I rimedi naturali per il dolore ai reni: scopri come stare meglio con i segreti della nonna

Dall’impacco con il sale grosso caldo al decotto di salvia, ma soprattutto tanta acqua (due litri al giorno), meglio se con l’aggiunta di due limoni, per alleviare il dolore ai reni. Se poi sei d’accordo con la teoria che “il simile cura il simile”, fai anche scorta di fagioli azuki e bevine l’acqua di cottura.
Gaia Cortese 15 marzo 2019
* ultima modifica il 01/04/2019

I reni sono organi vitali, situati nella parte bassa della schiena, che hanno il compito di depurare il tuo corpo. La loro principale funzione è quella di filtrare il sangue, in modo da eliminare le sostanze di scarto dell’organismo tramite l’urina. In questo modo si evita la formazione di calcoli, la ritenzione idrica, l’aumento della pressione sanguigna e altre scocciature evitabili. Può comunque capitare di avvertire un dolore diffuso all’altezza dei reni, nella zona lombare, quello che comunemente chiamiamo dolore ai reni, la cui causa può essere ricondotta a fattori di origine molto diversa.

Perché possono fare male i reni

I principali sintomi legati al dolore ai reni possono essere riconducibili a diverse patologie. Si parla di calcolosi, quando c’è un deposito di sali di calcio nel tessuto renale; in questo caso te ne puoi accorgere notando dei granelli di “sabbia” nelle urine (chiamata renella) o dalla manifestazione di una colica renale. La sindrome nefrosica invece è provocata dall’alterazione dei glomeruli renali (una rete di capillari arteriosi che si occupa di filtrare il sangue) che causano la perdita di proteine nelle urine, l’insorgenza di edemi, l'aumento della pressione, l'aumento del colesterolo e l’insorgenza della gotta. La nefrite è un’infiammazione del tessuto renale, spesso causata da batteri. Quando si è in presenza di un fastidio o dolore che si protrae per più giorni è bene rivolgersi al proprio medico curante, che ti prescriverà sicuramente gli esami del sangue, delle urine e la misurazione della pressione sanguigna, per capire se i sintomi possono indicare una patologia in atto. Nella maggior parte dei casi, per fortuna, il dolore ai reni, è un fastidio passeggero, dovuto a diversi motivi come a un colpo di freddo, una scarsa idratazione, una posizione scorretta o l’arrivo del ciclo mestruale. In questi casi, è possibile provare ad alleviare il dolore con alcuni rimedi naturali.

Frutta, verdura e tisane per un'infiammazione generica

Nel caso di un’infiammazione generica, i reni potrebbero essere un po' appesantiti. Le cause sono molteplici: un basso apporto di acqua durante la giornata, un elevato utilizzo di sale nell’alimentazione, un consumo eccessivo di proteine animali o di alimenti confezionati, troppo ricchi di conservanti, coloranti e altri additivi industriali. Anche la pessima abitudine di trattenere troppo la pipì può causare malessere ai reni.

Attenzione all'alimentazione

In questo caso la prima cosa da fare è rivedere la propria alimentazione che deve essere più ricca di frutta e verdura. Nello specifico di ciliegie e anguria che hanno proprietà diuretiche, di sedano dalle proprietà depurative e di cipolla, nota per la sua azione antinfiammatoria a livello dei reni. Anche il cavolo, la rucola e i broccoli aiutano a disintossicare l’organismo. Ci sono poi i fagioli azuki, piccoli fagioli che assomigliano molto ai reni per la loro forma: come sosteneva la teoria di Paracelso (il simile cura il simile), consumare questi fagioli e bere la loro acqua di cottura è un buon depurativo per questi organi.

Le tisane per il dolore ai reni

Ci sono poi molte tisane, a base di uva ursina, pilosella, verga d'oro e gramigna, che aumentano la diuresi e aiutano i reni a svolgere meglio la loro funzione di filtraggio. Molto consigliato anche il tè all’ortica, perché aiuta a eliminare i batteri ed eventuali calcoli presenti nei reni. Ti basta un cucchiaio di foglie di ortica (5 grammi) da mettere in infusione per 7 minuti in un bicchiere di acqua calda. Un altro rimedio per rompere i calcoli è quello di bere succo di melograno, un frutto consigliato per trattare l’infiammazione ai reni e alle vie urinarie. Ne basta un bicchiere due volte alla settimana, sempre senza alcun aggiunta di zuccheri.

Acqua e limone per i calcoli renali

Se per esempio il tuo dolore ai reni coinvolge anche le gambe con un malessere che interessa anche la fascia pelvica, potrebbe trattarsi di renella o calcoli renali. La prima cosa da fare è bere molta acqua nell’arco della giornata. I livelli di calcio nel tuo sangue potrebbero essere superiori alla media: aggiungi all’acqua che bevi del limone; l’acido citrico, infatti, aiuta a rompere ed eliminare i calcoli di calcio che potrebbero formarsi nei reni. A scopo preventivo, non sarebbe male prendersi l’abitudine di bere un bicchiere di acqua con il succo di 2 limoni almeno una volta al giorno.

Decotto di salvia per i dolori mestruali

Con l’arrivo del ciclo mestruale, soprattutto i primi due giorni, si presentano diversi disturbi che vanno dall’indolenzimento della zona lombare a vere e proprie coliche dolorose che si localizzano sempre in questa parte del dorso e nel basso addome: questi dolori sono causati dalla contrazione dell’utero e non sono affatto piacevoli. Oltre a stare un po’ a riposo, puoi prepararti un decotto di salvia da bere tiepido. Ti basterà procurarti una decina di foglie dalla pianta, lavarle bene e metterle nell’acqua, portando il tutto a ebollizione per un paio di minuti; alla fine aggiungi una buccia di limone o del succo, per potenziare l’effetto di questo decotto miracoloso.

Sale grosso per il colpo di freddo

Nel caso di colpo di freddo, il primo rimedio è quello di tenere la schiena al caldo, con un maglione di lana o una coperta. Se poi aggiungi sulla parte dolente del sale grosso caldo avvolto in un panno sulla fascia lombare, il sollievo è garantito. Quindi procurati una padella a fondo largo antiaderente, scalda un chilo di sale grosso a fuoco lento per qualche minuto. Versalo poi in un sacchetto, come la fodera di un cuscino; arrotolalo e posizionalo sulla parte dove senti dolore. La proprietà dei cristalli di sale è quella di rilasciare calore per lungo tempo e allo stesso tempo di assorbire l’umidità. Il dolore sparirà in breve tempo e la sensazione provata sarà molto gradevole.

Fonte| Erboristeria Virya

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.