Mangiare meno carne: ecco la soluzione della scienza per ridurre il rischio di sviluppare un tumore

Secondo una ricerca dell’Università di Oxford, un’alimentazione che conti meno di 5 porzioni di carne alla settimana, o addirittura meno, equivarrebbe a un ridotto rischio di cancro.
Kevin Ben Alì Zinati 26 Febbraio 2022
* ultima modifica il 26/02/2022

Per salvare il Pianeta e anche per proteggere la tua salute: ecco perché dovresti ridurre drasticamente il consumo di carne.

Seguire un’alimentazione povera di carne potrebbe davvero tenerti in salvo dal tumore. Lo suggerisce una ricerca dell’Università di Oxford secondo cui mangiare meno di 5 porzioni di carne alla settimana, o addirittura meno, equivarrebbe a un ridotto rischio di cancro.

I ricercatori inglesi l’hanno osservato monitorando i consumi di carne e pesce di ben 472.377 persone tra i 40 e i 70 anni.

I partecipanti sono stati divisi in base alla loro alimentazione: 247.571 di loro (pari al 52% del totale) mangiavano carne per più di 5 volte a settimana; 205.382 (44%) assumevano carne per 5 volte a settimana o meno; 10.696 (2%) non mangiavano carne ma pesce e 8.685 (l’altro 2%) erano vegetariani o vegani.

Poi hanno confrontato questi dati con le nuove diagnosi di tumore emerse nel gruppo campione, che in un arco di tempo di 11 anni sono state 54.961, pari al 12% del totale.

I risultati descritti sulla rivista BMC Medicine hanno dimostrato quanto bene potrebbe fare un’alimentazione con poca carne.

Chi la consumava per 5 volte alla settimana o meno aveva un rischio di incorrere in un tumore del 2% più basso rispetto al gruppo di partecipanti che sforavano le 5 consumazioni settimanali. Percentuale che arrivava anche al 10% per coloro che mangiavano pesce e non carne e addirittura al 14% nei vegetariani e nei vegani.

Andando più nello specifici, gli scienziati hanno scoperto che coloro che non mangiavano carne per più di 5 volte alla settimana avevano il -9% di rischio in meno di sviluppare cancro del colon-retto rispetto a un consumo superiore alle 5 volte settimanali.

Il rischio di un tumore alla prostata era poi del 20% più basso tra gli uomini che mangiavano pesce e del 31% inferiore tra gli uomini che seguivano una dieta vegetariana.

Le donne in post-menopausa con una dieta vegetariana, infine, avevano un rischio di cancro al seno ridotto del 18% rispetto a quelle che invece si alimentavano con carne più di cinque volte a settimana.

Fonte | "Risk of cancer in regular and low meat-eaters, fish-eaters, and vegetarians: a prospective analysis of UK Biobank participants" pubblicato il 24 febbraio 2022 sulla rivista BMC Medicine

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.