 101, il totale è di 917)
  • +29 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 7.338)
  • +12.201 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 309.675)
  • +12.277 persone attualmente positive (il totale è di 305.653)
  • +13.704 nuovi guariti da ieri (il totale è di 4.854.949)
  • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (5.304), il Veneto (3.383), il Lazio (2.652) e il Piemonte (2.197).

A fronte di 634.638 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 23.195 i nuovi contagi da Covid 19 registrati e 129 i decessi. Una situazione che impone lo stato di allerta e che non permette di allentare certe restrizioni.

Relativamente alla campagna vaccinale sono 47.728.593 le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (pari all’88,37% della popolazione over 12) mentre 46.002.239 persone hanno completato il ciclo vaccinale delle due dosi previste inizialmente. Tuttavia la novità di oggi è l’avvio della campagna vaccinale anche per la fascia di età tra i 5 e gli 11 anni. Dopo la Regione Lazio che ieri ha fatto da apripista, da oggi il vaccino ai bambini sarà offerto in tutte le Regioni.

"L’offerta del vaccino ai bambini è a orientata a proteggere la loro salute e a tutelare la loro frequenza a scuola e i loro momenti didi socializzazione – ha voluto sottolineare Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità -. Anche i bambini hanno pagato un prezzo importante a causa della pandemia. Il vaccino è una misura che viene offerta nel miglior interesse della salute fisica e psichica dei bambini”.

Secondo quanto dichiarato poi dal sottosegretario Costa a partire da fine marzo i vaccini potrebbero essere disponibili anche per la fascia 0-5 anni.

I dati di mercoledì 15 dicembre 2021

Ecco qui i dati di mercoledì 15 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 23.195 nuovi contagiati da ieri
  • 129 decessi nelle ultime 24 ore
  • 634.638 tamponi effettuati (tra antigenici e rapidi)
  • 103.104.085 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.696.102 persone con almeno una dose: si tratta dell'88,31 % della popolazione over 12
  • 45.975.355 persone che hanno ricevuto due dosi completando il ciclo vaccinale primario (si tratta dell'85,12 % della popolazione over 12)
  • 12.563.534 persone che hanno ricevuto anche la terza dose addizionale/booster: è il 61,44% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi
  • +7 ricoveri in terapia intensiva (il totale è di 870 persone, gli ingressi giornalieri sono stati 84)
  • +146 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 7.309)
  • +8.106 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 297.474)
  • +8.259 persone attualmente positive (il totale sale a 305.653)
  • +14.802 nuovi guariti, per un totale di 4.481.245
  • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (4.765), il Veneto (3.677), l'Emilia-Romagna (1.898) e il Lazio (1.887).

Il conteggio dei casi ieri ha fatto registrare un +20.677 positivi a fronte di 776.563 tamponi effettuati che, come sai, contemplano sia i molecolari che gli antigenici. Rispetto ai numeri di inizio settimana, l'aumento torna ad essere più marcato, segno che la quarta ondata sta prendendo sempre più piede anche nel nostro paese.

Sono stati infatti +7 i ricoveri in terapia intensiva (per un totale è di 863) mentre +212 sono state le persone ricoverate con sintomi altri reparti ospedalieri, facendo salire il totale a 7.163. Numeri in crescita m tutto sommato ancora sotto controllo merito soprattutto degli altri numeri, quelli che riguardano la campagna vaccinale.

Ben 47.663.834 persone, quindi l'88,25% della popolazione over 12, ha ricevuto almeno una dose di vaccino mentre l'85,08% degli adulti (quasi 46milioni di persone) ha invece completato il proprio ciclo primario ricevendo quindi entrambe le due dosi. A questo ci sono da aggiungere le 12.078.543 persone che hanno ricevuto anche la dose addizionale/richiamo.

Sul fronte vaccino, c'è da segnare sul calendario anche la data di domani: giovedì 16 dicembre 2021, infatti, partirà la vaccinazione per la popolazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni. In più, l'ultima novità riguarda lo stato di emergenza che il premier Draghi, con l'approvazione del Consiglio dei Ministri, ha prorogato di altri tre mesi fino quindi al 31 marzo 2022.

I dati di martedì 14 dicembre 2021

Ecco qui i dati di martedì 14 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 20.677 nuovi contagi da ieri
  • 120 decessi nelle ultime 24 ore
  • 776.563 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
  • Tasso di positività: 2,6%
  • 102.564.496 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.663.834 persone con almeno una dose (si tratta dell'88,25 % della popolazione over 12)
  • 45.952.064 persone che hanno completato il ciclo vaccinale con le due dosi (si tratta dell'85,08 % della popolazione over 12)
  • 12.078.543 persone che hanno ricevuto anche la dose addizionale/richiamo ( ritratta dell'59,07 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi)
  • +7 persone ricoverate in terapia intensiva (il totale è di 863, gli ingressi giornalieri sono stati 93)
  • +212 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 7.163)
  • +6.418 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 289.368)
  • +6.637 persone attualmente positive (il totale + di 297.394)
  • 13.908 nuovi guariti da ieri (il totale è di 4.826.443)
  • Le Regioni più colpite sono: il Veneto (4.088), la Lombardia (3.830), il Lazio (1.921) e il Piemonte (1.853).

Nella giornata di ieri sono stati registrati 12.712 nuovi contagi e 98 decessi. A fronte di 313.536 tamponi effettuati il tasso di positività è salito al 4%, leggermente più alto rispetto a domenica. Nonostante i casi positivi risultino meno rispetto agli altri giorni, come sai infatti succede ogni lunedì a causa del minor numero di tamponi effettuati nel weekend, la curva è comunque in continua salita.

Sono state infatti +254 le persone ricoverate con sintomi (per un totale di 6.951 persone) mentre +27 quelle finite in terapia intensiva (per un totale di 856 persone).

La campagna di vaccinazione a ieri ha fatto registrare 102.029.307 dosi somministrate in totale, 47.629.038 persone che hanno ricevuto almeno una dose (ovvero l'88,19% della popolazione over 12), 45.923.964 persone con due dosi (ovvero l'85,03% della popolazione over 12) e 11.605.340 persone che invece hanno ricevuto il richiamo o la dose addizionale (ovvero il 56,48% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster). Numeri importanti, quelli del vaccino, a cui da giovedì 16 si aggiungeranno anche quelli dell'immunizzazione dei bambini under12.

Oggi, poi, è atteso il parere positivo da parte del Governo sulla proroga allo stato di emergenza fino al 31 marzo 2022.

I dati di lunedì 13 dicembre 2021

Ecco i dati di lunedì 13 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 102.029.307 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.629.038 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (ovvero l'88,19% della popolazione over 12)
  • 45.923.964 persone hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero l'85,03% della popolazione over 12)
  • 11.605.340 persone hanno ricevuto il richiamo o la dose addizionale (ovvero il 56,48% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • 313.536 tamponi effettuati
  • 6.951 persone ricoverate con sintomi (+254 rispetto a ieri)
  • 856 persone ricoverate in terapia intensiva (+27 rispetto a ieri)
  • 12.712 nuovi contagi oggi
  • 290.757 gli attuali positivi (+5.880 rispetto a ieri)
  • Tasso di positività: 4%
  • 98 morti da ieri
  • +6.726 i dimessi guariti
dati-covid-13-dic

Nella giornata di ieri i nuovi casi di contagio da Covid 19 sono stati 19.215, mentre i decessi sono stati 66. Il tasso di positività rimane stabile (3,8% domenica, dopo il 3,7 di sabato). In ogni caso, se si escludono le preoccupazioni per l’alta contagiosità della variante Omicron, la settimana può iniziare in modo positivo: il super green pass introdotto da una settimana sta producendo l’effetto desiderato.

Ad oggi sono state vaccinate con almeno una dose 47.629.038 persone (88,19% della popolazione over 12), mentre hanno completato il ciclo vaccinale (due dosi in attesa della terza) 45.923-964 persone (85,03% della popolazione over 12). Dall’inizio del mese le dosi di vaccino somministrate hanno raggiunto i 5,1 milioni, superando l’obiettivo previsto (4,6 milioni) con una media giornaliera di 466.322 somministrazioni.

Da oggi sono aperte anche le prenotazioni per vaccinare i bambini della fascia 5-11 anni. Come ha ricordato il ministero della Salute, in base al decreto legge che istituiva il Green pass, i bambini sotto i 12 anni sono esentati dalla certificazione verde Covid-19 per accedere alle attività e servizi per cui è necessario il green pass.

I dati di domenica 12 dicembre 2021

Ecco i dati di domenica 12 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 19.215 nuovi contagi
  • 501.815 tamponi effettuati
  • Tasso di positività: 3,83%
  • 66 morti da ieri
  • 6.697 ricoverati con sintomi (+158 da ieri)
  • 829 ricoverati in terapia intensiva (+11 rispetto a ieri)
  • 54 ingressi del giorno in terapia intensiva (-22 rispetto a ieri)
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Lombardia (3.278), Veneto (3.271), Emilia-Romagna (1.973), Lazio (1.965), Campania (1.531)
  • 101.704.327 dosi di vaccino somministrate finora in Italia
  • 47.608.661 persone hanno ricevuto almeno una dose (ovvero l'88,15 % della popolazione over 12)
  • 45.914.923 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'85,01 % della popolazione over 12)

I dati di sabato 11 dicembre 2021

Ecco i dati di sabato 11 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 21.042 nuovi contagi
  • 565.077 tamponi effettuati
  • Tasso di positività: 3,72%
  • 96 morti da ieri
  • 10.205 guariti da ieri
  • 6.539 ricoverati con sintomi
  • 818 ricoverati in terapia intensiva (+2 rispetto a ieri)
  • 76 gli ingressi del giorno in terapia intensiva (lo stesso numero di ieri)
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Veneto (4.062), Lombardia (4.024), Lazio (1.745), Emilia-Romagna (1.733), Piemonte (1.652), Campania (1.329)
  • 101.202.665 dosi di vaccino somministrate finora
  • 47.578.105 persone hanno ricevuto almeno una dose (ovvero l'88,09 % della popolazione over 12)
  • 45.896.960 persone hanno completato il ciclo vaccinale (cioè l'84,98 % della popolazione over 12)

I dati di venerdì 10 dicembre 2021

Ecco qui i dati di venerdì 10 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 20.497 nuovi contagi
  • 118 morti nelle ultime 24 ore
  • 716.287 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
  • Tasso di positività: 2,86%
  • 100.629.050 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.540.726 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (ovvero l'88,02% della popolazione over 12)
  • 45.869.401 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'84,93% della popolazione over 12)
  • 10.345.598 persone hanno ricevuto il richiamo o la dose addizionale (ovvero il 50,35% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • +11.777 i nuovi guariti/dimessi
  • 263.148 gli attuali positivi (+8.595 rispetto a ieri)
  • + 5 le persone in terapia intensiva (in totale 816, con 76 nuovi ingressi)
  • + 150 i ricoverati con sintomi (in totale 6,483)
  • + 8.440 le persone in isolamento domiciliare (in totale 255.849)
  • Le regioni più colpite sono: Veneto (3.993), Lombardia (3.474) e Lazio (1.871)

Nella giornata di ieri nel nostro Paese si sono registrati 12.527 nuovi casi e il rapporto positivi/tamponi è salito fino al 4%. Segno che l'epidemia è in una fase di espansione, tanto che una sola regione (il Molise) è classificata dall'Istituto Superiore di Sanità a rischio basso. Crescono infatti i ricoveri ordinari in ospedale e quelli in terapia intensiva. Nel dettaglio, l’indice di contagio Rt a livello nazionale è a 1,18, in lieve calo rispetto alla settimana scorsa, mentre l’incidenza dei nuovi positivi al Covid-19 ogni 100 mila abitanti è arrivata a 176.

Intanto, prosegue la campagna di vaccinazione. Secondo l'ultimo monitoraggio della Fondazione Gimbe (aggiornato all'8 dicembre), in una settimana si è registrato un vero e proprio boom di terze dosi con 2,6 milioni di richiami e un aumento del 52,6%. Nonostante siano state somministrate 223mila prime dosi, con un aumento del 31,7% di nuovi vaccinati grazie all'introduzione del cosiddetto Super Green pass, rimangono scoperti ancora 2,5 milioni di over 50.

I dati di giovedì 9 dicembre 2021

Ecco i dati di giovedì 9 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 100.083.572 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.501.706 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (ovvero l'87,95% della popolazione over 12)
  • 45.835.370 persone hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero l'84,86% della popolazione over 12)
  • 9.871.725 persone hanno ricevuto il richiamo o la dose addizionale (ovvero il 48,04% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
  • 12.527 nuovi contagi oggi
  • 79 morti da ieri
  • 254.553 gli attuali positivi (+5.339 rispetto a ieri)
  • +7.098 i dimessi guariti
  • 312.828 tamponi effettuati
  • 6.333 persone ricoverate con sintomi (+234 rispetto a ieri)
  • 811 persone ricoverate in terapia intensiva (+20 rispetto a ieri)
  • Tasso di positività: 4%
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Veneto (+1.928), Emilia-Romagna (+1.656), Lombardia (+1.486) e Lazio (+1.376).

Nella giornata di ieri, a fronte di 564.698 tamponi effettuati, sono stati 17.959 mila i nuovi contagi rilevati, con un tasso di positività del 3,2 per cento. Il dato che preoccupa è quello relativo all’aumento delle degenze nelle terapie intensive, in particolare di pazienti no vax, numeri che preoccupano, perché da tempo (almeno 8 mesi fa) non erano così alti.

Nel frattempo buone notizie arrivano dalla campagna vaccinale in corso: ieri sono state superate le 100 milioni di dosi somministrate e, mentre l’84,86 per cento della popolazione over 12 ha ormai completato il ciclo vaccinale (due dosi), almeno l’87,85% ha ricevuto la prima dose. L’obiettivo è sempre quello di arrivare al 90 per cento della popolazione vaccinata, nella speranza che non solo i cosiddetti no vax si convincano ad aderire alla campagna vaccinale, ma anche che non vengano a mancare le scorte del vaccino Pfizer che sembrano essersi ridotte a 2,5 milioni.

I dati di Mercoledì 8 dicembre 2021

Ecco dati di Mercoledì 8 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 17.959 nuovi contagi oggi
  • 564.698 tamponi effettuati
  • Tasso di positività: 3,18%
  • 86 morti da ieri
  • 6.099 persone ricoverate con sintomi (+21 rispetto a ieri)
  • 791 persone ricoverate in terapia intensiva (+15 rispetto a ieri)
  • 62 ingressi del giorno in terapia intensiva
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Veneto (3.516), Lombardia (3.373), Lazio (1.554), Emilia-Romagna (1.391), Campania (1.175) e Piemonte (1.165)
  • 99.792.72 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.477.646 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (ovvero l'87,91 % della popolazione over 12)
  • 45.830.582 persone hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero l'84,86 % della popolazione over 12)
  • 9.609.029 persone hanno ricevuto il richiamo o la dose addizionale (ovvero il 46,76 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)

I dati di martedì 7 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di martedì 7 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 15.756 nuovi contagiati
  • 99 decessi da ieri
  • 695.136 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 2,26%
  • 47.434.836 persone con almeno una dose di vaccino (87,83% della popolazione over 12)
  • 45.809.339 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,82% della popolazione over 12)
  • 9.135.126 persone hanno ricevuto la dose booster (44,46 % della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi)
  • +199 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 6.078)
  • +33 ricoverati in terapia intensiva (oggi sono in totale 776, con 89 nuovi ingressi giornalieri)
dati-covid-7-dic

I dati di lunedì 6 dicembre 2021

Ecco i dati di lunedì 6 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 47.389.331 persone con almeno una dose di vaccino (87,74% della popolazione over 12)
  • 45.779.881 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,76% della popolazione over 12)
  • 8.682.311 le persone che hanno ricevuto la dose booster
  • 9.503 nuovi contagi
  • 92 morti
  • 235.835 gli attuali positivi (+3.835 rispetto a ieri)
  • +5.567 i nuovi dimessi/guariti da ieri
  • Le regioni con il maggior numero di nuovi casi sono: Emilia Romagna (+1.396), Lazio (+1.006) e Lombardia (+1.005)
  • 301.560 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
  • Tasso di positività: 3,1%
  • +282 ricoverati con sintomi (in totale 5.879)
  • +7 persone in terapia intensiva (in totale 743, con 45 nuovi ingressi)
  • +3.546persone in isolamento domiciliare (in totale 229.213)

Oggi è entrato in vigore il super Green Pass (sarà in vigore fino al 15 gennaio). il primo effetto di questa novità sono stati i circa 1.300.000 certificati scaricati nelle ultime ore, ma non è l’unico effetto dell'introduzione della nuova certificazione “rafforzata": anche la campagna vaccinale, infatti, ne è stata influenzata positivamente. Gli ultimi dati raccolti riferiscono che ogni giorno si fanno più di 80 mila dosi rispetto a quelle preventivate e che diminuiscono, al ritmo di 30 mila al giorno, anche gli oltre 7 milioni di no vax, vale a dire i soggetti che non hanno fatto neanche la prima dose.

Viene poi registrato un vero boom delle terze dosi: ad oggi sono più di 8 milioni le persone che si sono sottoposte alla dose booster, pari al 42,25% della popolazione che può ricevere questo richiamo addizionale.

Ieri, a fronte di 525.108 tamponi effettuati, sono stati 15.021 i nuovi contagi da Covid 19, 43 i decessi. Il tasso di positività rimane sopra il 2%, in leggerissimo aumento da sabato a domenica (da 2,61% a 2,86%).

I dati di domenica 5 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di domenica 5 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 15.021 nuovi contagi
  • 43 decessi da ieri
  • 525.108 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 2,86%
  • 47.366.068 persone con almeno una dose di vaccino (87,70% della popolazione over 12)
  • 45.771.130 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,75% della popolazione over 12)
  • 8.409.731 le persone che hanno ricevuto la dose booster 40,93% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 5 mesi)
  • +8.282 attuali positivi rispetto a ieri (oggi sono in totale 232.000)
dati-covid-5-dic

I dati di sabato 4 dicembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di sabato 4 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 16.632 nuovi contagiati
  • 75 decessi da ieri
  • 636.592 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 2,61%
dati-covid-5-dic

I dati di venerdì 3 dicembre 2021

Ecco i dati di venerdì 3 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano.

  • 17.030 nuovi contagi
  • 74 morti
  • 588.445 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
  • Tasso di positività: 2,89%
  • +9.658 i nuovi dimessi/guariti da ieri
  • 216.154 gli attuali positivi (+7.283 rispetto a ieri)
  • +10 persone in terapia intensiva (in totale 708, con 60 nuovi ingressi)
  • +87 ricoverati con sintomi (in totale 5.385)
  • +7.186 persone in isolamento domiciliare (in totale 216.154)
  • 47.296.424 persone con almeno una dose di vaccino (87,57% della popolazione over 12)
  • 45.726.944 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,66% della popolazione over 12)
  • 7.514.656 le persone che hanno ricevuto la dose booster (36,57% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 5 mesi)
  • Le Regioni con il maggior numero di nuovi casi sono: Veneto (+3.116), Lombardia (+2.809) e Emilia-Romagna (+1.633)

Nella giornata di ieri si sono registrati 16.806 nuovi casi e il rapporto positivi/tamponi è salito quasi al 2,5%. Sono ormai settimane che in Europa la pandemia è tornata a correre: c'è da dire che l'Italia è tra i Paesi europei con l'incidenza più bassa: 146 casi ogni 100 mila abitanti, come ha sottolineato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Preoccupa però la diffusione della variante Omicron, isolata per la prima volta in Sudafrica e arrivata anche nel Vecchio Continente. Secondo le previsioni dell'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, la variante Omicron dovrebbe rappresentare oltre la metà di tutte le infezioni da Covid in Europa entro i prossimi sei mesi. Non è un caso allora che diversi Paesi europei stiano pensando di introdurre delle forme di obbligo vaccinale: Austria e Grecia stanno percorrendo questa strada, e anche il governo tedesco si dice pronto a farlo.

I dati di giovedì 2 dicembre 2021

Ecco i dati di giovedì 2 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 47.263.701 persone con almeno una dose di vaccino (87,51% della popolazione over 12)
  • 45.709.352 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,63% della popolazione over 12)
  • 7.096.024 le persone che hanno ricevuto la dose booster
  • 16.806 nuovi contagi
  • 72 morti
  • 208.871 gli attuali positivi (+9.088 rispetto a ieri)
  • +7.650 i nuovi dimessi/guariti da ieri
  • Le regioni con il maggior numero di nuovi casi sono: Veneto (+2.873), Lombardia (+2.620) e Lazio (+1.810)
  • 679.462 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
  • Tasso di positività: 2,47%
  • +50 ricoverati con sintomi (in totale 5.298)
  • +12 persone in terapia intensiva (in totale 698, con 55 nuovi ingressi)
  • +9.026 persone in isolamento domiciliare (in totale 202.875)

Dopo il pronunciamento dell’Ema, nella giornata di ieri anche l’Agenzia del farmaco ha dato il via libera alla somministrazione del vaccino Pfizer ai bambini tra i 5 e gli 11 anni. Sarà somministrato un terzo della dose per adulti, rispettando le medesime tempistiche degli over 12: due dosi a distanza di tre settimane.

L’Aifa ha spiegato i motivi per cui sottoporre anche i bambini di questa fascia di età alla campagna vaccinale che potrebbe già partire prima di Natale: non solo nelle ultime settimane c’è stato "un chiaro incremento del numero di contagi" tra i bambini, ma anche perché vaccinando i bambini si proteggono anche gli altri tra cui i soggetti più fragili, come potrebbero per esempio essere i nonni e i famigliari con un'età avanzata.

Anche se il virus è meno cattivo con i bambini, in alcuni casi possono esserci delle "conseguenze gravi, come il rischio di sviluppare la sindrome infiammatoria multisistemica, che può richiedere anche il ricovero in terapia intensiva". Oltretutto vaccinando i bambini di questa fascia di età si riduce la possibilità di dover ricorrere alla DAD che ormai abbiamo capito non essere alla pari della didattica in presenza.

I vaccini ai bambini saranno somministrati negli hub vaccinali, nelle farmacie e negli studi dei privati che aderiranno alla campagna.

I dati di mercoledì 1 dicembre 2021

Ecco i dati di mercoledì 1 dicembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 47.229.690 persone con almeno una dose di vaccino (87,45% della popolazione over 12)
  • 45.687.095 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,59% della popolazione over 12)
  • 6.579.791 le persone che hanno ricevuto la dose booster (45.91% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 5 mesi)
  • 573.755 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
  • +21 ricoverati con sintomi (in totale 5.248)
  • +3 persone in terapia intensiva (in totale 686, con 62 nuovi ingressi)
  • +5.489 persone in isolamento domiciliare (in totale 193.849)
  • 15.085 nuovi contagi
  • 103 morti
  • Tasso di positività: 2,6%
  • +9.457 i nuovi dimessi/guariti da ieri
  • 199.783 gli attuali positivi (+5.513 rispetto a ieri)
  • Le regioni con il maggior numero di nuovi casi sono: Veneto (+2.656), Lombardia (+2.503) e Lazio (+1.638)

Il primo effetto del super green pass in vigore dal prossimo 6 dicembre è l’aumento di prenotazioni per fare la prima dose di vaccino. Ad oggi, almeno l’87,44% della popolazione over 12 ha già ricevuto almeno una dose, mentre ha completato il ciclo vaccinale l’84,58%. Ad allarmare è anche la variante Omicron, da cui il vaccino dovrebbe garantire la protezione con almeno tre dosi somministrate.

Nella giornata di ieri sono stati oltre 12mila i nuovi contagi da Covid-19 e 89 i decessi. Il tasso di positività, a fronte di 719.972 tamponi effettuati, si mantiene sotto il 2%, dopo il dato confortante di lunedì scorso (2,88%).

Ormai da diversi giorni di discute sulla possibilità di ritornare alle zone gialle, arancioni e rosse e, difatti, è già accaduto: il Friuli Venezia Giulia è in zona gialla, mentre l’Alto Adige lo sarà a partire da lunedì. Oltre all’incidenza dei casi, tra i parametri che incidono sul passaggio in una fascia di rischio più alta c’è l’occupazione dei posti letto in ospedale, sia in terapia intensiva (soglia critica 10%) sia nei reparti ordinari.

I dati di martedì 30 novembre 2021

Ecco qui i dati di martedì 30 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 12.764 nuovi contagi
  • 89 morti
  • 719.972 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
  • Tasso di positività: 1,77%
  • 47.197.158 persone con almeno una dose di vaccino (87,39% della popolazione over 12)
  • 45.665.711 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,55% della popolazione over 12)
  • 6.237.051 le persone che hanno ricevuto la dose booster (43.52% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi)
  • 194.270 gli attuali positivi (+ 4.627 rispetto a ieri)
  • +8.041 i nuovi dimessi/guariti da ieri
  • +14 persone in terapia intensiva (in totale 683, con 64 nuovi ingressi)
  • +92 ricoverati con sintomi (in totale 5.227)
  • +4.521 persone in isolamento domiciliare (in totale 188.360)
  • Le regioni con il maggior numero di nuovi casi sono: Veneto (2.362), Lombardia (2.223) e Lazio (1.253)

Nella giornata di ieri il numero di nuovi casi è sceso sotto 8.000, ma il tasso di positività è salito fino a sfiorare il 2,9%. Diciamo che è in linea con quanto avviene solitamente nei weekend (meno tamponi e tasso di positività più elevato che in settimana). La curva dei contagi in Italia sta crescendo in maniera lenta e costante, e per questo occorre mantenere alta l'attenzione.

A tenere banco in questi giorni è soprattutto la variante Omicron, isolata per la prima volta in Sudafrica. Chiaramente il nuovo ceppo del coronavirus sta già circolando in Europa e negli altri continenti e, dato il suo alto tasso di diffusività, minaccia di soppiantare la variante Delta. Per l'Istituto Superiore di Sanità non ci sono ancora evidenze che l'infezione causata da Omicron scateni una forma più grave della malattia rispetto alle altre varianti. Così come non ci sono ancora abbastanza dati scientifici per concludere che la variante Omicron riesca ad aggirare i vaccini.

"Sappiamo che i virus mutano e siamo preparati", ha detto Emer Cooke, direttrice esecutiva di Ema (l'Agenzia europea per i medicinali). "Dai dati che abbiamo emerge che i vaccini sono efficaci e continueranno a proteggere la popolazione anche con un'eventuale diffusione della variante Omicron. abbiamo i piani di emergenza. Siamo pronti per il peggio, anche se speriamo per il meglio".

I dati di lunedì 29 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di lunedì 29 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 7.975 nuovi contagiati
  • 65 morti da ieri
  • 276.000 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 2,88%
  • 47.139.904 persone con almeno una dose (è l'87,28% della popolazione over 12)
  • 45.617.363 persone con due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale (si tratta dell'84,46% della popolazione over 12)
  • 5.928.784 persone hanno ricevuto la dose booster (richiamo) o la terza dose addizionale (41,37 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi)
  • +171 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 5.135)
  • +31 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 669, con 58 nuovi ingressi del giorno)
  • +2.998 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 183.839)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Veneto (+1.265), Emilia-Romagna (+1.223), Lazio (+1.121), Lombardia (+851) e Campania (+820)
  • 4.707 dimessi / guariti
  • 3.200 attuali positivi
dati-covid-29-nov

Nella giornata di ieri, il tasso di positività è salito oltre il 2,5%, a causa dei quasi 13mila contagi registrati a fronte di 512.592 tamponi eseguiti. La crescita dei nuovi casi fa sì che il Friuli Venezia Giulia torni in zona gialla a partire da oggi, lunedì 29 novembre: significa che dal 6 dicembre, quando diventerà effettiva l'introduzione del Super Green pass, i non vaccinati saranno soggetti a maggiori restrizioni, dato che la certificazione verde di base, ottenibile col tampone, non consentirà di accedere a varie attività e servizi, come ad esempio i ristoranti al chiuso o cinema e teatri.

Nel frattempo, l'attenzione della comunità internazionale è rivolta alla variante Omicron del Covid-19, già individuata in vari Paesi. Secondo l'Oms il suo rischio di diffusione è molto elevato, motivo per cui oggi è prevista una riunione d'emergenza dei ministri della sanità del G7.

I dati di domenica 28 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di domenica 28 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 12.932 nuovi contagi
  • 47 morti da ieri
  • 512.592 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 2,52%
dati-covid-28-novembre

I dati di sabato 27 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di sabato 27 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 12.877 nuovi contagi
  • 90 morti da ieri
  • 596.898 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 2,15%
dati-covid-27-nov

I dati di venerdì 26 novembre 2021

Ecco qui i dati di venerdì 26 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 13.686 nuovi contagi
  • 51 nuovi decessi
  • 557.180 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • Tasso di positività: 2,4%
  • 94.750.779 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 47.063.898 persone con almeno una dose (è l'87,14% della popolazione over 12)
  • 45.564.348 persone con due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale (si tratta dell'84,36 % della popolazione over 12
  • 5.234.072 persone hanno ricevuto la dose booster (si tratta del 36,52 % della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi)
  • +18 persone ricoverate in terapia intensiva (il totale è di 606, gli ingressi giornalieri sono stati 58)
  • +59 persone ricoverate in ospedale (il totale è di 4.748)
  • +5.943 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 167.264)
  • +6.020 persone attualmente positive (il totale è di 172.618)
  • +7.610 nuovi guariti da ieri (il totale è di 4.675.867)
  • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (2.209), il Veneto (2.036), il Lazio (1.566) e l'Emilia-Romagna (1.353).

Come puoi vedere, continua quella che il premier Mario Draghi martedì in conferenza stampa ha definito una situazione "in lieve ma costante peggioramento". Ieri sono stati infatti registrati 13.764 nuovi contagi e 71 decessi. A fronte di 649.998 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici) il tasso di positività è salito al 2,1%. La stessa lenta ma continua risalita si è vista nel numero di ricoverati: +15 in terapia intensiva (588 in totale) e +60 negli altri reparti.

Se però la nostra curva resiste alle impennate viste negli altri Stati europei e resta "sotto controllo", dal momento che siamo probabilmente in una della situazioni migliori in Europa, grande merito va alla campagna di vaccinazione. Ad oggi 47.024.914 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (si tratta dell'87,07% della popolazione over12), 45.530.428 hanno completato il ciclo vaccinale (siamo oltre l'84% della popolazione over12), 808.204 persone hanno ricevuto la dose addizionale (90,26% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale) e 4.127.980 persone hanno invece ricevuto la dose booster (30,72% della popolazione potenzialmente oggetto di dose).

Per mantenere stabile la nostra situazione e provare a salvare le vacanze di Natale scongiurando chiusure e restrizioni, il Governo ha anche varato un nuovo decreto con l'introduzione del Green pass rafforzato che, di fatto, colpisce maggiormente i non vaccinati. Dal 6 dicembre fino al 15 gennaio 2022, infatti, per accedere a determinati servizi e luoghi pubblici come bar e ristoranti servirà essere vaccinatiguariti dal Covid-19 e l'esito negativo del tampone non basterà.

"Prevenire per preservare" è la logica che ha guidato le nuove misure, tra cui rientra anche l'estensione dal 1 di dicembre delle terze dose a tutti gli adulti e, a breve, anche il via libera per la vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni. Ieri c'è stata l'approvazione da parte di Ema al vaccino di Pfizer per gli under12 e incuteste ore si attende anche quella di Aifa: a quel punto oltre 4 milioni di ragazzi potranno ricevere la propria dose di vaccino.

I dati di giovedì 25 novembre 2021

Ecco i dati di giovedì 25 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 47.024.914 persone con almeno una dose di vaccino (87,07% della popolazione over12)
  • 45.530.428 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,30% della popolazione over12)
  • 808.204 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (90,26% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 4.127.980 persone che hanno ricevuto la dose booster (30,72% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 13.764 nuovi contagi
  • 71 decessi
  • +7.281 persone attualmente positive (166.598 in totale)
  • +6.404 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lombardia (+2.302) e Veneto (+2.066)
  • 649.998 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 2,1% è il tasso di positività
  • +7.206 in isolamento domiciliare (161.321 in totale)
  • +15 ricoveri in terapia intensiva (588 in totale con 57 nuovi ingressi)
  • +60 ricoverati con sintomi (4.689 in totale)

Con 12.448 nuovi contagi da Covid 19 registrati ieri a fronte di 562.505 tamponi (molecolari ed antigenici) eseguiti, non era mai stato raggiunto un picco tanto elevato dal primo maggio scorso. Per contenere l’epidemia, il Governo ha varato nuove regole che entreranno in vigore a partire dal 6 dicembre, e che introducono un doppio regime distinguendo chi è vaccinato da chi non lo è. La novità più grande è quella relativa all’obbligo di green pass o di tampone negativo per utilizzare il trasporto pubblico locale e quello ferroviario. Sarà poi introdotta la certificazione rafforzata, vale a dire il Super Green pass che, in zona bianca e gialla, permetterà di non essere limitati nelle attività comuni (accesso a bar e istorianti, feste e cerimonie, ingresso a cinema, teatri, centri culturali, concerti, musei, frequentazione di piscine e palestre).

Relativamente alla campagna vaccinale ad oggi l’87,07% della popolazione over 12 ha ricevuto almeno una dose, mentre l’84,30% ha già completato il ciclo vaccinale. A partire dal primo dicembre la terza dose di vaccino, attualmente riservata agli over 40, sarà disponibile a tutti gli over 18.

I dati di mercoledì 24 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di mercoledì 24 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 12.448 nuovi contagiati
  • 562.505 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • 85 morti nelle ultime 24 ore
  • Tasso di positività: 2,21%
  • 47.001.293 persone con almeno una dose di vaccino (87,02% della popolazione over 12)
  • 45.500.931 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,25% della popolazione over 12)
  • 764.394 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (85,36% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 3.916.466 persone che hanno ricevuto la dose booster (29,15% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • +32 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 4.629)
  • +13 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 573, con 49 nuovi ingressi del giorno)
  • +4.762 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 154.115)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+2.207), Veneto (+1.931), Lazio (+1.283), Emilia-Romagna (+1.058) e Campania (+965)
dati-covid-24-nov

Dopo il consueto calo dei casi di Covid-19 registrati nel weekend e lunedì, nella giornata di ieri i nuovi contagi in Italia sono stati nuovamente più di 10mila, ma sono soprattutto alcune Regioni a fare registrare un aumento dei ricoverati con sintomi nei reparti ordinari che potrebbe portare presto al passaggio in zona gialla. Tra queste spicca il Friuli-Venezia Giulia, dove i posti in terapia intensiva occupati sono già pari al 17%, oltre la soglia da non superare.

La giornata di oggi, inoltre, sarà decisiva per le nuove misure allo studio del Governo, con la cabina di regia seguita poi dal Consiglio dei ministri. Nello specifico, è atteso un decreto che definisca le nuove regole relative al Green pass, che prevederebbero maggiori restrizioni per i non vaccinati, anche in zona bianca. Si valuta anche l'introduzione dell'obbligo della terza dose per gli operatori sanitari.

I dati di martedì 23 novembre 2021

Ecco qui i dati di martedì 23 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 10.047 nuovi contagi
  • 83 morti
  • 689.280 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
  • Tasso di positività: 1,45%
  • 47.005.348 persone con almeno una dose di vaccino (87,03% della popolazione over 12)
  • 45.490.030 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,23% della popolazione over 12)
  • 722.412 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (80,67% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 3.619.220 persone che hanno ricevuto la dose booster (70,53% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • +11 ricoverati in terapia intensiva (560 in totale, con 61 nuovi ingressi)
  • +90 ricoverati con sintomi (4.597 in totale)
  • +2.895 in isolamento domiciliare (149.353 in totale)
  • +2.996 attualmente positivi (154.510 in totale)
  • +6.965 persone guarite o dimesse
  • Le Regioni con il più alto numero di nuovi casi sono: Lombardia (+ 1.668), Veneto (1.632) e Lazio (1.456)

Nella giornata di ieri si sono registrati nel nostro Paese 6.404 nuovi casi. Come al solito, il dato è "falsato" dal ridotto numero di tamponi molecolari e antigenici effettuati nel fine settimana. Il tasso di positività è salito al 2,4%. La situazione, anche se non è paragonabile con quelli di altri Paesi Europei, desta comunque preoccupazione.

Durante l'incontro di ieri sera tra il governo e le Regioni si è discusso anche del cosiddetto "super green pass", che non si otterrà più con il tampone per le attività ricreative e il tempo libero (resterà invece per poter andare al lavoro), ma solo se si è guariti o si è completato il ciclo vaccinale. In sostanza, è in arrivo una stretta per i non vaccinati. Giovedì prossimo si terrà un Consiglio dei Ministri per decidere le nuove misure che eventualmente confluiranno in un decreto.

Il ministero della Salute ha inoltre pubblicato la circolare per anticipare la terza dose di vaccino dopo 5 mesi (anziché 6). "La dose di richiamo è cruciale per proteggere meglio noi e chi ci sta accanto", ha twittato Roberto Speranza. "Dopo l’ultimo parere di Aifa sarà possibile farla a 5 mesi dal completamento del primo ciclo. Vacciniamoci tutti per essere più forti".

I dati di lunedì 22 novembre 2021

Ecco i dati di lunedì 22 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 46.985.040 persone con almeno una dose di vaccino (86,99% della popolazione over12)
  • 45.685.863 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,59% della popolazione over12)
  • 667.449 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (74,54% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.280.887 persone che hanno ricevuto la dose booster (63,94% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 267.570 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 2,4% è il tasso di positività
  • +2.563 in isolamento domiciliare (146.458 in totale)
  • +29 ricoveri in terapia intensiva (549 in totale con 54 nuovi ingressi)
  • +162 ricoverati con sintomi (4.507 in totale)
  • 6.404 nuovi contagi
  • 70 decessi
  • +2.754 persone attualmente positive (151.514 in totale)
  • +3.579 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Emilia Romagna (+991), Lazio (+940) e Veneto (+870).

A fronte di 487.109 tamponi effettuati nella giornata di ieri, sono stati 9.709 i nuovi casi di contagio da Covid 19 registrati. Il tasso di positività non si discosta tanto dalla giornata di sabato, solo in leggero calo (è passato da 2,01% a 1,99%). Entro pochi giorni sarà approvato il nuovo decreto legge per fronteggiare l’ondata di contagi da Covid 19 con restrizioni e divieti solo per chi ancora non si è vaccinato. Lo scenario che si prospetta è quello di una zona arancione per chi non è vaccinato e non è guarito dal Covid.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, ad oggi le persone che hanno ricevuto almeno una dose sono 46.985.040, pari all’86,99% della popolazione over 12, mentre hanno completato il ciclo vaccinale 45.685.863 persone, pari all’84,59% della popolazione over 12. A breve scatterà l'obbligo della terza dose per il personale sanitario e per i lavoratori che hanno accesso alle residenze per anziani. Ancora in fase di valutazione l'estensione dell'obbligo vaccinale al personale scolastico, alle forze dell’ordine e ai lavoratori della pubblica amministrazione a contatto con il pubblico.

Nel frattempo lo stato di emergenza è stato prorogato fino al 30 gennaio.

I dati di domenica 21 novembre 2021

Ecco i dati di domenica 21 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 9.709 nuovi contagi
  • 46 morti
  • 487.109 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • Tasso di positività: 1,99%
  • 46.982.118 persone che hanno ricevuto almeno la prima dose (86,99 % della popolazione over 12)
  • 45.681.853 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,58 % della popolazione over 12)
  • 3.268.024 persone che hanno ricevuto la dose booster (63,69% della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 664.240 che ha ricevuto la dose addizionale (74,18 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • +8 ricoverati in terapia intensiva (520 in totale)
  • +95 ricoverati con sintomi (4.345 in totale)
  • +5.256 in isolamento domiciliare (143.895 in totale)
  • +5.359 attualmente positivi (148.760 in totale)
  • +4.302 persone guarite o dimesse
  • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Lombardia (+1.431), Veneto (+1.261) e Lazio (+1.216)

I dati di sabato 20 novembre 2021

Ecco i dati di Sabato 20 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 11.555 nuovi contagi oggi
  • 574.812 tamponi effettuati in totale
  • 49 morti
  • Tasso di positività: 2,01%
  • 93.215.976 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 46.955.559 persone hanno ricevuto la prima dose di vaccino (ovvero l'86,94 % della popolazione over 12)
  • 45.638.318 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'84,50 % della popolazione over 12)
  • 623.760 persone hanno ricevuto la dose addizionale (ovvero il 69,66 % della popolazione potenzialmente oggetto
    di dose addizionale)
  • 3.126.344 persone hanno ricevuto il richiamo o dose booster (ovvero il 60,93 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 4.250 attualmente ricoverati con sintomi (+105 rispetto a ieri)
  • 512 ricoverati in terapia intensiva (lo stesso numero di ieri)
  • 50 ingressi del giorno in terapia intensiva (+11 rispetto a ieri)
  • 143.401 persone attualmente positive (+6.271 rispetto a ieri)
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Lombardia (1.930), Veneto (1.928), Lazio (1.079), Emilia-Romagna (1.055), Campania (983), Friuli Venezia Giulia (660), Sicilia (648)

I dati di venerdì 19 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di venerdì 19 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 10.544 nuovi contagiati
  • 534.690 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • 48 morti da ieri
  • 46.936.385 persone che hanno ricevuto almeno la prima dose (86,90% della popolazione over 12)
  • 45.601.895 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,43% della popolazione over 12)
  • 595.010 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (66,45% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 3.000.201 persone che hanno ricevuto la dose booster (58,47% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • +57 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 4.145)
  • +9 ricoverati in terapia intensiva (oggi sono in totale 512, con 39 ingressi giornalieri)
  • +4.551 in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 32.473)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+1.735), Veneto (+1.283), Lazio (+1.229), Emilia-Romagna (+1.014) e Campania (+885)
  • 5.889 dimessi / guariti da ieri
  • +4.617 attuali positivi
dati-covid-19-nov

Alla crescita graduale dei nuovi contagi giornalieri di Covid-19, fa da contraltare una consapevolezza: rispetto ad altri Paesi d'Europa, dove la pandemia si sta riprendendo con forza, grazie all'85% circa della popolazione che ha completato il ciclo vaccinale l'Italia vive una situazione ancora sostenibile, con qualche eccezione a livello regionale, per quanto riguarda le ospedalizzazioni e gli ingressi in terapia intensiva, che al momento rimangono sotto controllo, seppur in aumento.

Ovviamente, questi aspetti non devono portarci a sottovalutare il quadro attuale, che per l'ennesima settimana, come testimoniato dai dati del monitoraggio Iss, vede un aumento dell'incidenza, che ha raggiunto i 98 casi ogni 100mila abitanti, mentre l'indice Rt nazionale rimane stabile a 1,21. Almeno per una settimana, tutta Italia dovrebbe rimanere in zona bianca, ma nel frattempo il governo studia delle misure per arginare la circolazione del virus, tra le quali rientra la riduzione della durata del Green Pass, che potrebbe scendere da 12 a 9 mesi.

In altre parti del Vecchio Continente, invece, si ricorre già a provvedimenti più drastici: da lunedì 23 novembre in Austria scatterà infatti un lockdown generale, che sarà valido per tutta la popolazione per i primi 20 giorni e proseguirà poi soltanto per i non vaccinati. In ogni caso, è soltanto il preludio all'obbligo vaccinale che il Paese ha imposto a partire dal primo febbraio 2022.

I dati di giovedì 18 novembre 2021

Ecco i dati di giovedì 18 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 46.914.943 persone con almeno una dose di vaccino (86,86% della popolazione over12)
  • 45.560.971 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,36% della popolazione over12)
  • 563.067 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (62,88% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.865.802 persone che hanno ricevuto la dose booster (55,85% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 10.638 nuovi contagi
  • 69 decessi
  • +5.428 persone attualmente positive (120.875 in totale)
  • +5.148 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lombardia (+1.705), Veneto (+1.603), Lazio (+1.089), Campania (+1.037)
  • 625.774 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 1,69% è il tasso di positività
  • +28 ricoverati con sintomi (4.088 in totale)
  • +17 ricoveri in terapia intensiva (503 in totale con 55 nuovi ingressi)
  • +5.383 in isolamento domiciliare (127.922 in totale)

Nella giornata di ieri sono stati superati i 10mila nuovi casi di contagio, mentre i decessi sono stati 72. Nel giro di due settimane i casi sono raddoppiati e almeno tre Regioni in Italia rischiano di tornare in zona gialla: il Friuli-Venezia Giulia potrebbe passare in zona gialla già a partire da lunedì 22 novembre, mentre per  Veneto e Provincia di Bolzano l’ipotesi è che il passaggio si verifichi il lunedì successivo.

In totale sono 45.560.971 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale, pari all’84,36% della popolazione over 12, mentre 46.914.943 persone hanno ricevuto almeno una dose, pari all’86,86% della popolazione over 12. La campagna vaccinale per le terze dosi sta procedendo molto bene con 2.865.802 persone che hanno già ricevuto la cosiddetta dose booster.

Ad oggi la dose booster può essere richiesta dagli over 60, dagli operatori sanitari, dai soggetti fragili, da tutti i vaccinati con Jansssen e a partire da oggi anche da tutti i soggetti nella fascia di età tra i 40 e i 59 anni.

I dati di mercoledì 17 novembre 2021

Vediamo insieme i dati di mercoledì 17 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 10.172 nuovi contagi
  • 537.765 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 72 decessi
  • 46.894.047 persone che hanno ricevuto almeno la prima dose (86,82 % della popolazione over 12)
  • 45.521.038 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,28 % della popolazione over 12)
  • 2.735.439 persone che hanno ricevuto la dose booster (53,31 % della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 534.029 che ha ricevuto la dose addizionale (59,64 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 1,9% è il tasso di positività
  • +5 ricoverati in terapia intensiva (486 in totale, con 39 nuovi ingressi)
  • -152 ricoverati con sintomi (4.060 i totale)
  • +3.594 in isolamento domiciliare (122.539 in totale)
  • +3.689 attualmente positivi (127.085 in totale)
  • +6.406 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Lombardia (+1.858), Veneto (+1.435) e Lazio (+944)

Ci sono due modi per guardare alla situazione che stiamo vivendo ora. Da un lato possiamo pensare che l'arrivo della quarta ondata in Europa, così come decretato ufficialmente anche dall'Organizzazione mondiale della sanità, sia un segnale del fatto che da questa pandemia non ne usciremo mai e che saremo destinati a passare da un lockdown a un altro. Oppure possiamo notare come nonostante i 7.698 nuovi contagi registrati ieri e un tasso di positività che il 15 novembre ha superato il 2% la vita continui a scorrere in modo quasi del tutto normale. Bar e ristoranti accolgono i clienti anche al chiuso, i negozi sono aperti senza limiti di orario e lo stesso vale per palestre e addirittura discoteche. Ad oggi ci sono due regioni che rischiano la zona gialla a partire da lunedì: Friuli Venezia-Giulia e Provincia autonoma di Bolzano. Ti ricordiamo che le soglie per l'abbandono della zona bianca riguardano non tanto il numero dei casi quanto i posti letto occupati negli ospedali e per la precisione si parla del 15% nei reparti Covid e del 10% nelle terapie intensive.

Forse non ricordi, ma lo scorso anno a quest'ora contavamo più di 32mila nuovi contagi, con 208.458 tamponi effettuati (ieri erano oltre 680mila). Alcune regioni diventavano rosse, in tutta Italia vigeva un coprifuoco che iniziava alle 22 e praticamente vivevamo tra casa e posto di lavoro. Stiamo parlando di un mondo completamente diverso e lo spartiacque sono stati i vaccini. L'84% della popolazione over 12 ha completato il ciclo vaccinale, 2 milioni e 600mila persone hanno ricevuto il booster riservato per ora solo a operatori sanitari e over 40, e 500mila persone si sono invece sottoposte alla dose addizionale per pazienti immunodepressi.

I dati di martedì 16 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di martedì 16 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 7.698 nuovi contagiati
  • 74 morti da ieri
  • 684.710 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 1,12%
  • 46.874.209 persone con almeno una dose di vaccino (86,79% della popolazione over 12)
  • 45.481.736 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,21% della popolazione over 12)
  • 506.063 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (56,51% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.613.712 persone che hanno ricevuto la dose booster (50,94% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • +162 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 3.908)
  • +6 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 481, con 41 nuovi ingressi giornalieri)
  • +2.353 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 118.945)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+1.409), Veneto (+1.278), Lazio (+827), Campania (+675) ed Emilia-Romagna (+566)
  • 5.220 dimessi / guariti da ieri
  • +2.521 attuali positivi

Per la prima volta dopo molto tempo, nella giornata di ieri il tasso di positività ha nuovamente superato il 2%, frutto degli oltre 5mila nuovi casi di Covid-19 registrati in 24 ore, a fronte di quasi 249mila tamponi. È solo l'ennesima dimostrazione della graduale crescita della curva dei contagi che il Paese sta vivendo ormai da diverse settimane: proprio per questo motivo, mentre in tutta Italia proseguono le somministrazioni della terza dose di vaccino, il Governo sta valutando eventuali restrizioni da mettere in atto nel periodo natalizio.

C'è la possibilità, ad esempio, che sia rivista la durata della validità del Green pass, che potrebbe scendere da un anno a 9 mesi, mentre i tamponi rapidi e molecolari sarebbero validi soltanto per 24 e 48 ore rispettivamente. Nel frattempo, un'ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal ministro del Lavoro Enrico Giovannini prevede controlli più stretti sulla certificazione verde per chi viaggia sui treni, ma non solo, dato che anche tram, bus e metro potranno fermare le corse se i passeggeri non rispetteranno le regole.

I dati di lunedì 15 novembre 2021

Ecco i dati di lunedì 15 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 46.854.507 persone con almeno una dose di vaccino (86,75% della popolazione over12)
  • 45.436.416 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,13% della popolazione over12)
  • 480.003 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (53,60% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.503.760 persone che hanno ricevuto la dose booster (46,80% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 5.144 nuovi contagi
  • 44 decessi
  • +1.645 persone attualmente positive (120.875 in totale)
  • +3.510 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Veneto (+712), Emilia Romagna (+651), Lazio (+595). Campania (+525), Lombardia (+506)
  • 248.825 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 2,06% è il tasso di positività
  • +161 ricoverati con sintomi (3.808 in totale)
  • +17 ricoveri in terapia intensiva (475 in totale con 41 nuovi ingressi)
  • +1.467 in isolamento domiciliare (116.592 in totale)

Con i 7.569 nuovi casi registrati nella giornata di ieri, a cui si sono aggiunti 36 decessi e 458 pazienti ricoverati in terapia intensiva, la quarta ondata si sta facendo decisamente sentire. In Italia, alcune regioni (Lazio, Marche e Friuli-Venezia Giulia) rischiano di tornare in zona gialla che in concreto significa dover rispettare l’obbligo della mascherina all’aperto e il limite di un massimo di 4 persone (se non sono conviventi) ai tavoli dei ristoranti.

Per evitare di ritrovarci in una situazione simile all’anno scorso, alcune misure per contrastare l’epidemia sono già allo studio a partire dalla terza dose per gli over 40 dal primo dicembre e della terza dose obbligatoria per il personale sanitario, che sarà imposta per decreto questa settimana,

Diversi studi hanno ormai dimostrato che la protezione data dal vaccino cala in modo considerevole dopo 6 mesi, pertanto il richiamo dovrà essere esteso a tutta la popolazione. Il Green pass potrebbe passare dagli attuali 12 mesi di validità ai 9 mesi per tutti, una mediazione rispetto all’ipotesi più estrema di una durata di soli 6 mesi. Anche i tamponi potrebbero durare meno tempo. Il governo sta pensando di ridurre la validità del test molecolare da 72 a 48 ore e quella del test antigenico da 48 a 24 ore.

I dati di domenica 14 novembre 2021

Ecco i dati di domenica 14 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 7.569 nuovi contagi
  • 36 decessi
  • 445.593 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 1,7% è il tasso di positività
  • 46.852.045 persone con almeno la prima dose di vaccino (86,75 % della popolazione over 12)
  • 45.431.193 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,12 % della popolazione over 12)
  • 477.676 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (53,34 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.492.086 persone che hanno ricevuto la terza dose (48,57 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • +5 persone ricoverate in terapia intensiva (458 in totale con 29 nuovi ingressi)
  • +50 persone ricoverate con sintomi (3.647 in totale)
  • +4.063 persone in isolamento domiciliare (115.125 in totale)
  • +4.118 persone attualmente positive in Italia (119.230 in totale)
  • +3.411 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Lombardia (+1.020), Veneto (+878), Campania (+875)

I dati di  sabato 13 novembre 2021

Ecco i dati di venerdì 12 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 8.544 nuovi contagi
  • 53 decessi
  • 4.453 persone attualmente positive (115.112 in totale)
  • 4.033 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lombardia (+1.237), Veneto (1.125) e Lazio (+1.067)
  • 540.371 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 1,58% è il tasso di positività
  • +8 ricoveri in terapia intensiva (453 in totale con 39 nuovi ingressi)
  • +72 ricoverati con sintomi (3.597 in totale)
  • +4.373 in isolamento domiciliare (111.062 in totale)
  • 46.827.542 persone con almeno una dose di vaccino (86,70% della popolazione over12)
  • 45.378.098 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (84,02% della popolazione over12)
  • 451.091 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (50,38 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.383.572 persone che hanno ricevuto la dose booster (46,45 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)

I dati di venerdì 12 novembre 2021

Vediamo insieme i dati di venerdì 12 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 8.516 nuovi contagi
  • 68 decessi
  • 498.935 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
  • 46.806.604 persone con almeno una dose di vaccino (86,66 % della popolazione over 12)
  • 45.327.803 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (83,92 % della popolazione over 12)
  • 427.278 persone che hanno ricevuto la dose addizionale (47,98 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.264.032 persone che hanno ricevuto la dose booster (44,12 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 1,7% è il tasso di positività
  • +23 ricoveri in terapia intensiva (445 in totale con 47 nuovi ingressi)
  • +16 ricoverati con sintomi (3.525 in totale)
  • +3.700 in isolamento domiciliare (106.689 in totale)
  • 3.739 persone attualmente positive (110.659 in totale)
  • 4.715 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
  • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lombardia (+1.103), Lazio (+1.079) e Veneto (1.029)

Anche le ultime 24 ore hanno confermato che la ripresa dei contagi da Covid interessa anche l'Italia. Nella giornata di ieri  sono stati registrati 8.569 nuovi casi e 67 decessi. Vale la pena riflettere sul fatto che esattamente un anno fa, il 12 novembre del 2020, senza vaccini, i nuovi casi arrivavano a 37.977 e i decessi registrati in una sola giornata erano addirittura 485.

Sicuramente non è possibile abbassare la guardia e ogni passo in avanti nella campagna vaccinale in corso può davvero fare una grande differenza. Al momento l'83,92% della popolazione over 12 ha completato il ciclo di due dosi, mentre l'86.66% ha ricevuto almeno una dose.

Il commissario all’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo insiste sul potenziamento della campagna vaccinale e, oltre a consentire le inoculazioni senza bisogno di prenotazioni, sta ipotizzando un possibile obbligo vaccinale per gli operatori sanitari per quanto riguarda le terze dosi (aperte dal primo dicembre anche agli over 40, se vaccinati da almeno 6 mesi).

I dati di giovedì 11 novembre 2021

Ecco i dati di giovedì 11 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 46.784.239 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (86,62% della popolazione over12)
  • 45.274.174 persone hanno completato il ciclo vaccinale (83,83% della popolazione over12)
  • 405.726 persone hanno ricevuto la dose addizionale (45,56% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.145.353 persone hanno ricevuto la dose booster (41,81% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 6 mesi)
  • 595.812 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 1,4%
  • -1 persona ricoverata in terapia intensiva (oggi sono in totale 422 con 37 nuovi ingressi del giorno)
  •  +130 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 102.989)
  • +62 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 3.509)
  • +4.569 dimessi / guariti da ieri
  • 67 decessi da ieri
  • 8.569 nuovi casi di Coronavirus
  • +4.061 gli attuali positivi (in totale 106.920)

Con 7.891 nuovi casi di contagio e 60 decessi registrati nella giornata di ieri è ormai sotto gli occhi di tutti che il Covid-19 non sembra ancora aver allentato la presa. Ecco perché a partire dal primo dicembre anche la fascia di età tra i 40 e i 60 anni sarà richiamata per sottoporsi alla terza dose di vaccino.

L’accelerazione di cui si parlava da diversi giorni è stata quindi ufficializzata ieri dal Ministro della Salute Roberto Speranza: dopo gli immunocompromessi, i fragili, gli operatori sanitari, gli ultrasessantenni e i vaccinati con la monodose di Johnson&Johnson, la platea di chi riceverà il richiamo (il cosiddetto booster) dopo aver completato il ciclo vaccinale presto comprenderà anche l’ampia fascia di popolazione tra i 40 e i 59 anni, pari circa a 18 milioni e mezzo di persone.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale in atto, al momento sono state somministrate complessivamente oltre 91 milioni di dosi di vaccino, permettendo la copertura dell’83,83% della popolazione over 12 (con due dosi di vaccino somministrate) e l’86,62% che ha ricevuto almeno una dose di vaccino.

I dati di mercoledì 10 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di mercoledì 10 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 7.891 nuovi contagiati
  • 487.618 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • 60 morti da ieri
  • Tasso di positività: 1,61%
  • 46.784.051 persone hanno ricevuto almeno una dose (si tratta dell'86,62% della popolazione over 12)
  • 45.243.732 persone hanno ricevuto la seconda dose completando il ciclo vaccinale (si tratta dell'83,77% della popolazione over 12)
  • 383.769 hanno ricevuto la terza dose addizionale (si tratta dell'43,10% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 2.025.827 hanno ricevuto la terza dose booster (si tratta dell'39,48% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • +11 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 3.447)
  • +2 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 423, con 34 nuovi ingressi del giorno)
  • +2.641 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 98.989)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+1.073), Veneto (+931), Campania (+814), Lazio (+796) e Sicilia (+572)
  • 5.319 dimessi / guariti da ieri
  • +2.654 attuali positivi (oggi sono in totale 102.859)
dati-10-nov

Dopo il consueto calo del weekend, frutto come sempre del calo dei tamponi effettuati, i nuovi contagi tornano a superare i 6mila casi al giorno, un aumento che purtroppo riguarda anche le ospedalizzazioni e gli ingressi in terapia intensiva, a dimostrazione che la crescita della curva dei contagi da Covid-19 è ormai evidente, in Italia così come in molti altri Paesi europei.

Per questo motivo, l'obiettivo del Governo è quello di accelerare con la somministrazione della terza dose di vaccino, che in alcune Regioni, come la Lombardia, da oggi può avvenire anche in farmacia. Secondo quanto dichiarato dal sottosegretario alla Salute Andrea Costa a Sky TG24, è probabile che l'ulteriore richiamo sia esteso nei prossimi giorni anche ai 50enni che abbiano completato da almeno sei mesi il ciclo vaccinale primario.

I dati di martedì 9 novembre 2021

Ecco qui i dati di martedì 9 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 6.032 nuovi contagiati da ieri
  • 68 nuovi decessi nelle ultime 24 ore
  • 91.096.965 dosi di vaccino somministrate in totale
  • 46.763.794 persone hanno ricevuto almeno una dose (si tratta dell'86,58% della popolazione over12)
  • 45.192.310 persone hanno ricevuto la seconda dose completando il ciclo vaccinale (si tratta dell'83,67% della popolazione over12)
  • 363.272 hanno ricevuto la terza dose addizionale (si tratta dell'41,12% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 1.920.354 hanno ricevuto la terza dose booster (si tratta dell'37,43% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • 4.613 nuovi guariti da ieri (il totale è di 4.586.009 persone)
  • +6 persone ricoverate in terapia intensiva (il totale è di 421, gli ingressi giornalieri sono stati 52)
  • +74 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 3.346)
  • +1430 persone attualmente positive (il totale è di 100.2005)
  • +1350 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 96.348)
  • Le Regioni più colpite sono: il Veneto (883), la Lombardia (849), il Lazio (773) e la Sicilia (504).

La situazione di ieri ha mostrato 4.197 i nuovi contagiati a fronte di 249.115 tamponi effettuati e, dunque, un tasso di positività del 1,68%. Come in gran parte d'Europa, anche in Italia tutti i numeri della pandemia tornano a salire con più incisività: in terapia intensiva ci sono stati +17 persone ricoverate, per un totale di 415 persone, 1.624 persone sono finite in isolamento domiciliare e altre 147 sono finite ricoverate con sintomi in altri reparti (per un totale di 3.362).

La campagna vaccinale sta comunque procedendo spedita verso il nuovo obiettivo della copertura del 90% della popolazione over 12. A ieri 46.742.826 persone avevano ricevuto almeno una dose di vaccino (l'86,54% della popolazione over12), 45.134.069 persone avevano completato il ciclo vaccinale (siamo all'83,57% della popolazione over12) e 344.787 persone avevano ricevuto la dose addizionale oltre alle 1.819.261 persone che avevano ricevuto la dose booster.

La somministrazione delle terze dosi in questi giorni sta viaggiando al ritmo di 100mila iniezioni al giorno: una media che fa prefigurare l'obiettivo dei 7 milioni di italiani vaccinati con la dose booster entro il 2021.

È proprio sulle terze dosi che, molto probabilmente, si giocherà la nuova fase della lotta al Coronavirus. Il Commissario Straordinario Figliuolo infatti sta ragionando insieme al ministro della Salute Roberto Speranza e al Comitato tecnico-scientifico sulla possibilità di abbassare ulteriormente l'età delle persone da vaccinare con una terza iniezione. Secondo il sottosegretario Costa è che entro fine anno "ci potrà essere una graduale estensione della platea, ad esempio, ai 50enni”.

L'altro fronte della partita riguarda la vaccinazione per i più piccoli, ovvero gli under12. Al momento non c'è ancora un vaccino approvato ma la sensazione è che possa arrivare già entro la fine dell'anno: in questo modo si provvederà anche alla protezione dei bambini, per i quali oggi sono anche cambiate le regole per la quarantena a scuola.

I dati di lunedì 8 novembre 2021

Ecco i dati di lunedì 8 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 46.742.826 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (86,54% della popolazione over12)
  • 45.134.069 persone hanno completato il ciclo vaccinale (83,57% della popolazione over12)
  • 344.787 persone hanno ricevuto la dose addizionale (39,03% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 1.819.261 persone hanno ricevuto la dose booster (35,46% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 6 mesi)
  • 4.197 nuovi contagiati
  • 249.115 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 1,68%
  • +17 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 415, con 35 nuovi ingressi del giorno)
  •  +1.624 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 94.998)
  • +147 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 3.362)
  • 38 decessi da ieri
  • +1.788 attuali positivi (in totale 98.775)
  • +2.727 dimessi / guariti da ieri
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Emilia Romagna (+536), Lazio (+449) e Veneto (+432)

Con i quasi seimila nuovi contagi da Covid-19 registrati nella giornata di ieri, abbiamo ormai la consapevolezza di trovarci nella cosiddetta "quarta ondata" ormai partita in tutta Europa (con numeri decisamente elevati in Russia e nell'Est europeo). Fortunatamente il nostro Paese rimane in zona bianca, il sistema ospedaliero regge e, anche se in alcune città si stanno aumentando i posti disponibili nelle terapie intensive per rimanere sotto la soglia critica, la situazione generale sembra essere ancora sotto controllo.

Lo stato di emergenza sarà prorogato fino al 31 marzo e di sicuro resterà a lungo l’obbligo di mantenere la mascherina al chiuso. Allo stesso modo, anche il tanto discusso Green pass, valido per 12 mesi, rimarrà in vigore fino all’estate prossima.

Oggi un contagiato su quattro ha meno di vent’anni: per questo motivo ci si augura che sia alta la percentuale di bambini e ragazzi che aderiranno alla campagna vaccinale per la fascia di età dai 5 ai 12 anni e che probabilmente potrebbe partire fin dalla seconda metà di dicembre.

I dati di Domenica 7 novembre 2021

Ecco i dati di Domenica 7 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 5.822 nuovi contagi oggi in Italia
  • 26 morti da ieri (per un totale di 132.391)
  • 4.808.047 casi totali registrati finora in Italia
  • 3.294 nuovi positivi da ieri (per un totale di 96.987 attuali positivi)
  • 2.502 dimessi/guariti da ieri (per un totale di 4.578.669)
  • 90.830.635 dosi di vaccino somministrate finora
  • 46.734.889 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (cioè l'86,53 % della popolazione over 12)
  • 45.110.100 persone hanno completato il ciclo vaccinale (cioè l'83,52 % della popolazione over 12)
  • 338.595 persone hanno ricevuto la dose addizionale (cioè il 38,33 % della popolazione potenzialmente oggetto
    di dose addizionale)
  • 1.790.333 persone hanno ricevuto il richiamo/booster (cioè il 34,89 % della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)

I dati di sabato 6 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di sabato 6 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 6.764 nuovi contagiati
  • 491.962 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • 31 morti da ieri
  • Tasso di positività: 1,37%
  • 46.716.787 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (86,50% della popolazione over 12)
  • 45.060.273 persone hanno completato il ciclo vaccinale (83,43% della popolazione over 12)
  • 325.290 persone hanno ricevuto la dose addizionale (36,82% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 1.719.256 persone hanno ricevuto la dose booster (33,51% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 6 mesi)
  • +49 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 4.173)
  • -3 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 392, con 23 nuovi ingressi del giorno)
  • +3.291 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 90.128)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+823), Lazio (+807), Veneto (+773), Campania (+767) ed Emilia-Romagna (+561)
  • +3.392 dimessi / guariti da ieri
  • 3.337 attuali positivi
dati-covid-6-nov

I dati di venerdì 5 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di venerdì 5 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 6.764 nuovi contagiati
  • 543.414 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • 51 morti da ieri
  • Tasso di positività: 1,24%
  • 46.691.192 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (86,45% della popolazione over 12)
  • 44.987.592 persone hanno completato il ciclo vaccinale (83,30% della popolazione over 12)
  • 308.195 persone hanno ricevuto la dose addizionale (34,88% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 1.604.507 persone hanno ricevuto la dose booster (31,27% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 6 mesi)
  • +79 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 3.124)
  • +12 ricoverati in terapia intensiva (oggi sono in totale 395, con 37 nuovi ingressi del giorno)
  • +2.889 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 86.837)
  • 3.730 dimessi / guariti da ieri
  • 2.980 attuali positivi
dati-covid-5-nov

Proprio come venerdì scorso, ancora una volta sono i dati del monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanità, resi noti ogni fine settimana, a confermare la crescita della curva dei contagi, già evidenziata dai quasi 6mila nuovi casi di Covid-19 registrati ieri. L'indice Rt è passato infatti da 0,96 a 1,15, ed è proseguita la crescita anche dell'incidenza, salita a 53 casi ogni 100mila abitanti.

Secondo Hans Kluge, direttore Oms per l'Europa, il Vecchio Continente è tornato di nuovo "l'epicentro della pandemia", motivo per cui è importante che l'Italia faccia un ulteriore "piccolo sforzo" per raggiungere al più presto il 90% della popolazione vaccinata, come spiegato da Matteo Bassetti. Tutta l'Europa, in ogni caso, deve proseguire a livello nazionale con le rispettive campagne vaccinali, dato che secondo l'Oms la ripresa della diffusione del SARS-CoV-2 potrebbe causare circa 500mila morti da qui a febbraio.

I dati di giovedì 4 novembre 2021

Ecco i dati di giovedì 4 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 46.670.177 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (86,41% della popolazione over12)
  • 44.924.109 persone hanno completato il ciclo vaccinale (83,18% della popolazione over12)
  • 290.585 persone hanno ricevuto la dose addizionale (32,89% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 1.501.721 persone hanno ricevuto la dose booster (29,27% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 6 mesi)
  • 5.905 nuovi contagiati
  • 59 decessi da ieri
  • +2.089 attuali positivi (in totale 87.376)
  • +3.754 dimessi / guariti da ieri
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+745), Veneto (+734),  e Lazio (+664)
  • 514.629 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • +2 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 383, con 36 nuovi ingressi del giorno)
  • Tasso di positività: 1,14%
  • +16 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 3.045)
  •  +2.071 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 83.948)

Mentre il Governo valuta l’obbligo vaccinale per alcune categorie, la campagna vaccini Covid è arrivata a somministrare ad oggi fino a 90.245.815 dosi, con l’83,18 % della popolazione che ha completato il ciclo vaccinale e l’86,41% che ha ricevuto almeno una dose.

Si parla sempre di più della possibilità di vaccinare con Pfizer anche i bambini nella fascia di età tra i 5 e gli 11 anni. Come riporta Sky Tg24, il presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico Franco Locatelli ha dichiarato che entro Natale anche questa fascia potrebbe rientrare nella campagna vaccinale, dopo il via libera arrivato in America da parte dell’Agenzia del farmaco e dell’Organismo di controllo della sanità pubblica.

Nella giornata di ieri in Italia sono stati oltre 5.000 i nuovi casi positivi al Covid-19 e 63 i decessi. Preoccupano gli aumenti dei contagi nell’area del Padovano con 51 classi elementari sottoposte a controllo e ben 34 in quarantena. A questi focolai si aggiungono i contagi in aumento nelle Rsa, tra i turisti e quelli conseguenti alle manifestazioni no pass delle ultime settimane.

I dati di mercoledì 3 novembre 2021

Ecco i dati di mercoledì 3 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 46.656.290 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (86,38% della popolazione over12)
  • 44.864.608 persone hanno completato il ciclo vaccinale (83,07% della popolazione over12)
  • 277.975 persone hanno ricevuto la dose addizionale (31,46% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
  • 1.413.844 persone hanno ricevuto la dose booster (27,55% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 6 mesi)
  • 717.311 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 0,72%
  • +37 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 3.029)
  • -4 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 381, con 31 nuovi ingressi del giorno)
  •  +807 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 81.877)
  • 5.188 nuovi contagiati
  • 63 decessi da ieri
  • +4.285 dimessi / guariti da ieri
  • +840 attuali positivi
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Veneto(+781), Lombardia (+682) e Campania (+626).

Nella giornata di ieri sono stati 2.834 i nuovi casi contagiati da Covid-19 e 41 i decessi. Sono invece più di 80 mila le persone in isolamento domiciliare e quasi 400 quelle ricoverate in terapia intensiva, senza che tuttavia sia stata denunciata una particolare pressione sulle strutture ospedaliere.

Relativamente alla campagna vaccinale, complessivamente sono state somministrate più di 90 milioni di dosi, l’83,07% della popolazione over 12 ha completato il ciclo vaccinale, mentre l’86,38% ha ricevuto almeno una dose. Nella giornata di oggi potrebbe arrivare la decisione dell’Aifa anche sul richiamo per chi è stato vaccinato con J&J, richiamo che sarà fatto con un vaccino a mRna dopo 6 mesi dalla prima somministrazione.

Attualmente in Italia nessuna regione presenta dei parametri da zona gialla, ma sono molte le aree in cui si è superata la soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti: preoccupa in particolare l’aumento dei casi in Friuli Venezia Giulia e in Trentino.

I dati di Martedì 2 novembre 2021

Di seguito puoi trovare i dati di martedì 2 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 2.834 nuovi contagiati
  • 41 decessi da ieri
  • 238.354 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 1,18%
  • 46.645.470 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (cioè l'86,36% della popolazione over 12)
  • 44.832.222 persone hanno completato il ciclo vaccinale (cioè l'83,01% della popolazione over 12)
  • 273.304 persone hanno ricevuto la dose addizionale (cioè il 30,94% della popolazione potenzialmente oggetto
    di dose addizionale)
  • 1.372.783 persone hanno ricevuto la dose booster (cioè il 26,75% della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)
  • +129 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 2.992)
  • +21 persone ricoverate in terapia intensiva (oggi sono in totale 385, con 34 nuovi ingressi del giorno)
  • +575 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 81.070)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lazio (+388), Sicilia (+382), Veneto (+336), Emilia-Romagna (+334) e Campania (+248)
  • +2.065 dimessi / guariti da ieri
  • +725 attuali positivi
dati-covid-2-nov

Nella giornata di ieri il tasso di positività registrato è stato pari all'1,92%, nonostante i soli 146mila tamponi effettuati; i dati più rilevanti riguardano le ospedalizzazioni e dei ricoveri in terapia intensiva, entrambi in aumento. Anche per questo motivo, con l'obiettivo di frenare sul nascere una possibile nuova ondata di contagi, l'Aifa oggi terrà una riunione per approvare la somministrazione della terza dose, già cominciata per alcune specifiche categorie, anche per gli under 60.

Nel frattempo, si fa sempre più largo l'ipotesi di una proroga dello stato di emergenza, che permette al Governo di intervenire con misure eccezionali all'interno di una situazione giudicata straordinaria. Il termine attuale è fissato al 31 dicembre, data che indica anche la scadenza delle regole relative all'obbligo del Green pass, anch'esse destinate ad essere estese, seppur con qualche possibile modifica, fino ai primi mesi del 2022.

I dati di Lunedì 1 novembre 2021

Ecco i dati di lunedì 1 novembre 2021 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 2.818 nuovi contagi oggi
  • 146.125 tamponi effettuati
  • 20 morti da ieri
  • Tasso di positività: 1,92%
  • +33 ingressi del giorno in terapia intensiva (+16 rispetto a ieri)
  • 364 ricoverati in terapia intensiva (+22 rispetto a ieri)
  • 2.863 persone attualmente ricoverate (+109 rispetto a ieri)
  • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Lazio (445), Emilia-Romagna (407), Veneto (362), Campania (354), Sicilia (295)
  • 89.851.272 dosi di vaccino somministrate
  • 46.630.490 persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino (cioè l'86,34% della popolazione over 12)
  • 44.779.642 persone hanno completato il ciclo vaccinale (cioè l'82,91% della popolazione over 12)
  • 263.358 persone hanno ricevuto la dose addizionale (cioè il 30,00% della popolazione potenzialmente oggetto
    di dose addizionale)
  • 1.316.568 persone hanno ricevuto la dose booster (cioè il 44,05% della popolazione potenzialmente oggetto di
    dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi)

Fonte | Protezione Civile

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.