Il vaccino antinfluenzale spray per i bambini? Il dottor Demicheli: “Facile e agevole, ma con qualche controindicazione in più”

È la novità di Regione Lombardia per la prossima campagna antinfluenzale al via il prossimo autunno. Ne abbiamo parlato con il direttore sanitario dell’Ats Milano che ha confermato come il composto potrebbe realmente rendere la sua somministrazione più facile e agevole. In più, in tempi di pandemia, risponderebbe alla potenziale carenza di vaccini a cui potremmo andare incontro.
Kevin Ben Alì Zinati 1 Settembre 2020
* ultima modifica il 23/09/2020
In collaborazione con il Dott. Vittorio Demicheli Direttore sanitario Ats Milano

La puntura, sì, ma anche lo spray. È la novità che Regione Lombardia è pronta a introdurre per l’imminente campagna antinfluenzale che, come ti ho raccontato, oggi può avere un’importanza ancora maggiore. L’annuncio l’aveva dato lo stesso assessore al Welfare Giulio Gallera: si tratta di un vaccino spray pensato apposta per somministrare il composto ai bambini dai 2 ai 6 anni. Il dottor Vittorio Demicheli, direttore sanitario dell’Ats Milano, ci ha spiegato come funziona, le possibili controindicazioni e quali sono state le motivazioni dietro la scelta della Regione.

Facile e agevole

Con lo spray la somministrazione del vaccino avviene per via intranasale e anche se può sembrare più facile e sicuro di quello classico con la puntura, prevede che sia sempre un medico o personale sanitario ad effettuarlo: per i bambini alla prima vaccinazione antinfluenzale, sono previste due dosi a distanza di 4 settimane. “Il composto è stato prenotato ed è una delle novità perché viene importato per la prima volta in Europa. È già diffuso in Nord America ma nel nostro continente non ha mai avuto successo” ha spiegato il dottor Demicheli che ha poi confermato il primo reale vantaggio del composto perché “un bambino avrebbe meno paura di uno spray rispetto a un ago, anche se di piccole dimensioni, quindi la somministrazione potrebbe davvero essere più agevole.

Controindicazioni locali

Secondo Demicheli, la scelta della Regione di optare per un vaccino spray è la risposta alla potenziale carenza di composti a cui rischieremmo di andare incontro il prossimo autunno: “Potrebbe essere risolutivo per vaccinare i bambini, altrimenti in Lombardia le dosi non sarebbero state sufficienti per vaccinare sia gli acuti che i bambini. È come se avessimo dei lotti aggiuntivi. A questo punto, potresti chiederti se ci sono controindicazioni.

È la prima volta che il vaccino spray verrà utilizzato anche in Europa

Vittorio Demicheli, direttore sanitario Ats Milano

Lo abbiamo chiesto al direttore sanitario dell’Ats Milano: “Il nuovo vaccino spray è più reattogeno, nel senso che potrebbe produrre qualche effetto locale in più e di natura diversa rispetto alla classica puntura: sto parlando di raffreddore e febbre con una frequenza maggiore. È un esperimento in vivo che farà Regione Lombardia”.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.