Hai la pressione alta? Fai un piccolo pisolino pomeridiano

Non sentirti in colpa se hai la possibilità di fare un pisolino nel primo pomeriggio: fa bene alla salute e soprattutto migliora la pressione sanguigna. Lo ha dimostrato uno studio americano, che vuole promuovere l’adozione della siesta come stile di vita sano, al pari della dieta mediterranea.
Valentina Rorato 1 luglio 2020
* ultima modifica il 01/07/2020

Il pisolino non è solo un rito della nanna dedicato ai più piccoli e ai pigroni. In realtà, fa bene alla salute. E lo ha dimostrato uno studio presentato durante l’ultimo congresso dell’American College of Cardiology. Sembra che la siesta pomeridiana faccia bene all’umore, ricarichi energia e abbassi la pressione arteriosa.

Il riposino pomeridiano è stato associato a un calo medio di 5 mm della pressione arteriosa, che i ricercatori sostengono sia pari a quello che ci si aspetterebbe adottando stili di vita correttivi. Per esempio, anche la riduzione di sale e alcol porta a un calo da 3 a 5 mm Hg, mentre l’assunzione di farmaci anti-ipertensivi mediamente riducono la pressione da 5 a 7 mm Hg. Inoltre, per ogni 60 minuti di sonno dopo pranzo, la pressione arteriosa sistolica media nelle 24 ore è diminuita di 3 mm Hg.

"Questi risultati sono importanti perché un calo della pressione sanguigna di appena 2 mm Hg può ridurre il rischio di eventi cardiovascolari come infarto fino al 10%", ha affermato Manolis Kallistratos, cardiologo presso l'Ospedale Generale Asklepieion a Voula, in Grecia, e uno dei coautori dello studio. "In base alle nostre scoperte, se qualcuno ha il lusso di fare un pisolino durante il giorno, potrebbe diminuire il rischio di ipertensione. Il sonnellino può essere facilmente adottato e in genere non costa nulla".

Questo è il primo studio che valuta gli effetti del pisolino sulla pressione. Lo stesso gruppo di ricerca aveva precedentemente scoperto che i sonnellini di mezzogiorno erano associati a livelli ridotti di pressione sanguigna e che venivano prescritti meno farmaci anti-ipertensivi tra le persone con letture della pressione sanguigna molto alte.

Hanno preso parte alla ricerca 212 persone, con un’età media di 62 anni e con una pressione sanguigna media di 129,9 mm Hg. Circa 1 su 4 erano fumatori e / o avevano il diabete di tipo 2. Nelle loro analisi, i ricercatori si sono adeguati ai fattori noti per influenzare i livelli di pressione sanguigna, tra cui età, sesso, stile di vita e farmaci, ma l’unico elemento davvero interessante che ha fatto la differenza è la siesta.

Complessivamente, la pressione arteriosa sistolica media nelle 24 ore è stata di 5,3 mm Hg inferiore tra coloro che hanno fatto un sonnellino rispetto a quelli che non lo hanno fatto (127,6 mm Hg contro 132,9 mm Hg).

"Ovviamente non vogliamo incoraggiare le persone a dormire per ore e ore durante il giorno, ma d'altra parte, non dovrebbero sentirsi in colpa se possono fare un breve pisolino, visti i potenziali benefici per la salute", ha detto Kallistratos. Sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare questi risultati, però, i ricercatori si sentono già di poter ipotizzare che insieme alla dieta mediterranea, molto salutare per il cuore, l'accettazione culturale del pisolino di mezzogiorno possa influenzare uno stile di vita più sano.

Fonte | “Mid-day Sleep Effects as Potent as Recommended Lifestyle Changes in Patients With Arterial Hypertension” presentato al 68° American College of Cardiology

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.