La scienza ha individuato una proteina che potrebbe portarci a nuove cure contro il Parkinson

Si chiama alfa-sinucleina e potrebbe diventare il biomarcatore con cui diagnosticare in una fase precoce la malattia per poi trattarla con nuove strategie terapeutiche di medicina di precisione come gli anticorpi monoclonali.
Kevin Ben Alì Zinati 18 Novembre 2021
* ultima modifica il 17/12/2021

Si scrive alfa-sinucleina ma presto potresti leggerla come la nuova speranza contro il morbo di Parkinson.

Siamo ancora nella fase dei condizionali, ma il lavoro descritto sulla rivista Brain ha tracciato la strada per nuovi trattamenti di una patologia che interessa almeno 400mila italiani.

Oggi tutte queste persone possono contare soltanto su farmaci che trattano i sintomi e non i meccanismi che regolano la malattia ma i risultati ottenuti da un pool di università italiane coordinate dalla Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS sembra poter portare, in un breve futuro, allo sviluppo di un trattamento risolutivo nelle primissime fasi della malattia di Parkinson, per arrestarne il decorso.

La proteina alfa-sinucleina, infatti, potrebbe diventare il biomarcatore con cui diagnosticare in una fase precoce la malattia per trattarla con la medicina di precisione.

Oggi

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa, lenta e progressiva, che si contraddistingue per disturbi del movimento come rigidità, lentezza, tremore oltre a una sintomatologia cognitiva.

I pazienti oggi sono trattati con la levodopa. Si tratta di un farmaco che all'interno del cervello viene trasformata in dopamina, sostanza necessaria ai movimenti e di cui i pazienti malati di Parkinson sono carenti.

La levodopa migliora il quadro clinico dei pazienti e i sintomi, quindi la qualità della vita dei pazienti, ma non interviene sul decorrere della malattia.

Lo studio

I ricercatori italiani per provare a offrire un nuova strada terapeutica alternativa e più efficace ai pazienti affetti da Parkinson hanno messo sotto la lente d’ingrandimento l’alfa-sinucleina.

Si tratta di una proteina prodotta dai neuroni che ha la funzione di regolare il "traffico" dei neurotrasmettitori a livello delle sinapsi. Se si danneggia, tende a formare degli aggregati che disturbano la comunicazione tra neuroni portando alla morte, la cosiddetta neurodegenerazione tipica del Parkinson.

Per studiarne i meccanismi hanno messo a punto un modello animale molto precoce e progressivo della malattia causata dall’attività degli aggregati di alfa-sinucleina: qui hanno osservato come l’alfa-sinucleina alterata causi le prime manifestazioni della malattia.

Domani

“Non sorprende che l’alfa-sinucleina sia stata soprannominata la proteina della speranzahanno spiegato i ricercatori.

La proteina e tutto ciò che sono riusciti a scoprire sulla sua natura e sul funzionamento, infatti, potrebbero davvero aiutare a scoprire nuove strategie terapeutiche come anticorpi monoclonali capaci di contrastare la sua diffusione, la sua alterazione e quindi l’insorgenza del Parkinson.

“Queste immunoterapie – hanno concluso gli scienziati del Policnico Gemelli di Roma – avrebbero lo scopo di insegnare al sistema immunitario a riconoscere precocemente l'alfa-sinucleina anomala, per distruggerla prima che arrechi un danno cellulare”. 

Fonte | "Dopamine-dependent early synaptic and motor dysfunctions induced by α-synuclein in the nigrostriatal circuit" pubblicata il 23 luglio 2021 sulla rivista Brain 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.