Macchie sulle unghie? Dovresti fare attenzione alle micosi

È comparsa sull’unghia una macchia bianca che, giorno dopo giorno, ha iniziato a estendersi, a cambiare colore e far diventare un più spessa l’unghia. Sai che cos’è? Potrebbe essere il segno della presenza di una micosi, ovvero un’infezione causata da un fungo, una muffa o un lievito. È molto importante curarla prima che si estenda a tutte le dita.
Valentina Rorato 1 ottobre 2020
* ultima modifica il 01/10/2020

La micosi delle unghie è un'infezione micotica che colpisce le unghie delle mani, ma più frequentemente quelle dei piedi. È comune tra gli atleti, tra le persone che indossano calzature strette o poco traspiranti, ma anche tra chi soffre di disturbi metabolici o immunitari. I funghi sono spesso associati a un problema igienico, in realtà non ha nulla a che vedere con la pulizia personale.

Che cos’è

La micosi delle unghie è un’infezione causata da un fungo che colpisce le unghie. Inizia di solito con una macchia bianca o gialla e man mano che il fungo cresce, le unghie tendono a scolorirsi, ispessirsi ma anche sbriciolarsi lungo i bordi. Da un’unghia può passare alle altre, fino a contagiarle tutte. Ci sono situazioni lievi, che non danno alcun sintomo, se non appunto l’evidenza estetica, che non è particolarmente gradevole, mentre i casi più gravi possono essere estremamente dolorosi. Questa condizione è nota come onicomicosi e può essere caratterizzata da funghi diversi.

I tipi di micosi delle unghie

Esistono molte specie di funghi che possono colpire le unghie e di conseguenza esistono diversi tipi di micosi.

Onicomicosi subungueale distale

La micosi più frequente è quella causata da Trichophyton rubrum (T. rubrum), che di solito tende a infettare la pelle e le estremità delle unghie, tanto che l’unghia tende a sollevarsi. L’ onicomicosi subungueale distale è frequente tra adulti e bambini e si manifesta soprattutto ai piedi, nello specifico il primo a essere colpito è l’alluce. I fattori di rischio includono età avanzata, nuoto, piede d'atleta, psoriasi, diabete, membri della famiglia con l'infezione o un sistema immunitario debole.

Onicomicosi subungueale prossimale

L’onicomicosi subungueale prossimale è simile a quella distale, ma inizia dalla cuticola, quindi dalla base dell’unghia e si diffonde verso la punta. La causa più comune è sempre il T. rubrum e le muffe non dermatofite.

Onicomicosi del lievito

L’onicomicosi del lievito è causata dalla Candida Albicans e non da un fungo. È molto frequente e colpisce chi di solito ha già un’infezione alle cuticole. La candida può causare unghie gialle, marroni, bianche o ispessite. Alcune persone che hanno questo disturbo, hanno anche lievito in bocca e/o soffrono di onicofagia.

Onicomicosi superficiale bianca

L'onicomicosi superficiale bianca è una micosi meno frequente ed è causata da un fungo, il Trichophyton mentagrophytes. È tipico degli ambienti tropicali, molto umidi. E il medico può verificare la presenza di questo disturbo semplicemente raschiando del materiare polveroso bianco sulla parte superiore della lamina ungueale.

I sintomi

I sintomi delle infezioni micotiche sono soprattutto estetici, quindi facilmente riconoscibili. Fai attenzione a:

  • Macchie
  • Scolorimento da biancastro a giallo-marrone
  • Fragililità
  • Forma distorta
  • Un colore scuro, causato dai detriti che si accumulano sotto l'unghia
  • Odore leggermente sgradevole
  • Ispessimento
  • Dolore

Le cause

Come abbiamo anticipato parlando dei tipi di micosi, la causa delle infezioni micotiche sono principalmente dei funghi, il Trichophyton rubrum e il Trichophyton mentagrophytes. Può però essere provocata anche da muffe e lieviti, come la candida.

L'infezione fungina può svilupparsi in persone di qualsiasi età, ma è più comune negli anziani. Con l'invecchiamento, l'unghia può diventare fragile e secca. Si formano delle crepe che sono come delle finestre aperte per i funghi. Altri fattori scatenanti sono una ridotta circolazione sanguigna, un sistema immunitario debole, la pratica di alcuni sport che ti inducono a camminare a piedi nudi in aree comuni umide, come piscine, palestre e bagni con doccia. Devi fare poi molta attenzione se hai delle lesioni sulla pelle o delle malattie cutanee, come la psoriasi, o se soffri di diabete.

La diagnosi

La diagnosi è di solito molto facile da elaborare. Al medico (un dermatologo o un podologo) potrebbe essere sufficiente osservare le tue unghie. In caso di dubbi, può raschiare l’unghia e far analizzare i detriti per identificare il fungo responsabile.

La cura

La cura per le micosi è molto spesso lunga e difficile. Di norma sono sufficienti dei prodotti da banco, che si possono acquistare senza ricetta. Sono degli smalti medicati specifici che vanno applicati sull’infezione per mesi. Se però non ottieni risultati o la micosi è grave, il medico potrebbe prescriverti dei farmaci antifungini da assumere per via orale. Ci sono situazioni in cui potrebbe essere consigliata la rimozione temporanea dell'unghia in modo che si possa applicare il farmaco antimicotico direttamente sull'infezione sotto l'unghia.

La prevenzione

Fare attenzione allo stile di vita è importante. E la prevenzione può veramente aiutarti a evitare le micosi, soprattutto se non hai patologie che ne possano favorire lo sviluppo. Che cosa devi fare?

  • Non camminare scalzo in ambienti pubblici (come le piscine)
  • Lavati regolarmente mani e piedi se hai toccato un’unghia infetta.
  • Taglia le unghie dritte, leviga i bordi con una lima e limita le aree ispessite.
  • Disinfetta il tuo taglia unghie dopo ogni utilizzo.
  • Indossa calzini che assorbono il sudore e cambiali con frequenza.
  • Non usare scarpe strette
  • Butta le scarpe vecchie o disinfettale periodicamente con polveri antifungine.
  • Non applicare smalto

Fonte | Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.