Mascherine solo sui mezzi di trasporto e niente più obbligo vaccinale: le nuove regole a partire da oggi, 16 giugno 2022

Il Cdm tenutosi nella giornata di mercoledì 15 giugno ha approvato un nuovo allentamento delle misure di prevenzione. Fino al 30 settembre 2022, le mascherine resteranno necessarie solo sui treni, sugli autobus e sulle navi e non più sugli aerei. L’obbligo vaccinale invece è scaduto: la popolazione over50 dunque non dovrà più necessariamente immunizzarsi.
Kevin Ben Alì Zinati 16 Giugno 2022
* ultima modifica il 16/06/2022

Mascherine, ancora per un po’. E niente più obbligo di vaccinazione. Dopo il Consiglio dei Ministri andato in scena nel pomeriggio di ieri, il Governo ha deciso: fino al prossimo 30 settembre resterà obbligatorio indossare le mascherine FFP2 sui mezzi di trasporto pubblici e nessuno dovrà più vaccinarsi, se non il personale sanitario.

Se pensi che l’ultimo decreto aveva esteso al 15 giugno l’obbligo di coprirsi naso e bocca sui mezzi di trasporto locali e di lunga percorrenza, nei cinema, nei teatri e in tutti i luoghi chiusi dedicati allo sport e all’intrattenimento, quello appena ratificato anche dall’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza appare certamente un passo in avanti. Sempre, però, all’insegna della cautela.

La campagna di vaccinazione ha rallentato la corsa di Sars-CoV-2, che oggi non pesa più come prima sul sistema sanitario. Eppure, il virus persiste e come ci aveva spiegato anche il professor Fabrizio Pregliasco, è sulla strada per diventare un’endemia con ondate meno incisive ma comunque frequenti.

Per questo, insomma, per qualche mese vedremo ancora i volti coperti dalle mascherine sui treni, sugli autobus e sulle navi. A partire da oggi, invece, è sparito l’obbligo vaccinale che, come ti avevamo raccontato, riguardava nello specifico la popolazione over50.

Ma andiamo con ordine e vediamo insieme che cosa cambia a partire da oggi, 16 giugno 2022.

Mascherine

Secondo l’ultimo decreto appena approvato dal Governo, dovremo convivere con le mascherine ancora per qualche mese.

Fino al prossimo 30 settembre 2022 sarà obbligatorio mantenere le FFp2 sui mezzi pubblici di trasporto nelle Rsa e nelle strutture sanitarie.

Mezzi di trasporto

Se ti ricordi, dal 1 maggio 2022 era stato eliminato l’obbligo di indossarla in tutti i luoghi al chiuso pubblici o aperti al pubblico, dove invece restava “raccomandata”.

Era rimasta necessaria fino al 15 giugno sui mezzi di trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza, agli eventi e alle competizioni sportive al chiuso, durante gli spettacoli al chiuso e in tutte le strutture sanitarie, sociosanitarie e socioassistenziali così come a scuola.

Ora invece il Governo ha deciso per un ulteriore passo in avanti. Secondo quanto stabilito, le mascherine FFP2 resteranno obbligatorie fino al 30 settembre per accedere a:

  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale, Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità
  • autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti
  • autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente
  • mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale
  • mezzi di trasporto scolastico dedicato agli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado

E per gli arerei? È tempo di vacanze e di spostamenti ma da oggi per accedere alla cabina dell’aereo non sarà più necessario indossare la mascherina.

La decisione del Governo mira a non andare in conflitto con le misure adottate altri Stati, che invece le hanno già tolte da tempo.

Strutture sanitarie

La mascherina resterà necessaria anche per accedere alle Rsa o a tutte le altre strutture sanitarie. Qui la prudenza deve restare sempre alta e per questo coprirsi naso e bocca resterà il requisito minimo per poter fare visita a parenti o amici ricoverati.

Cinema e teatri

Niente più obbligo di mascherina nei cinema e nei teatri, sia al chiuso che all’aperto. Viene superato quindi il penultimo decreto che le aveva rese necessarie fino a ieri. Resteranno invece raccomandate, specialmente in caso di assembramenti.

Scuola 

La mascherina non sarà più necessaria nemmeno durante gli imminenti esami di terza media e quelli di maturità. Di fronte alle commissioni esaminatrici, dunque, i ragazzi potranno presentarsi a volto scoperto anche se resta la raccomandazione di non “dimenticare” definitivamente la mascherina a casa ma di tenerla comunque in tasca o nello zaino.

Obbligo vaccinale

Stop anche all’obbligo di vaccinazione anti-Covid. Come ricorderai, lo scorso 1 gennaio il Governo aveva varato un decreto “storico”, applicando per la prima volta l’obbligo di vaccinazione alla propria popolazione.

Era stata una delle prime mosse dell’anno messe in campo dal premier Mario Draghi per spingere ulteriormente la campagna e contenere l’ennesima avanzata di contagi e ricoveri per Covid.

L’obbligo – con le relative sanzioni – riguardava la popolazione over50 ed è rimasto in vigore fino al Cdm di ieri, al termine del quale tuttavia non è stato prorogato. La misura, di fatto, è scaduta e da oggi i cittadini con più di 50 anni, il personale scolastico, le forze dell’ordine e i militari non avranno più l’obbligo di farsi immunizzare.

L’unica eccezione riguarda il personale sanitario, che fino alla fine dell’anno dovrà invece essere necessariamente vaccinato.

Fonte | Governo; Ministero della Salute  

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.