Il collirio che potrebbe curare la presbiobia e farti dimenticare gli occhiali

Il colosso farmaceutico svizzero Novartis ha annunciato che entro il 2023 potrebbero essere disponibili delle gocce oculari capaci di correggere la presbiopia, un disturbo molto diffuso tra le persone anziane che insorge soprattutto dopo i 45 anni e che rende difficoltosa la visione degli oggetti più vicini.
Federico Turrisi 10 settembre 2019
* ultima modifica il 10/09/2019

Chi non si ricorda del mitico avvocato George, personaggio di un classico della Disney come gli Aristogatti? L'arzillo vecchietto preferiva salire le scale anziché prendere l'ascensore, ma per scrivere il testamento di Madame Adelaide e leggere i documenti doveva inforcare dei grossi occhiali da vista. Probabilmente soffriva di presbiopia. Non è una malattia vera e propria, ma un processo fisiologico a cui tutti andiamo incontro con il passare degli anni e che ci rende difficoltosa la messa a fuoco da vicino. Secondo una ricerca condotta da AC Nielsen, il 41% degli italiani con più di 40 anni di età dichiara di soffrire di presbiopia, con punte di oltre il 53% tra gli over 50.

Al momento la più diffusa soluzione a disposizione per correggere la presbiopia sono gli occhiali. Ma tra qualche anno potrebbe non essere più così: potrebbero bastare poche gocce oculari al giorno. L'azienda farmaceutica svizzera Novartis ha annunciato durante una conferenza stampa a Basilea che sta mettendo a punto uno speciale collirio in grado di penetrare nel cristallino e di ristabilirne la corretta elasticità. Il farmaco non ha ancora un nome commerciale, ma al momento viene identificato con il codice UNR844. Le ricerche sono ancora in una fase iniziale, ma stanno già dando risultati incoraggianti. Dovrebbero terminare entro il 2023. E a quel punto molti potranno forse dire addio agli occhiali.

Fonte | Novartis

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.