L’obesità può ridurre la fertilità dell’80%: se cerchi di avere un bambino, controlla il tuo peso

Essere obeso, ma anche solo in sovrappeso, può pregiudicare le tue possibilità di diventare padre o madre. Per questo motivo, quando cerchi di avere un bambino, dovresti prima di tutto capire se il tuo corpo è pronto a ospitarlo. In questo caso, non pensare tanto ai chili sulla bilancia, quanto all’indice di massa corporea.
Giulia Dallagiovanna 10 ottobre 2019
* ultima modifica il 10/10/2019

Il sovrappeso, per quanto leggero tu ritenga che sia, è un problema. Se poi sei ancora in età fertile, lo è ancora di più perché riduce le possibilità di ottenere proprio quello che forse stai cercando: avere un bambino. Lo ha confermato in un'intervista all'agenzia Dire, Ludovico Muzii, professore ordinario di Ginecologia e Ostetricia dell'Università Sapienza di Roma e responsabile clinico dell'Uoc Infertilita' e Fivet del Policlinico Umberto I di Roma. Certo, dobbiamo imparare ad accettare il nostro corpo così com'è, anche con qualche rotolino di troppo, ma quando il loro numero inizia ad essere troppo alto, è davvero il caso di correre ai ripari. Sia se sei un uomo che, e forse ancora di più, se sei una donna. Oggi è la Giornata mondiale dell'obesità: proviamo quindi a capire quali ripercussioni può avere addirittura sulla fertilità.

L'eccesso di adipe favorisce la disfunzione erettile e inibisce la produzione di spermatozoi, oltre che aumentare i rischi di complicanze in gravidanza. Insomma, sovrappeso e desiderio di avere un bambino non vanno d'accordo. In termini di numeri, il professor Muzii ha ricordato che si arriva a un 30% della riduzione del tasso di fertilità, che può diventare addirittura un -80% se sei ufficialmente obeso.

Il tuo indice di massa corporea dovrebbe rimanere attorno ai 25 punti

Non devi però ragionare solo in termini di chili segnati dalla bilancia: è diverso pesare 50 chili se si è alti 160 centimetri o se si arriva al massimo a 140. La soluzione è infatti guardare all'indice di massa corporea, che spesso troverai indicata come BMI (body mass index). Significa cioè capire quanto effettivamente sei grasso, tenendo conto anche della tua altezza e del tuo sesso. Se sei una donna e stai cercando di avere un figlio, anche attraverso la procreazione medicalmente assistita, dovresti raggiungere i 25 punti. Ma per capire meglio, proviamo con un esempio pratico: se hai un'altezza media, ovvero attorno ai 160 centimetri, e pesi 65 chili risulti già in sovrappeso. Il tuo peso forma è infatti compreso tra i 47 e i 63 chili.

Una volta identificato quindi a quale fascia appartieni, bisognerà trovare una soluzione. In altre parole, bisognerà modificare lo stile di vita. Alimentazione sana e attività fisica sono infatti alla base del mantenimento del peso forma. Naturalmente, però, dietro il consiglio di professionisti e senza improvvisarti in diete fai da te.

Fonte| Agenzia Dire

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.