green-pass-dove-serve

Dai supermercati alle farmacie fino ai benzinai: un nuovo Dpcm stabilisce dove si potrà accedere senza Green pass

Il premier Mario Draghi ha firmato un nuovo Dpcm che regola l’accesso a determinate attività commerciali. A partire dal 1 febbraio 2022 non servirà la certificazione verde per accedere a servizi considerati essenziali per la persona. Quelli, cioè, legati all’ambito alimentare, dei beni di prima necessità, delle esigenze di salute, sicurezza e giustizia.
Kevin Ben Alì Zinati 21 Gennaio 2022
* ultima modifica il 25/01/2022

C’è ancora spazio per vivere senza Green pass. A partire dal 1 febbraio 2022 la certificazione verde non ti servirà per accedere a determinate attività commerciali.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato un nuovo Dpcm che tiene un po’ più larghe le maglie delle misure di prevenzione finora introdotte e concede l’accesso senza Green Pass (né base né rafforzato) a quei servizi e attività al chiuso fondamentali per garantire le “esigenze essenziali e primarie della persona”.

Diversamente da quanto circolato nelle ore precedenti la firma del documento da parte del premier, non sarà possibile andare negli uffici delle Poste per ritirare la pensione senza il Green pass dal momento che questa commissione non è inserita tra i servizi indifferibili e urgenti. Così come servirà la certificazione per acquistare sigarette, librigiornali e riviste.

Le attività legate invece all’ambito alimentare, dei beni di prima necessità, delle esigenze di salute, sicurezza e giustizia saranno invece sempre garantite e per sfruttarle non avrai bisogno di esibire nessuna certificazione verde.

Vediamo insieme nel dettaglio cosa dice il nuovo Dpcm.

Dove non servirà il Green pass?

In base al nuovo Dpcm l’accesso a servizi e attività al chiuso sarà garantito anche a coloro che non sono in possesso della certificazione verde Covid-19.

Alimentari e prima necessità

Tra queste, prima di tutto ci sono le attività che rispondono ad esigenze alimentari e di prima necessità poi quelle legate.

Ciò significa:

  • Ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati e altri esercizi non specializzati di alimenti vari
  • Negozi di prodotti surgelati
  • Attività commerciali per la vendita di prodotti e alimenti per animali domestici
  • Benzinai
  • Negozi igienico-sanitari
  • Farmacie, parafarmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
  • Negozi per la vendita al dettaglio di articoli medicali e ortopedici e per ottica
  • Negozi per la vendita di combustibile per uso domestico e per riscaldamento quindi legna e pellet

Salute

L’accesso senza Green Pass sarà consentito in tutte quelle attività che fanno riferimento alla cura della propria salute.

Mi riferisco a ospedali, strutture sanitarie e sociosanitarie nonché a quelle veterinarie per ogni finalità di prevenzione, diagnosi e cura, anche per gli accompagnatori.

Sicurezza

Senza Green pass, né base né rafforzato, si potrà poi accedere a tutti quei luoghi pubblici al chiuso che competono la sicurezza. Come gli uffici delle forze di polizia e delle polizie locali allo scopo, come riporta l’Ansa, “di assicurare lo svolgimento delle attività istituzionali indifferibili, nonché quelle di prevenzione e repressione degli illeciti”.

Giustizia

Allo stesso modo, a chi ancora non si è vaccinato o non è guarito dal Covid-19 e non ha con sé un tampone negativo (antigenico o molecolare) potrà comunque accedere agli uffici giudiziari e agli uffici dei servizi sociosanitari: solo, però, per consegnare denunce per reati o di richieste di interventi giudiziari a tutela di minori.

Fonte | Governo

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.