Il coronavirus non ferma la studentessa di Padova: Wenfang Cao discute la tesi di dottorato su Skype da Wuhan

Da Wuhan ci arrivano anche storie positive in un momento storico in cui la città è paralizzata dall’epidemia Covid-19, causata dal nuovo coronavirus. Una studentessa di 28 anni dell’Università di Padova ha discusso brillantemente la sua tesi di dottorato via Skype. Si trova infatti in quarantena a Wuhan, sua città d’origine, e non sarebbe potuta essere fisicamente presente in ateneo.
Simona Cardillo 13 febbraio 2020
* ultima modifica il 13/02/2020

Non si è fermata neanche di fronte all'epidemia causata dal coronavirus, che ha paralizzato la città di Wuhan. Nonostante la quarantena è riuscita a discutere la sua tesi di dottorato via Skype e ha superato brillantemente la prova. Lei si chiama Wenfang Cao, ha 28 anni ed è una studentessa dell'Università di Padova. Si trovava a Wuhan, sua città d'origine, proprio nelle settimane in cui è scoppiata l'epidemia del coronavirus che ha bloccato la città, causando finora oltre mille morti.

La giovane ha così seguito con attenzione tutte le indicazioni mediche per evitare il contagio, ma non si è scoraggiata. Proprio ieri era prevista la discussione della sua tesi di dottorato e lei non sarebbe ovviamente potuta essere presente, dato che è rimasta bloccata a Wuhan. E' riuscita a superare la prova a distanza, collegandosi a distanza via Skype e sostenendo la discussione della tesi.

Wenfang Cao proviene dal China Scholarship Council (CSC) ed è una studentessa di dottorato con borsa di studio presso l'Università di Padova. La sua tesi si intitola "The quantification of the socio-economic impact on geomorphology" e spiega come l'azione dell'uomo stia influenzando l'epoca geologica attuale, l'Antropocene.

"Nonostante la situazione oggettivamente difficile, Wenfang Cao ci dimostra come la conoscenza non abbia limiti, leva per superare ogni ostacolo. Nella ricerca c’è la chiave per migliorare il futuro del pianeta: alla nostra dottoranda vanno i complimenti di tutta la grande comunità dell’ateneo patavino", ha commentato il rettore dell'ateneo Rosario Rizzuto.

Fonte| Università di Padova

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.