Ma è vero che i bambini nati con PMA hanno maggiori problemi di salute?

Sono più di 40 anni che la medicina utilizza le tecniche di fecondazione assistita per permettere alle coppie di avere bambini. Ma i piccoli nati con questo “aiuto” sono sani come quelli concepiti naturalmente o sono destinati a sviluppare problemi di salute?
Valentina Rorato 21 Ottobre 2022
* ultima modifica il 21/10/2022

Sono sempre più numerose le coppie che scelgono la procreazione medicalmente assistita (PMA) per avere un bambino. I motivi sono diversi: problemi di fertilità, magari a causa di un’età non più giovanissima, o di concepimento. È una strada complicata, decisamente in salita, ma che ha permesso a tantissime persone di realizzare il sogno della genitorialità.

Tuttavia, la PMA è costellata da una serie di luoghi comuni dannosi. In molti, per esempio, credono che questi bambini nati con tecniche di riproduzione assistita non siano sani come quelli concepiti naturalmente. Gli esperti medici di tutto il mondo cercano costantemente di porre fine a queste false credenze. Ma da che cosa nasce questa teoria?

Prima di tutto bisogna superare il preconcetto che ha origine dal modo di dire “bambini in provetta” per definire i bimbi nati a seguito di una fecondazione in vitro. Non c’è nulla di artificiale, semplicemente è una procedura medica. Detto ciò, è vero che questi bambini sono spesso prematuri e hanno un baso peso alla nascita.  “Tuttavia, col passare degli anni la differenza si attenua e alle soglie dell’adolescenza si annulla. I “figli della provetta” recuperano altezza e peso e rientrano nella media della popolazione generale”, si legge su sito della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici Chirurgici e Odontoiatri.

I difetti congeniti alla nascita e i disturbi neurologici sono più elevati dei bambini concepiti naturalmente, mentre i bambini concepiti attraverso la fecondazione in vitro o qualsiasi altra tecnica di riproduzione assistita possono sviluppare autismo o qualsiasi altra difficoltà di apprendimento.

La ricerca ha dimostrato che i fattori responsabili delle anomalie potrebbero essere la fertilità maschile o femminile e l'età dei genitori piuttosto che il processo stesso fecondazione. Oltre a questi risultati, è evidente che c'è sempre una maggiore quantità di rischio in nascite multiple (poiché gli esperti trasferiscono più di un embrione per massimizzare le possibilità di rimanere incinta) rispetto alle nascite singole.

Un recente studio, pubblicato  sull'European Journal of Population, ha inoltre sfatato un altro mito: ovvero che i bimbi nati a seguito di trattamenti per l’infertilità potrebbero avere maggiori problemi di salute mentale. La ricerca osservazionale ha esplorato il legame tra MAR – comprese tecniche come il trattamento IVF, l'inseminazione artificiale e l'induzione dell'ovulazione – e i risultati educativi e la salute mentale dei giovani.

I ricercatori hanno utilizzato i documenti amministrativi su 280.682 bambini finlandesi nati tra il 1995 e il 2000 e hanno confrontato una serie di risultati educativi e di salute mentale tra adolescenti di età compresa tra i 16 e i 18 anni che sono stati concepiti naturalmente (266.925) e attraverso MAR (13.757).

I ricercatori hanno scoperto che gli adolescenti concepiti da MAR avevano risultati migliori a scuola, avevano meno probabilità di abbandonare gli studi e avevano un rischio minore di non frequentare l'istruzione o il lavoro o di lasciare la casa prima rispetto agli adolescenti concepiti naturalmente. Queste differenze sono per lo più scomparse quando si è tenuto conto delle circostanze familiari, suggerendo che il background socioeconomico è un fattore importante per spiegare questo vantaggio.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli adolescenti concepiti tramite MAR non avevano maggiori probabilità di avere problemi di salute mentale. Tuttavia, dopo aver tenuto conto delle circostanze familiari, lo studio ha rivelato che erano a maggior rischio di sviluppare un disturbo mentale – in particolare ansia o depressione – con circa il 10% degli adolescenti concepiti MAR rispetto al 9% degli adolescenti concepiti naturalmente che ricevevano un disturbo mentale diagnosi di salute tra i 16 e i 18 anni.

I ricercatori affermano che, sebbene piccola come percentuale, questa differenza di rischio è paragonabile alla differenza tra i figli di genitori con istruzione secondaria e terziaria.  Questo aumento del rischio era presente anche quando si confrontavano gli adolescenti concepiti attraverso il MAR con i loro fratelli concepiti naturalmente.

Fonte | Dottoremaveroche; Association of children conceived via infertility treatments with school and mental health outcomes pubblicato il 28 giugno 2022 su European Journal of Population.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.