Il vaccino di AstraZeneca cambia nome: si chiama Vaxzevria

Il suo nome precedente era ChAdOx1, ma probabilmente non lo avevi mai sentito. La formulazione del farmaco è rimasta la stessa, mentre sono comparse nuove indicazioni sul foglietto illustrativo.
Giulia Dallagiovanna 30 Marzo 2021
* ultima modifica il 30/03/2021

Quando una notizia è importante, te lo segnaliamo sempre. Ormai sarai abituato al fatto che su Ohga cerchiamo di presentarti le informazioni con un certo ordine, mettendo in risalto quelle che possono incidere sulla tua vita quotidiana. Ecco, il cambio del nome del vaccino di AstraZeneca non sarà una di quelle. Tra l'altro, non  è nemmeno il primo: anche Pfizer ha chiamato il proprio vaccino Comirnaty solo dopo che era arrivata l'approvazione. Semplicemente, l'attenzione sul farmaco dell'azienda britannica è più alta dopo tutte le vicende che si sono susseguite nelle ultime settimane. D'altronde, come ben saprai, hanno provocato un certo grado di paura e di apprensione tra le persone che dovevano riceverlo, al punto che qualcuno ha persino disdetto il proprio appuntamento. Colgo quindi l'occasione per ricordarti che stiamo parlando di un vaccino sicuro ed efficace, fino a prova contraria.

Sappi dunque che da oggi il farmaco si chiamerà Vaxzevria, mentre prima il suo nome era ChAdOx1. Una sigla dunque che poi è stata trasformata in un nome vero e proprio. L'azienda farmaceutica britannica lo ha proposto a Ema e l'agenzia europea dei medicinali ha accettato la modifica. Continueremo probabilmente a riferirci a lui come al "vaccino di AstraZeneca" o, ancora più brevemente, "AstraZeneca".

La formulazione del vaccino è rimasta invariata, mentre è cambiato il foglietto illustrativo

La formulazione del farmaco non ha invece subito alcuna modifica. A cambiare è stato solo il foglietto illustrativo, che oggi include sintomi che potrebbero far pensare all'insorgenza di una trombosi, con la raccomandazione di rivolgersi subito a un medico qualora ne notassi uno.

Fonte| Ema

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.