Ma quale computer: per imparare a leggere devi affidarti alla scrittura a mano

Un nuovo studio della Johns Hopkins University ha dimostrato che utilizzare carta e penna aiuta a imparare le lettere dell’alfabeto più in fretta e con un maggior grado di autonomia e competenza rispetto all’apprendimento digitale con schermo e tastiera.
Kevin Ben Alì Zinati 8 Agosto 2022
* ultima modifica il 08/08/2022

Che cosa serve per imparare a leggere? Un foglio di carta e una penna, niente computer.

Nel processo con cui il tuo cervello apprende e processa le lettere dell’alfabeto, i movimenti della tua mano sul foglio sarebbero decisamente più efficaci risputò alla digitazione su una tastiera.

Il nuovo-vecchio metodo che potresti utilizzare anche per aiutare tuo figlio ad imparare a leggere arriva da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Psychological Science.

Qui un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins University ha messo a confronto i due sistemi di insegnamento in un gruppo di 42 adulti iscritti a un corso di apprendimento della lingua araba.

Tutti gli “studenti” sono stati divisi in gruppi: chi doveva imparare le lettere dell’alfabeto arabo trascrivendole a mano con carta e penna, chi con i tasti di un computer e il gruppo di quelli che, invece, dovevano imparare a riconoscere i segni dalla loro visualizzazione su uno schermo.

L’esperimento prevedeva che prima di passare alla fase di scrittura, fosse quesa manuale o digitale, l’insegnante mostrasse ai partecipanti il nome della lettera, la sua pronuncia e come scriverla.

Dopo sei sessioni, tutti erano in grado di riconoscere le lettere e commettevano pochi errori durante la fase di trascrizione.

I risultati raccolti però avrebbero dato ragione al caro e vecchio metodo “amanuense” rispetto invece all’approccio tecnologico e digitale.

I partecipanti che penna alla mano si erano esercitati a trascrivere le lettere su fogli o quaderni avevano infatti imparato a leggere prima e molto meglio di chi si era affidato invece alla tastiera del computer.

E riuscivano anche meglio degli altri a imparare intere parole e a leggere la nuova lingua anche senza comprendere il significato del testo.

Il gruppo “manuale” avrebbe raggiunto questo grado di autonomia e competenza molto più velocemente degli altri.

Ti stai chiedendo perché la penna e la mano sarebbero più efficaci del computer?

Per gli scienziati, la risposta starebbe bel fatto che il movimento manuale sul foglio rappresenterebbe un’esperienza percettivo-motoria completa, “che unifica ciò che viene appreso sulle lettere (le loro forme, i loro suoni e i loro piani motori), che a sua volta crea una conoscenza più ricca e un apprendimento più completo e vero”.

Fonte | "The Effects of Handwriting Experience on Literacy Learning2 pubblicato il 29 giugno 2021 sulla rivista Psychological Science

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.