Ictus, attenzione alla dieta: i grassi vegetali ne diminuiscono il rischio

Lo stile di vita e la dieta sono molto importanti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e soprattutto nell’ictus. Devi sapere che il tipo di grasso che consumi gioca un ruolo fondamentale sulla tua salute futura: pare che quelli di origine vegetali possano “proteggerti” da eventuali malattie, mentre la carne rossa lavorata e il grasso animale non caseario ne aumentano il rischio. Lo sostiene un recente studio di Harvard.
Valentina Rorato 21 Novembre 2021
* ultima modifica il 21/11/2021

Mangiare grassi vegetali ti protegge dal rischio ictus. Lo ha dimostrato un nuovo studio della TH Chan School of Public Health di Harvard a Boston.  "I nostri risultati indicano che il tipo di grasso e le diverse fonti alimentari sono più importanti della quantità totale di grassi alimentari nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, incluso l'ictus", ha affermato Fenglei Wang, autore principale dello studio.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l' ictus rappresenta circa il 15% dei decessi per malattie cardiache negli Stati Uniti. Quando un ictus non è fatale, può comunque causare danni cerebrali permanenti o disabilità a lungo termine. È dunque un problema di salute gravissimo, ma anche un costo sanitario importante.

I grassi nella dieta

Il grasso è una parte essenziale di qualsiasi dieta e il corpo ne ha bisogno per l'energia e per assorbire le vitamine. Il grasso saturo si trova nella carne rossa, nei latticini come burro, strutto, formaggio e yogurt, nei cibi fritti e tanti prodotti da forno.

Esistono poi 2 tipi di grassi insaturi: grassi monoinsaturi e grassi polinsaturi. Il grasso monosaturo si trova nell'avocado, nella maggior parte delle noci e negli oli vegetali come l'oliva, l'avocado, il mais o l'olio di soia. I grassi polinsaturi, invece, includono i grassi omega-3, che si trovano nei pesci grassi, come il salmone. Si trovano anche negli oli di girasole, mais, soia e semi di cotone, zucca, sesamo e semi di girasole, noci e pinoli.

Lo studio

Lo studio di Harvard è il primo a esaminare e confrontare in modo completo come i grassi derivati ​​da fonti vegetali, latticini e animali non da latte influenzino il rischio di ictus. I ricercatori hanno analizzato 27 anni di follow-up di 117.136 partecipanti allo studio sulla salute degli infermieri (dal 1984 al 2016) e allo studio di follow-up dei professionisti della salute (dal 1986 al 2016). L'età media dei partecipanti era di 50 anni, il 63 per cento erano donne, il 97 per cento bianchi e tutti non soffrivano di malattie cardiache e cancro al momento dello studio.

La quantità e il tipo di grassi che i partecipanti hanno mangiato sono stati misurati tramite un questionario sulla frequenza alimentare che è stato somministrato all'inizio dello studio e successivamente ogni quattro anni. I ricercatori hanno utilizzato le informazioni auto-riferite per stimare l'assunzione alimentare a lungo termine e quindi hanno diviso i soggetti in cinque gruppi, o quintili, in base alla quantità di assunzione di grassi.

Nello studio, la carne includeva manzo, maiale o agnello, come piatto principale, nei panini o in piatti misti e carni rosse lavorate. Le carni rosse trasformate includevano pancetta, salsiccia, mortadella, hot dog, salame e altre carni lavorate. Nel corso dello studio, ci sono stati 6.189 eventi di ictus.

I risultati principali

I partecipanti che hanno mangiato più grasso animale (da fonti non lattiero-casearie) avevano il 16% in più di probabilità di avere un ictus rispetto a quelli che ne mangiavano di meno. Le persone che hanno mangiato la più alta quantità di grassi vegetali e grassi polinsaturi hanno avuto un rischio di ictus ridotto del 12% rispetto a coloro che hanno mangiato le quantità più basse di quei tipi di grassi.

I partecipanti che mangiavano una porzione in più di carne rossa totale ogni giorno avevano un rischio di ictus dell'8% in più e quelli che consumavano una porzione in più di carne rossa lavorata avevano un rischio di ictus del 12% in più.

Il consumo di grassi lattiero-caseari da fonti come formaggio, burro, latte, gelato e panna non era associato a un rischio maggiore di ictus. Sulla base dei risultati, i ricercatori raccomandano che le persone riducano il rischio di ictus mangiando meno carne rossa e lavorata, eliminando il grasso dalla carne quando la consumano e cucinando con oli vegetali non tropicali anziché strutto o grasso di manzo.

È stato ben osservato che alcuni grassi possono aumentare o diminuire il rischio di malattie cardiache. Ad esempio, sembra che la maggior parte del grasso proveniente dagli animali, ad eccezione del pesce, possa aumentare l' LDL , il colesterolo cattivo. Sappiamo che quando le persone sostituiscono il grasso animale con versioni vegetali più sane, come olio d'oliva, girasole o cartamo, di solito possono abbassare il colesterolo LDL ", afferma Weinandy.

Fonte | “Vegetable fat may decrease stroke risk, while animal fat increases it” pubblicato l’8 novembre 2021 su Heart.org.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.