Lipoma: il tumore benigno del tessuto adiposo

Il lipoma è un tumore benigno formato da tessuto adiposo che si sviluppa sotto la pelle, di solito in sedi come schiena, testa, collo o spalle, ma può insorgere anche a livello più profondo. Normalmente non è doloroso e può rimanere non trattato, a meno che non si trasformi in un tumore maligno, noto come liposarcoma. Se invece ti provoca fastidio o è sgradevole esteticamente, l’asportazione è la soluzione per eliminarlo, anche se a volte può riassorbirsi spontaneamente.
Angelica Giambelluca 27 Marzo 2020
* ultima modifica il 22/10/2020

Il lipoma è un tumore benigno formato da tessuto adiposo, che solitamente si presenta in zone circoscritte. Nella maggior parte dei casi si sviluppa sotto la pelle, ma può insorgere anche in altre zone (mammella, intestino, apparato digerente, articolazioni). Può insorgere a qualsiasi età, ma è più frequente dopo i 50 anni.

Potrai riconoscere piuttosto facilmente l'aspetto di un lipoma: noterai un rilievo a livello sottocutaneo, una sorta di nodulo di grasso ben visibile che avrà consistenza molle e pastosa al tatto, tanto che potrai spostarlo leggermente facendo pressione con le dita. Il lipoma non è doloroso e soltanto in rari casi potrà trasformarsi in un tumore maligno, ma per eliminarlo è necessaria l'asportazione, anche se occasionalmente è possibile che si verifichi un riassorbimento del tessuto adiposo.

Cos'è

Il lipoma è la forma di tumore benigno più comune tra quelle che colpiscono i tessuti molli e si forma a causa della proliferazione di cellule adipose (le cellule del tessuto grasso). A livello sottocutaneo i lipomi si vedono molto bene: sono mobili e morbidi al tatto e la loro dimensione varia da un minimo di pochi centimetri fino a raggiungere i 5 kg di peso in casi davvero eccezionali.

Normalmente questo accumulo di grasso non ti causerà alcun dolore, ma se i lipomi si formano sotto pelle livelli più profondi, anziché sotto pelle, possono causare diversi problemi. La sintomatologia varia in base all'area colpita: ci possono essere danni neurologici (lipoma meningeo), occlusione delle valvole cardiache (lipoma cardiaco) e sanguinamento del tratto digestivo (lipoma intestinale).
I lipomi possono essere circoscritti o diffusi a tutto il corpo: in quest'ultimo caso si parla di lipomatosi, cioè la tendenza a sviluppare lipomi multipli, e viene classificata in:

  • Lipomatosi multipla e asimmetrica: caratterizzata da lipomi estesi e grandi prevalentemente nella zona della nuca, inguine, cosce, deltoide, scapola e collo
  • Lipomatosi pelvica: si riscontra maggiormente negli e si diffonde nell’area del bacino
  • Lipomatosi epidurale: colpisce il tessuto epidurale (la zona del canale vertebrale che Contiene tessuto adiposo, vene e arterie di piccolo calibro) e si manifesta in soggetti obesi
  • Lipomatosi dolorosa o sindrome di "Dercum": colpisce le donne in età senile
  • Lipomatosi addominale o mediastino- addominale
  • Lipomatosi di Krabbe: si manifesta con noduli sottocutanei dolorosi che si estendono alle braccia, al tronco e alle cosce
  • Lipomatosi mesosomatica di Roch-Leri: condizione molto rara che colpisce gli avambracci, il tronco e le cosce

Maligno e benigno

I lipomi che si manifestano in forma di rilievi sottocutanei sono considerati, nella maggior parte dei casi, come dei tumori benigni. Molto raramente, il lipoma può diventare maligno: in questo caso si parla di liposarcoma, tende a crescere rapidamente, diventa fisso sui tessuti circostanti e doloroso alla pressione. Può essere molto aggressivo e invasivo.

La foto di un lipoma sul braccio.

Cause

Le cause del lipoma sono ancora sconosciute. Dal momento che questa patologie può presentarsi in membri della stessa famiglia, le cause potrebbero essere di tipo genetico.

Sintomi

Come ti ho anticipato, il lipoma si manifesta come un nodulo di grasso sottocutaneo, che solitamente non supera i 5 centimetri di diametro, sebbene in alcuni casi possa crescere e arrivare anche a 20 cm. Come puoi vedere anche dalle immagini, si tratta di un rilievo del quale potrai accorgerti facilmente, poiché è proprio come se avessi una piccola pallina sotto la pelle: se la tocchi, noterai la sua consistenza pastosa e morbida, senza avvertire però alcun dolore, a meno che il nodulo non comprima i nervi vicini.

L’immagine di un lipoma di piccole dimensioni sulla schiena.

Le parti del corpo sulle quali compare più spesso sono collo, testa, spalle, schiena, addome, braccia e cosce, ma potrebbe presentarsi anche in altre zone, come il seno, le articolazioni o l'intestino. Se però il lipoma è duro al tatto faresti bene a contattare il medico, anche solo per essere sicuro di non averlo scambiato per una cisti sebacea.

Diagnosi

In diversi casi, per diagnosticare un lipoma che si trova a livello sottocutaneo al medico potrebbe bastare un semplice esame obiettivo, durante il quale osserverà il nodulo di grasso e procederà alla palpazione.

Se il lipoma è di grandi dimensioni, però, il medico potrebbe prescriverti anche un'ecografia per capire esattamente dove si trova l'accumulo di tessuto adiposo e con quali strutture è a contatto.

Altri esami diagnostici che possono essere utili per rilevare un lipoma o per studiarne le caratteristiche in modo più approfondito sono:

  • Biopsia (rimozione di una piccola parte di tessuto del lipoma)
  • Risonanza magnetica o TAC
  • Endoscopia: i lipomi del tratto digestivo (esofago, stomaco, duodeno, intestino, colon-retto) spesso si riscontrano occasionalmente, mentre si effettuano endoscopie per altri motivi. L’ecoendoscopia  permette di identificare con precisione lo strato di origine della lesione e permette di distinguere il tessuto grasso da altri tipi di tessuto.

Cura

Il lipoma può anche non essere trattato, se però si trova in una posizione fastidiosa, provoca dolore o cresce troppo, puoi considerare l'asportazione. Si può fare con diverse procedure:

  • Rimozione chirurgica
  • Liposuzione
  • Iniezioni di steroidi (questa pratica generalmente riduce il lipoma, ma non lo elimina completamente)

Fonte| Humanitas 

(Modificato da Alessandro Bai il 22-10-20)

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.