Gli spermatozoi sono in calo negli uomini di tutto il mondo. La colpa? Stili di vita poco sani e inquinamento

Con un’ampia metanalisi della letteratura scientifica oggi disponibile, un team di ricercatori israeliani avrebbe osservato una drastica riduzione della conta totale degli spermatozoi a livello globale. Un dato che non rischia di incidere solo sulla fertilità maschile ma anche sulla salute generale degli uomini.
Kevin Ben Alì Zinati 22 Novembre 2022
* ultima modifica il 22/11/2022

Lo stile di vita, le sostanze chimiche a cui siamo continuamente esposti e con cui veniamo quotidianamente in contatto: l’ambiente inquinato, insomma, in cui siamo purtroppo immersi ogni giorno. Sono tutti elementi che potrebbero inficiare seriamente la fertilità maschile.

Se il condizionale sulla loro responsabilità è (ancora) d’obbligo dal momento che lo studio della Hadassah Braun School of Public Health dell'Università Ebraica di Gerusalemme e della Icahn School of Medicine, Mount Sinai di New York non si è concentrato su quelle, certo risulta invece il dato: a livello globale c’è un calo del numero degli spermatozoi tra gli uomini.

Sulla rivista Human Reproduction Update, i ricercatori israeliani hanno descritto i risultati di un’ampia metanalisi della letteratura scientifica oggi disponibile e alle conclusioni cui erano già arrivati nel 2017 sugli uomini europei, nord americani, australiani e neozelandesi, hanno aggiunto gli ultimi dati raccolti in sette anni di monitoraggio (2011-2018) su Asia, Africa e Sud America.

La conclusione dell’analisi, come annunciano gli stessi autori, è tutt’altro che rassicurante dal momento che la riduzione globale della conta degli spermatozoi e la loro concentrazione nel liquido seminale caratterizzerebbero praticamente tutti gli uomini del mondo.

Sebbene l'attuale studio non abbia esaminato le cause di questo calo, i ricercatori sono convinti che le scelte di stile di vita e le sostanze chimiche nell'ambiente influenzerebbero negativamente ha il tratto riproduttivo.

“Abbiamo un problema serio tra le mani che, se non mitigato, potrebbe minacciare la sopravvivenza dell’umanitàhanno spiegato gli scienziatiChiediamo urgentemente un'azione globale per promuovere ambienti più sani per tutte le specie e ridurre le esposizioni e i comportamenti che minacciano la nostra salute riproduttiva”.

La preoccupazione è doppia, dicono, anche perché il numero di spermatozoi non riflette solo il livello della fertilità di un uomo ma anche la sua salute stessa. “Il preoccupante calo della concentrazione di spermatozoi maschili e del numero totale di spermatozoi di oltre l'1%ogni anno, come riportato nel nostro articolo, è coerente con le tendenze avverse degli esiti di salute di altri uomini, come il cancro ai testicoli, l'interruzione ormonale e i difetti alla nascita genitali, così come declino della salute riproduttiva femminile. Questo chiaramente non può continuare senza controllo”.

Fonte | "Temporal trends in sperm count: a systematic review and meta-regression analysis of samples collected globally in the 20th and 21st centuries" pubblicato l'11 ottobre 2022 sulla rivista Human Reproduction Update

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.