Infermieri e operatori sociosanitari: arriva l’app per ridurre gli infortuni dovuti allo stress

All’interno del personale che lavora in un ospedale, queste sono le categorie che entrano maggiormente in contatto con i pazienti e con i loro familiari. Un compito che può spesso risultare stressante ed è una delle ragioni per cui infermieri e oss risultano maggiormente a rischio di infortuni. Ora, un’app potrebbe aiutare a migliorare la situazione.
Giulia Dallagiovanna 14 giugno 2019
* ultima modifica il 14/06/2019

Forse non ci pensi spesso, ma un ospedale non vive di soli medici. Anche il resto del personale sanitario che lavora all'interno di un reparto è fondamentale per la cura e il benessere del malato. Gli infermieri, in particolare, assieme agli operatori socio sanitari (Oss) sono quelli che entrano maggiormente in contatto con i pazienti e con i loro familiari. E a dispetto di quanto potrebbe apparire dall'esterno, non è per nulla un compito semplice. È questa una delle ragioni per cui proprio loro risultano essere la categoria che riporta il maggior numero di infortuni e per la quale è arrivato il momento di impegnarsi di più nel percorso della prevenzione. L'app creata da Cluster C.H.I.CO va esattamente in questa direzione.

Si chiama Safety in Healthcare e di fatto sarà un portale dove gli utenti potranno consultare in ogni momento le norme e le leggi relative alla sicurezza dei lavoratori e tramite il quale potranno avere uno scambio diretto con un loro rappresentante in quest'ambito. Sarà una vera e propria chat, come quella di un social network, attraverso cui si potrà comunicare in tempo reale e informare riguardo incidenti o nuovi sistemi di prevenzione e sui comportamenti corretti da adottare nelle strutture ospedaliere. Consentirà inoltre di raccogliere dati e compilare archivi statistici per monitorare la situazione in modo più efficace.

Il progetto è stato finanziato dall'Inail, l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, e si inserisce all'interno di un'iniziativa più ampia che mira a ridurre gli incidenti anche in ambiti come agricoltura ed edilizia.

Fonte| Inail

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.