Il decalogo delle regole salva vita di Federanziani per proteggersi dalle alte temperature

Arieggiare casa al mattino presto, non uscire di casa nelle ore più calde, bere acqua e vestirsi leggeri. Sono alcune delle regole salvavita elencate nel decalogo di Federanziani per proteggere le persone più fragili dalle temperature elevate di questa estate.
Gaia Cortese 4 Agosto 2022
* ultima modifica il 04/08/2022

La ricorderemo come l’estate dell’anticiclone africano, delle ondate di calore, delle temperature estreme oltre i 40°C. Un'estate di fuoco che mette a rischio il benessere delle persone più fragili e degli anziani. Così Senior Italia FederAnziani ha divilgato un decalogo delle regole salva vita appositamente redatto per andare incontro alle persone più esposte ai rischi che comporta un caldo eccessivo.

A tal proposito, Roberto Messina, Presidente Senior Italia FederAnziani, ha invitato anziani e fragili a seguire scrupolosamente il decalogo anti caldo, senza sottovalutare l’importanza delle sue regole, dal momento che proteggersi dai rischi del caldo significa prendersi cura di sé e dei propri cari, ed è quindi un gesto di responsabilità.

Non solo. Messina ha invitato famigliari, amici e vicini di casa delle persone più anziane a rimanere in contatto e a prendersi cura delle persone fragili in un momento che è da considerarsi molto delicato. Tra i rischi maggiori, infatti, c’è quello della disidratazione dal momento che, con l’avanzare dell’età, i recettori della sete si indeboliscono e si rischia di avvertire troppo tardi lo stimolo della sete.

Ecco, punto per punto, cosa dice il decalogo anti caldo di Senior Italia FederAnziani.

  1. Non uscire nelle ore più calde. Si consiglia di restare a casa dalle 12 alle 17, ossia nelle ore più calde della giornata. Diversamente è meglio stare all’ombra o in ambienti ventilati. In questo arco di orario è consigliato evitare anche l'attività fisica.
  2.  Tanta idratazione. Sarebbe opportuno bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e soprattutto cercare di bere anche in assenza dello stimolo della sete. Da moderare l'assunzione di bibite gassate, zuccherate, alcoliche o ricche di caffeina.
  3.  Alimentazione fresca e leggera. Con questo caldo è consigliato mangiare frutta fresca di stagione e verdure colorate come peperoni, pomodori, carote e lattughe. Da evitare i cibi fritti e/o grassi.
  4.  Arieggiare spesso. Per permettere il ricambio d’aria in casa, è buona abitudine aprire le finestre al mattino presto e la notte.
  5.  Ripararsi dal sole. Meglio esporsi il meno possibile al sole, e utilizzare sempre cappelli e occhiali da sole. Consigliato poi usare creme solari ad alto fattore protettivo per proteggere la pelle dalle scottature.
  6.  Vestirsi leggeri. All'aperto, ma anche in casa, è buona norma vestirsi leggeri scegliendo tessuti adatti alla stagione come il lino. Anche in tema di colori, meglio scegliere i colori chiari.
  7.  Rinfrescarsi spesso. Senza esagerare con gli sbalzi di temperatura, può essere utile rinfrescarsi con docce o bagni tiepidi, abituandosi anche a bagnarsi spesso viso e braccia con acqua fresca.
  8.  Non sostare in auto al sole. Meglio non entrare subito in un’auto parcheggiata al sole. Se proprio necessario, meglio aprire subito gli sportelli per far arieggiare l'abitacolo e poi viaggiare con i finestrini abbassati e il climatizzatore in funzione.
  9.  Non modificare la terapia farmacologica. Per nessun motivo bisogna cambiare l'assunzione di qualunque medicinale, piuttosto meglio contattare il proprio medico e consultarsi con lui. Ricordarsi poi di leggere sempre attentamente le modalità di conservazione dei farmaci.
  10.  Scegliere vacanze in zone fresche. Nell'indecisione, meglio preferire delle vacanze in zone fresche, tra la collina e la montagna: sono i posti più adatti per fuggire dall'afa delle città.

Fonte | Federanziani

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.