coxartrosi-cover

Coxartrosi: i sintomi e gli esercizi per trattare l’artrosi dell’anca

La coxartrosi, o artrosi degenerativa dell’anca, è una condizione piuttosto comune nelle persone di una certa età e, nei casi più importanti, risulta piuttosto invalidante: esaminiamo insieme quali sono le terapie e gli accorgimenti migliori da seguire per il suo trattamento.
28 Luglio 2022 * ultima modifica il 28/07/2022

L’artrosi è la più comune patologia che colpisce le articolazioni; si verifica principalmente negli anziani e si presenta soprattutto nelle donne dopo la menopausa.

Cos’è

La coxartrosi è l’artrosi dell’anca. L’artrosi è una patologia a carico delle articolazioni, soprattutto quelle sottoposte maggiormente al carico del peso corporeo, come anche, ginocchia e colonna vertebrale, che consiste in un’usura e invecchiamento delle stesse: la cartilagine presente nelle articolazioni va a deteriorarsi, consumandosi, provocando maggiore attrito tra le ossa. La cartilagine ha la funzione di ammortizzare, quindi il suo deterioramento porta a maggiore rigidità della zona, oltre a dolore e ad una progressiva limitazione dell’utilizzo delle articolazioni stesse. Il corpo cerca di sostituire la cartilagine che è andata persa creando osteofiti, degli speroni ossei che si formano a seguito di processi di degenerazione delle ossa che compongono le articolazioni, che causano dolore e riduzione della mobilità.

La coxartrosi, che trattiamo in questo articolo, è, come abbiamo accennato, l’artrosi che colpisce la sede specifica dell’anca, che rientra tra le articolazioni più colpite da artrosi; può riguardare un’anca sola, ma è frequente la coxartrosi bilaterale, che intacca entrambi i lati.

coxartrosi-sintomi

Sintomi

La coxartrosi rende complicato camminare, a causa del dolore e dell’irrigidimento della zona colpita, e l’andatura si presenta zoppicante in quanto naturalmente si tende a non caricare il peso sull’arto dolente.

Il dolore nell’artrosi dell’anca (coxalgia) potrebbe irradiarsi anche in altre zone, come l’inguine, la coscia e anche il ginocchio.

La rigidità articolare si manifesta soprattutto dopo un periodo di riposo, quindi il mattino quando ci sveglia, o dopo essere stati seduti a lungo. Questa rigidità, unita al dolore e gonfiore dell’anca, può limitare le normali attività fisiche che si svolgono durante la giornata: banalmente infilare al piede una calza o una scarpa. Il dolore in principio potrebbe manifestarsi come sordo, che peggiora durante il carico e migliora a riposo, ma a lungo andare potrebbe diventare costante.

Inoltre, nei casi più gravi, il deterioramento della cartilagine potrebbe far avvertire alla persona una sorta di sensazione di sfregamento e crepitii delle ossa coinvolte.

Cause

Le cause di coxartrosi non sono esattamente note, ma i principali fattori che potrebbero agevolare la comparsa di coxartrosi, e artrosi in generale, sono:

  • età: come abbiamo visto l’avanzare dell’età può portare ad un deterioramento fisiologico della cartilagine;
  • sovrappeso: trattandosi, in particolar modo dell’anca, di un’articolazione la cui funzione è di sorreggere tutto il corpo, un peso troppo elevato può affaticare e sovraccaricare molto di più la parte, causandone usura;
  • lesioni articolari o traumi.

Altre cause potrebbero contribuire alla formazione di coxartrosi, come dei difetti nel metabolismo della cartilagine, o una formazione non corretta o completa delle articolazioni, o ancora un sovraccarico di lavoro sull’anca, dovuto al peso o ad attività pesanti e logoranti che possono intaccare l’articolazione.

Diagnosi

Quando si inizia ad avvertire dolore, gonfiore e rigidità dell’anca, con relativa perdita di movimento, si può sospettare una coxartrosi.

Il medico effettuerà un esame obiettivo all’anca durante il quale verranno valutate:

  • la soglia di dolore che causano i movimenti;
  • la mobilità, quindi se ci sono limitazioni di sorta nella capacità di movimento;
  • la forza muscolare.

Oltre all’esame obiettivo può essere utile effettuare una radiografia per valutare il livello di compromissione dell’articolazione.

coxartrosi-esercizi

Come si cura

Il trattamento della coxartrosi è volto a migliorare la funzionalità dell’anca, cercando di mantenere la capacità di movimento, limitando la sensazione di dolore.

Ciò che può essere utile nella sua cura comprende:

  • utilizzo di supporti per limitare il peso che normalmente carichiamo sull’anca;
  • perdita di peso in eccesso che può creare problemi;
  • esercizi fisici mirati a mantenere e migliorare la mobilità, la resistenza e la forza muscolare;
  • utilizzo di farmaci antidolorifici (paracetamolo) e FANS per alleviare il dolore;
  • chirurgia, come sostituzione parziale o totale con protesi articolari, o interventi per riparazioni poco invasive.

Gli esercizi fisici di fisioterapia possono essere molto utili e devono essere eseguiti nella coxartrosi perché, soprattutto per quanto riguarda l’anca, possono aiutare ad arrestare o rallentare la progressione dell’artrosi. Sono indicati soprattutto gli esercizi svolti in piscina, in quanto l’immersione in acqua aiuta ad alleviare il peso caricato sull’articolazione, e di stretching, che dovrebbero essere eseguiti quotidianamente. Occorrerebbe evitare il riposo prolungato, in quanto potrebbe peggiorare la mobilità della parte, e sedie scomode che costringerebbero ad una postura non corretta, prediligendo supporti rigidi e che favoriscano i movimenti.

Laureata in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia, ha svolto periodi di formazione in ospedali universitari della Comunidad altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.