Il rischio dei fumatori duali, quelli che abbinano l’e-cig alle sigarette nel tentativo di fumare meno

Lo si fa per cercare di fumare di meno e di contenere i danni prodotti da questa cattiva abitudine, ma il problema è che si tende a “compensare” con boccate più lunghe e intense, annullando così ogni eventuale beneficio.
Giulia Dallagiovanna 23 Marzo 2021
* ultima modifica il 26/04/2021

C'è un comportamento tenuto a volte dai fumatori sul quale non ci si concentra molto, ma che in realtà può risultare dannoso. Sto parlando di chi fuma contemporaneamente le sigarette tradizionali e quelle elettroniche. Nella maggior parte dei casi, all'origine c'è un buon proposito ovvero quello di ridurre il quantitativo di fumo giornaliero per cercare di contenere i danni che questo può provocare al corpo. Il problema è che non si verifica nessuna riduzione, come ha dimostrato uno studio molto importante pubblicato sulla rivista Circulation.

La ricerca, condotta da un team della Boston University, si è occupata dei cosiddetti fumatori duali, che tendono a passare più inosservati rispetto alle differenze più nette tra chi fuma solo sigarette, chi solo e-cig e chi non è un tabagista. Sono stati analizzati campioni di sangue e di urine di circa 7mila persone adulte. Quello che è emerso in modo importante è stata la somiglianza tra i fumatori e i tabagisti e i fumatori duali. Nello specifico, i livelli di biomarcatori relativi a stress infiammatorio e ossidativo erano sovrapponibili.

I livelli di biomarcatori dello stress infiammatorio e ossidativo erano simili tra fumatori e fumatori duali

Come mai questi risultati? Secondo gli autori dello studio la spiegazione poteva risiedere non tanto nel numero di sigarette, quanto nel modo di fumare. Chi infatti prova a ridurre il quantitativo di sigarette quotidiano con l'integrazione dell'e-cig, tenderà a "compensare" con boccate più intense e profonde. In questo modo si arriva ad aspirare la stessa quantità di fumo e sostanze tossiche di chi ricorre solo alle sigarette.

Se quindi anche tu appartieni a questa categoria, devi sapere che la sigaretta elettronica può rappresentare un aiuto per smettere di fumare, ma deve essere utilizzata bene. Se infatti decidi di passare all'e-cig, dovrai abbandonare fin da subito le sigarette normali. Dopodiché, dal momento che quella elettronica è sì meno dannosa, ma di sicuro non innocua, sarebbe bene utilizzarla solo per i primi tempi, fino a quando il bisogno di fumare non si è affievolito. A quel punto, l'ideale è smettere definitivamente e godere di tutti i benefici.

Fonte| "Association of Cigarette and Electronic Cigarette Use Patterns With Levels of Inflammatory and Oxidative Stress Biomarkers Among US Adults" pubblicato su Circulation il 4 gennaio 2021

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.