dati-covid-archivio-mar-aprile

Dati Covid in Italia: l’archivio dei numeri di marzo e aprile 2022

Tutte le informazioni sulla diffusione del Covid-19 in Italia nei mesi di marzo e aprile 2022 contenute nei bollettini pubblicati ogni giorno dal Ministero della Salute: i contagi quotidiani, i tamponi eseguiti, i numeri della campagna vaccinale, i ricoveri in terapia intensiva e le ultime notizie sull’allentamento delle restrizioni e sulle altre misure adottate dal Governo.
Alessandro Bai 3 Maggio 2022
* ultima modifica il 03/05/2022

I dati di Sabato 30 aprile 2022

Ecco i dati di Sabato 30 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano.

  • 53.602 nuovi contagi
  • 130 decessi
  • 383.073 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 13,9%
  • -116 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 9.826)
  • -5 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 366, con 32 nuovi ingressi del giorno)
  • -17.617 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.219.187)
  • 49.377.163 persone con almeno una dose di vaccino (91,45% della popolazione over 12)
  • 48.600.758 persone con ciclo vaccinale completo (90,01% della popolazione over 12)
  • 44.963.754 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo ciclo vaccinale completo (94,28% della platea dose booster)
  • 1.383.957 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,85% del totale)
  • 1.254.710 bambini tra i 5 e gli 11 anni con ciclo vaccinale completo (34,32% del totale)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+6.973), Campana (+6.051) e Veneto (+5.549)

I dati di oggi Venerdì 29 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di oggi Venerdì 29 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 58.861 nuovi contagi
  • 133 decessi
  • 381.239 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 15,43%
  • -134 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 9.942)
  • -11 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 371, con 38 nuovi ingressi del giorno)
  • -1.544 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.236.804)
  • 49.376.250 persone con almeno una dose di vaccino (91,45% della popolazione over 12)
  • 48.598.684 persone con ciclo vaccinale completo (90,01% della popolazione over 12)
  • 44.932.916 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo ciclo vaccinale completo (96,22% della platea dose booster)
  • 1.383.480 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,84% del totale)
  • 1.254.042 bambini tra i 5 e gli 11 anni con ciclo vaccinale completo (34,30% del totale)
  • Le Regioni con il maggior numero di casi sono: Lombardia (+7.631), Campana (+6.662), Veneto (+6.121), Lazio (+5.595) e Emilia-Romagna (+5.379)
  • +60.951 guariti / dimessi nelle ultime 24 ore
  • -1.689 attuali positivi rispetto a ieri (oggi sono in totale 1.247.117)
dati-covid-29-aprile

Continua la lenta ma progressiva discesa della curva epidemiologica. La giornata di ieri, infatti, ha fatto registrare 69.204 nuovi contagi, a fronte di 441.526 tamponi effettuati, e un tasso di positività di 15,6% con 131 decessi. Sono calati i ricoveri nei reparti ordinari (-79, per un totale di 10.076) e quelli in terapia intensiva (-12, che portano il totale a 382 persone).

Nella giornata di ieri è arrivata poi la decisione del Governo sulle misure in vigore nei prossimi giorni. Il Ministro Speranza ha garantito che dal 1 maggio cadrà l'obbligo di Green pass per bar ristoranti e posti di lavoro ma ha riconfermato l'obbligatorietà della mascherina al chiuso.

Fino al 15 giugno, infatti, le FFp2 saranno necessarie per utilizzare i mezzi di trasporto, per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, cinema, locali di intrattenimento e musica dal vivo, e per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso.

I dati di Giovedì 28 aprile 2022

Ecco i dati di Giovedì 28 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 69.204 nuovi contagi oggi
  • 131 decessi
  • +14.130 attualmente positivi (oggi sono in totale 1.248.806)
  • +55.773 guariti / dimessi nelle ultime 24 ore
  • Le Regioni con il maggior numero di contagi sono: Lombardia (+8.634),  Campania (+7.313), Veneto (+6.948), Lazio (+6.351)
  • 441.526 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 15,6%
  • -12 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 382, con 46 nuovi ingressi del giorno)
  • -79 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.076)
  • +14.221 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.238.348)
  • 49.375.336 persone con almeno una dose di vaccino (91,45% della popolazione over 12)
  • 48.596.256 persone con ciclo vaccinale completo (90,01% della popolazione over 12)
  • 44.901.183 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo ciclo vaccinale completo (96,16% della platea dose booster)
  • 1.383.254 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,83% del totale)
  • 1.253.497 bambini tra i 5 e gli 11 anni con ciclo vaccinale completo (34,29% del totale)

A fronte di 554.526 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 87.940 i nuovi casi di contagio da Covid-19 e 186 i decessi. Il tasso di positività scende al 15,8 per cento, dopo che martedì scorso aveva toccato il 16,2 per cento.

Si intravede un lieve miglioramento anche relativamente al numero di ricoveri nelle strutture ospedaliere: in totale ieri erano 10.155 i ricoveri totali sul territorio (173 in meno rispetto alla giornata precedente) e 394 i pazienti ricoverati in terapia intensiva (15 pazienti in meno rispetto alla giornata di martedì).

Oggi dovrebbe arrivare la nuova ordinanza, considerato che il 30 aprile scade il decreto con le restrizioni. Le mascherine dovrebbero rimanere ancora obbligatorie a scuola fino al termine dell’anno scolastico, nelle strutture sanitarie, sui treni e in aereo, e forse anche nei palazzetti dello sport. Potrebbe invece cadere l’obbligo di indossare la mascherina negli uffici, nel caso si segua la linea più di apertura per un ritorno alla vita normale.

E il Green pass? Dal primo maggio la certificazione verde sarà valida per dimostrare vaccinazione o guarigione, ma non sarà più obbligatoria al lavoro, negli uffici pubblici, nei negozi, nei bar e ristoranti, sui mezzi di trasporto, nei cinema e nei teatri, nei centri benessere e nei centri culturali, sociali e ricreativi. L’unica eccezione riguarda le professioni sanitarie negli ospedali e nelle Rsa.

I dati di Mercoledì 27 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di Mercoledì 27 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

  • 87.940 nuovi contagi oggi
  • 186 decessi
  • 554.526 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
  • Tasso di positività: 15,85%
  • -15 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 394, con 34 nuovi ingressi del giorno)
  • -173 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.155)
  • -112 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.224.127)
  • 49.374.425 persone con almeno una dose di vaccino (91,45% della popolazione over 12)
  • 48.594.181 persone con ciclo vaccinale completo (90,01% della popolazione over 12)
  • 44.864.739 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo ciclo vaccinale completo (96,08% della platea dose booster)
  • 1.382.985 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,83% del totale)
  • 1.252.408 bambini tra i 5 e gli 11 anni con ciclo vaccinale completo (34,27% del totale)
  • Le Regioni con il maggior numero di contagi sono: Lombardia (+13.110),  Campania (+10.785), Veneto (+9.666), Lazio (+8.692) e Puglia (+8.030)
  • -300 attualmente positivi (oggi sono in totale 1.234.676)
  • +88.545 guariti / dimessi nelle ultime 24 ore
dati-covid-27-aprile

È ormai stabile la crescita quotidiana dei contagi da Covid-19, con il bilancio giornaliero legato di volta in volta al numero di test effettuati: in ogni caso, nei primi giorni di questa settimana si è confermata la tendenza che vede circa 16-17 positivi ogni 100 tamponi eseguiti a livello nazionale. Le buone notizie arrivano dall'occupazione delle terapie intensive, rimasta sugli stessi livelli di una settimana fa.

Nel frattempo, sono giorni di riflessione per il Governo che sembra orientato a prorogare l'obbligo di utilizzare le mascherine al chiuso, in scadenza a partire dal 1 maggio, perlomeno in alcuni luoghi, come gli ospedali e i mezzi di trasporto. La decisione sarà presa nelle prossime ore e andrà a definire la nuova fase di convivenza con il virus.

I dati di Martedì 26 aprile 2022

Ecco i dati di Martedì 26 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 29.575 nuovi contagi oggi
      • 146 decessi
      • 182.675 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 16,2% è il tasso di positività
      • 409 le persone ricoverate in terapia intensiva (-7 rispetto a ieri, con 23 nuovi ingressi)
      • +278 ricoverati con sintomi (10.328 in totale)
      • 7.895 in isolamento domiciliare (1.224.239 in totale)
      • -7.624 attualmente positivi in Italia (1.234.976 in totale)
      • 37.462 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Campania (+4.456), Lazio(+3.396) e Puglia (+3.036)
      • 49.373.392 persone con almeno una dose di vaccino (91,45% della popolazione over 12)
      • 48.591.217 persone con ciclo vaccinale completo (90,00% della popolazione over 12)
      • 44.813.169 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo ciclo vaccinale completo (95,97% della platea dose booster)
      • 1.382.662 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,82% del totale)
      • 1.252.408 bambini tra i 5 e gli 11 anni con ciclo vaccinale completo (34,26% del totale)

Continua l'attesa per la decisione del governo sull'obbligo di portare le mascherine al chiuso. Si moltiplicano gli appelli per un mantenimento delle misure attualmente in vigore, che secondo il virologo Fabrizio Pregliasco "andrebbero prorogate per almeno un altro mese". Per il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, abolire dal primo maggio l'obbligo in settori come i mezzi di trasporto sarebbe "una decisione azzardata, perché con questo livello di circolazione virale nei locali affollati o scarsamente areati la probabilità di contagio è molto elevata".

La decisione verrà presa in settimana, anche sulla base dei numeri. Attualmente rimane positivo al virus più di un milione di persone, e sarà solo nei prossimi giorni che si vedrà pienamente l"effetto Pasqua‘ in termini di nuovi contagi (attualmente la media giornaliera è di circa 60mila).

Intanto, a livello internazionale, continuano i test di massa in Cina. Verranno sottoposti a tampone circa 20 dei 23 milioni di abitanti della capitale Pechino. Il timore della popolazione è che la scoperta di molti nuovi casi possa portare a un lockdown duro come quello disposto nelle ultime settimane a Shanghai, i cui casi totali sono diminuiti in queste ore a meno di 17mila. Proprio per questo nelle ultime ore si sono registrate lunghe code ai supermercati e in generale ai negozi che vendono beni di prima necessità.

I dati di Lunedì 25 aprile 2022

Ecco i dati di Lunedì 25 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 24.878 nuovi contagi oggi
      • 93 decessi
      • 138.803 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 17,92% è il tasso di positività
      • Rimane invariato il numero dei ricoveri in terapia intensiva (416 in totale con 26 nuovi ingressi)
      • +155 ricoverati con sintomi (10.050 in totale)
      • -1.704 in isolamento domiciliare (1.232.134 in totale)
      • -1.549 attualmente positivi in Italia (1.242.600 in totale)
      • 26.738 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Emilia-Romagna (+3.403), Campania (+2.929), Lazio (+2.772)
      • 49.373.372 persone con almeno una dose di vaccino (91,45 % della popolazione over 12)
      • 48.591.008 persone con ciclo vaccinale completo (90,00 % della popolazione over 12)
      • 44.807.800 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo ciclo vaccinale completo (95,96 % della platea dose booster)
      • 1.382.658 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,82 % del totale)
      • 1.252.335 bambini tra i 5 e gli 11 anni con ciclo vaccinale completo (34,25 % del totale)

 I dati di Domenica 24 aprile 2022

Ecco i dati di oggi Domenica 24 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 56.263 nuovi contagi oggi
      • 326.211 tamponi effettuati
      • 79 morti
      • Tasso di positività: 17,25%
      • 44.849 dimessi o guariti
      • 9.895 ricoverati con sintomi (-19 rispetto a ieri)
      • 416 ricoverati in terapia intensiva (+7 rispetto a ieri)
      • 34 ingressi del giorno in terapia intensiva (-9 rispetto a ieri)
      • 1.244.149 persone attualmente positive (+11.920 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Campania (7.404), Lazio (5.985), Lombardia (5.972), Emilia-Romagna (5.190)
      • 136.602.852 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.373.178 persone con almeno una dose (ovvero il 91,45 % della popolazione over 12)
      • 48.590.384 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 90,00 % della popolazione over 12)
      • 1.850.679 persone guarite da meno di 6 mesi e senza nessuna somministrazione
      • 39.266.531 persone hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'84,09 % della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster)
      • 5.533.645 guariti dopo aver concluso il ciclo vaccinale
      • 1.382.507 bambini 5-11 hanno ricevuto almeno una dose (ovvero il 37,81 % della popolazione 5-11)
      • 1.251.984 bambini 5-11 hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 34,24 % della popolazione 5-11)
      • 878.236 bambini 5-11 guariti da meno di 6 mesi e senza nessuna somministrazione (ovvero il 24,02 % della popolazione 5-11)

I dati di Sabato 23 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di Sabato 23 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 70.520 nuovi contagi
      • 143 decessi
      • +9.107 attuali positivi (oggi sono in totale 1.232.229)
      • +61.778 dimessi / guariti (oggi sono 14.684.371)
      • 421.533 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
      • Tasso di positività: 16,7%
      • -162 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.076)
      • -2 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 409, con 43 ingressi del giorno)
      • +9.271 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.221.906)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono: Lombardia (+8.516), Campania (+8.161), Lazio (+7.071), Veneto (+6.9984) ed Emilia Romagna (+5.009).
      • 97.143.852 dosi di vaccino somministrate in totale

I dati di Venerdì 22 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di Venerdì 22 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 73.212 nuovi contagi
      • 202 decessi
      • 437.193 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
      • Tasso di positività: 16,74%
      • -155 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.076)
      • -4 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 411, con 46 ingressi del giorno)
      • +468 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.1212.635)
      • 49.371.131 persone con almeno una dose di vaccino (ovvero il 91,45% della popolazione over 12)
      • 48.585.466 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,99% della popolazione over 12)
      • 44.731.317 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (95,79% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.250.485 bambini nella fascia di età 5-11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (34,20% della popolazione 5-11)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono Lombardia (+9.165), Campania (+8.845), Lazio (+7.341), Veneto (+6.900) e Emilia Romagna (+5.486)
      • +309 attuali positivi (oggi sono in totale 1.223.122)
      • +73.233 dimessi / guariti
dati-covid-22-aprile

Nonostante un tasso di positività ancora vicino al 17%, i consueti dati riguardanti il monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) indicano una discesa sia dell'incidenza nazionale, calata a 675 casi ogni 100mila abitanti, che dell'indice Rt, passato da 1 a 0,96 negli ultimi 7 giorni, quindi sotto la cosiddetta soglia epidemica.

Tuttavia, i contagi quotidiani, ieri 75mila, rimangono alti e di conseguenza non si svuotano le terapie intensive, la cui occupazione a livello nazionale è stabile al 4,2%, con le ospedalizzazioni nei reparti ordinari che crescono addirittura al 15,6%. Inoltre, mentre il Governo sta valutando se confermare o prorogare la scadenza dell'obbligo delle mascherine al chiuso, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato l'utilizzo del farmaco antivirale Paxlovid per le persone che rischiano di più l'ospedalizzazione per le forme meno gravi di Covid-19.

I dati di Giovedì 21 aprile 2022

Ecco i dati di Giovedì 21 aprile 2022, una volta diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 75.020 nuovi contagi
      • 166 decessi
      • +15.913 attuali positivi (oggi sono 1.222.813 in totale)
      • +59.916 guariti / dimessi rispetto a ieri
      • 446.180 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 16,8%
      • +24 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.231)
      • +2 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 415)
      • +15.887 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.212.167)
      • 136.470.789 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.369.971 persone con almeno una dose di vaccino (ovvero il 91,45% della popolazione over 12)
      • 48.582.555 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,99% della popolazione over 12)
      • 44.689.126 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (95,70% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.381.423 bambini nella fascia di età 5-11 anni che ha ricevuto almeno una dose (37,78% della popolazione 5-11)
      • 1.249.821 bambini nella fascia di età 5-11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (34,18% della popolazione 5-11)
      • 870.770 bambini nella fascia di età 5-11 anni guariti da al massimo 6 mesi senza alcuna somministrazione (ovvero il 23,82% della popolazione 5-11)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono Lombardia (+9.678), Campania (+8.714), Lazio (+8.202).

A fronte di 610.600 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 99.848 i nuovi contagi da Covid-19, con un tasso di positività del 16,3% (in leggero rialzo rispetto a quello di martedì del 15,6%.

Sempre nella giornata di ieri i decessi sono stati 205 (in aumento rispetto alle 127 registrate martedì) e le persone ricoverate in terapia intensiva 413, con 44 nuovi ingressi nella giornata.

Il prossimo primo maggio scatterà la fine dell’obbligo della mascherina indossata nei luoghi chiusi (anche se è probabile che rimanga la raccomandazione di indossarla), con l’unica eccezione dell’utilizzo di questo dispositivo di protezione sui mezzi pubblici e al cinema.

Ad oggi sono 136.470.789 le dosi di vaccino somministrate in totale, con 44.689.126 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (95,70% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi).

I dati di oggi Mercoledì 20 aprile 2022

Ecco i dati di oggi Mercoledì 20 aprile 2022, una volta diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 99.848 nuovi contagi
      • 205 decessi
      • -1.379 attuali positivi (oggi sono 1.206.900 in totale)
      • +101.614 guariti / dimessi rispetto a ieri
      • 610.600 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 16,3%
      • -7 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.207)
      • -9 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 413, con 44 nuovi ingressi del giorno)
      • -1.363 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.196.280)
      • 49.368.778 persone con almeno una dose di vaccino (ovvero il 91,44% della popolazione over 12)
      • 48.579.418 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,98% della popolazione over 12)
      • 44.644.040 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (95,61% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.381.088 bambini nella fascia di età 5-11 anni che ha ricevuto almeno una dose (37,78% della popolazione 5-11)
      • 1.249.045 bambini nella fascia di età 5-11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (34,16% della popolazione 5-11)
      • 867.363 bambini nella fascia di età 5-11 anni guariti da al massimo 6 mesi senza alcuna somministrazione (ovvero il 23,72% della popolazione 5-11)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono Lombardia (+14.065), Campania (+12.275), Lazio (+10.681) e Veneto (+9.754)

Nella giornata di ieri si è abbassato il tasso di positività, passato dal 17,38% segnato lunedì al 15,6% di ieri. Sono state 127 le vittime e 27.214 i nuovi contagi, mentre è arrivata all'89,98% la quota di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale.

Intanto, questa mattina il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli ha dichiarato che "in determinate situazioni le mascherine servono e servono in maniera evidente". Le dichiarazioni di Locatelli si inseriscono nel dibattito in corso sull'ipotesi di non usare più le mascherine nei luoghi al chiuso dal primo maggio. Decisione che "verrà presa dal Governo e in cui conterà molto il parere del ministro Roberto Speranza", ha aggiunto Locatelli.

Negli Stati Uniti il tema è forte argomento di dibattito. L'amministrazione guidata da Joe Biden ha appena fatto ricorso contro la sentenza emessa da una giudice dello stato Usa della Florida, che ha abolito l'obbligo di mascherine su treni, aerei, bus. Per Locatelli, servirebbe tenere le mascherine nel trasporto pubblico "soprattutto nei treni a lunga percorrenza e nei viaggi aerei, vista la variante particolarmente contagiosa che sta circolando". Per il presidente del Css anche in merito agli uffici di lavoro "una riflessione può essere fatta, soprattutto se molte persone insistono in uno spesso spazio chiuso, per quanto con la bella stagione si possono aprire le finestre".

I dati di oggi Martedì 19 aprile 2022

Ecco i dati di oggi Martedì 19 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 27.214 nuovi contagi
      • 127 decessi
      • -8.564 attuali positivi (oggi sono 1.208.279 in totale)
      • +35.763 guariti / dimessi rispetto a ieri
      • 174.098 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 15,6%
      • +274 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 10.214)
      • +11 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 422, con 38 nuovi ingressi del giorno)
      • -8.849 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.197.643)
      • 49.367.698 persone con almeno una dose di vaccino (ovvero il 91,44% della popolazione over 12)
      • 48.575.916 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,98% della popolazione over 12)
      • 44.584.189 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (95,48% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.380.773 bambini nella fascia di età 5-11 anni che ha ricevuto almeno una dose (37,77% della popolazione 5-11)
      • 1.248.419 bambini nella fascia di età 5-11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (34,15% della popolazione 5-11)
      • 862.556 bambini nella fascia di età 5-11 anni guariti da al massimo 6 mesi senza alcuna somministrazione (ovvero il 23,59% della popolazione 5-11)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono Piemonte (+3.579), Campania (+3.250), Lazio (+2.740) e Lombardia (+2.329)

A fronte di 105.739 tamponi effettuati, nella giornata di ieri i nuovi contagi da Covid-19 sono rimasti sotto quota 20mila (18.380 per la precisione), con un tasso di positività che è salito al 17,38%. Sono stati registrati altri 79 decessi, in calo rispetto alla giornata precedente. Aumentano tuttavia i pazienti ricoverati in intensiva (+8, e in totale sono 411) e nei reparti ordinari.

Relativamente alla campagna vaccinale sono state 136.383.479 le dosi di vaccino somministrate finora, ma, mentre si parla di quarta dose per tutte le persone che hanno compiuto o superato gli 80 anni, per gli "ospiti dei presidi residenziali per anziani" e per le persone comprese nella fascia 60-79 anni che mostrino una "elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/preesistenti", sembra calata l’attenzione sulla necessità di somministrare il vaccino anche nella fascia dei più piccoli, tra i 5 e gli 11 anni. Al momento ha ricevuto la prima dose solo il 37,77% dei bambini in questa fascia di età, e solo 34,15% ha completato il ciclo vaccinale.

I dati di Lunedì 18 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di Lunedì 18 aprile 2022 diffusi dal Ministero della salute nel bollettino quotidiano:

      • 18.380 nuovi contagi
      • 79 decessi
      • 105.739 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 17,38%
      • +182 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 9.940)
      • +8 persone in terapia intensiva (oggi sono in totale 411, con 39 nuovi ingressi del giorno)
      • -9.385 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.206.492)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono Emilia-Romagna (+2.916), Campania (+1.946), Lazio (+1.986) e Veneto (+1.673)
      • 49.367.679 persone con almeno una dose di vaccino (ovvero il 91,44% della popolazione over 12)
      • 48.575.686 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,98% della popolazione over 12)
      • 44.580.913 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (ovvero il 95,47% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • -9.195 attuali positivi (oggi sono 1.216.843 in totale)
      • +27.704 guariti / dimessi rispetto a ieri
dati-covid-18-aprile

I dati di Domenica 17 aprile 2022

Ecco i dati di Domenica 17 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 51.993 nuovi contagi oggi
      • 334.224 tamponi effettuati oggi
      • Tasso di positività: 15,56%
      • 85 morti da ieri
      • 161.687 vittime finora in Italia
      • 9.758 ricoverati con sintomi (-120 rispetto a ieri)
      • 403 ricoverati in terapia intensiva (-8 rispetto a ieri)
      • 33 ingressi del giorno in terapia intensiva (-6 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono Campania (6.419), Lombardia (6.229), Lazio (6.198)ù, Veneto (4.769)
      • 136.380.895 dosi di vaccino totali somministrate finora
      • 49.367.552 persone con almeno una dose di vaccino (ovvero il 91,44 % della popolazione over 12)
      • 48.575.182 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,97 % della popolazione over 12)
      • 51.184.327 persone con almeno una dose + guariti da al massimo 6 mesi senza alcuna somministrazione (ovvero il 94,81 % della popolazione over 12)
      • 39.165.366 persone hanno ricevuto la dose addizionale (ovvero l'83,87 % della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 44.573.808 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (ovvero la dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.380.749 bambini 5-11 che ha ricevuto almeno una dose (ovvero il 37,77 % della popolazione 5-11)
      • 1.248.283 bambini 5-11 che hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 34,14 % della popolazione 5-11)
      • 860.645 bambini 5-11 guariti da al massimo 6 mesi senza alcuna somministrazione (ovvero il 23,54 % della popolazione 5-11)

I dati di sabato 16 aprile 2022

Ecco qui i dati di Sabato 16 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 63.815 nuovi contagi 
      • 133 decessi
      • 424.482 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 15% è il tasso di positività
      • -8 ricoveri in terapia intensiva (411 in totale con 39 nuovi ingressi)
      • -102 ricoverati con sintomi (9.878 in totale)
      • +2.524 in isolamento domiciliare (1.211.049 in totale)
      • +2.414 attualmente positivi (1.221.338 in totale)
      • 61.986 guariti o dimessi nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+8.598), Campania (+6.971), Lazio (+6.894) e Veneto (+6.354)
      • 49.367.552 persone con almeno una dose di vaccino (91,44 % della popolazione over 12)
      • 48.575.182 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,97 % della popolazione over 12)
      • 44.573.808 persone che hanno ricevuto il booster + guariti dopo ciclo vacicnale completo (95,46 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.380.749 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno la prima dose (37,77 % del totale)
      • 1.248.283 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (34,14 %  del totale)

I dati di Venerdì 15 aprile 2022

Ecco qui i dati di oggi Venerdì 15 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 61.555 nuovi contagiati da ieri
      • 133 nuovi decessi nelle ultime 24 ore
      • 397.482 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 15,5%
      • 136.328.765 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.365.790 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,44 % della popolazione over 12
      • 48.570.504 persone con almeno due dosi di vaccino: si tratta del 89,97 % della popolazione over 12
      • 39.132.116 persone che hanno ricevuto anche la terza dose di vaccino: 83,80 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 74.319 persone immunocompromesse che hanno ricevuto la dose booster: si tratta del 9,39 % della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo
        da almeno 4 mesi
      • 7.089 persone che hanno ricevuto anche la seconda dose booster: si tratta dello 0,02 % della popolazione oggetto di seconda dose booster cha ha ricevuto la dose booster
        da almeno 4 mesi
      • 1.380.185 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino: si tratta del 37,75 % della popolazione 5-11
      • 1.247.038 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino: si tratta del 34,11 % della popolazione 5-11
      • -1 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono 49, il totale è 419)
      • -95 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 9.980)
      • -8.462 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.208.525)
      • -8.738 persone attualmente positive (il totale è di 1.218.924)
      • +70.895 nuovi guariti (il totale è di 14.214.909)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (8.098), il Lazio (6.947), la Campania (6.679) e il Veneto (6.325).

È rimasto stabile il tasso di positività registrato nella giornata di ieri: 14,8%, praticamente in linea con quello di mercoledì (14,7%). Questo perché i nuovi casi registrati ieri sono stati 64.951 su 438.375 tamponi processati. Per quanto riguarda i decessi, invece, ne sono stati contati altri 149.

È calata la pressione sul sistema sanitario. Le persone in terapia intensiva ieri erano 420 (-29) mentre quelle nei reparti ordinari 10.075, con una riduzione di 91 pazienti. Nel frattempo continua la nostra "corsa" verso il 1 maggio, data in cui decadrà l'utilizzo del Green pass anche se Governi ed esperti si interrogano ancora sull'ultima misura da abolire: le mascherine al chiuso.

"Sulla possibilità di eliminarle al chiuso da maggio valuteremo la curva epidemiologica, dopo Pasqua decideremo sul loro utilizzo, ma in questo momento raccomando di usarle perché la circolazione virale è ancora molto alta ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza, cui ha fatto eco anche il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli:È finita l'emergenza ma non è finita la pandemia", ha detto. “In certi contesti come il trasporto pubblico, cinema e teatro, credo che la mascherina conferisca una protezione assolutamente importante e fondamentale, io continuerò ad indossarla”

Per questo l’obbligo di indossare la mascherina anche al chiuso potrebbe perdurare ancora per qualche mese, in modo da contenere i contagi in vista dell'estate.

I dati di Giovedì 14 aprile 2022

Ecco i dati di Giovedì 14 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • +64.951 nuovi contagiati da ieri
      • 149 decessi nelle ultime 24 ore
      • +65.664 nuovi guariti (il totale è di 14.144.014)
      • 438.375 tamponi effettuati (molecolari e antigenici)
      • Tasso di positività: 14,82%
      • -29 persone ricoverate in terapia intensiva (gli i ingressi giornalieri sono stati 35, il totale dei ricoverati è di 420 persone)
      • -91 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 10.075 persone)
      • -76 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.217.167)-196 persone attualmente positive (il totale è di 1.227.662)
      • 49.364.510 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,44% della popolazione over 12
      • 48.566.840 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale primario: si tratta del 89,96% della popolazione over 12
      • 39.107.512 persone con la terza dose di vaccino: si tratta del 83,75% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 1.379.824 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose: si tratta del 37,74% della popolazione 5-11
      • 1.246.262 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta del 34,09% della popolazione 5-11
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (+8.780), il Lazio (+7.200), il Veneto (+6.861), e la Campania (+6.627).

A fronte di 419.995 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 62.037 i nuovi contagi da Covid-19, con un tasso di positività del 14,77% (in leggero calo rispetto a quello registrato martedì del 14,9%).

Secondo quanto riferito da Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, "non si è arrivati al picco pandemico, probabilmente i numeri italiani sono sottostimati, c'è il rischio di un ulteriore aumento dei casi".

Sempre secondo Ricciardi, l'autunno sarà un momento delicato e difficile, con le condizioni favorevoli al virus, per cui sarà necessaria una nuova dose per tutti. Anche il ministro Roberto Speranza sembra usare molta cautela confermando che "la pandemia non è finta e ci sono numeri di circolazione virale significativi, ma dobbiamo avere fiducia nella scienza. A oggi abbiamo il 91,44% che ha fatto la prima dose di vaccino, e il 90% che hanno completato il primo ciclo e 39 milioni hanno fatto anche il richiamo. L'utilizzo delle mascherine inoltre è e resta essenziale. Se siamo in una fase diversa è grazie alla campagna di vaccinazione". 

I dati di Mercoledì 13 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di Mercoledì 13 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 62.037 nuovi contagiati da ieri
      • 155 decessi nelle ultime 24 ore
      • 419.995 tamponi effettuati da ieri (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 14,77%
      • 49.363.749 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,44% della popolazione over 12
      • 48.563.237 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale primario: si tratta del 89,95% della popolazione over 12
      • 39.085.621 persone con la terza dose di vaccino: si tratta del 83,70% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 1.379.588 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose: si tratta del 37,73% della popolazione 5-11
      • 1.245.633 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta del 34,07% della popolazione 5-11
      • -14 persone ricoverate in terapia intensiva (gli i ingressi giornalieri sono stati 42, il totale dei ricoverati è di 449 persone)
      • -41 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 10.166 persone)
      • -832 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.217.243)
      • -887 persone attualmente positive (il totale è di 1.227.858)
      • +63.318 nuovi guariti (il totale è di 14.078.350)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (8.723), il Veneto (6.978), il Lazio (6.625) e la Campania (6.279).
dati-covid-13-aprile

Nella giornata di ieri in crescita nuovi contagi (83.463) e nuove vittime (169) rispetto al giorno precedente: ma il dato va letto alla luce del numero di tamponi effettuati, triplicato. In Romagna, nel laboratorio unico di Pievesestina, è stato intanto isolata e sequenziata una nuova variante, denominata ‘Xf'. Sarebbe un misto tra Delta e Omicron, ma il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, ha affermato che al momento "non vi sono elementi di preoccupazione".

Il direttore dell'Aifa, Nicola Magrini, ha annunciato alcune delle linee guida che le autorità sanitarie potrebbero seguire nei prossimi mesi in ottica di contrasto al virus. L'ipotesi è di un vaccino stagionale, adattato alle varianti di turno, da fare dopo l'estate e in vista delle stagioni autunnale e invernale, quelle in cui i contagi crescono. Si arriverebbe dunque a una sorta di richiamo annuale, simile all'antinfluenzale: unico punto da capire è "se rivaccineremo tutta la popolazione o ci limiteremo a over 50 e 60", ha spiegato Magrini.

I dati di Martedì 12 aprile 2022

Ecco qui i dati di Martedì 12 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 83.643 nuovi contagiati da ieri
      • 169 decessi nelle ultime 24 ore
      • 563.018 tamponi effettuati da ieri (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 14,9%
      • 136.236.141 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.363.749 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,44 % della popolazione over 12
      • 48.559.671 persone con almeno due dosi e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale primario: si tratta del 89,95 % della popolazione over 12
      • 39.064.205 persone con la terza dose di vaccino: si tratta del 83,66 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 69.426 persone immunocompromesse che hanno ricevuto la dose booster: si tratta del 8,77 % della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo da almeno 4 mesi
      • 1.379.311 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose: si tratta del 37,73 % della popolazione 5-11
      • 1.244.956 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale: si tratta del 34,05 % della popolazione 5-11
      • -3 persone ricoverate in terapia intensiva (gli i ingressi giornalieri sono stati 53, il totale dei ricoverati è di 463 persone)
      • -49 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 10.207 persone)
      • -3.965 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.218.075)
      • -4.017 persone attualmente positive (il totale è di 1.228.745)
      • +87.904 nuovi guariti (il totale è di 14.015.032)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (11.669), la Campania (9.248), il Lazio (9.056) e il Veneto (8.723).

Ieri sono stati registrati 28.368 nuovi contagi (a fronte di 192.782  tamponi effettuati) e 115 decessi, il tasso di positività invece è sceso al 14,7% rispetto al 16,37% di domenica. Nelle ultime 24 ore sono aumentati leggermente i ricoveri in terapia intensiva (+1, per un totale di 466 persone) e anche quelli negli altri reparti ospedalieri (+218, che portano il totale a quota 10.256).

Dopo la fine dello stato di emergenza e il via libera al graduale abbandono delle restrizioni e del Green pass, ora si continua a ragionare sul destino delle mascherine. Che, secondo alcuni esperti, non andrebbero ancora salutate in modo definitivo, almeno nei luoghi chiusi e sui mezzi pubblici.

Intanto il Ministero della Salute, in accordo con il Cts e l'Aifa, ha dato luce verde alla quarta dose di vaccino per una platea di persone sempre più ampia. Dopo i fragili e gli immunocompromessi il secondo booster è stato raccomandato per gli anziani over80 e le persone con particolari fattori di rischio compresi nella fascia d'età tra i 60 e i 79 anni.

I dati di Lunedì 11 aprile 2022

Ecco i dati di Lunedì 11 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 28.368 nuovi contagi
      • 115 decessi
      • 192.782 i tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 14,7%
      • 1.232.762 persone attualmente positive (-13.794 rispetto a ieri)
      • +42.384 persone finora dimesse o guarite
      • +218 ricoverati con sintomi (10.256 in totale)
      • +1 persona in terapia intensiva (466 in totale)
      • 136.206.983 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.362.518 persone con almeno una dose di vaccino (91,43% della popolazione over 12)
      • 48.554.922 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,94% della popolazione over 12)
      • 44.303.653 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (94,88% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.379.032 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose (37,72% del totale)
      • 1.244.157 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (34,03% del totale)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi ieri sono: Lazio (+3.780), Campania (+2.862) e Piemonte (+2.832).

A fronte di 352.265 tamponi effettuati, nella giornata di ieri  sono stati 53.253 i nuovi contagi da Covid-19 con un tasso di positività del 16,37% (in rialzo rispetto a quello registrato nella giornata di sabato, del 14,37%). Si contano 90 decessi e 10.039 persone ricoverate nei reparti ospedalieri (di cui 465 pazienti ricoverati in terapia intensiva).

Nonostante siamo usciti dallo stato di emergenza a inizio mese e sia chiaro che si debba ormai convivere con il virus senza paralizzare il Paese, in un articolo pubblicato oggi su Corriere.it, l’immunologa Antonella Viola, intervistata da Margherita De Bac, invita a continuare ad usare le mascherine Ffp2: "Nessuno dovrebbe metterla da parte e quando dico nessuno mi riferisco anche a chi ha avuto la malattia pochi mesi fa e ritiene di poterla togliere sentendosi immune. Niente di più sbagliato. Al chiuso bisogna proteggersi, la Ffp2 è efficace anche contro Omicron. Vediamo comparire varianti sempre più contagiose e anche i vaccinati rischiano di infettarsi. Vale la pena fare un piccolo sacrificio, coprendo naso e bocca quando si entra in luoghi chiusi. Ammalarsi di Covid, anche per i vaccinati con tre dosi, non è una esperienza indolore. Oltretutto c’è la possibilità di reinfettarsi con Omicron dopo aver contratto la variante che l’ha preceduta, Delta".

I dati di oggi Domenica 10 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di oggi Domenica 10 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 53.253 nuovi contagi oggi
      • 90 morti da ieri
      • 352.265 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 16,37%
      • 1.246.556 persone attualmente positive (+8.691 rispetto a ieri)
      • +45.139 persone finora dimesse o guarite
      • +15 ricoverati con sintomi (10.038 in totale)
      • +3 persone in terapia intensiva (465 in totale)
      • 39 ingressi del giorno in terapia intensiva
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi ieri sono: Lombardia (6.611), Lazio (6.415), Campania (6.179) e Veneto (5.341)
      • 136.205.765 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.362.456 persone con almeno una dose di vaccino (91,43% della popolazione over 12)
      • 48.554.854 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,94% della popolazione over 12)
      • 44.295.326 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (94,86% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.379.011 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose (37,72% del totale)
      • 1.244.112 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (34,03% del totale)
dati-covid-10-aprile

I dati di Sabato 9 aprile 2022

Ecco i dati di Sabato 9 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 63.992 nuovi contagi oggi
      • 112 morti da ieri
      • 438.449 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 14,37%
      • 1.237.865 persone attualmente positive (-11.742 rispetto a ieri)
      • 13.839.605 persone finora dimesse o guarite (+76.051 rispetto a ieri)
      • 160.658 persone morte in Italia finora
      • 10.023 ricoverati con sintomi (-79 rispetto a ieri)
      • 462 persone in terapia intensiva (lo stesso numero di ieri)
      • 42 ingressi del giorno in terapia intensiva (-10 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi ieri sono: Lombardia (8.540), Lazio (7.255), Veneto (6.820), Campania (6.795), Puglia (5.478)
      • 136.194.933 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.361.959 persone con almeno una dose di vaccino (91,43% della popolazione over 12)
      • 48.553.757 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,94% della popolazione over 12)
      • 44.271.183 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (94,81% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.378.727 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose (37,71% del totale)
      • 1.243.609 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,97% del totale)

I dati di Venerdì 8 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di venerdì 8 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 66.535 nuovi contagi
      • 144 decessi
      • 442.029 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 15,05% è il tasso di positività
      • -9 persone in terapia intensiva (con 52 nuovi ingressi e 462 in totale)
      • +24 ricoverati con sintomi (10.102 in totale)
      • -3.464 in isolamento domiciliare (1.239.043 in totale)
      • -3.449 attualmente positivi (1.249.607 in totale)
      • +70.946 dimessi / guariti da ieri
      • Le Regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+8.681), Campania (+7.224), Veneto (+6.928) e Lazio (+6.849)
      • 49.359.775 persone con almeno una dose di vaccino (91,39% della popolazione over 12)
      • 48.546.785 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,88% della popolazione over 12)
      • 44.195.156 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (94,73% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.377.891 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose (37,69% del totale)
      • 1.241.853 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,97% del totale)
dati-covid-8-apr

Ammontano a 69.596 i nuovi contagi registrati nella giornata di ieri, a fronte di 469.803 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici e un tasso di positività del 14,81%. I decessi, invece, sono stati 150.

Sono aumentati leggermente i posti occupati in terapia intensiva (+5, per un totale di 471 ricoveri) mentre 86 persone, ieri, sono uscite dagli altri reparti ospedalieri. Sul fronte vaccinazione, invece, l'89,88% della popolazione over12 ha concluso il ciclo vaccinale primario.

A questo proposito, nelle scorse ore l'Ema ha annunciato che la quarta dose di vaccino per ora non è indicata per la popolazione in generale ma che, invece, può essere somministrata agli anziani over80. Il prossimo 12 aprile l'Aifa si riunirà per confrontarsi e capire se e come organizzare la campagna di vaccinazione com il secondo booster per questa fascia di popolazione: l'ha annunciato il sottosegretario alla Salute Sergio Costa.

I dati di Giovedì 7 aprile 2022

Ecco i dati di giovedì 7 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • +90.774 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • 69.596 nuovi contagi
      • 150 decessi
      • 469.803 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 14,81% è il tasso di positività
      • +5 persone in terapia terapia intensiva le persone rimangono pari a ieri (con 65 nuovi ingressi e 471 in totale)
      • -86 ricoverati con sintomi (10.078 in totale)
      • -20.429 in isolamento domiciliare (1.262.936 in totale)
      • -24.230 attualmente positivi (1.274.286 in totale)
      • 49.358.539 persone con almeno una dose di vaccino (91,39% della popolazione over 12)
      • 48.542.619 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,88% della popolazione over 12)
      • 44.147.490 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (94,63% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.377.623 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose (37,68% del totale)
      • 1.241.188 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,95% del totale)

A fronte di 461.448 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 69.278 nuovi contagi, con un tasso di positività al 15% e con un numero di ricoveri in calo (82 pazienti con sintomi ricoverati in meno rispetto alla giornata di martedì, in totale 10.164 persone ricoverate). I decessi sono stati 150 (44 in meno rispetto a martedì).

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha comunque ribadito quanto la circolazione virale sia ancora molto alta e che per questo motivo l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) stia valutando l’opportunità di consentire ai medici di medicina generale la prescrizione del farmaco antivirale Paxlovid. Nel frattempo viene anche raccomandata dall’Agenzia europea del farmaco (Ema) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), la quarta dose di vaccino alla fascia d'età over 80.

I dati di Mercoledì 6 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di mercoledì 6 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 69.278 nuovi contagi
      • 150 decessi
      • 461.448 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 15,01% è il tasso di positività
      • -5 persone in terapia terapia intensiva (con 51 nuovi ingressi e 466 in totale)
      • -82 ricoverati con sintomi (10.164 in totale)
      • -735 in isolamento domiciliare (1.262.936 in totale)
      • -102 attualmente positivi (1.274.286 in totale)
      • +69.837 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le Regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+9.094), Lazio (+7.782), Campania (+7.277) e Veneto (+6.989)
      • 49.357.972 persone con almeno una dose di vaccino (91,39% della popolazione over 12)
      • 48.540.342 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,87% della popolazione over 12)
      • 44.109.491 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (94,55% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
dati-covid-6-aprile

È abbastanza evidente il balzo verso l'alto dei nuovi casi di Covid-19 tra lunedì 4 e martedì 5 aprile, con i contagi quotidiani passati da 30mila a oltre 88mila, mentre è decisamente più lieve l'aumento dei decessi, saliti da 125 a 194. L'attenzione ora si sta concentrando sulla cosiddetta variante Xe, una nuova mutazione di Sars-CoV-2 che è stata segnalata nel Regno Unito, dove è attualmente sotto la lente d'ingrandimento degli scienziati.

Secondo l'Oms, invece, la discesa dei contagi a livello globale registrata dal 28 marzo al 3 aprile, pari addirittura ad un -16%, è stata influenzata dal calo del numero dei test effettuati. Ecco perché l'Organizzazione Mondiale della Sanità invita a interpretare questi dati, apparentemente positivi, "con cautela".

I dati di Martedì 5 aprile 2022

Di seguito puoi trovare i dati di martedì 5 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano.

      • 88.173 nuovi contagi
      • 194 decessi
      • 588.576 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 14,98% è il tasso di positività
      • -8 persone in terapia terapia intensiva le persone rimangono pari a ieri (con 57 nuovi ingressi e 471 in totale)
      • +5 ricoverati con sintomi (10.246 in totale)
      • +90 in isolamento domiciliare (1.263.671 in totale)
      • +83 attualmente positivi (1.274.388 in totale)
      • +88.637 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le Regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+11.666), Lazio (+9.903), Campania (+10.099) e Veneto (+9.080)
      • 49.355.632 persone con almeno una dose di vaccino (91,38% della popolazione over 12)
      • 48.534.334 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,86% della popolazione over 12)
      • 38.916.042 persone che hanno ricevuto la dose booster (83,41% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 44.042.339 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (93,40% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.377.021 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almneo una dose (37,66%  del totale)
      • 1.239.763 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,91% del totale)
dati-covid-5-apr

Ieri sono stati registrati altri 30.630 nuovi contagi a fronte e un tasso di positività del 2,21% anche se il conteggio totale dei tamponi (1.383.218) e il tasso di positività non risultano in linea con i dati dei giorni precedenti dal momento che la provincia autonoma di Bolzano ha rettificato il numero dei tamponi finora effettuati.

Sono da segnalare i -6 ricoveri in terapia intensiva (ora il totale è di 483 con 36 nuovi ingressi giornalieri) a fronte però di 224 nuovi accessi negli altri reparti ospedalieri. Ottime le percentuali della vaccinazione: il 91,38% della popolazione over12 ha almeno una dose, l'89,85% ne ha due e il 94,25% ha fatto anche la terza dose.

A proposito di vaccino, negli scorsi giorni il Ministro della Salute Speranza ha spiegato che entro 7 giorni si arriverà a una proposta unitaria a livello europeo sulla quarta dose. La proposta di Speranza, mentre alcuni Paesi europei hanno già iniziato a dare indicazioni sul quarto giro di iniezioni, è stata quella "di non procedere in ordine sparso, ma di valutare sulla base dell'evidenza scientifica un solo orientamento da tenere in tutti i Paesi europei". 

Nelle ultime ore, intanto, l'Oms ha divulgato le prime informazioni sulla nuova variante XE di Sars-CoV-2. Si tratterebbe di una variante ricombinante, quindi nata dall'unione delle due sottovarianti di Omicron (BA.1 e BA.2) e potenzialmente più contagiosa del 10% rispetto a queste due: dati su cui però serve come sempre cautela e pazienza perché ovviamente sono ancora parziali.

I dati di Lunedì 4 aprile 2022

Ecco i dati di lunedì 4 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

        • +30.630 nuovi contagi
        • 125 decessi
        • -9.711 attualmente positivi (1.274.305 in totale)
        • +40.915 guariti o dimessi nelle ultime 24 ore
        • +224 ricoverati con sintomi (10.241 in totale)
        • -6 ricoveri in terapia intensiva (483 in totale con 36 nuovi ingressi)
        • -9.929 in isolamento domiciliare (1.263.581 in totale)
        • 1.383.218 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)*
        • Tasso di positività*: 2,21%
        • 49.354.387 persone con almeno una dose di vaccino (91,38% della popolazione over 12)
        • 48.529.577 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,85% della popolazione over 12)
        • 43.970.895 persone che hanno ricevuto il booster + guariti dopo ciclo completo (94,25% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
        • 1.376.773 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,66%  del totale)
        • 1.239.070 bambini tra i 5 gli 11 anni che hanno completato il ciclo (33,89% del totale)
        • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lazio (+3.834), Campania (+3.384), Emilia Romagna (+3.195).

*La provincia autonoma di Bolzano ha rettificato il numero dei tamponi finora effettuati e pertanto il conteggio totale dei tamponi e il tasso di positività odierno non risultano in linea con i dati dei giorni precedenti.

Nella giornata di ieri registrati 53.588 nuovi contagi e, purtroppo, 118 ulteriori decessi. Intanto, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato che la prossima settimana arriverà l'indicazione dell'Unione Europea in merito alla quarta dose. Si va verso una prescrizione immediata per quanto riguarda i soggetti immunocompromessi, e molto probabilmente anche per le fasce generazionali più fragili come gli anziani. Nell'ultimo report esteso dell'Iss si è sottolineato che la terza dose ha protetto nel 91% dei casi dall'insorgere di malattia grave.

Intanto in Gran Bretagna è stata scoperta una nuova variante, ribattezzata "Xe". Secondo lo Uk Health Security Agency, il ceppo virale sarebbe figlio delle varianti di Omicron BA.1 e BA.2 1. A quanto emerge dalle prime stime, potrebbe essere del 10% più contagioso rispetto a Omicron 2, un dato che però significa poco se non preso in parallelo con quello sulla sua letalità.

I dati di Domenica 3 aprile 2022

Ecco i dati di oggi domenica 3 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • +53.588 nuovi contagi
      • 118 decessi
      • +6.405 attualmente positivi (1.284.016 in totale)
      • +48.486 guariti o dimessi nelle ultime 24 ore
      • +68 ricoverati con sintomi (10.017 in totale)
      • -4 ricoveri in terapia intensiva (489 in totale con 42 nuovi ingressi)
      • +6.341 in isolamento domiciliare (1.273.510 in totale)
      • 364.182 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • 14,71% è il tasso di positività
      • 49.354.191 persone con almeno una dose di vaccino (91,38% della popolazione over 12)
      • 48.529.080 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,85% della popolazione over 12)
      • 43.967.717 persone che hanno ricevuto il booster + guariti dopo ciclo completo (94,24% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.376.648 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,65%  del totale)
      • 1.238.815 bambini tra i 5 gli 11 anni che hanno completato il ciclo (33,88% del totale)
      • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lazio (+6.533), Campania (+6.373), Lombardia (+6.371).

I dati di Sabato 2 aprile 2022

Ecco i dati di oggi sabato 2 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 70.803 nuovi contagi
      • 129 decessi
      • 477.041 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • 14,84% è il tasso di positività
      • +17 ricoveri in terapia intensiva (493 in totale con 72 nuovi ingressi)
      • -32 ricoverati con sintomi (9.949 in totale)
      • +6.139 in isolamento domiciliare (1.267.169 in totale)
      • +6.124 attualmente positivi (1.277.611 in totale)
      • 65.159 guariti o dimessi nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lazio (+9.115), Lombardia (+8.782), Campania (+7.537) e Veneto (+6.821)
      • 49.353.228 persone con almeno una dose di vaccino (91,38 % della popolazione over 12)
      • 48.525.426 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,85 % della popolazione over 12)
      • 43.928.213 persone che hanno ricevuto il booster + guariti dopo ciclo completo (94,16 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.375.987 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,64 %  del totale)
      • 1.237.525 bambini tra i 5 gli 11 anni che hanno completato il ciclo (33,83 % del totale)

Ieri 74mila positivi e 154 nuove vittime. Intanto, nelle ore in cui si è usciti dallo stato d'emergenza, l'indice Rt ha tcccato il suo massimo da dicembre, attestandosi all'1,24%. "La curva si è appiattita, l'incidenza si è stabilizzata", afferma in ogni caso il direttore dell'Iss Silvio Brusaferro. Il dato dell'incidenza parla infatti di circa 836 casi su 100mila abitanti, ed è stabile nelle ultime settimane.

Ma per Massimo Andreoni, infettivologo dell'ateneo romano di Tor Vergata, "da qualche giorno si ricomincia a vedere qualche malato più grave". Senza infatti una quarta dose generalizzata all'orizzonte (il Ministro Roberto Speranza sta valutando se e per quali categorie consigliarla) e con la capacità di protezione della terza che si abbassa a qualche mese di distanza, la popolazione più anziana deve mantenere alta la guardia. In particolare data l‘alta trasmissibilità di Omicron 2. Intanto i ricoveri nei reparti Covid hanno superato la prima soglia di allerta, arrivando al 15,2% della capienza disponibile.

I dati di Venerdì 1 aprile 2022

Vediamo insieme i dati di oggi venerdì 1 aprile 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 74.350 nuovi contagi
      • 154 decessi
      • 514.823 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • 14,44% è il tasso di positività
      • +8 ricoveri in terapia intensiva (476 in totale con 47 nuovi ingressi)
      • +83 ricoverati con sintomi (9.981 in totale)
      • -5.648 in isolamento domiciliare (1.261.030 in totale)
      • -5.557 attualmente positivi (1.271.487 in totale)
      • 82.443 guariti o dimessi nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il più alto numero di contagi sono: Lombardia (+9.053), Lazio (+8.460), Campania (+7.903) e Veneto (+7.333)
      • 49.352.572 persone con almeno una dose di vaccino (91,38 % della popolazione over 12)
      • 48.522.874 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,84 % della popolazione over 12)
      • 43.887.665 persone che hanno ricevuto il booster + guariti dopo ciclo completo (94,07 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.375.768 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,63 %  del totale)
      • 1.236.774 bambini tra i 5 gli 11 anni che hanno completato il ciclo (33,83 % del totale)

A livello nazionale stanno scendendo leggermente i nuovi contagi, segno che forse abbiamo raggiunto la fase discendente dell'ondata epidemica. Intanto però sono in crescita le terapie intensive e i ricoveri nei reparti Covid rispetto alla scorsa settimana. Più nel dettaglio, secondo il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute, il tasso di occupazione delle terapie intensive è del 4,7%, mentre quello degli altri reparti ha superato la soglia di attenzione del 15%, arrivando a un 15,2%. La regione con l'incidenza più alta è l'Umbria, seguita da Puglia e Abruzzo.

Oggi, però, è il primo giorno di uscita dallo stato di emergenza per la pandemia e di inizio di convivenza con il virus in modo diverso rispetto a quanto abbiamo fatto fino a questo momento. Già a partire da questa mattina, non era più obbligatorio il Green pass sui mezzi di trasporto, mentre sul luogo di lavoro sarà sufficiente il certificato base, ovvero quello ottenibile attraverso il tampone negativo. Eliminate anche le quarantene precauzionali dei contatti stretti, che dovranno invece indossare la mascherina per i 10 giorni successivo al contatto con la persona positiva ed effettuare un tampone solo in caso di sintomi.

I dati di Giovedì 31 marzo 2022

Ecco i dati di giovedì 31 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 73.195 nuovi contagi
      • 159 decessi
      • 79.977 persone guarite/dimesse
      • -5.772 persone positive
      • 486.813 tamponi effettuati (antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 15%
      • -13 persone in terapia terapia intensiva le persone rimangono pari a ieri (con 46 nuovi ingressi e 468 in totale)
      • +27 ricoverati con sintomi (9.898 in totale)
      • +5.786 in isolamento domiciliare (1.266.678 in totale)
      • 135.908.170 vaccini somministrati in totale
      • 49.350.279 persone con almeno una dose di vaccino (91,37% della popolazione over 12)
      • 48.514.734 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,83% della popolazione over 12)
      • 38.807.689 persone che hanno ricevuto la dose booster (83,24% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 43.805.423 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (93,96% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.375.185 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose (37,61%  del totale)
      • 1.235.324 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,79% del totale)

A fronte di 524.899 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 77.621 i nuovi casi da Covid-19, con un tasso di positività del 14,78% (in leggero calo rispetto a quello di martedì scorso del 15,05%).

Le Regioni con il numero più alto di contagi rimangono la Lombardia (+9.479), il Lazio (+8.957), la Campania (+8.469) e il Veneto (+7.874), mentre i contagi rimangono ancora alti, da martedì sempre sopra i 75mila.

Il ministero della Salute ha appena emanato la nuova circolare con le regole per la gestione dell’epidemia di Covid. In molti luoghi si potrà entrare senza esibire il green pass, mentre in altri servirà solo quello base.

Non cambiano invece le regole per l’isolamento di chi è positivo: 7 giorni se si è vaccinati, 10 se non si è immunizzati o se l’ultima dose è stata fatta da più di 120 giorni. Cambia invece la quarantena per chi ha avuto contatti stretti con persone contagiate: l’autosorveglianza prevede l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2, al chiuso o in presenza di assembramenti, fino al decimo giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto, una regola che vale sia per chi è vaccinato sia per chi non lo è.

I dati di Mercoledì 30 marzo 2022

Di seguito puoi trovare i dati di mercoledì 30 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 77.621 nuovi contagi
      • 170 decessi
      • 524.899 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 14,78% è il tasso di positività
      • -6 persone in terapia terapia intensiva le persone rimangono pari a ieri (con 50 nuovi ingressi e 481 in totale)
      • +131 ricoverati con sintomi (9.871 in totale)
      • +15.813 in isolamento domiciliare (1.272.464 in totale)
      • +15.938 attualmente positivi (1.282.816 in totale)
      • +55.303 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le Regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+9.479), Lazio (+8.957), Campania (+8.469) e Veneto (+7.874)
      • 49.348.639 persone con almeno una dose di vaccino (91,37 % della popolazione over 12)
      • 48.510.119 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,82 % della popolazione over 12)
      • 38.778.598 persone che hanno ricevuto la dose booster (83,18 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 43.758.374 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (93,86 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.374.769 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almneo una dose (37,60%  del totale)
      • 1.234.648 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,77 % del totale)
dati-covid-30-marzo

Come avrai notato negli ultimi giorni, la curva è in risalita perché i nuovi contagi aumentano (ieri sono stati 99.457 a fronte di 660.708), il tasso di positività è in crescita (ieri era al 15%) e anche i decessi restano abbondantemente sopra quota 100 (ieri 177).

Che i casi stiano risalendo è un dato di fatto e, secondo il professor Massimo Galli, la "colpa" sarebbe di "Omicron 2", la sottovariante che si starebbe mostrando "in grado di sostituire Omicron 1 con una velocità che delta e alfa non avevano".

Per questo, ha spiegato, "si sta velocemente, non gradualmente, sostituendo alla 1 e sostiene in tutta Europa un nuovo incremento di casi di Covid-19″. E quando i casi sono tanti, anche se la variante non è particolarmente cattiva vi è inevitabilmente un aumento di ospedalizzazioni, "anche in terapia intensiva".

Se i ricoveri in terapia intensiva per ora rimangono uguali a ieri (487 in totale con 46 nuovi ingressi), è nei reparti ordinari che si è registrata una crescita di ingressi pari a +244 nelle ultime 24 ore.

La risalita dei casi e l'aumento delle ospedalizzazioni non sembrano comunque ostacolare il "piano" del Governo per la totale riapertura. Sono confermati infatti la fine dello stato di emergenza per il 31 marzo, gli allentamenti dell'uso del Green pass dal 1 aprile e la sua totale sospensione a partire dal 1 maggio.

I dati di Martedì 29 marzo 2022

Vediamo insieme i dati di oggi martedì 29 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano.

      • 99.457 nuovi contagi
      • 177 decessi
      • 660.708 tamponi effettuati tra molecolari e antigenici
      • 15,05% è il tasso di positività
      • In terapia intensiva le persone rimangono pari a ieri (con 46 nuovi ingressi e 487 in totale)
      • +244 ricoverati con sintomi (9.740 in totale)
      • +12.578 in isolamento domiciliare (1.256.651 in totale)
      • +12.822 attualmente positivi (1.266.878 in totale)
      • +87.297 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+12.518), Campania (+11.755), Lazio (+11.430) e Puglia (+10.805)
      • 49.348.639 persone con almeno una dose di vaccino (91,37 % della popolazione over 12)
      • 48.510.119 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,82 % della popolazione over 12)
      • 38.778.598 persone che hanno ricevuto la dose booster (83,18 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 43.758.374 persone che hanno ricevuto la dose booster + guariti dopo seconda dose (93,86 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.374.769 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almneo una dose (37,60 %  del totale)
      • 1.234.648 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,77 % del totale)

La risalita dei nuovi casi sembra aver già raggiunto una fase di stabilità ed essere quindi approdata in quello che si chiama plateau. Il numero dei nuovi positivi è infatti rimasto invariato per un'intera settimana, segno che ci stiamo avvicinando a una progressiva discesa. Anche per questo motivo, non vi sarà alcun blocco al piano di allentamento delle misure restrittive previsto dal governo. Il 31 marzo finisce infatti lo stato di emergenza per la pandemia, in vigore ormai da oltre due anni. Già a partire dal giorno successivo cesserà di esistere il sistema di colori delle regioni, i contatti stretti non dovranno osservare un periodo di quarantena nemmeno se non sono vaccinati e per entrare nei luoghi di lavoro dovrebbe essere sufficiente il green pass base, quello ottenibile anche tramite tampone.

Una situazione di serenità e convivenza con il virus che non sarebbe stata possibile senza i vaccini. In Italia l'80,3% della popolazione ha concluso il ciclo di due dosi, mentre più del 65% ha ricevuto anche il booster.

I dati di Lunedì 28 marzo 2022

Ecco i dati di oggi lunedì 28 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 30.710 nuovi contagi oggi
      • 95 morti da ieri
      • +40.300 persone dimesse o guarite (in totale 12.983.350)
      • -8.835 attuali positivi (in totale 1.254.056)
      • 135.781.855 dosi di vaccino somministrate finora
      • 211.535 tamponi eseguiti oggi
      • Tasso di positività: 14,5%
      • 9.496 ricoverati con sintomi (+315 rispetto a ieri)
      • 487 ricoverati in terapia intensiva (+23 rispetto a ieri)
      • 39 ingressi del giorno in terapia intensiva (+1 rispetto a ieri)
      • 49.344.692 persone con almeno una dose (ovvero il 91,36% della popolazione over 12)
      • 48.497.936 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,79% della popolazione over 12)
      • 38.710.268 persone che hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'84,37 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
      • 43.620.214 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (ovvero il 95,08% della popolazione)
      • 1.374.097 ragazzi della fascia 5-11 hanno ricevuto almeno una somministrazione (ovvero il 37,58% della popolazione 5-11)
      • 1.232.987 ragazzi 5-11 anni hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 33,72% della popolazione 5-11)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono state: Lazio (+4.418), Campania (+3.723), Puglia (+2.791) e Lombardia (+2.718).

A fronte di 384.323 tamponi effettuati nella giornata di ieri, sono stati 59.555 i nuovi contagi da Covid-19, con un tasso di positività del 15,5% in rialzo rispetto alla giornata precedente (14,5%).

A partire da oggi l’Italia, che si appresta ad uscire dallo stato di emergenza (il termine è previsto per il 31 marzo) sarà interamente in zona bianca, ma dal momento che i dati sulla risalita dei contagi rimangono, il ministero della Salute ha deciso di lasciare invariate le regole sulla quarantena dei positivi e sui “contatti stretti”.

Rimane quindi l’obbligo di rispettare i 7 giorni (o 10 giorni per i non vaccinati o per chi non ha la terza dose o ha fatto la seconda dose da più di 4 mesi) per chi è positivo. Per i “contatti stretti”, anche conviventi, si ricorre all’autosorveglianza, che consiste nell’obbligo di indossare le mascherine FFP2, al chiuso o in presenza di assembramenti fino al decimo giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto; in questo caso si deve comunque effettuare un test antigenico rapido o molecolare alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale in corso, finora sono state 135.781.855 le dosi di vaccino somministrate; nella fascia di età tra i 5 e gli 11 anni hanno ricevuto la prima dose 1.374.097 ragazzi, mentre 1.232.987 ragazzi hanno completato il ciclo vaccinale (33,72% della popolazione 5-11)

I dati di Domenica 27 marzo 2022

Ecco i dati di domenica 27 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 59.555 nuovi contagi oggi
      • 82 morti da ieri
      • 384.323 tamponi eseguiti oggi
      • Tasso di positività: 15.5%
      • 9.181 ricoverati con sintomi (+158 rispetto a ieri)
      • 464 ricoverati in terapia intensiva (+12 rispetto a ieri)
      • 40 ingressi del giorno in terapia intensiva (-5 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi sono state: Campania (7.471), Lazio (7.409), Lombardia (6.783) e Puglia (6.145)
      • 135.776.786 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.344.382 persone con almeno una dose (ovvero il 91,36 % della popolazione over 12)
      • 48.496.778 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,79 % della popolazione over 12)
      • 38.706.392 persone che hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'84,37 % della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster)
      • 43.602.632 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (ovvero il 95,04% della popolazione)
      • 1.374.021 ragazzi della fascia 5-11 hanno ricevuto almeno una somministrazione (ovvero il 37,58 % della popolazione 5-11)
      • 1.232.634 ragazzi 5-11 anni hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 33,71 % della popolazione 5-11)

I dati di Sabato 26 marzo 2022

Ecco qui i dati di Sabato 26 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 73.357 nuovi contagiati da ieri
      • 118 decessi nelle ultime 24 ore
      • 504.185 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 14,5%
      • 135.714.886 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.342.42 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 891,36 % della popolazione over 12
      • 48.489.293 persone con almeno due dosi di vaccino e che quindi hanno completato il ciclo vaccinale primario: si tratta del 89,78 % della popolazione over 12
      • 38.658.015 persone con la terza dose di vaccino: si tratta del 84,26 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 53.618 persone fragili o immunocompromesse che hanno ricevuto la dose booster: si tratta del 6,78 % della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo da almeno 4 mesi
      • 1.372.602 bambini tra i 5 e gli 11 anni con una dose di vaccino: si tratta del 37,54 % della popolazione 5-11
      • 1.229.960 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino: si tratta del 33,64 % della popolazione 5-11
      • +5 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 45, il totale è di 452 persone)
      • +29 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 9.023 persone)
      • +8.102 persone attualmente positive  (il totale è di 1.254.383)
      • 8.068 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.244.908)
      • 66.396 nuovi guariti da ieri (il totale è di 12.891.028)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (8.532), il Lazio (8.445), la Campania (8.243) e la Puglia (7.909).

I dati di Venerdì 25 marzo 2022

Ecco qui i dati di oggi Venerdì 25 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 75.616 nuovi contagiati da ieri
      • 146 decessi nelle ultime 24 ore
      • 503.973 tamponi eseguiti (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 15%
      • 135.687.246 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.341.262 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,36 % della popolazione over 12
      • 48.485.811 persone con almeno due dosi di vaccino e che quindi hanno chiuso il ciclo vaccinale primario: si tratta del 89,77 % della popolazione over 12
      • 38.636.536 persone che hanno fatto la terza dose di vaccino: si tratta del 84,21 % della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 52.931 persone immunocompromesse che fanno fatto anche la dose booster: si tratta del 6,69 % della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo da almeno 4 mesi
      • 1.372.174 bambini tra i 5 e gli 11 anni con una dose di vaccino: si tratta del 37,53 % della popolazione 5-11
      • 1.228.634 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino si tratta del 33,61 % della popolazione 5-11
      • 447 persone ricoverate in terapia intensiva (stesso dato di ieri, gli ingressi giornalieri invece sono stati 49)
      • -35 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 8.994)
      • +513 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.236.840)
      • +478  persone attualmente positive (il totale è di 1.246.281)
      • +75.773 nuovi guariti da ieri (il totale è di 12.824.632)
      • Le Regioni più colpite sono: il Veneto (8.868), il Lazio (8.807), la Lombardia (8.677) e la Campania (8.517).

Nella giornata di ieri sono stati registrati 81.811 nuovi contagi a fronte di 545.302 tamponi effettuati tra antigenici e molecolari e 182 decessi. Come avrai notato, il numero dei casi sta lentamente risalendo ma il sistema sanitario è in pieno controllo della situazione e non sembra accusare sintomi di un'eccessiva pressione.

I ricoveri in terapia intensiva sono infatti diminuiti (-19, 447 in totale) mentre le 90 persone entrate negli altri reparti ordinari tengono comunque il numero totale sotto i 10mila ricoverati in tutta Italia. Anche grazie alla vaccinazione (l'89,74% degli over 12 ha completato il ciclo vaccinale e l'84,16 % ha già fatto la terza) stiamo intravedendo l'uscita dalla pandemia.

Sono confermati, infatti, i passi che gradualmente ci porteranno alla riconquista della nostra normalità: lo Stato di Emergenza cadrà il 31 marzo, dal 1 aprile il Green pass non servirà praticamente più all'aperto mentre dal 1 maggio saluteremo definitivamente la certificazione verde.

Come ha ribadito l'Aifa, inoltre, al momento non ci sono novità sul fronte quarta dose. Nel senso che oggi non verrà allargata la platea delle persone potenzialmente oggetto del secondo booster che, invece, resta confermato per fragili e immunocompromessi.

I dati di Giovedì 24 marzo 2022

Ecco i dati di oggi Giovedì 24 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 81.811 nuovi contagi
      • 182 decessi
      • +18.913 attualmente positivi (1.245.803 in totale)
      • +63.553 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • 545.302 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • -19 ricoveri in terapia intensiva (447 in totale, con 41 nuovi ingressi)
      • +90 ricoverati con sintomi (9.029 in totale)
      • -18.842 in isolamento domiciliare (1.236.327 in totale)
      • Le regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+9.300), Lazio (+9.235), Campania (+8.828), Veneto (+8.337)
      • 135.594.966 somministrazioni di vaccino effettuate in totale
      • 49.332.269 persone con almeno una dose di vaccino (91,34% della popolazione over 12)
      • 48.468.789 persone che hanno completato il ciclo (89,74% della popolazione over 12)
      • 43.400.045 persone che hanno ricevuto la dose booster + quelle guarite dal Covid dopo la seconda dose (94,6% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.371.447 bambini che hanno tra i 5 a gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,51%  del totale)
      • 1.227.023 bambini che hanno tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,56% del totale)

Nella giornata di ieri in calo contagi e decessi, così come il tasso di positività. Sul dato incide però il minor numero di tamponi effettuati. Mentre si avvicina la fine dello stato d'emergenza del prossimo 31 marzo, alcune associazioni di medici hanno invitato il governo a rivedere alcune misure. In particolare, secondo Carlo Palermo del sindacato dei medici ospedalieri Anaao Assomed, andrebbe rivisto lo stop alle mascherine al chiuso dal prossimo 1 maggio. "Bisogna pensarci almeno dieci volte", ha sottolineato Palermo.

Intanto oggi dovrebbe arrivare il parere dell'Agenzia Italiana del farmaco (Aifa) sull'opportunità di somministrare un'ulteriore dose booster agli over 70. Se per i soggetti immunodepressi il parere positivo è unanime, non così sul richiamo generale: a favore è Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, mentre è contrario l'infettivologo Matteo Bassetti. Per il quale è più preoccupante – e meritevole di azione – il fatto che circa 10 milioni di italiani non si siano ancora sottoposti alla terza dose.

Nel mondo si diffonde intanto sempre di più la variante Omicron 2: ormai prevalente in Europa, negli Stati Uniti sarebbe responsabile di almeno un terzo dei nuovi contagi. L'Oms, tramite il suo direttore generale per l'Europa Hans Kluge critica i Paesi europei che avrebbero allentato "troppo brutalmente" le misure di contenimento della pandemia, includendo l'Italia nell'elenco. A livello globale, i dati Oms parlano di un aumento dell'8% dei nuovi casi nella settimana dal 7 al 13 marzo, a cui si è accompagnato però un calo del 17% dei decessi. Una conferma della maggiore viralità e della minore letalità della nuova variante.

I dati di Mercoledì 23 marzo 2022

Ecco i dati di Mercoledì 23 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 76.260 nuovi contagi
      • 153 decessi
      • 513.744 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • +11 ricoveri in terapia intensiva (466 in totale, con 55 nuovi ingressi)
      • -30 ricoverati con sintomi (8.939 in totale)
      • +16.878 in isolamento domiciliare (1.217.485 in totale)
      • +26.283 attualmente positivi (1.226.890 in totale)
      • +51.922 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il numero più alto di contagi sono: Lombardia (+9.203), Lazio (+8.340) e Campania (+8.093)
      • 49.331.466 persone con almeno una dose di vaccino (91,34 % della popolazione over 12)
      • 48.462.724 persone che hanno completato il ciclo (89,73 % della popolazione over 12)
      • 43.342.455 persone che hanno ricevuto la dose booster + quelle guarite dal Covid dopo la seconda dose (94,47 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.370.966 bambini che hanno tra i 5 a gli 11 anni con almeno una dose di vaccino (37,50 %  del totale)
      • 1.225.734 bambini che hanno tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (33,53 % del totale)

La risalita della curva dei contagi prosegue, tanto che ieri è stato raggiunto il 15% di tasso di positività. La responsabilità sembra essere di Omicron e di una sua sottovariante, BA.2, chiamata anche Omicron 2. Secondo gli esperti sarebbe molto più contagiosa delle precedenti in circolazione ma, di nuovo, non più pericolosa. In effetti al momento non si registrano aumenti nelle terapie intensive.

I vaccini dunque dovrebbero tenere e la buona notizia è che tra dose booster e guarigione dal Covid, la copertura oggi ha raggiunto il 90% della popolazione over 12. Siamo quindi pronti anche per affrontare la fine dello stato di emergenza e il progressivo allentamento delle misure restrittive. Secondo il virologo Andrea Crisanti: "Se siamo di fronte a una nuova ondata è una questione di definizioni, e poco importa. Credo che anche i ricoveri aumenteranno nei prossimi giorni. Non si può fare nulla con questi livelli di trasmissione, non funziona nessuna misura parziale. Quindi proseguiamo con le riaperture. Fermarle non serve contro un virus che ha un indice di contagio così alto".

Dobbiamo quindi aspettarci nuovi aumenti, soprattutto in vista di Pasqua quando potrebbero anche ripartire le iniziative e gli eventi cittadini, sospesi per due anni a causa della pandemia. Uno scenario che conferma sempre di più l'uscita effettiva dal periodo dell'emergenza e l'entrata in una fase di convivenza con il virus.

I dati di Martedì 22 marzo 2022

Ecco i dati di Martedì 22 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano.

      • 96.365 nuovi contagi oggi
      • 197 morti da ieri
      • 641.896 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 15%
      • 71.380 nuovi dimessi / guariti
      • +241 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 8.969)
      • -8 ricoverati in terapia intensiva (oggi sono in totale 455, con 47 ingressi del giorno)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono state: Puglia (12.007), Lombardia (11.378), Lazio (11.172), Campania (10.788),  e Veneto (8.355)
      • 135.503.440 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.330.883 persone con almeno una dose (ovvero il 91,34 % della popolazione over 12)
      • 48.456.589 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,72% della popolazione over 12)
      • 38.500.836 persone che hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'83,92% della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster)
      • 43.278.469 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (ovvero il 94,33% della popolazione)
      • 1.370.560 ragazzi della fascia 5-11 hanno ricevuto almeno una somministrazione (ovvero il 37,49% della popolazione 5-11)
      • 1.224.540 ragazzi 5-11 anni hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 33,49% della popolazione 5-11)

Non si arresta la crescita di Omicron 2, in particolare nelle regioni meridionali del nostro Paese. In una settimana in Puglia e Campania i nuovi contagi sono saliti rispettivamente del 59% e del 57%, nel Lazio del 48%. Sembra però, fortunatamente, essere confermata la dinamica per cui all'aumento dei contagi non corrisponde una crescita delle ospedalizzazioni. Anche perché la variante sembra circolare prevalentemente nei bambini, meno immunizzati, e non sembra creare grossi danni agli anziani. Secondo Enrico Coscioni, consigliere per la sanità del governatore della Campania Vincenzo De Luca e presidente di Agenas, Omicron 2 sta avendo "un’incidenza maggiore nella fascia di età tra i 9 e i 19 anni, mentre gli over 70 sono meno colpiti e infatti l’impatto sugli ospedali in questo momento non è significativo".

Intanto, uno studio ad opera di docenti e esperti provenienti da diverse università e centri di ricerca milanesi- studio che sta per essere pubblicato sul Journal of Internal Medicine –  lancia l'allarme sul numero dei pazienti che nei sei mesi successivi alla guarigione sono tornati in ospedale per ulteriori complicazioni. La ricerca ha analizzato 48.148 lombardi contagiati nel corso della prima ondata. Il 19,5% di questi si è presentato di nuovo al Pronto Soccorso nei 180 giorni dopo la fine del ricovero ospedaliero, mentre il 15,6% dei malati dimessi da una terapia intensiva ha dovuto sottoporsi a un nuovo ricovero.

In Cina invece nuova città in lockdown: si tratta di Shenyang, metropoli da 9 milioni di persone nel nord-est del Paese.

I dati di Lunedì 21 marzo 2022

Ecco i dati di oggi Lunedì 21 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 32.573 nuovi contagi di oggi
      • 119 decessi da ieri
      • 30.870 nuovi dimessi / guariti (in totale 12.562.004)
      • 2.456 attuali positivi (in totale 1.175.280)
      • 218.216 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 14,9%
      • +298 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 8.728)
      • -4 ricoverati in terapia intensiva (oggi sono in totale 463, con 31 ingressi del giorno)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono state: Lazio (4.405), Campania (3.500), Puglia (3.020), Sicilia (2.798), Lombardia (2.544).
      • 135.452.421 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.329.196 persone con almeno una dose (91,33% della popolazione over 12)
      • 48.449.705 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,71% della popolazione over 12)
      • 38.460.857 persone che hanno ricevuto la dose booster (83,83% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
      • 43.205.689 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster)+ guariti post 2ª dose/unica dose (94,17% della popolazione)
      • 1.370.210 ragazzi della fascia 5-11 hanno ricevuto almeno una somministrazione (37,48% della popolazione 5-11)
      • 1.222.370 ragazzi 5-11 anni hanno completato il ciclo vaccinale (33,46% della popolazione 5-11)

Nonostante il calo dei nuovi contagi giornalieri, scesi a 60.415 nella giornata di domenica 20 marzo, prosegue la crescita del tasso di positività, arrivato a superare il 16%. Significa che in questo inizio settimana, con il ritorno a regime dei test effettuati, dovremmo attenderci un ulteriore aumento dei nuovi casi di Covid-19, concentrato soprattutto nelle Regioni centro-meridionali. Ieri, infatti, Lazio, Campania e Puglia risultavano tra i territori con una maggiore diffusione dell'infezione, insieme alla Lombardia.

Secondo quanto dichiarato ad Adnkronos dal direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova Matteo Bassetti, tuttavia, quella che stiamo vivendo è "forse è la prima ondata di un virus depotenziato perché non è paragonabile alle precedenti quattro ondate e perché i nostri ospedali hanno pressione zero. Ovvero, questo aumento dei contagi non porta ad una malattia grave".

I dati di Domenica 20 marzo 2022

Di seguito puoi trovare i dati di oggi Domenica 20 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 60.415 nuovi contagi oggi
      • 93 morti da ieri
      • 370.466 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 16,30%
      • 48.385 nuovi dimessi / guariti
      • +111 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 8.430)
      • -4 ricoverati in terapia intensiva (oggi sono in totale 467, con 29 ingressi del giorno)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono state: Lazio (7.413), Campania (7.130), Puglia (6.464), Lombardia (6.371) e Sicilia (4.777)
      • 135.449.370 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.329.067 persone con almeno una dose (ovvero il 91,33 % della popolazione over 12)
      • 48.449.034 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,70% della popolazione over 12)
      • 38.458.441 persone che hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'83,83% della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster)
      • 43.196.155 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (ovvero il 94,15% della popolazione)
      • 1.370.131 ragazzi della fascia 5-11 hanno ricevuto almeno una somministrazione (ovvero il 37,48% della popolazione 5-11)
      • 1.222.956 ragazzi 5-11 anni hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 33,45% della popolazione 5-11)

I dati di Sabato 19 marzo 2022

Ecco i dati di Sabato 19 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 74.024 nuovi contagi oggi
      • 85 morti da ieri
      • 478.051 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 15,48%
      • 48.385 nuovi dimessi / guariti
      • 8.319 ricoverati con sintomi (-84 rispetto a ieri)
      • 471 ricoverati in terapia intensiva (-3 rispetto a ieri)
      • 56 ingressi del giorno in terapia intensiva (+9 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono state: Lazio (8.986), Lombardia (8.052), Campania (7.903), Puglia (7.392) e Veneto (6.831)
      • 135.376.872 dosi di vaccino somministrate finora
      • 49.326.528 persone con almeno una dose (ovvero il 91,33 % della popolazione over 12)
      • 48.441.668 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,69 % della popolazione over 12)
      • 38.402.220 persone che hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'83,70 % della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster)
      • 43.126.153 persone che hanno ricevuto la dose addizionale/richiamo (booster) + guariti post 2ª dose/unica dose (ovvero il 94% della popolazione)
      • 1.368.670 ragazzi della fascia 5-11 hanno ricevuto almeno una somministrazione (ovvero il 37,44 % della popolazione 5-11)
      • 1.218.870 ragazzi 5-11 anni hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 33,34 % della popolazione 5-11)

I dati di Venerdì 18 marzo 2022

Di seguito puoi trovare i dati di Venerdì 18 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 76.250 nuovi contagi oggi
      • 490.883 tamponi effettuati da ieri
      • 165 decessi da ieri
      • Tasso di positività: 15,53%
      • +6 ricoverati con sintomi (oggi sono in totale 8.403)
      • +1 ricoverato in terapia intensiva (oggi sono in totale 474, con 47 ingressi del giorno)
      • +32.004 persone attualmente positive
      • +31.997 persone in isolamento domiciliare (oggi sono in totale 1.111.344)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Lazio (+9.004), Lombardia (+8.555), Puglia (+8.521), Campania (+8.409), Sicilia (6.002)
      • 135.311.245 dosi di vaccino finora somministrate in totale
      • 49.323.623 persone hanno ricevuto almeno una dose (ovvero il 91,32% della popolazione over 12)
      • 48.432.839 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 89,67% della popolazione over 12)
      • 38.352.578 persone hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'83,69% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
      • 1.368.026 bambini 5-11 anni ha ricevuto la prima dose (ovvero il 37,42% della popolazione 5-11)
      • 1.216.324 bambini 5-11 hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero il 33,27% della popolazione 5-11)
dati-covid-18-mar

Per la prima volta dopo diverso tempo, nella giornata di ieri il tasso di positività ha raggiunto e superato la soglia del 15%, risultato dei quasi 80mila casi quotidiani di Covid-19 registrati su poco meno di 530mila tamponi effettuati. La risalita della curva dei contagi è confermata anche dai dati del monitoraggio settimanale rilasciati da Iss e Ministero della Salute: l'incidenza nazionale è salita a 725 casi ogni 100mila abitanti, mentre l'indice di trasmissibilità Rt è passato da 0,84 a 0,94, ma allo stesso tempo cala l'occupazione delle terapie intensive.

L'aumento dei contagi, in ogni caso, non sta frenando l'allenamento, se non l'eliminazione, di quasi tutte le misure restrittive che hanno caratterizzato gli ultimi due anni di pandemia: è questo infatti l'obiettivo del nuovo decreto Covid che introduce diverse novità, tra le quali spiccano lo stop all'obbligo vaccinale sul lavoro per gli over 50 a partire dall'1 aprile e la fine dell'obbligo di presentare il Green pass per sedersi in bar e ristoranti all'aperto.

I dati di Giovedì 17 marzo 2022

Ecco i dati di Giovedì 17 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 79.895 nuovi contagi oggi
      • 128 decessi da ieri
      • 1.088.217 persone attualmente positive (+34.050 rispetto a ieri)
      • +48.190 persone dimesse o guarite
      • 529.882 tamponi effettuati da ieri
      • Tasso di positività: 15,1%
      • 8.397 ricoverati con sintomi (-13 rispetto a ieri)
      • 473 ricoverati in terapia intensiva (-4 rispetto a ieri)
      • 51 ingressi del giorno in terapia intensiva (+20 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Lazio (+9.504), Lombardia (+8.670), Puglia (+8.559), Campania (+8.370)
      • 135.252.801  dosi di vaccino finora somministrate in totale
      • 49.321.301 persone hanno ricevuto almeno una dose (91,32% della popolazione over 12)
      • 48.425.059 persone hanno completato il ciclo vaccinale (89,66% della popolazione over 12)
      • 50.959.742 persone hanno ricevuto almeno una dose o sono guarite da meno di 6 mesi (94,35% della popolazione over 12)
      • 38.308.161 persone hanno ricevuto la dose booster (83,59% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
      • 42.994.613 persone hanno ricevuto la dose booster o sono guarite dopo la seconda dose (93,81% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.367.528 bambini 5-11 anni ha ricevuto la prima dose (37,40% della popolazione 5-11)
      • 1.213.979 bambini 5-11 hanno finito il ciclo vaccinale (33,20% della popolazione 5-11)

A fronte di 490.711 tamponi effettuati (molecolari e antigienici), nella giornata di ieri sono stati 72.568 i nuovi contagi da Covid-19, con un tasso di positività del 14,8%, in leggerissima salita rispetto a quello registrato martedì scorso (14,5%). Grazie ai vaccini, l’aumento dei contagi degli ultimi giorni non desta particolare preoccupazione, oltretutto oltre il 90 per cento dei positivi sono perlopiù asintomatici, come affermato dallo stesso Donato Greco, epidemiologo del Comitato tecnico-scientifico. Oltre che dai bollettini quotidiani, l’aumento di contagi è documentato dal report che arriva dalle scuole: nella settimana dal 7 al 13 marzo si sono registrati 8.023 nuovi contagi nei bambini e ragazzi fino ai 18 anni, contro i 6.337 dei sette giorni precedenti.

Diventa quindi fondamentale che la campagna vaccinale prosegua tra bambini e ragazzi. Ad oggi sono state somministrate in totale fino a 135.252.801 dosi di vaccino, ma nella fascia di età 5-11 anni, "solo" 1.367.528 bambini hanno ricevuto la prima dose (37,40% della popolazione 5-11), mentre 1.213.979 bambini hanno completato il ciclo vaccinale con le due dosi previste.

Infine oggi si riuniranno la cabina di regia e il Consiglio dei ministri per decidere il calendario dei progressivi allentamenti delle misure anticontagio: dal primo aprile, con la fine dello stato di emergenza per l’epidemia di Covid, il super green pass non sarà più obbligatorio per l’accesso al lavoro degli over 50 e sarà possibile entrare liberamente nei negozi, oltre a partecipare a spettacoli e feste all’aperto.

I dati di Mercoledì 16 marzo 2022

Ecco i dati di Mercoledì 16 marzo 2022 diffusi nel bollettino quotidiano del Ministero della Salute:

      • 72.568 nuovi contagi oggi
      • 490.711 tamponi effettuati da ieri
      • 137 decessi da ieri
      • Tasso di positività: 14,8%
      • 8.410 ricoverati con sintomi (-63 rispetto a ieri)
      • 477 ricoverati in terapia intensiva (-25 rispetto a ieri)
      • 31 ingressi del giorno in terapia intensiva (-20 rispetto a ieri)
      • 1.054.167 persone attualmente positive (+18.033 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Lazio (8.756), Lombardia (8.183), Campania (7.595), Puglia (6.999), Sicilia (6.002)
      • 135.196.411  dosi di vaccino finora somministrate in totale
      • 49.318.469 persone hanno ricevuto almeno una dose (ovvero il 91,31% della popolazione over 12)
      • 48.416.718 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 89,64% della popolazione over 12)
      • 50.952.178 persone hanno ricevuto almeno una dose o sono guarite da meno di 6 mesi (ovvero il 94,34% della popolazione over 12)
      • 38.266.573 persone hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'83,39% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
      • 42.934.785 persone hanno ricevuto la dose booster o sono guarite dopo la seconda dose (ovvero il 93,54% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.366.957 bambini 5-11 anni ha ricevuto la prima dose (ovvero il 37,39% della popolazione 5-11)
      • 1.211.712 bambini 5-11 hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero il 33,14% della popolazione 5-11)

Su poco più di 587mila tamponi effettuati, sono stati 85.288 i nuovi contagi di Covid-19 registrati ieri. Crescono anche i decessi, ieri 180. Un dato significativo, un balzo in avanti notevole che allarma il governo. Secondo indiscrezioni, il Ministro della Salute Roberto Speranza vorrebbe inserire una "clausola di salvaguardia" all'interno del decreto del Consiglio dei Ministri sul tema del contrasto alla pandemia, in arrivo tra oggi e domani. La clausola dovrebbe servire a varare restrizioni immediate in caso di aumento improvviso di contagi e decessi.

Nel decreto dovrebbe essere confermato l'obbligo vaccinale per gli over50, almeno fino al 15 giugno, ma per lavorare basterà il tampone. Dovrebbe inoltre eliminato l'obbligo di esibire il Green Pass per consumare in ristoranti e bar all'aperto, mentre rimarranno obbligatori certificato base e mascherina per le attività al chiuso. A scuola l'obbligo di indossare una Ffp2 dovrebbe essere abolito in favore di quello della sola chirurgica.

Intanto preoccupa la situazione su scala globale, dovuta soprattutto all'impatto della variante Omicron BA.2, stimata il 30% più veloce a livello di contagiosità. Il rialzo dei contagi ha portato la Germania a fare marcia indietro rispetto al ‘Freedom Day‘ fissato per il 20 marzo, quando tutte le misure anti-Covid sarebbero state eliminate: 240mila contagi e più di 200 morti al giorno hanno portato il governo Scholz a ripensarci. In Gran Bretagna, che ha già eliminato ogni restrizione, le nuove infezioni ieri sono state ben 110mila. Serve dunque cautela, capendo le caratteristiche della nuova variante, che per il virologo statunitense Anthony Fauci sarebbe già prevalente al 60% su scala globale.

I dati di Martedì 15 marzo 2022

Ecco i dati di oggi Martedì 15 marzo 2022 diffusi nel bollettino quotidiano del Ministero della Salute:

      • 85.288 nuovi contagi oggi
      • 587.015 tamponi effettuati da ieri
      • 180 decessi da ieri
      • Tasso di positività: 14,52%
      • 8.473 ricoverati con sintomi (+5 rispetto a ieri)
      • 502 ricoverati in terapia intensiva (-16 rispetto a ieri)
      • 51 ingressi del giorno in terapia intensiva (+19 rispetto a ieri)
      • 1.036.134 persone attualmente positive (+32.885 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Lazio (10.562), Lombardia (9.540), Campania (9.179), Puglia (8.211), Toscana (6.574)
      • 135.129.857  dosi di vaccino finora somministrate in totale
      • 49.315.076 persone hanno ricevuto almeno una dose (ovvero il 91,31% della popolazione over 12)
      • 48.407.726 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 89,63% della popolazione over 12)
      • 50.943.221 persone hanno ricevuto almeno una dose o sono guarite da meno di 6 mesi (ovvero il 94,32% della popolazione over 12)
      • 38.218.707 persone hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'83,39% della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster)
      • 42.867.538 persone hanno ricevuto la dose booster o sono guarite dopo la seconda dose (ovvero il 93,54% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.366.308 bambini 5-11 anni ha ricevuto la prima dose (ovvero il 37,37% della popolazione 5-11)
      • 1.209.471 bambini 5-11 hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero il 33,08% della popolazione 5-11)

Su 204.877 tamponi effettuati, la giornata di ieri ha intanto fatto segnare nuovi 28.900 contagi di Covid-19. Il tasso di positività resta sostanzialmente stabile (14,1%), a fronte però di un rialzo delle vittime, 129, e di un numero di attualmente positivi tornato superiore al milione di persone. Il dato che più conta è però quello di lungo periodo, che vede una crescita dei contagi in Italia e in Europa. E negli ultimi due mesi, ha spiegato in un'intervista a Repubblica l'immunologo Sergio Abrignani, sono morte in Italia circa 17mila persone, di cui il 55% non vaccinate. Si parla dunque, stando ai calcoli del membro del Cts, di circa 8mila morti che potevano essere evitate, visto che il vaccino protegge nel 90% dei casi dalla malattia grave.

Un allarme, quello di Abrignani, che si inserisce nel dibattito sul mantenimento o meno delle misure attualmente in vigore nei prossimi mesi. Per lo stesso Abrignani, la mascherina al chiuso dovrebbe rimanere e l'obbligo vaccinale per gli over50 prorogato anche dopo metà giugno, quando è prevista la scadenza della norma che lo impone. Matteo Salvini, Giorgia Meloni ma anche Matteo Renzi si sono invece esposti a vario titolo per un allentamento delle restrizioni, sul modello di quanto deciso dai governi francese e britannico.

Intanto in Cina il contagio torna a crescere. Nella giornata di ieri sono stati registrati nel Paese 5.280 casi, a fronte dei 2.343 di domenica. Si tratta del dato maggiore negli ultimi due anni, dovuto principalmente alla rapida diffusione della variante Omicron nella provincia di Jilin. La regione è entrata in lockdown la scorsa domenica.

I dati di Lunedì 14 marzo 2022

Ecco i dati di Lunedì 14 marzo diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 28.900 nuovi contagi oggi
      • 129 decessi oggi
      • 204.877 tamponi effettuati da ieri
      • Tasso di positività: 14,1%
      • 1.003.239 persone attualmente positive (+3.735 rispetto a ieri)
      • 12.242.669 persone guarite in totale (+25.834 rispetto a ieri)
      • 8.468 ricoverati con sintomi (+228 rispetto a ieri)
      • 518 ricoverati in terapia intensiva (+2 rispetto a ieri) con 32 ingressi nelle ultime 24 ore
      • 135.065.770 dosi di vaccino finora somministrate in totale
      • 49.311.891 persone hanno ricevuto almeno una dose (91,3% della popolazione over 12)
      • 48.397.729 persone hanno completato il ciclo vaccinale (89,61% della popolazione over 12)
      • 50.933.019 persone hanno ricevuto almeno una dose o sono guarite da meno di 6 mesi (94,30% della popolazione over 12)
      • 38.170.664 persone hanno ricevuto la dose booster (83,29% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster)
      • 42.794.528 persone hanno ricevuto la dose booster o sono guarite dopo la seconda dose (ovvero il 93,38% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.365.858 bambini 5-11 anni ha ricevuto la prima dose (37,36% della popolazione 5-11)
      • 1.207.521 bambini 5-11 hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero il 33,03% della popolazione 5-11)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Lazio (+3.739), Puglia (+3.346), Campania (+2.806).

A fronte di 330.028 tamponi effettuati nella giornata di ieri, sono stati 48.886 i nuovi casi di contagio da Covid-19, con un tasso di positività del 14,81% (in leggero rialzo rispetto a quello di sabato scorso del 12,88%). Le persone positive tornano a sfiorare il milione (999.504 in totale), mentre i decessi registrati sono stati 86.

La curva di contagi, in lieve risalita, non torna ad allarmare il governo che sembra intenzionato a mantenere l’impegno per il superamento delle restrizioni. a partire dal primo aprile cadrà l’obbligo di green pass, sia base che rafforzato, all’aperto per bar, ristoranti, piscine e palestre, mentre gli stadi torneranno a raggiungere la tirale capienza. Nelle scuole poi non sarà più obbligatorio osservare la quarantena precauzionale se si viene a contatto con un soggetto contagiato.

A partire dal primo maggio, l’obbligo di green pass cadrà per bar e ristoranti al chiuso, per le mense e i catering, così come anche per cinema, teatri e concerti. Dal primo giugno finirà poi l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi di trasporto, nelle palestre e nei centri sportivi. Infine, dal 15 giugno scadrà anche l’obbligo vaccinale per medici, infermieri, operatori delle Rsa, insegnanti e personale della scuola, mentre gli over 50 non dovranno più presentare il green pass per recarsi al lavoro.

I dati di Domenica 13 marzo 2022

Ecco i dati di Domenica 13 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 48.886 nuovi contagi oggi
      • 86 morti oggi
      • 330.028 tamponi effettuati da ieri
      • Tasso di positività: 14,81%
      • 8.240 ricoverati con sintomi (+6 rispetto a ieri)
      • 516 ricoverati in terapia intensiva (-3 rispetto a ieri)
      • 41 ingressi del giorno in terapia intensiva (+1 rispetto a ieri)
      • 999.504 persone attualmente positive (+13.882 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Lazio (6.487), Campania (5.109), Sicilia (4.803), Lombardia (4.791), Puglia (4.422)
      • 135.041.216 dosi di vaccino finora somministrate in totale
      • 49.310.882 persone hanno ricevuto almeno una dose (ovvero il 91,3% della popolazione over 12)
      • 48.394.132 persone hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero il 89,60 % della popolazione over 12)
      • 50.930.811 persone hanno ricevuto almeno una dose o sono guarite da meno di 6 mesi (ovvero il 94,30 % della popolazione over 12)
      • 38.153.502 persone hanno ricevuto la dose booster (ovvero l'83,25 % della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale o booster)
      • 42.770.804 persone hanno ricevuto la dose booster o sono guarite dopo la seconda dose (ovvero il 93,33 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.365.372 bambini 5-11 anni ha ricevuto la prima dose (ovvero il 37,35 % della popolazione 5-11)
      • 1.204.774 bambini 5-11 hanno finito il ciclo vaccinale (ovvero il 32,95 % della popolazione 5-11)

I dati di Sabato 12 marzo 2022

Vediamo insieme i dati di sabato 12 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute:

      • 53.825 nuovi contagi
      • 133 decessi
      • 417.777 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • 12,88% è il tasso di positività
      • – 14 ricoverati in terapia intensiva (513 in totale con 40 nuovi ingressi)
      • -40 ricoverati con sintomi (8.234 in totale)
      • +9.197 in isolamento domiciliare (976.875 in totale)
      • +9.143 attualmente positivi (985.622 in totale)
      • 45.393 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Lazio (+6.268), Lombardia (+5.501), Puglia (+5.348) e Sicilia (+5.335)
      • 49.308.043 persone che hanno ricevuto almeno la prima dose di vaccino (91,29 % della popolazione over 12)
      • 48.384.993 persone che hanno concluso il ciclo vaccinale (89,59 % della popolazione over 12)
      • 42.701.474 persone che hanno ricevuto la dose booster (93,17 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.364.142 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose (37,31 % del totale)
      • 1.197.955 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno concluso il ciclo (32,77 %  del totale)

I dati Venerdì 11 marzo 2022

Vediamo insieme i dati di oggi venerdì 11 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute:

      • 53.127 nuovi contagi
      • 156 decessi
      • 425.638 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • 12,48% è il tasso di positività
      • -18 ricoveri in terapia intensiva (527 in totale, con 35 nuovi ingressi)
      • -140 ricoverati con sintomi (8.274 in totale)
      • 5.482 in isolamento domiciliare (967.678 in totale)
      • 5.324 attualmente positivi in Italia (976.479 in totale)
      • 48.481 persone dimesse o guarite nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Lazio (+6.052), Lombardia (+5.861), Sicilia (+5.497) e Campania (+5.001)
      • 49.304.115 persone che hanno ricevuto almeno la prima dose (91,29 % della popolazione over 12)
      • 48.372.294 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,56 % della popolazione over 12)
      • 38.038.734 persone che hanno ricevuto il booster (83,02 % della popolazione potenzialmente oggetto di
        dose addizionale)
      • 1.363.295 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose (37,29 % del totale)
      • 1.193.980 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (32,66 % del totale)

Per la prima volta dopo diverse settimane, negli ultimi 7 giorni la curva dei contagi è tornata a salire, come confermato anche dai consueti dati del monitoraggio settimanale rilasciati da Iss e Ministero della Salute, che mostrano una risalita sia dell'indice di trasmissibilità Rt, arrivato a 0,83, che dell'incidenza a livello nazionale, pari a 510 casi ogni 100mila abitanti. Nel frattempo, anche il tasso di positività ha raggiunto il 12%, nonostante un calo delle persone attualmente positive, che dopo diverso tempo sono ora meno di un milione in Italia.

Sebbene i contagi siano in crescita, comunque, secondo l'Istituto Superiore di Sanità risulta in calo, al 5,5%, l'occupazione delle terapie intensive a livello nazionale. Ecco perché si continua a pensare all'allentamento delle restrizioni, con nuove regole per la fine dello stato di emergenza che il Governo potrebbe stabilire già a partire dalla prossima settimana.

I dati di Giovedì 10 marzo 2022

Ecco i dati di giovedì 10 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 54.230 nuovi contagiati da ieri
      • 136 decessi nelle ultime 24 ore
      • -30.767 persone attualmente positive (il totale è di 971.155 persone)
      • +85.787 nuovi guariti (il totale è di 12.086.850)
      • 453.341 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 11,96%
      • 134.808.529 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.299.367 persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,28% della popolazione over 12
      • 48.360.303 persone che hanno ricevuto almeno due dosi di vaccino: si tratta del 89,54% della popolazione over 12
      • 37.986.009 persone che hanno ricevuto tre dosi di vaccino: si tratta del 82,90% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 21.619 persone immunocompromesse che hanno ricevuto il booster: si tratta del 2,73% della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo da almeno 4 mesi
      • 1.362.711 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino: 37,27 % della popolazione 5-11
      • 1.190.762 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto due dosi di vaccino: si tratta del 32,57 % della popolazione 5-11
      • -18 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 48, il totale è di 545 persone)
      • -161 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 8.414 persone)
      • -30.588 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 962.196 persone)
      • Le Regioni più colpite dai contagi sono: il Lazio (+6.136), la Lombardia (+5.813), la Sicilia (+5.528) e la Campania (+5.233).

A fronte di 433.961 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 48.483 i nuovi casi di contagio da Covid-19, con un tasso di positività dell’11,17%. Nonostante tutto, si tratta di dati abbastanza rassicuranti, nonostante la curva sia in leggera salita; tuttavia, anche nel marzo del 2021 si era verificato un aumento lieve dei casi senza tuttavia rovesciare in modo critico l'andamento dei ricoveri negli ospedali.

Secondo l’immunologo Sergio Abrignani, i casi positivi crescono perché ci sono pochi immunizzati tra i bambini: ad oggi 1.362.711 bambini nella fascia di età tra i 5 e gli 11 anni hanno ricevuto almeno una dose (37.27%), mentre 1.190.762 hanno completato il ciclo vaccinale con le due dosi previste (32,57%).

A partire da oggi i reparti ospedalieri riaprono le porte ai visitatori per un tempo massimo di 45 minuti; un’altra buona notizia è che si torna a poter bere e mangiare al cinema, allo stadio, a teatro, nei concerti e durante le competizioni sportive. Insomma, un lento ritorno alla normalità.

I dati di Mercoledì 9 marzo 2022

Ecco qui i dati di mercoledì 9 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 48.483 nuovi contagiati da ieri
      • 156 decessi nelle ultime 24 ore
      • 433.961 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 11,17%
      • 134.740.702 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.295.866 persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,27 % della popolazione over 12
      • 48.348.274 persone che hanno ricevuto almeno due dosi di vaccino: si tratta del 89,52 % della popolazione over 12
      • 37.938.907 persone che hanno ricevuto tre dosi di vaccino: si tratta del 82,80 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 18.973 persone immunocompromesse che hanno ricevuto il booster: si tratta del 2,36 % della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo da almeno 4 mesi
      • 1.362.161 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino: 37,26 % della popolazione 5-11
      • 1.186.667 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto due dosi di vaccino: si tratta del 32,46 % della popolazione 5-11
      • -29 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 43, il totale è di 563 persone)
      • -201 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 8.575 persone)
      • -9.369 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 992.784 persone)
      • -9.599 persone attualmente positive (il totale è di 1.001.922 persone)
      • +59.258 nuovi guariti (il totale è di 12.001.063)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (5.583), il Lazio (5.642), la Sicilia (4.884) e la Campania (4.303).

Nella giornata di ieri sono stati registrati 60.191 nuovi contagi a fronte di 531.194 tamponi effettuati, molti di più rispetto 188mila eseguiti il giorno prima, e 184 decessi per un tasso di positività dell'11,33%. Puoi vedere anche tu, insomma, un primo nuovo aumento dei contagi, specialmente in alcune regioni: complice, probabilmente, la diffusione di almeno sottogruppi della variante Omicron circolanti in Italia.

Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive Policlinico San Martino di Genova tuttavia è sicuro che "a livello di aggressività e di risposta ai vaccini non c'è differenza." Anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha specificato che "all'aumento dei contagi non corrisponde un aumento dei ricoveri, situazione sotto controllo". 

Ricoveri che, ieri, hanno visto -18 persone in terapia intensiva (592 in totale con 50 nuovi ingressi) e -213 ricoverati con sintomi (8.776 in totale).

Sul fronte vaccinazioni continua forte la marcia della campagna: l'89,49% della popolazione over 12 ha completato il ciclo con due dosi e l'82,69% della popolazione potenzialmente oggetto ha ricevuto anche il booster. Nel frattempo ci avviciniamo velocemente al 31 marzo, giorno in cui scadrà lo Stato di Emergenza che, come sai, non verrà prolungato dal Governo Draghi.

Al momento si sta studiando il destino delle misure nate sotto il cappello dell'emergenza tra cui il Green pass: secondo alcuni, la certificazione verde potrebbe andare incontro a un addio graduale a partire dalle attività all'aperto come fiere, sport, feste e spettacoli per arrivare poi anch'esso alla scadenza.

I dati di Martedì 8 marzo 2022

Vediamo insieme i dati di oggi martedì 8 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 60.191 nuovi contagi
      • 184 decessi
      • 531.194 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • 11,33% è il tasso di positività
      • -18 ricoveri in terapia intensiva (592 in totale con 50 nuovi ingressi)
      • -213 ricoverati con sintomi (8.776 in totale)
      • +3.392 in isolamento domiciliare (1.002.153 in totale)
      • +3.161 attualmente positivi (1.011.521 in totale)
      • 57.408 persone guarite o dimesse nelle ultime 24 ore
      • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Sicilia (+7.049), Lombardia (+6.497), Lazio (+6.214), Puglia (+6.026)
      • 49.292.617 persone con almeno una dose di vaccino (91,27 % della popolazione over 12)
      • 48.336.175 persone che hanno completato il ciclo vaccinale (89,49 % della popolazione over 12)
      • 37.889.547 persone che hanno ricevuto il booster (82,69 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.361.502 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno fatto la prima dose (37,24 % del totale)
      • 1.182.532 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (32,34 %  del totale)

Stiamo assistendo a una leggera ripresa dei contagi, o meglio a un rallentamento nella discesa della curva. Il tasso di positività si mantiene sempre superiore all'11%, anche se di poco, e i nuovi ingressi in terapia intesiva rimangono più o meno attorno a valori da zona gialla. Non stiamo dicendo che siamo alle porta di una quinta ondata, ma che il virus continua a circolare anche se le notizie che purtroppo arrivano dall'Ucraina ci stanno un po' facendo dimenticare della pandemia.

Va anche detto che i vaccini funzionano, come ha dimostrato l'ultima ondata vissuta quasi senza chiusure. Ad oggi più dell'89% della popolazione ha concluso il ciclo vaccinale e l'82% ha già ricevuto anche il booster. Questo fa sì che, anche qualora una persona si contagi, non corra il rischio di sviluppare sintomi gravi. La campagna vaccinale è invece più lenta nella fascia 5-11, dove solo il 37% ha ricevuto almeno la prima dose.

Ieri intanto i nuovi contagi sono stati 22.083 a fronte di 188.274 tamponi effettuati. Purtroppo si sono registrati ancora 130 decessi.

I dati di Lunedì 7 marzo 2022

Ecco qui i dati di oggi lunedì 7 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 22.083 nuovi contagiati da ieri
      • 130 decessi nelle ultime 24 ore
      • 188.274 tamponi effettuati ( tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 11,7%
      • 134.593.644 dosi di vaccino somministrate il totale
      • 49.288.987 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,26 % della popolazione over 12
      • 48.319.140 persone con almeno due dosi di vaccino: si tratta del 89,46 % della popolazione over 12
      • 37.837.298 persone con tre dosi di vaccino si tratta del 82,58 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 13.474 persone immunocompromesse che hanno ricevuto il booster: si tratta del ,67 % della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo
        da almeno 4 mesi
      • 1.360.923 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose di vaccino: si tratta del 37,22 % della popolazione 5-11
      • 1.178.555 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi: si tratta del 32,24 % della popolazione 5-11
      • +7 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 35, il totale è di 610 persone)
      • +161 persone ricoverate con sintomi (il totale  edizione 8.989 persone)
      • -8.149 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 998.761)
      • -7.981 persone attualmente positive (il totale è di 1.008.360)
      • +30.513 nuovi guariti da ieri (il totale è di 11.884.397)
      • Le Regioni più colpite sono: il Lazio (2.444), la Sicilia (2.357), la Campania (1.948) e l'Emilia-Romagna (1.853).

Continua fortunatamente la discesa della curva epidemiologica nel nostro Paese. Ieri sono stati registrati "solo" 35.057 su 296.246 tamponi effettuati. Un numero di test relativamente basso rispetto ai ritmi tenuti durante la settimana, è vero: come sai durante il weekend il sistema di testing e di tracciamento rallenta ma ciò non mette comunque in discussione che la pandemia, oggi, sta correndo sempre meno forte.

Lo testimoniano, ancora di più, il calo delle persone ricoverate in terapia intensiva (-6) e quello dei ricoverati nei reparti ordinari (-146). Anche il numero dei decessi è sceso: ieri sono stati 105.

A fronte del continuo calo, alleggeriscono anche le misure di restrizione e da oggi Abruzzo, Piemonte e Provincia autonoma di Trento abbandonano la zona gialla per tornare in zona bianca.

I dati di Domenica 6 marzo 2022

Ecco i dati di Domenica 6 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 35.057 nuovi contagi oggi in Italia
      • 105 morti da ieri
      • 296.246 tamponi effettuati
      • Tasso di positività: 11,83%
      • 8.828 ricoverati con sintomi (-146 rispetto a ieri)
      • 603 ricoverati in terapia intensiva (-6 rispetto a ieri)
      • 37 ingressi del giorno in terapia intensiva (-22 rispetto a ieri)
      • 1.016.34 persone attualmente positive (-2.490 rispetto a ieri)
      • Le Regioni che hanno fatto registrare più contagi oggi sono: Sicilia (4.017), Lazio (3.926), Lombardia (3.627), Campania (3.421), Veneto (3.029) e Puglia (2.929)
      • 134.564.100 dosi somministrate in totale finora
      • 49.287.760 persone con almeno una dose di vaccino (91,26% della popolazione over 12)
      • 48.314.572 persone che hanno completato il ciclo vaccinale con due dosi (89,45% della popolazione over 12)
      • 37.819.698 persone che hanno ricevuto la dose booster (82,54 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 42.308.961 persone hanno ricevuto la dose booster oppure sono guarite post 2ª dose/unica dose (92,34% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi)
      • 1.360.411 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose (37,21% del totale)
      • 1.172.653 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (32,07% del totale)

I dati di Sabato 5 marzo 2022

Ecco i dati di sabato 5 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 39.963 nuovi contagi 
      • 173 decessi
      • 381.484 tamponi effettuati (tra molecolari e antigenici)
      • 10,48% è il tasso di positività
      • -16 ricoverati in terapia intensiva (609 in totale, con 59 nuovi ingressi)
      • -323 ricoverati con sintomi (8.974 in totale)
      • -4.617 in isolamento domiciliare (1.009.248 in totale)
      • -4.956 attualmente positivi (1.018.831 in totale)
      • 46.147 persone guarite o dimesse nelel ultime 24 ore
      • Le regioni con il maggior numero di contagi sono: Lombardia (+4.226), Lazio (+3.934), Veneto e Campania (+3.866)
      • 49.283.900 persone con almeno una dose di vaccino (91,25 % della popolazione over 12)
      • 48.301.170 persone che hanno completato il ciclo vaccinale con due dosi (89,43 % della popolazione over 12)
      • 42.249.989 persone che hanno ricevuto la dose booster (92,21 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale)
      • 1.359.301 bambini tra i 5 e gli 11 anni che ahnno ricevuto almeno una dose (37,18 % del totale)
      • 1.161.212 bambini tra i 5 e gli 11 anni che hanno completato il ciclo vaccinale (31,76 % del totale)

I dati di Venerdì 4 marzo 2022

Di seguito puoi trovare i dati di venerdì 4 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 38.095 nuovi contagiati
      • 388.836 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
      • 210 decessi da ieri
      • Tasso di positività: 9,78%
      • 49.291.876 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,26% della popolazione over 12
      • 48.294.886 persone con almeno due dosi di vaccino e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale primario: si tratta dell'89,42% della popolazione over 12
      • 37.698.008 persone con tre dosi di vaccino: si tratta dell'84,09% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 1.358.360 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose: si tratta del 37,15% della popolazione 5-11
      • 1.153.931 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino: si tratta del 31,56% della popolazione 5-11
      • -29 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 31, il totale è di 625 persone)
      • -302 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 9.297 persone)
      • -17.344 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.013.865)
      • -17.675 persone attualmente positive (il totale è di 1.023.787)
      • +55.818 nuovi guariti da ieri (il totale è dì 11.769.463 persone)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (+4.326), la Puglia (+3.888), il Veneto (+3.769), il Lazio (+3.702) e la Campania (+3.622)
dati-covid-4-mar

La discesa della curva dei contagi è finalmente confermata anche dal calo dei decessi, che nella giornata di ieri sono rimasti sotto la soglia delle 200 unità per la prima volta in questa settimana. I consueti dati del venerdì, relativi al monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità, evidenziano un'ulteriore diminuzione sia dell'indice Rt, passato da 0,75 a 0,73 negli ultimi 7 giorni, che dell'incidenza nazionale, scesa da 552 a 433 casi ogni 100mila abitanti.

Proprio in virtù di questa situazione, le Regioni spingono sempre più per allentare ulteriormente le misure restrittive, compreso il meccanismo della certificazione verde. Tuttavia, la soglia di attenzione deve restare alta in queste settimane anche a causa del conflitto tra Russia e Ucraina, che per via del grande numero di persone in fuga dal territorio di guerra potrebbe condizionare anche gli sviluppi della pandemia attraverso la formazione di nuovi focolai.

I dati di Giovedì 3 marzo 2022

Di seguito puoi trovare i dati di giovedì 3 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 41.500 nuovi contagiati
      • 431.312 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
      • 185 decessi da ieri
      • Tasso di positività: 9,62%
      • 49.287.042 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,26% della popolazione over 12
      • 48.277.065 persone con almeno due dosi di vaccino e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale primario: si tratta dell'89,39% della popolazione over 12
      • 37.643.253 persone con tre dosi di vaccino: si tratta dell'83,97% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 1.357.561 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose: si tratta del 37,13% della popolazione 5-11
      • 1.146.575 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino: si tratta del 31,36% della popolazione 5-11
      • -27 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 52, il totale è di 654 persone)
      • -355 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 9.599 persone)
      • -19.766 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.031.209)
      • -20.148 persone attualmente positive (il totale è di 1.041.462)
      • +62.551 nuovi guariti da ieri (il totale è dì 11.713.645 persone)
      • Le Regioni più colpite sono: il Lazio (+4.771), la Sicilia (+4.411), la Lombardia (+4.386), il Veneto (+3.918) e Puglia (+3.696).
dati-covid-3-mar

A fronte di 415.288 tamponi effettuati, nella giornata di ieri sono stati 36.429 i nuovi casi di contagio da Covid-19, con un tasso di positività dell’8,77%. Prosegue inoltre  il calo dei ricoveri ordinari (-502) e di quelli in terapia intensiva (-27).

Secondo quanto emerge del report del commissario straordinario per l’emergenza sanitaria, ad oggi, sono 134.318.859 le dosi di vaccino anti-Covid somministrate in Italia, il 96,1% del totale di quelle consegnate pari finora a 139.806.120 (nello specifico 93.218.465 Pfizer/BioNtech, 25.444.330 Moderna, 11.544.818 Vaxzevria-AstraZeneca, 6.726.089 Pfizer pediatrico, 1.849.418 Janssen e 1.023.000 Novavax). Per quanto riguarda la campagna vaccinale nella fascia di età 5-11 anni, 1.357.561 bambini hanno ricevuto almeno la prima dose (37,13% della popolazione 5-11 anni) mentre 1.146.575 bambini hanno completato il ciclo vaccinale con le due dosi previste (31,36% della popolazione 5-11 anni).

In previsione del termine dello stato di emergenza il prossimo 31 marzo, in queste ore, il generale Francesco Paolo Figliuolo,  commissario straordinario per l'emergenza Covid, in una lettera diretta al Ministero alla Salute, e per conoscenza a tutte le Regioni, ha fornito delle indicazioni per rispondere ad eventuali ricadute pandemiche, dando consigli su come portare avanti la campagna vaccinale, su quali errori non commettere e su come essere "lungimiranti e cauti".

I dati di Mercoledì 2 marzo 2022

Di seguito puoi trovare i dati di mercoledì 2 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 36.429 nuovi contagiati
      • 415.288 tamponi effettuati (molecolari ed antigenici)
      • 214 morti da ieri
      • Tasso di positività: 8,77%
      • 49.282.093 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,25% della popolazione over 12
      • 48.258.712 persone con almeno due dosi di vaccino e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale primario: si tratta dell'89,35% della popolazione over 12
      • 37.589.850 persone con tre dosi di vaccino: si tratta dell'83,85% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 1.356.784 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose: si tratta del 37,11% della popolazione 5-11
      • 1.138.999 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino: si tratta del 31,15% della popolazione 5-11
      • -27 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 40, il totale è di 681 persone)
      • -502 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 9.954 persone)
      • -11.091 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.050.975)
      • -11.620 persone attualmente positive (il totale è di 1.061.610)
      • +49.352 nuovi guariti da ieri (il totale è dì 11.651.094 persone)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (+4.713), la Campania (+3.650), la Sicilia (+3.450), il Veneto (+3.434) e Puglia (+3.302).
dati-covid-2-mar

Dopo i numeri al ribasso del weekend e di inizio settimana, dovuti perlopiù ad un calo dei tamponi effettuati, nella giornata di ieri i nuovi contagi hanno nuovamente superato la soglia dei 46mila casi, con un tasso di positività sceso però al di sotto del 9%. Sempre da ieri, martedì 1 marzo, è entrato in vigore lo stop alla quarantena per chi arriva da Paesi al di fuori dell'Unione Europea, semplificando così le regole per viaggiare.

Inoltre, in diverse Regioni sono ormai partite le somministrazioni di Nuvaxovid, il quinto vaccino anti-Covid autorizzato in Italia che non sfrutta la tecnologia a mRNA messaggero bensì la tecnica delle proteine ricombinanti: a questo aspetto si lega la speranza che, grazie a questo medicinale prodotto dall'azienda americana Novavax, sempre più persone che non si erano fidate in precedenza dei sieri già utilizzati scelgano finalmente di aderire alla campagna vaccinale, che ormai ha portato quasi il 90% della popolazione over 12 a ricevere almeno le prime due dosi di vaccino.

I dati di Martedì 1 marzo 2022

Ecco qui i dati di martedì 1 marzo 2022 diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino quotidiano:

      • 46.631 nuovi contagiati da ieri
      • 233 decessi da ieri
      • 530.859 tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari)
      • Tasso di positività: 8,78%
      • 134.149.819 dosi di vaccino somministrate in totale
      • 49.276.307 persone con almeno una dose di vaccino: si tratta del 91,24 % della popolazione over 12
      • 48.242.444 persone con almeno due dosi di vaccino e che hanno quindi completato il ciclo vaccinale primario: si tratta dell'89,32 % della popolazione over 12
      • 37.535.230 persone con tre dosi di vaccino: si tratta dell'83,73 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi
      • 720 persone immunodepresse che hanno ricevuto il booster: si tratta dello 0,08 % della popolazione immunocompromessa potenzialmente oggetto di
        dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale con richiamo da almeno 4 mesi
      • 1.355.997 bambini tra i 5 e gli 11 anni con almeno una dose: si tratta del 37,09 % della popolazione 5-11
      • 1.131.529 bambini tra i 5 e gli 11 anni con due dosi di vaccino: si tratta del 30,95 % della popolazione 5-11
      • -6 persone ricoverate in terapia intensiva (gli ingressi giornalieri sono stati 74, il totale è di 708 persone)
      • -395 persone ricoverate con sintomi (il totale è di 10.456 persone)
      • -26.303 persone in isolamento domiciliare (il totale è di 1.062.066)
      • -26.704 persone attualmente positive (il totale è di 1.073.230)
      • +73.607 nuovi guariti da ieri (il totale è dì 11.601.742 persone)
      • Le Regioni più colpite sono: la Lombardia (5.746), la Sicilia (4.762), il Lazio (4.543) e il Veneto (4.447).

Sono calati ancora i dati registrati nelle ultime 24 ore: 17.981 nuovi contagi su 198.513 tamponi effettuati, tasso di positività al 9% e 207 decessi. Diminuzione che si cristallizza anche in una minor pressione sul sistema sanitario, che ieri ha visto -17 ricoveri nei reparti ospedalieri e -19 in terapia intensiva.

Gran parte del merito va alla campagna di vaccinazione che a ieri ha portato a quota 48.216.533 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (ovvero l'89,27% della popolazione over 12) e a 37.440.999 quelle che invece ricevuto la terza dose: si tratta dell'83,52% dei potenzialmente oggetto del richiamo.

Nel frattempo, come ti abbiamo raccontato, sono già partite le "quarte dosi" per i fragili e gli immunocompromessi e anche le somministrazioni dell'ultimo arrivato, il vaccino Novavax.

Fonte | Protezione Civile

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.