Dormire davanti alla televisione può rovinare il riposo: lo ha dimostrato uno studio

Uno studio condotto dall’Università di Salisburgo ha dimostrato che addormentarsi sul divano davanti alla Tv accesa fa male alla mente e non permette al cervello di riposare adeguatamente.
Valentina Rorato 27 Gennaio 2022
* ultima modifica il 27/01/2022

Quante volte ti sei addormentato davanti alla televisione? È un vizio che piace a molte persone, ma devi fare attenzione, perché quello che ti può sembrare un’occasione per riposare, in realtà iperstimola il tuo cervello. Lo ha dimostrato uno studio, condotto dai ricercatori dell’Università di Salisburgo.

La ricerca suggerisce che il cervello umano presta attenzione ai suoni sconosciuti durante il sonno per avvisare il corpo di potenziali pericoli. E quindi la televisione può essere un elemento di disturbo. Per dimostrare questa tesi, gli esperti hanno quindi misurato l‘attività cerebrale degli adulti addormentati in risposta a voci familiari e sconosciute.

Che cosa è emerso? Sentendo voci sconosciute durante il riposo, il cervello umano si "sintonizzava" con movimento oculare non rapido (NREM), la prima fase del sonno. Anche sei tuoi occhi sono chiusi, il tuo cervello è vigile e controlla l‘ambiente in cui dormi, bilanciando la necessità di proteggere il sonno con la necessità di svegliarsi.

Nel complesso, lo studio mostra che i suoni non familiari, come i suoni della TV, impediscono un sonno ristoratore perché il cervello è in allerta.

"I nostri risultati evidenziano discrepanze nelle risposte del cervello agli stimoli uditivi in ​​base alla loro rilevanza per il dormiente", ha raccontato il team nella pubblicazione. "Dimostrano che la mancanza di familiarità con la voce è un forte promotore delle risposte cerebrali durante il sonno NREM".

Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato 17 volontari (di cui 14 erano donne), con un'età media di 22 anni, senza disturbi del sonno. Sono stati dotati di apparecchiature per la polisonnografia durante un'intera notte. La polisonnografia misura le onde cerebrali, la respirazione, la tensione muscolare, i movimenti, l'attività cardiaca e altro, attraverso le diverse fasi del sonno.  Prima dell'inizio dell'esperimento, ai partecipanti è stato consigliato di mantenere un ciclo sonno/veglia regolare – circa otto ore di sonno – per almeno quattro giorni.

Durante il riposo, i volontari sono stati esposti a stimoli uditivi con il proprio nome e due nomi sconosciuti, pronunciati da una voce familiare (come un genitore) o da una voce sconosciuta. I ricercatori hanno scoperto che le voci sconosciute suscitavano più complessi K, un tipo di onda cerebrale legata a disturbi sensoriali durante il sonno, rispetto alle voci familiari.

Mentre le voci familiari possono anche attivare i complessi K, solo quelle attivate da voci sconosciute sono risultate accompagnate da cambiamenti su larga scala nell'attività cerebrale legati all'elaborazione sensoriale. Tuttavia, le risposte del cervello alla voce sconosciuta si sono verificate meno spesso con il passare della notte e la voce è diventata più familiare, indicando che il cervello potrebbe essere ancora in grado di apprendere durante il sonno.

Questi risultati suggeriscono, inoltre, che i complessi K consentono al cervello di entrare in una "modalità di elaborazione sentinella", durante cui il cervello rimane addormentato ma mantiene la capacità di rispondere a stimoli rilevanti. "Potrebbe essere che il cervello addormentato apprenda, attraverso elaborazioni ripetute, che uno stimolo inizialmente sconosciuto non rappresenta una minaccia immediata per il dormiente e di conseguenza diminuisce la sua risposta ad esso", raccontano gli esperti. "Al contrario, in un ambiente di sonno sicuro, il cervello potrebbe "aspettarsi" di sentire voci familiari e inibisce costantemente qualsiasi risposta a tali stimoli per preservare il sonno".

Oltre ai complessi K, la presentazione di stimoli uditivi durante il sonno NREM ha aumentato il numero di "mandrini" e "micro-risvegli" nel cervello. "I fusi sono onde cerebrali più veloci che compaiono durante il sonno NREM e sono collegati al consolidamento della memoria", ha spiegato Ameen Mohamed, primo autore dell'Università di Salisburgo.

I micro-risvegli sono periodi di sonno durante i quali il segnale EEG passa dall'attività lenta e sincronizzata del sonno a un'attività più veloce, simile alla veglia.  Per definizione, durano da tre secondi a 15 secondi; se sono più lunghi sono considerati risvegli. Appaiono in tutte le fasi del sonno. I ricercatori non hanno riscontrato differenze nella quantità di complessi K, fusi o micro-risvegli attivati ​​tra il nome stesso del soggetto e nomi sconosciuti.  Questo è interessante perché ricerche precedenti hanno dimostrato che il nome stesso del soggetto evoca risposte cerebrali più forti rispetto ad altri nomi durante il sonno.

Fonte | Studio "The brain selectively tunes to unfamiliar voices during sleep" pubblicato il 22 gennaio su The Journal of neuroscience.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.