Hai il palato infiammato? Fai più attenzione a come mangi

L’infiammazione del palato è un dolore sordo, che spesso si manifesta per comportamenti distratti e superficiali, come bere una tisana bollente o mangiare cibo eccessivamente caldo. Non è detto, però, che non nasconda cause di origine diverse, come infezioni batteriche, virali o sia la conseguenza di un’infiammazione grave alle gengive.
Valentina Rorato 16 settembre 2020
* ultima modifica il 16/09/2020

Il palato infiammato è una condizione molto comune e al tempo stesso occasionale, perché di solito dolore e gonfiore sono dovuti a un trauma, come mettere in bocca qualcosa di estremamente caldo. Ti sarà capitato decine di volte di essere impaziente di consumare la tua pizza e metterla in bocca fumante… L’ingordigia non è mai una buona compagnia a tavola. Il palato, però, può essere infiammato anche per altre cause. Vediamo quindi insieme i sintomi, i motivi per cui si manifesta questo disturbo e soprattutto come dovresti curarlo.

I sintomi

I sintomi del palato infiammato possono includere, oltre al gonfiore:

  • Dolore o bruciore
  • Bocca asciutta o secchezza delle fauci
  • Pieghe o vesciche
  • Febbre
  • Prurito
  • Arrossamento
  • Pigmentazione
  • Sfaldamento
  • Sensibilità cutanea
  • Tosse
  • Gola infiammata
  • Rinorrea

Le cause

Le cause, come abbiamo anticipato, possono non essere solo traumatiche. Potresti infatti avere in corso un’infezione o il palato infiammato potrebbe essere non la malattia ma il sintomo di una malattia. Quali?

Cause infiammatorie

Molto spesso le infiammazioni della bocca, e in questo caso del palato, potrebbero essere legate ad agenti patogeni:

  • Infezioni batteriche e micotiche
  • Allergie, come reazioni ai farmaci
  • Condizioni autoimmuni sistemiche (stomatite del palato)
  • Herpes labiale e afte: le macchie o le ulcere spesso si sviluppano nell’interno delle guance o sulle gengive, ma non è raro che compaiano anche sul palato.
  • Gengivite. È tipicamente causata da una scarsa igiene dentale e dall'accumulo di batteri. I suoi sintomi caratteristici sono gengive gonfie, scolorite e sanguinanti. Quando è molto grave, potrebbe infiammare anche il palato, vicino ai denti.

Cause ambientali

Le cause ambientali sono di solito considerate reazioni a prodotti irritanti o a traumi. Puoi quindi distinguere in:

  • Uso di tabacco e alcol
  • Lesioni dirette: mangiare cibi troppo caldi o graffiarsi il palato, magari lavandosi i denti o a causa di un impianto o di cibi duri (per esempio il torrone).
  • Carenze nutrizionali e non solo. Diversi tipi di cibo possono innescare lo sviluppo di piaghe dolorose o lesioni. Gli alimenti che causano questo tipo di problema includono cibi piccanti o acidi come arance, uova, fragole e persino cioccolato. Anche le diete prive di nutrienti come vitamina B12, vitamina C, acido folico o ferro possono provocare dolore localizzato al palato.

Sindrome della bocca urente

La sindrome della bocca urente è una sindrome da dolore cronico, caratterizzato da un forte bruciore in bocca. I sintomi principali sono bocca secca, alterazione del senso del gusto, dolore alla lingua al palato. Non è nota la causa.

Cancro alla bocca

Il palato infiammato può essere un sintomo di un grave problema di salute, come il cancro alla bocca. Fai attenzione alla presenza di una  tumefazione persistente, come una macchia bianco rossastra che non si risolve oppure una ferita che non si rimargina, potrebbe essere delle lesioni pre-tumorale o tumorale del cavo orale.

Quando preoccuparsi

Nella maggior parte del casi l’infiammazione del palato non è nulla di grave e tende a risolversi spontaneamente nel giro di pochi giorni. Si consiglia di chiedere un consulto medico se il dolore è tale da non riuscire a bere o mangiare, se il gonfiore peggiora o si sono aggiunti altri sintomi. Per esempio, se collegato a disturbi addominali.

La diagnosi

La diagnosi del palato infiammato è abbastanza semplice. È sufficiente mostrare la zona al proprio medico, che valuterà se si tratta di un trauma o se la causa è un’infezione o qualcosa di più grave.

La cura

La cura per il palato infiammato è quasi sempre un trattamento topico e consiste nel fare sciacqui, con collutori disinfettanti e prodotti analgesici. Potrebbero essere necessari, in caso di infezione batterica o fungina, l’utilizzo di un antibiotico o un antimicotico. Se il dolore è forte, potrebbe essere consigliata l’assunzione di steroidi e farmaci anti-infiammatori specifici.

Come si previene

La prevenzione è sempre l’arma di terapia migliore quando si parla di palato infiammato e tra l’altro si può mettere in atto davvero in modo semplice. Fai molta attenzione all’igiene, evitando di mettere le mani in bocca, soprattutto dopo aver toccato superfici sporche (come le maniglie delle porte) o dopo aver interagito con persone malate. Cerca di lavarti le mani il più possibile. Mangia bene, evitando le diete drastiche, non fumare e non eccedere con l’alcol. Non mangiare cibi troppo caldi e non bere bevande bollenti: entrambi possono bruciare la pelle delicata della bocca. Ricordati, inoltre, di masticare con attenzione: i cibi duri non solo fanno male ai denti, ma possono danneggiare le gengive e la pelle del palato. Molto spesso, le afte compaiono per stress: adotta quindi misure per condurre una vita più rilassata o per scaricare l’ansia.

Fonte | Airc; Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.