Hai sempre mal di testa? Vediamo cosa fare e quando preoccuparsi

Non passa settimana che un dolore costante alla testa non rovini la tua giornata. Il mal di testa cronico è un’emicrania (di quasi tutti i tipi) che si verifica generalmente 15 giorni al mese per un periodo di sei mesi o più. Come si affronta questo problema e soprattutto c’è un modo per prevenirlo?
Valentina Rorato 22 Aprile 2021
* ultima modifica il 02/06/2021

Il mal di testa è un disturbo molto comune, che capita a tutti almeno una volta nella vita. Nella maggior parte dei casi si risolve bevendo un caffè, magari riposando un pochino o prendendo un analgesico da banco. Se però è un dolore costante o che si ripete spesso nell’arco del mese, devi indagare la causa. Solo così è possibile risolvere l'emicrania cronica.

Cosa fare se si ha sempre mal di testa

Le cause

È molto difficile, anche per i medici, comprendere e individuare le cause del mal di testa. Gli esperti escludono che il tessuto cerebrale e il cranio siano responsabili del dolore poiché non hanno nervi che lo registrano. Ma i vasi sanguigni della testa e del collo possono segnalare dolore, così come i tessuti che circondano il cervello e alcuni dei principali nervi che hanno origine proprio qui. E non è tutto, perché anche il cuoio capelluto, i denti, i seni, i muscoli e le articolazioni del collo possono provocare dolore alla testa. Tra i fattori scatenanti del mal di testa, ci sono:

  • Cambiamento del tempo: aumento dell'umidità, calore
  • Mancanza di sonno o sonno eccessivo
  • Fatica
  • Stress emotivo
  • Impulsi sensoriali (luci intense o tremolanti, rumori forti, odori forti)
  • Carenze dietetiche: calo di zuccheri, saltare un pasto, bere alcolici, consumare nitrati in salumi e pesce
  • un aumento o una diminuzione della caffeina
  • deficit della vista
  • Obesità
  • Russare
  • Uso eccessivo di farmaci per il mal di testa

Quando preoccuparsi

Il mal di testa passeggero non è mai un motivo di preoccupazione, ma il campanello di allarme dovrebbe suonare in alcune situazioni:

  • Mal di testa più intenso del solito
  • Dolore alla testa che aumenta con la tosse o il movimento
  • Mal di testa che peggiorano costantemente
  • Cambiamenti nella personalità o nella funzione mentale
  • Mal di testa che sono accompagnati da febbre, torcicollo, confusione, diminuzione della vigilanza o della memoria o sintomi neurologici come disturbi visivi, linguaggio confuso, debolezza, intorpidimento o convulsioni
  • Dolore agli occhi
  • Dolore alle tempie
  • Mal di testa dopo un colpo alla testa
  • Mal di testa che impediscono le normali attività quotidiane
  • Dolore improvviso soprattutto quando si viene svegliati
  • Sistema immunitario compromesso o se stai combattendo contro un tumore

Cosa fare

Se il mal di testa è appena insorto o hai la percezione che sta per venirti, sicuramente puoi utilizzare degli antidolorifici da banco senza prescrizione medica. Paracetamolo, aspirina, ibuprofene, naprossene e una combinazione di antidolorifici e caffeina sono tutti efficaci.

Dovresti anche trovare un ambiente tranquillo, magari sdraiarti al buio e in silenzio e aspettare che il dolore passi, senza stress eccessivo. Talvolta può fare molto bene anche bere un caffè o un bevanda che contenga caffeina o teina (come cioccolata calda o un tè).

Quando vedere il medico? Si consiglia una visita se il mal di testa si presenta due o più volte a settimana, prendi un analgesico per il tuo mal di testa quasi tutti i giorni e non fa effetto.  Hai bisogno di una dose maggiore di quella raccomandata per alleviare il dolore. È bene contattare un neurologo se il disturbo è invalidante.

Il medico valuterà i sintomi, cercherà probabilmente segni di infezione o problemi neurologici e ti chiederà informazioni sulla tua storia di mal di testa. Se la causa del mal di testa rimane incerta, potrebbe ordinare un test di imaging, come una TAC o una risonanza magnetica, per cercare una condizione medica sottostante.

Potresti avere bisogno di farmaci da prescrizione, ma ovviamente solo il medico può stabilire quale sia la terapia più adatta a te. Ricorda, inoltre, che un uso eccessivo di analgesici può portare al cosiddetto mal di testa di rimbalzo. Quindi, se hai bisogno di cure più di due o tre volte alla settimana, considera i farmaci preventivi.

La prevenzione

La prevenzione può fare molto per ridurre gli episodi di dolore alla testa, soprattutto quello cronico quotidiano. Che cosa dovresti fare?

  • Evita i fattori scatenanti del mal di testa.
  • Evita l'uso eccessivo di farmaci.
  • Dormi a sufficienza.
  • Non saltare i pasti.
  • Fai esercizio regolarmente.
  • Riduci lo stress.
  • Riduci la caffeina
  • Scrivi un diario in cui annoti i sintomi, i farmaci e gli integratori che stai assumendo ed eventuali cambiamenti di vita

Può essere molto utile anche praticare tecniche di rilassamento, yoga e sottoporsi a sedute di agopuntura. Impara a riconoscere i segnali di pericolo che richiedono cure mediche immediate. E soprattutto cerca di individuare quali sono i tuoi fattori scatenati, facendoti per esempio delle semplici domande: quando ti scoppia l’emicrania, che cosa stavi facendo, leggevi, avevi mangiato, avevi litigato?

Fonte | Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.