Crioconservazione degli ovociti: come funziona e chi vi si può sottoporre

Diventare genitori spesso non è un percorso semplice già a partire dal concepimento. Ecco quindi che ci sono aiuti come la crioconservazione degli ovociti.
Valentina Danesi 3 Giugno 2022
* ultima modifica il 22/06/2022

Diventare genitori sembra essere oggi sempre più delicato e complesso. A volte per problematiche fisiche, altre volte si ritarda per diverse motivazioni: da quelle personali (emotive o di salute) a quelle lavorative o economiche. È quindi poi più complicato riuscire, in tarda età, ad avere un figlio. Ecco quindi che si può essere aiutati dalla scienza attraverso la crioconservazione degli ovociti. Cerchiamo di capire insieme come funziona, quali sono i tempi, i vantaggi e gli svantaggi.

crioconservazione degli ovociti

Cos’è

In generale quella della crioconservazione degli ovociti è una pratica che si sceglie quando per qualsiasi motivazione si teme che non si possano poi avere figli nel momento desiderato perché, per esempio, ci si è sottoposti a una cura invasiva. È, in sostanza, la parte che precede la PMA, ossia la procreazione medico assistita. Ma non è consigliata solo per chi si è sottoposto a cure invasive o per problemi personali teme di avere problemi d’infertilità nel futuro, è indicata anche in caso di familiarità per menopausa precoce. Devi sapere che è un percorso che si divide in varie fasi:

  • colloquio in un centro specializzato per l'infertilità di coppia e la Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)
  • valutazione della riserva ovarica ed ecografia trans vaginale con conta dei follicoli antrali e misurazione della volumetria ovaricaesami diagnostici e infettivologici di leggeinduzione della multiovulazionemonitoraggio ecografico e ormonale dell’ovulazione
  • prelievo degli ovociti
  • congelamento in azoto liquido (-196° C) e conservazione degli ovociti.

Come si effettua

Non c’è nessun ricovero e tutto si svolge in regime ambulatoriale tranne la fase finale, quindi quella del prelievo, che viene svolta in Day Surgery e comprende:

  • Esami diagnostici che serviranno al medico per la valutare  la riserva ovarica ed ecografia transvaginale (durante il ciclo) con la misurazione della volumetria ovarica e la conta dei follicoli
  • Induzione e monitoraggio dell’ovulazione grazie ad una terapia ormonale, mediante iniezioni sottocutanee, che consente la maturazione contemporanea di più follicoli. Si eseguono ecografie transvaginali seriate per valutare dimensione e numero dei follicoli e dosaggi ormonali di estradiolo plasmatico e progesterone
  • Prelievo degli ovociti che viene effettuato per via transvaginale, sotto guida ecografica e in analgesia o in sedazione profonda in base alla paziente.

Chi può sottoporsi

Tutte le donne vi si possono sottoporre, se poi hai dei problemi di salute o sei portatrice di qualche patologia il tuo caso andrà discusso nella sua peculiarità direttamente con il medico. Gli svantaggi sono minimi e di norma sono dovuti alla stimolazione ovarica che può portare a gonfiore e ritenzione idrica e un po' di malessere dovuto agli ormoni.

Fonte| Humanitas 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.