Il Green pass diventa obbligatorio per accedere a scuola, anche per i genitori: tutte le regole del nuovo decreto

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto legge che estende l’obbligatorietà della certificazione verde a “chiunque accede a tutte le strutture delle istituzioni scolastiche”: significa che anche i genitori, oltre ad esempio al personale delle mense, dovranno avere il Green pass per varcare l’ingresso di asili nido, scuole dell’infanzia, elementari e licei. Le regole non valgono per gli studenti, che potranno entrare anche senza certificato; dal 10 ottobre scatterà poi l’obbligo vaccinale per accedere alle Rsa.
Alessandro Bai 10 Settembre 2021
* ultima modifica il 16/09/2021

Il Green pass sarà obbligatorio per chiunque accederà a scuola, quindi anche per i genitori che accompagneranno i figli davanti alla porta della classe. È questa una delle novità contenute nel decreto legge approvato giovedì 9 settembre 2021 dal Consiglio dei Ministri, che ha così deciso di estendere l'obbligatorietà della certificazione verde non solo a tutti gli insegnanti e il personale scolastico (ad esempio i bidelli) di ogni ordine e grado, come già previsto da inizio settembre, ma anche a tutti coloro che vorranno mettere piede nelle "strutture delle istituzioni scolastiche" fino al 31 dicembre.

L'obbligo di presentare il Green pass, però, continuerà a non essere valido per bambini, alunni e studenti iscritti ad asilo nido, scuole dell'infanzia, scuole elementari, medie e licei, oltre per coloro che sono già stati esentati dal vaccino. Gli unici studenti che saranno tenuti ad avere la certificazione verde per frequentare le lezioni saranno quelli delle università. Inoltre, il nuovo decreto prevede dal 10 ottobre l'obbligo vaccinale per chiunque vorrà accedere nelle Rsa, compresi i lavoratori esterni.

Green pass a scuola: le regole del nuovo decreto

Se fai parte dei genitori che la mattina sono abituati ad accompagnare i propri figli all'interno dell'asilo nido o della scuola dell'infanzia, fino al prossimo 31 dicembre sarai obbligato anche tu a mostrare il Green pass. È uno degli effetti del nuovo decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri con l'obiettivo di "fronteggiare l’emergenza da Covid-19 in ambito scolastico, della formazione superiore e socio sanitario-assistenziale". Per quanto riguarda le scuole, e più in generale "ogni struttura del sistema nazionale di istruzione e di formazione", il testo del dl spiega che "chiunque accede a tutte le strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative è tenuto a possedere la Certificazione Verde".

Tieni presente, in ogni caso, che l'obbligo del Green pass "non si applica ai bambini, agli alunni e agli studenti nonché ai frequentanti i sistemi regionali di formazione, ad eccezione di coloro che prendono parte ai percorsi formativi degli Istituti tecnici superiori". Ma cosa cambia, quindi? Rispetto alle novità già entrate in vigore da inizio settembre, adesso per entrare a scuola sarà obbligato ad esibire la certificazione verde anche chi lavora nelle mense scolastiche o chi svolge lavori di manutenzione, oltre ovviamente ai genitori di cui ti ho già parlato, che dovranno avere il Green pass per varcare l'ingresso degli istituti scolastici. La situazione è leggermente diversa per le università, dove di fatto gli studenti erano già obbligati ad avere il certificato: "Chiunque accede alle strutture del sistema nazionale universitario deve possedere ed è tenuto ad esibire la certificazione verde COVID-19", si legge nel documento.

A controllare il rispetto di queste nuove norme dovranno essere "il dirigente scolastico e i responsabili di tutte le istituzioni scolastiche, educative e formative", ma anche i "datori di lavoro" di coloro che accedono alle strutture per "ragioni di servizio o di lavoro". In caso di violazione delle regole, sia i soggetti privi di Green pass che i responsabili dei controlli sono passibili di sanzioni da 400 a 1000 euro.

Tutte queste regole, infine, non sono valide per chi ha ottenuto l'esenzione dal vaccino anti-Covid, come puoi leggere tu stesso: "Le misure del decreto per il personale del mondo scolastico, universitario e socio assistenziale non si applicano ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute".

Obbligo vaccinale nelle Rsa

Il nuovo decreto legge contiene anche un articolo che stabilisce le norme, valide dal 10 ottobre fino al 31 dicembre, per accedere alle "strutture residenziali, socio-assistenziali e sociosanitarie". Le regole prevedono l'obbligo di vaccinazione per "tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa nelle strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice (Rsa, strutture per anziani, ecc.)". In altre parole, vuol dire che per entrare nelle Rsa e nelle altre strutture segnalate, non solo dovrai avere il Green pass, ma dovrai averlo ottenuto in seguito alla somministrazione del vaccino, e non ad esempio facendo dei tamponi con esito negativo.

Fonte | Governo

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.