Emoglobina glicata: cos’è, i valori normali e quando fare il test

L’esame dell’emoglobina glicata, o emoglobina glicosilata, è un test del sangue usato per diagnosticare il diabete mellito o per verificare se il paziente riesce a tenere sotto controllo la malattia. Permette di monitorare l’andamento della glicemia media negli ultimi 2-3 mesi.
Valentina Rorato 17 Ottobre 2022
* ultima modifica il 17/10/2022

L’emoglobina glicata (HbA1c) indica i livelli medi di glucosio nel sangue negli ultimi due o tre mesi, ed è un parametro che si misura con un esame del sangue insieme ad altri marcatori per diagnosticare il diabete. L'aumento dell'HbA1c nei non diabetici, oltre ad essere un fattore di rischio per il diabete, è stato anche associato a malattie cardiache e mortalità elevata per tutte le cause.

Cos’è

L’emoglobina glicata (HbA1c), chiamata anche emoglobina glicosilata, è un parametro di laboratorio che permette di misurare i livelli medi di zucchero nel sangue in un periodo di diverse settimane o mesi.

Si sviluppa quando l'emoglobina, una proteina all'interno dei globuli rossi che trasporta l'ossigeno in tutto il corpo, si unisce al glucosio nel sangue durante un processo definito glicosazione. La quantità di glucosio che si combina con questa proteina è direttamente proporzionale alla quantità totale di zucchero che è nel tuo sistema in quel momento.

Poiché i globuli rossi nel corpo umano sopravvivono per 8-12 settimane prima del rinnovamento, la misurazione dell'emoglobina glicata può essere utilizzata per riflettere i livelli medi di glucosio nel sangue per quella durata, fornendo un utile indicatore a lungo termine del controllo della glicemia. Se i livelli di zucchero nel sangue sono stati alti nelle ultime settimane, anche i valori di HbA1c saranno elevati.

Rispetto a quella normale, l'emoglobina glicata non riesce a trasportare l'ossigeno attraverso il corpo con la stessa efficacia, e per le persone già affette da diabete la glicosazione di questa proteina è la responsabile dei danni subiti dagli organi. Anche per le persone con prediabete questo valore è importante, in quanto maggiore è l'HbA1c, maggiore è il rischio di sviluppare complicanze legate al diabete. L'HbA1c viene anche chiamata emoglobina A1c o semplicemente A1c.

Non a caso, l'esame del sangue con cui si misura l'emoglobina glicosilata viene prescritto alle persone diabetiche, per tenere sotto controllo l'andamento della malattia, oppure a quelle in cui si sospetta il diabete.

A cosa serve il test

Un test dell'emoglobina glicata, come spiegato, serve a misura la quantità di glucosio (zucchero) nel sangue. È un semplice esame del sangue utile anche per:

  • Rilevare il prediabete: alti livelli di zucchero che possono portare a diabete , malattie cardiache e ictus .
  • Diagnosticare il diabete.
  • Verificare se persona con diabete riesce a gestire bene la malattia.

Quando fare il test

L’esame dell'emoglobina glicata serve, principalmente, se hai il diabete. In questo caso dovresti sottoporti a un test A1c due o quattro volte all'anno per vedere come stai gestendo la malattia. Potrebbe esserti prescritto anche se il medico sospetta che tu possa ammalarti di diabete.

In questo caso, i sintomi o i fattori di rischio da non trascurare sono:

  • Visione sfocata;
  • Stanchezza costante;
  • Aumento della minzione;
  • Sete insolita;
  • Sovrappeso o obesità;
  • Storia familiare di diabete;
  • Mancanza di attività o esercizio;
  • Storia di malattie cardiache;
  • Ipertensione (pressione sanguigna alta);
  • Età più avanzata

Come si misura

Il test si effettua con un semplice esame del sangue e non è necessario digiunare (limitare cibo o bevande) o fare nient'altro di particolare prima dell'esame. In realtà esistono due analisi differenti: potrebbe esserti prelevata una piccola goccia di sangue dal polpastrello (simile a un controllo della glicemia a casa) oppure potresti dover fare un prelievo vero e proprio.

Se hai già ricevuto una diagnosi di diabete, allora potresti avere la possibilità di misurare l'emoglobina glicata a casa in modo da tenere monitorati i livelli di glicemia con un kit per l'autocontrollo, che però non è raccomandato per altri scopi.

Valori normali

I valori del test A1c sono riportati come percentuale. Il numero rappresenta la porzione di proteine ​​dell'emoglobina che sono glicate o che contengono glucosio. Maggiore è la percentuale, più alti sono stati i livelli di zucchero nel sangue negli ultimi mesi.

I valori normali dell'emoglobina glicata sono compresi tra il 4 e il 6%.

Emoglobina glicata alta

Si parla di emoglobina glicata alta quando il suo valore supera il 5,7%. In questo caso, però, si può distinguere tra due potenziali condizioni:

  • prediabete: con un intervallo tra il 5,7% e il 6,4%
  • diabete: con una percentuale superiore a 6,5%

Devi però fare attenzione, per una diagnosi sicura non basta questo test. Se dunque hai valori superiori al normale, potresti aver bisogno di un test della glicemia a digiuno o un test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) per una conferma.

Il test A1C non viene utilizzato per diagnosticare il diabete gestazionale o il diabete di tipo 1. Inoltre, se si dispone di una condizione che colpisce i globuli rossi, come l' anemia o un altro tipo di malattia del sangue, un test A1C potrebbe non essere accurato per diagnosticare il diabete. Anche l'insufficienza renale e le malattie del fegato possono influenzare i risultati.

L’emoglobina glicata alta può avere altre cause, oltre al diabete o al prediabete. E tra queste puoi trovare:

  • Fumare: il fumo aumenta i livelli di HbA1c sia nei diabetici che nei non diabetici;
  • Anemia da carenza di ferro, vitamina B12 o folati: può aumentare i livelli di HbA1c, indipendentemente dai livelli di glucosio nel sangue;
  • Malattia cronica: alcune condizioni croniche, come la malattia parodontale (gengivale), l'infezione da H. pylori e la malattia renale cronica aumentano i livelli di HbA1c. I livelli di HbA1c sono spesso correlati ai livelli di PCR, che sono un marker di infiammazione cronica, aumentata in molte malattie croniche;
  • Disturbi del sonno: dormire troppo poco o troppo è legato a una maggiore HbA1c. Anche i diabetici con apnea notturna tendono ad avere livelli più alti;
  • Alcuni disturbi genetici dell'emoglobina;
  • Assunzione di alcuni farmaci, come oppiacei o statine;
  • Alti livelli di bilirubina

Emoglobina glicata bassa

L’emoglobina glicata bassa è un po’ più difficile da interpretare, ma può essere causata da diverse condizioni mediche, quali:

  • Alcolismo: un consumo eccessivo di alcol può ridurre i livelli di HbA1c nonostante gli elevati livelli di glucosio nel sangue perché può interferire con il legame del glucosio con l'emoglobina;
  • Condizioni che riducono o distruggono i globuli rossi, come la perdita di sangue, la donazione o la trasfusione possono falsamente diminuire i livelli di HbA1c nonostante la glicemia possibilmente elevata. La distruzione dei globuli rossi (emolisi) che può verificarsi in infezioni, malattie autoimmuni, tumori e, come effetto collaterale di alcuni farmaci, diminuisce anche l'HbA1c. Un’altra condizione importante è l’ingrossamento della milza, che può favorire la distruzione dei globuli rossi;
  • Malattia del fegato: l'HbA1c può essere inferiore nella malattia epatica cronica;
  • Gravidanza: l'HbA1c può essere basso nel secondo trimestre di gravidanza;
  • Assunzione di farmaci e integratori: qualsiasi farmaco che provoca la rottura o la distruzione dei globuli rossi può potenzialmente abbassare l'HbA1c aumentando la proporzione di cellule più giovani nel sangue. È stato riportato che i farmaci dapsone, ribavirina, antiretrovirali e sulfamidici riducono l'HbA1c. Anche l’uso cronico di aspirina può avere questo effetto collaterale. Fai poi attenzione alla vitamina E, che può diminuire il legame del glucosio con l'emoglobina, diminuendo falsamente l'HbA1c;
  • Disturbi genetici dell'emoglobina, come l'anemia falciforme e la talassemia, possono causare un'HbA1c falsamente bassa, a seconda del metodo utilizzato dal laboratorio per il test

Fonti | Niguarda; Santagostino

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.