Epigastralgia: cosa mangiare per alleviare il dolore addominale e per quali sintomi dovresti preoccuparti

Con il termine epigastralgia ci si riferisce al dolore localizzato alla regione epigastrica, o epigastrio, ossia la parte centrale della zona superiore dell’addome. Il dolore epigastrico è un sintomo comune a molte malattie e condizioni dell’apparato digerente, ma non solo. Esaminiamo insieme le cause e i sintomi più comuni, prima di capire come modificare la dieta per provare ad alleviare il disturbo.
1 Maggio 2021 * ultima modifica il 01/05/2021

L’epigastrio è una delle nove regioni anatomiche addominali, precisamente si tratta dell’area al di sotto dell’angolo costale e appena sopra all’ombelico, nel quadrante mediano-superiore centrale dell’addome.

Cos’è

L’epigastralgia, detta anche dolore epigastrico, come abbiamo già accennato è il dolore localizzato nella regione superiore dell’addome, che può avere diverse origini; più comunemente si tratta di un sintomo di natura gastrica: si presenta solitamente con i sintomi che intaccano il sistema digestivo, provocando, oltre al dolore, anche bruciore di stomaco, reflusso e gonfiore.

Il dolore epigastrico non sempre è motivo e condizione di preoccupazione in quanto potrebbe avere molte possibili cause, soprattutto se si verifica subito dopo aver mangiato: in questo caso potrebbe essere dovuto a qualcosa di innocuo, come intolleranze a qualche cibo particolare, o addirittura un eccesso di cibo stesso. Al contrario potrebbe rivelarsi qualcosa di più serio nei casi in cui si verificasse a causa di condizioni sottostanti, come ad esempio la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), infiammazioni, infezioni, infarto miocardico o tumori.

epigastralgia-cause
Un medico che tasta la zona addominale interessata dalla epigastralgia.

Cause

Le cause di epigastralgia sono diverse e molteplici, possono variare tra condizioni non preoccupanti e risolvibili ad altre più importanti e difficili da trattare, e tra queste possiamo elencare:

  • reflusso acido, che se costante potrebbe causare la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD);
  • bruciore di stomaco ed indigestione;
  • intolleranza al lattosio;
  • abuso di alcol;
  • eccessiva assunzione di cibo;
  • ernia iatale;
  • esofagite;
  • gastrite;
  • ulcera peptica;
  • esofago di Barrett (una metaplasia delle cellule dell’esofago);
  • infiammazione della cistifellea;
  • calcoli biliari;
  • gravidanza.

Tra le altre cause più gravi di dolore epigastrico possiamo includere cancro al pancreas, pancreatite, ostruzione gastrointestinale, infarto miocardico e carcinoma gastrico.

Sintomi

I sintomi di epigastralgia variano in base alla condizione di fondo che causa la stessa, come abbiamo già elencato nel paragrafo precedente.

Il sintomo principale e caratterizzante è il dolore addominale, mentre quelli specifici variano in base alla condizione scatenante. Per quanto riguarda la GERD, nei casi di indigestione e troppa assunzione di cibo o di intolleranza al lattosio potremmo avvertire bruciore di stomaco, sapore acido in bocca, dolore alla gola, tosse, gonfiore, pressione nell’addome, nausea o diarrea soprattutto nell’intolleranza.

Anche nei casi di esofagite e gastrite, quindi di infiammazioni, i sintomi principali si possono riassumere in bruciore, dolore nella deglutizione e dolore generico nella parte alta dell’addome, mentre nell’infiammazione della cistifellea inappetenza, gonfiore, febbre e colorito giallastro della pelle; nelle situazioni di ulcera peptica si possono rilevare, oltre ai comuni sintomi, vomito e nausea dopo i pasti, segni di sanguinamento, stanchezza, mancanza di respiro che peggiorano durante la notte.

L’epigastralgia può essere indicativa anche di infarto miocardico: in questo caso il dolore può essere accompagnato da dispnea, stanchezza, palpitazioni e sensazione d’ansia.

Esiste anche un legame tra i casi di dolore epigastrico e gravidanza: la pressione della crescita del feto sulla zona addominale potrebbe causare il dolore, oltre ai cambiamenti ormonali e nella digestione.

Diagnosi

Il dolore epigastrico lieve e sporadico solitamente non desta molte preoccupazioni e si dovrebbe risolvere facilmente. Risulta opportuno contattare il medico se il dolore è forte, rimane a lungo e interferisce addirittura con la normale vita quotidiana, e nei casi in cui non si risolva con l’assunzione di semplici farmaci da banco.

È consigliato invece recarsi al pronto soccorso se si palesano sintomi come difficoltà a respirare, palpitazioni, sangue nel vomito o sangue nelle feci, febbre alta o svenimenti.

Per una corretta diagnosi della natura dell’epigastralgia, il paziente e il medico dovranno definire insieme:

  • la durata del dolore;
  • se è costante o intermittente;
  • se si tratta di un dolore acuto bruciante o un dolore sordo;
  • se si aggrava in particolari momenti della giornata;
  • se si acutizza in determinate posizioni;
  • se peggiora o migliora mangiando;
  • se si associano vomito, nausea, perdita di peso.

A queste valutazioni il medico potrebbe aggiungere degli esami del sangue, degli esami addominali per capire la tensione della zona alla palpazione e verificare la presenza di masse di tessuto, e se si sospettano malattie del fegato o dei reni si potrebbero valutare le ecografie addominali.

Una radiografia addominale è utile nel rivelare ostruzioni intestinali o calcoli, l’endoscopia può essere l’ideale nei casi di dolore epigastrico con derivazione gastrica o esofagea, mentre in caso di sospetto infarto del miocardio verrà eseguito all’accesso in pronto soccorso un elettrocardiogramma.

radiografia-addominale

Come si cura

Il trattamento per l’epigastralgia varia in base alla causa scatenante. Se si tratta solamente di un risultato della dieta sbagliata o di un eccesso di cibo o di un’intolleranza o di un abuso di alcol, il primo step raccomandato sarà un cambiamento nelle abitudini alimentari e di stile di vita, optando per un percorso più salutare.

L’attività fisica e il consumo di cibi sani è un buon inizio, alimenti come lo zenzero e integratori di vitamina B possono aiutare ad alleviare sintomi come nausea e vomito. Alcuni cibi possono intensificare il dolore causato da gastrite, quindi sarebbe bene evitare cibi grassi, fritti, piccanti, cioccolato, caffè, pomodori, agrumi e alcolici.

Se a causare il dolore epigastico è l’assunzione eccessiva di determinati farmaci, come ad esempio gli antinfiammatori, potrebbe essere necessario sospenderne l’utilizzo, in accordo con il proprio medico curante.

Rientrano tra i farmaci utilizzabili farmaci antiacidi e gastroprotettori.

Nei casi di GERD, esofago di Barrett o ulcera peptica il trattamento da seguire potrebbe rivelarsi più lungo, e potrebbero essere necessari degli antibiotici.

Laureata in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia, ha svolto periodi di formazione in ospedali universitari della Comunidad altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.